Concorso per 66 dottori di ricerca (piemonte) UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE 'A. AVOGADRO'

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 66
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 70 del 02-09-2011
Sintesi: UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE «AMEDEO AVOGADRO» - VERCELLI CONCORSO   (scad.  3 ottobre 2011) Bando di concorso per l'ammissione al XXVII ciclo dei corsi di dottorato di ricerca - anno accademico 2011/2012. ...
Ente: UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE 'A. AVOGADRO'
Regione: PIEMONTE
Provincia: VERCELLI
Comune: VERCELLI
Data di pubblicazione 05-09-2011
Data Scadenza bando 03-10-2011
Condividi

UNIVERSITA' DEL PIEMONTE ORIENTALE «AMEDEO AVOGADRO» - VERCELLI


CONCORSO   (scad.  3 ottobre 2011)

Bando di concorso per  l'ammissione  al  XXVII  ciclo  dei  corsi  di
  dottorato di ricerca - anno accademico 2011/2012. 

 
 
                             IL RETTORE 
 
    Vista la legge 3 luglio 1998, n. 210, recante in  rubrica  «Norme
per il reclutamento dei ricercatori e dei professori universitari  di
ruolo» e successive modifiche e integrazioni; 
    Visto il decreto ministeriale 30 aprile  1999,  n.  224,  con  il
quale e'  stato  emanato  il  regolamento  nazionale  in  materia  di
dottorato di ricerca; 
    Visto  il  decreto  ministeriale  22  ottobre   2004,   n.   270,
concernente l'autonomia didattica degli Atenei; 
    Visto lo statuto di autonomia dell'Universita'; 
    Visto il  regolamento  di  Ateneo  in  materia  di  dottorato  di
ricerca; 
    Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l'art.
19; 
    Viste le proposte formulate dai dipartimenti interessati ai  fini
dell'istituzione dei corsi di  dottorato  di  ricerca  per  il  XXVII
ciclo, anno accademico 2011/2012; 
    Vista la deliberazione n. 5/2011/7.6 dell'11 luglio 2011  con  la
quale il senato accademico, approvando la  relazione  del  nucleo  di
valutazione, ha disposto l'istituzione del XXVII ciclo dei  corsi  di
dottorato di ricerca con sede amministrativa presso  l'Ateneo  ed  ha
approvato le proposte  di  istituzione  dei  corsi  di  dottorato  di
ricerca in consorzio con sede amministrativa presso altri Atenei; 
    Vista  la  deliberazione  del  Consiglio  di  amministrazione  n.
7/2011/9.3 del 22 luglio 2011,  relativa  all'attivazione  del  XXVII
ciclo dei corsi di dottorato di ricerca mediante  assegnazione  delle
borse di studio poste a carico del bilancio di Ateneo; 
    Accertato che sono state impegnate sul bilancio di Ateneo  e  sui
bilanci  dei  Centri  di  gestione  autonoma  interessati,  le  somme
necessarie per procedere al finanziamento delle borse di  studio  per
l'accesso ai corsi di dottorato di ricerca  istituiti  per  il  XXVII
ciclo; 
    Vista la deliberazione n.  5/2011/8.2  del  24  giugno  2011  del
Consiglio   di   amministrazione   relativa    alla    determinazione
dell'importo di contribuzione studentesca da  porre  a  carico  degli
iscritti ai corsi di  dottorato  di  ricerca  per  l'anno  accademico
2011/2012; 
    Visto  il  decreto  rettorale  n.  319  del  29  luglio  2011  di
istituzione del XXVII ciclo dei corsi di dottorato di ricerca -  anno
accademico 2011/2012; 
 
                              Decreta: 
 
    E' emanato il seguente bando  di  concorso  per  l'ammissione  al
XXVII ciclo dei corsi di  dottorato  di  ricerca  -  anno  accademico
2011/2012. 
 
                               Art. 1 
 
 
                       Indizione del concorso 
 
 
    E' indetto   il   concorso   pubblico,   per   esami,   ai   fini
dell'ammissione, per l'anno accademico 2011/2012  (XXVII  ciclo),  ai
seguenti corsi di dottorato di ricerca di cui si indicano  afferenza,
durata, posti e borse di studio messi a concorso. 
    Il numero delle borse di studio indicate  nel  presente  articolo
potra' essere aumentato a seguito di finanziamenti che si  rendessero
disponibili dopo l'emanazione del bando. 
 
    Autonomie locali, servizi pubblici e diritti di cittadinanza 
 
    Afferenza: dipartimento di scienze giuridiche ed economiche. 
    Sedi consorziate:  Universita'  Cattolica  del  «Sacro  Cuore»  -
Milano. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 4 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di  studio   finanziata   dall'Ateneo   con   fondi
ministeriali e con fondi del dipartimento di  scienze  giuridiche  ed
economiche: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 2. 
 
              Biotecnologie farmaceutiche e alimentari 
 
    Afferenza:  dipartimento   di   scienze   chimiche,   alimentari,
farmaceutiche e farmacologiche. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 13 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»   ex   decreto
ministeriale n. 198/2003, nell'ambito di indagine «Valorizzazione dei
prodotti tipici dell'agroalimentare e sicurezza alimentare attraverso
nuovi sistemi di caratterizzazione e garanzia di qualita'»: n. 1; 
      con  borse  di  studio   finanziate   dall'Ateneo   con   fondi
ministeriali e  con  fondi  del  dipartimento  di  scienze  chimiche,
alimentari, farmaceutiche e farmacologiche: n. 2; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata da enti  esterni:  n.
1; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata dal  dipartimento  di
scienze chimiche,  alimentari,  farmaceutiche  e  farmacologiche  con
fondi provenienti dalla societa' Bracco Imaging S.p.A.: n. 1; 
      con borse di studio aggiuntive finanziate dal  dipartimento  di
scienze chimiche,  alimentari,  farmaceutiche  e  farmacologiche  con
fondi provenienti dalla Novartis Vaccines and Diagnostics S.r.l.:  n.
2; 
      senza borsa di studio: n. 5. 
 
                      Biotecnologie per l'uomo 
 
    Afferenza: dipartimento di  scienze  mediche  e  dipartimento  di
medicina clinica e sperimentale. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 8 di cui: 
      Biotecnologie per l'Uomo - profilo A 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»  (ex   decreto
ministeriale n. 198/2003) nell'ambito di indagine prioritario «Salute
dell'uomo»: n. 1; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata da enti  esterni:  n.
1; 
      con borsa aggiuntiva finanziata dalla Fondazione CRT - Progetto
Lagrange per un'attivita' di ricerca relativa al  seguente  progetto:
«Exploring  the  human  autoimmunome  to  develop   diagnostics   and
therapeutics for autoimmune diseases»: n. 1; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata dal  dipartimento  di
medicina clinica e sperimentale: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 2. 
      Biotecnologie per l'Uomo - profilo B - progetto: «Cross -  talk
between    autophagy    and    apoptosis:    interacting     domains,
compartmentalization and role of beclin 1 and  its  partners  in  the
autophagy interactome» 
      con borsa aggiuntiva finanziata dalla Fondazione CRT - Progetto
Lagrange: n. 1. 
    L'assegnazione di  tale  borsa  di  studio  e'  subordinata  alla
presenza, nella graduatoria dei vincitori, di un candidato che  abbia
esplicitamente  richiesto,  nella  domanda   di   partecipazione   al
concorso, di voler concorrere per lo specifico progetto di ricerca. 
 
                 Filosofia e storia della filosofia 
 
    Afferenza: dipartimento di studi umanistici. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 4 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di  studio   finanziata   dall'Ateneo   con   fondi
ministeriali e con fondi del dipartimento di studi umanistici: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 2. 
 
                   Medicina clinica e sperimentale 
 
    Afferenza: dipartimento di medicina clinica e sperimentale. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 6 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»   ex   decreto
ministeriale n. 198/2003, nell'ambito di indagine prioritario  «Nuove
applicazioni dell'industria biomedicale»: n. 1; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata da enti  esterni:  n.
1; 
      senza borsa di studio: n. 3. 
 
                         Medicina molecolare 
 
    Afferenza: dipartimento di scienze mediche. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 10 di cui: 
    Medicina molecolare - profilo A 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 2; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»  (ex   decreto
ministeriale n. 198/2003) nell'ambito di indagine prioritario «Salute
dell'uomo»: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 5. 
    Medicina molecolare - profilo B - «borsa riservata a candidati di
cittadinanza non italiana» 
      con borsa  di  studio  aggiuntiva,  riservata  a  candidati  di
cittadinanza non italiana, finanziata da enti  esterni  (cofinanziata
dal dipartimento di scienze mediche): n. 1. 
    L'assegnazione di  tale  borsa  di  studio  e'  subordinata  alla
presenza,  nella  graduatoria  dei  vincitori,  di  un  candidato  di
cittadinanza non italiana che abbia esplicitamente  richiesto,  nella
domanda di partecipazione al concorso, di  voler  concorrere  per  il
suddetto profilo. 
    Medicina  molecolare  -  profilo  C  -   progetto   di   ricerca:
«Valutazione  del  ruolo   della   Sialidasi   NEU3   nei   carcinomi
colo-rettali» 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata dal  dipartimento  di
scienze mediche con  fondi  provenienti  dall'Istituto  Cantonale  di
Patologia di Locarno (Svizzera): n. 1. 
    L'assegnazione di  tale  borsa  di  studio  e'  subordinata  alla
presenza, nella graduatoria dei vincitori, di un candidato che  abbia
esplicitamente  richiesto,  nella  domanda   di   partecipazione   al
concorso, di voler concorrere per lo specifico progetto di ricerca. 
 
                  Scienza delle sostanze bioattive 
 
    Afferenza:  dipartimento   di   scienze   chimiche,   alimentari,
farmaceutiche e farmacologiche. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 4 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»  (ex   decreto
ministeriale  n.  198/2003)  nell'ambito  di   indagine   prioritario
«Rilancio dell'industria farmaceutica  anche  attraverso  la  chimica
fine dei composti naturali  per  nuove  applicazioni  diagnostiche  e
nuovi principi attivi»: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 2. 
 
         Scienze ambientali (acque interne e agroecosistemi) 
 
    Afferenza: dipartimento di scienze dell'ambiente e della vita. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 6 di cui: 
    Scienze ambientali - profilo A 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata dall'Ateneo con fondi
del dipartimento di scienze dell'ambiente e della vita: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 3. 
    Scienze ambientali - profilo B -: «borsa riservata a candidati di
cittadinanza non italiana» 
      con  borsa  di  studio  aggiuntiva,  riservata   candidati   di
cittadinanza non italiana, finanziata da enti  esterni  (cofinanziata
dal dipartimento di scienze dell'ambiente e della vita): n. 1. 
    L'assegnazione di  tale  borsa  di  studio  e'  subordinata  alla
presenza,  nella  graduatoria  dei  vincitori,  di  un  candidato  di
cittadinanza non italiana che abbia esplicitamente  richiesto,  nella
domanda di partecipazione al concorso, di  voler  concorrere  per  il
suddetto profilo. 
 
                          Scienze chimiche 
 
    Afferenza: dipartimento di scienze dell'ambiente e della  vita  e
dipartimento di scienze e tecnologie avanzate. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 7 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali  «Fondo  per  il  sostegno  dei  giovani»   ex   decreto
ministeriale  n.  198/2003,  negli  ambiti  di  indagine:  «Materiali
avanzati (in particolare ceramici) per  applicazioni  strutturali»  e
«Risparmio energetico e microgenerazione distribuita»: n. 2; 
      con borsa di studio aggiuntiva finanziata da enti  esterni:  n.
1; 
      senza borsa di studio: n. 3. 
 
                          Scienze storiche 
 
    Afferenza: dipartimento di studi  umanistici  e  dipartimento  di
politiche pubbliche e scelte collettive. 
    Durata: 3 anni. 
    Posti complessivi: n. 4 di cui: 
      con  borsa  di   studio   finanziata   dall'Ateneo   su   fondi
ministeriali: n. 1; 
      con  borsa  di  studio   finanziata   dall'Ateneo   con   fondi
ministeriali  e  con  fondi  provenienti  dal  contributo   regionale
relativo al  bando  «SUS  CRESO»  per  lo  svolgimento  del  seguente
progetto di ricerca: «Religious roders and civil society in Piedmont,
1560-1860»: n. 1; 
      senza borsa di studio: n. 2. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono presentare domanda di partecipazione al  concorso,  senza
limitazioni di eta' e cittadinanza, coloro che sono  in  possesso  di
diploma di laurea specialistica/magistrale o  di  diploma  di  laurea
conseguito secondo l'ordinamento anteriore all'entrata in vigore  del
decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 ovvero di analogo titolo
accademico anche conseguito all'estero, preventivamente  riconosciuto
dalle   Autorita'   accademiche   anche   nell'ambito   di    accordi
interuniversitari di cooperazione e mobilita'. 
    E' consentita la presentazione della  domanda  di  ammissione  al
concorso anche a coloro che conseguiranno il diploma di laurea  entro
la data prevista per l'espletamento della prova scritta (o dell'unica
prova)  di  cui  al  successivo  art.  8.  Tali  candidati   dovranno
consegnare, a pena di  esclusione  dal  concorso,  autocertificazione
relativa al conseguimento del diploma di laurea al  presidente  della
commissione giudicatrice. 
    I  candidati  in  possesso  di  titolo   di   studio   conseguito
all'estero, che non  sia  gia'  stato  dichiarato  equipollente  alla
laurea italiana, dovranno - unicamente ai fini  della  ammissione  al
dottorato al quale intendono concorrere - allegare  alla  domanda  di
partecipazione al concorso tutti i documenti necessari  a  consentire
al Collegio dei docenti di  adottare  la  dichiarazione  relativa  al
riconoscimento di idoneita' del titolo  ai  fini  dell'ammissione  ai
corsi. (Allegato 4). 
    La predetta documentazione dovra' essere tradotta  e  legalizzata
dalle competenti  Rappresentanze  diplomatiche  italiane  secondo  le
norme vigenti in materia. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                  Studenti ammessi in soprannumero 
 
 
    Sono ammessi in soprannumero a  ciascun  corso  di  dottorato  di
ricerca, previo superamento del concorso di ammissione, i titolari di
assegno di ricerca dell'Ateneo nei settori disciplinari  affini  alle
attivita'  di  ricerca  connesse   al   dottorato.   La   titolarita'
dell'assegno di ricerca  potra'  essere  dichiarata  dall'interessato
all'atto della presentazione della domanda di ammissione al  concorso
o fino al momento dell'iscrizione, nell'ipotesi  di  superamento  del
concorso. Gli assegnisti di  ricerca  sono  ammessi  ai  corsi  senza
assegnazione di borsa di studio. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                       Domanda di ammissione  
 
 
    Le domande di partecipazione  al  concorso,  compilate  in  carta
libera,  utilizzando  il  modello  di  cui  all'allegato   1   oppure
all'allegato 2 oppure all'allegato 3 del presente bando,  indirizzate
al  Magnifico  Rettore  dell'Universita'  degli  studi  del  Piemonte
Orientale «Amedeo Avogadro», via Duomo, 6 -  13100  Vercelli,  devono
essere consegnate presso l'Ufficio ricerca  scientifica  e  relazioni
internazionali oppure spedite a  mezzo  raccomandata  con  avviso  di
ricevimento entro il termine perentorio di trenta giorni  dalla  data
di pubblicazione  del  presente  bando  di  concorso  nella  Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana. 
    Per il rispetto del termine  predetto  fara'  fede  la  data  del
timbro dell'ufficio postale accettante la raccomandata. 
    In calce alla domanda il candidato deve apporre la propria  firma
per esteso, consapevole delle conseguenze derivanti da  dichiarazioni
mendaci ai sensi della normativa vigente. 
    Alla domanda deve essere allegata la fotocopia di un documento di
riconoscimento. 
    Alla domanda di  partecipazione  al  concorso  per  il  corso  di
dottorato  in  Autonomie  locali,  servizi  pubblici  e  diritti   di
cittadinanza, il candidato dovra' allegare altresi'  un  progetto  di
ricerca relativo a tematiche concernenti gli argomenti del  dottorato
(max 5.000 caratteri spazi inclusi) come specificato nell'art. 8. 
    I  candidati,  nella  domanda  di  partecipazione   al   concorso
dovranno, sotto propria responsabilita', indicare: 
      cognome e nome,  data  e  il  luogo  di  nascita,  residenza  e
recapito eletto agli effetti del concorso (specificando il codice  di
avviamento postale e il numero telefonico); 
      esatta denominazione del dottorato per il quale  e'  presentata
la domanda; 
      cittadinanza; 
      lingua/e straniera/e conosciuta/e ai fini della prova orale. 
    I candidati dovranno, inoltre, dichiarare: 
      il titolo di studio posseduto, o che verra' conseguito, nonche'
la data di conseguimento e l'Universita' presso cui e' stato o verra'
conseguito,   con   l'indicazione   degli   estremi    dell'eventuale
provvedimento di dichiarazione di equipollenza; 
      l'eventuale titolarita' di assegno di un ricerca; 
      l'eventuale  sussistenza  di  un  rapporto   di   lavoro   alle
dipendenze di una pubblica amministrazione. 
    I candidati dovranno rilasciare una dichiarazione  di  impegno  a
frequentare a tempo pieno il corso di dottorato di  ricerca,  secondo
le modalita' che saranno  fissate  dal  Collegio  dei  docenti,  e  a
comunicare tempestivamente ogni eventuale cambiamento  della  propria
residenza o del recapito. 
    L'Amministrazione non assume alcuna responsabilita' per  il  caso
di dispersione di comunicazioni, dipendente da  inesatte  indicazioni
della residenza e del recapito da parte del candidato  o  da  mancata
oppure tardiva comunicazione del cambiamento degli  stessi,  ne'  per
eventuali   disguidi   postali   o   telegrafici    non    imputabili
all'Amministrazione stessa. 
    Le domande incomplete delle dichiarazioni sopra indicate, qualora
non consentano di verificare il possesso dei requisiti di  ammissione
di cui all'art. 2, verranno escluse dal concorso. 
    Saranno escluse altresi' dal concorso le domande dei candidati: 
      a) prive di sottoscrizione autografa del candidato; 
      b) pervenute oltre il termine di scadenza del bando  (fa  fede,
comunque, la data  del  timbro  dell'ufficio  postale  accettante  la
raccomandata); 
      c) che non riportino la denominazione del corso di dottorato al
quale il candidato intenda partecipare; 
      d)  pervenute  con  modalita'  di  trasmissione  diverse  dalla
consegna  personale  oppure  dalla   raccomandata   con   avviso   di
ricevimento. 
    Non e' possibile presentare piu' di una domanda di partecipazione
per lo stesso corso di dottorato. 
    E' possibile invece presentare piu' domande distinte per  diversi
corsi di dottorato. 

        
      
                             Art. 4-bis 
 
Domanda di ammissione per concorrere all'assegnazione delle borse  di
  studio aggiuntive su specifici progetti di ricerca oppure riservate
  a candidati con cittadinanza non italiana.  
 
    Le domande di partecipazione al concorso per le borse  di  studio
aggiuntive relative ai seguenti specifici progetti di ricerca: 
      biotecnologie per l'uomo - profilo B, (progetto: «Cross -  talk
between    autophagy    and    apoptosis:    interacting     domains,
compartmentalization and role of beclin 1 and  its  partners  in  the
autophagy interactome») e medicina molecolare - profilo  C  (progetto
di ricerca: «Valutazione del ruolo della Sialidasi NEU3 nei carcinomi
colo-rettali») ai sensi dell'art.  1  del  presente  bando,  dovranno
essere presentate utilizzando il modello  di  cui  all'allegato  2  e
dovranno indicare lo specifico progetto di ricerca per  il  quale  il
candidato intende concorrere. 
    Le domande di partecipazione al concorso per le borse  di  studio
riservate  a  candidati  di  cittadinanza  non   italiana:   medicina
molecolare  -  profilo  B  e  scienze  ambientali  (acque  interne  e
agorecosistemi - profilo B, ai sensi dell'art. 1 del presente  bando,
dovranno essere presentate utilizzando il modello di cui all'allegato
3. 
    Si rinvia al precedente art. 4 per le modalita'  di  compilazione
della domanda.  

        
      
                               Art. 5 
 
 
      Studenti stranieri non legalmente soggiornanti in Italia 
 
 
    I cittadini non comunitari non legalmente soggiornanti in  Italia
dovranno trasmettere la domanda di ammissione al  concorso  corredata
dai documenti di cui all'art. 4 per il tramite  delle  Rappresentanze
diplomatiche italiane presso il loro Paese di residenza. 
    La relativa  documentazione,  perfezionata  dalla  Rappresentanza
diplomatica, dovra' pervenire  entro  lo  stesso  termine  perentorio
coincidente con l'ultimo giorno  utile  per  la  presentazione  della
domanda di ammissione. 
    I cittadini stranieri in caso di impossibilita' a  far  pervenire
la  documentazione  originale,  perfezionata   dalle   Rappresentanze
diplomatiche, entro la data di scadenza,  potranno  entro  lo  stesso
termine  consegnare  copia  della  documentazione  non   perfezionata
unitamente  alla  dichiarazione  della   Rappresentanza   diplomatica
dell'avvenuta richiesta da parte dell'interessato di  perfezionamento
dei documenti. I predetti  candidati,  il  cui  titolo  sia  ritenuto
equipollente dal Collegio dei docenti,  saranno  ammessi  alla  prova
scritta  «con  riserva».  Lo   scioglimento   della   riserva   sara'
subordinato alla consegna della documentazione originale agli  Uffici
entro il termine perentorio stabilito dal successivo art. 11  per  il
perfezionamento dell'iscrizione, a pena di esclusione. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                         Esame di ammissione 
 
 
    L'esame di ammissione ai corsi in, biotecnologie farmaceutiche  e
alimentari,  biotecnologie  per   l'uomo   -   medicina   clinica   e
sperimentale, medicina molecolare, scienza delle sostanze  bioattive,
scienze ambientali, scienze  chimiche,  consiste  in  un'unica  prova
orale intesa ad accertare l'attitudine  del  candidato  alla  ricerca
scientifica nel campo di indagine oggetto dello  specifico  corso  di
dottorato di ricerca. 
    Il candidato dovra' inoltre dimostrare  la  buona  conoscenza  di
almeno una lingua straniera tra  quelle  indicate  nella  domanda  di
ammissione al concorso. 
    Per il corso di dottorato di ricerca in biotecnologie per  l'uomo
e' richiesta la conoscenza  della  lingua  inglese  e  si  rinvia  al
successivo art. 8 per le modalita' di svolgimento della prova orale. 
    L'esame di ammissione  ai  corsi  in  Autonomie  locali,  servizi
pubblici  e  diritti  di  cittadinanza,  filosofia  e  storia   della
filosofia e in scienze storiche, consiste in due prove, una scritta e
una orale,  intese  ad  accertare  l'attitudine  del  candidato  alla
ricerca scientifica nel campo di  indagine  oggetto  dello  specifico
corso di dottorato di ricerca. Il candidato dovra' inoltre dimostrare
la buona  conoscenza  di  almeno  una  lingua  straniera  tra  quelle
indicate nella domanda di ammissione al concorso. 
    Per il dottorato in Autonomie locali, servizi pubblici e  diritti
di cittadinanza si rinvia al successivo art. 8. 
    Non sara' ammesso alla prova orale il  candidato  che  non  abbia
superato la prova scritta. 
    Le prove selettive possono ritenersi superate quando il candidato
ottenga una votazione di almeno 40/60. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                      Commissione giudicatrice 
 
 
    La commissione giudicatrice per gli esami di ammissione ai  corsi
di dottorato di ricerca, e' nominata con decreto  del  rettore  nella
composizione di cui all'art. 6, comma 4, del regolamento di Ateneo in
materia di dottorato di ricerca. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                            Prove d'esame 
 
 
    La prove per l'ammissione ai corsi di dottorato di ricerca di cui
all'art. 1 si svolgeranno secondo il seguente calendario: 
      Autonomie locali, servizi pubblici e diritti di cittadinanza: 
        prova scritta: 19 ottobre 2011 alle ore 10.00 presso i locali
del dipartimento di scienze giuridiche ed economiche, via Mondovi', 6
- 15121 Alessandria. 
    La  prova  scritta  vertera'  sui  temi  generali   del   diritto
costituzionale e del diritto amministrativo; 
      prova orale: 20 ottobre 2011 alle ore 8.30 presso i locali  del
dipartimento di scienze giuridiche ed economiche, via Mondovi',  6  -
15121 Alessandria. 
    Modalita' di svolgimento della prova orale: 
      la prova orale  vertera'  sull'argomento  oggetto  della  prova
scritta e sul progetto di ricerca relativo  a  tematiche  concernenti
gli argomenti del dottorato che  il  candidato  avra'  presentato  in
allegato alla domanda (max 5.000 caratteri, spazi inclusi). 
      Biotecnologie farmaceutiche e alimentari: 
        unica prova orale: 26 ottobre 2011 alle ore  9.30  presso  il
dipartimento  di  scienze  chimiche,  alimentari,   farmaceutiche   e
farmacologiche, via Bovio, 6 - 28100 Novara. 
      Biotecnologie per l'uomo - (profilo A e profilo B): 
        unica prova orale: 26 ottobre 2011 alle ore  10.00  presso  i
locali del dipartimento di scienze mediche, via Solaroli, 17 -  28100
Novara. 
    La prova potra' essere sostenuta in italiano o  inglese  e  sara'
finalizzata ad accertare le conoscenze dei  meccanismi  molecolari  e
genetici alla base del comportamento  cellulare  e  l'attitudine  del
candidato  alla  ricerca  scientifica  sulla   base   della   propria
esperienza pregressa. 
    Il candidato che sosterra' la prova in italiano  dovra'  comunque
dimostrare la buona conoscenza della lingua inglese. 
      Filosofia e storia della filosofia: 
        prova scritta: 25 ottobre 2011 alle ore 10.00 presso i locali
della facolta' di lettere e filosofia, via Galileo Ferraris, 116  (S.
Andrea) - 13100 Vercelli; 
        prova orale: sara' comunicata in sede d'esame. 
      Medicina clinica e sperimentale: 
        unica prova orale: 27 ottobre 2011 alle ore 14.00  presso  il
dipartimento di medicina clinica e sperimentale, via Solaroli,  17  -
28100 Novara. 
      Medicina molecolare - (profilo A, profilo B e profilo C): 
        unica prova orale: 28 ottobre 2011 alle ore  9.30  presso  il
dipartimento di scienze mediche, via Solaroli, 17 - 28100 Novara. 
    La prova e' finalizzata ad accertare l'esperienza e le conoscenze
tecnico-scientifiche del candidato. 
      Scienza delle sostanze bioattive: 
        unica prova orale: 25 ottobre 2011 alle ore 14.00  presso  la
facolta' di farmacia - aula riunioni, (2° piano), largo Donegani, 2 -
28100 Novara. 
      Scienze ambientali (acque interne e agroecosistemi): 
        unica prova orale: 20 ottobre 2011 alle ore  10.00  presso  i
locali della facolta' di scienze matematiche, fisiche e naturali, via
T. Michel, 11 - 15121 Alessandria. 
      Scienze chimiche: 
        unica prova orale: 25 ottobre  2011  alle  ore  10.00  presso
l'aula 244 - II piano - facolta' di scienze  matematiche,  fisiche  e
naturali, via T. Michel, 11 - 15121 Alessandria. 
      Scienze storiche: 
        prova scritta: 27 ottobre 2011 alle ore 10.00 presso i locali
del  dipartimento  di  studi  umanistici,  via  Manzoni,  8  -  13100
Vercelli; 
        prova orale: sara' comunicata in sede d'esame. 
    Se le date indicate per le  prove  concorsuali  dovessero  subire
variazioni, ne verra' data comunicazione almeno 15 giorni prima della
data della prova scritta (se prevista) e 20 giorni prima  della  data
prevista  per  la  prova  orale  (o   dell'unica   prova),   mediante
pubblicazione sul sito  internet  dell'Ateneo  (unipmn.it)  percorso:
laureati/Dottorati di Ricerca/Bando di Concorso 
    Nel caso siano previste due prove (scritto e orale), l'elenco dei
candidati ammessi  alla  prova  orale,  con  l'indicazione  del  voto
riportato nella prova scritta, sara' reso pubblico dalla  commissione
stessa mediante affissione all'albo del dipartimento di afferenza del
corso di dottorato di ricerca. 
    Per sostenere le prove  i  candidati  dovranno  esibire  uno  dei
seguenti  documenti  di  riconoscimento   in   corso   di   validita'
(passaporto,   carta   d'identita',   patente   di   guida,   tessera
identificativa rilasciata da una pubblica amministrazione). 

        
      
                               Art. 9 
 
 
             Graduatoria di merito e ammissione al corso 
 
 
    A conclusione della prova orale (ovvero a conclusione  dell'unica
prova orale),  la  commissione  giudicatrice  redige  la  graduatoria
generale di merito sulla base  della  somma  dei  voti  riportati  da
ciascun candidato nelle singole prove d'esame (ovvero sulla base  dei
voti riportati nell'unica prova). 
    Le graduatorie, approvate con  decreto  rettorale,  saranno  rese
pubbliche mediante affissione presso l'Ufficio ricerca scientifica  e
relazioni internazionali, via Duomo, 6 - 13100 Vercelli e  presso  il
dipartimento di afferenza del corso di dottorato di ricerca. 
    I vincitori del concorso, sotto condizione della  verifica  della
veridicita' di quanto  dichiarato  nella  domanda  di  ammissione  al
concorso,  saranno  ammessi  a  perfezionare  l'iscrizione  al  corso
secondo l'ordine della graduatoria fino alla concorrenza  del  numero
dei posti messi a concorso per il dottorato di ricerca. 
    In  caso  di  rinuncia  o  esclusione   degli   aventi   diritto,
subentreranno altrettanti idonei secondo l'ordine della  graduatoria.
In caso di utile collocamento in piu' graduatorie di  piu'  corsi  di
dottorato di ricerca, dovra' essere esercitata opzione per  uno  solo
di essi. 
    A parita' di merito, per l'assegnazione di un posto  senza  borsa
di studio, prevale il candidato piu' giovane di eta'. 
    I titolari di assegno di  ricerca  dell'Ateneo  sono  ammessi  ai
corsi di dottorato di ricerca in soprannumero. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                   Contribuzione per l'iscrizione 
                  ai corsi di dottorato di ricerca 
 
 
    Gli ammessi ai corsi di dottorato di  ricerca,  titolari  o  meno
della borsa di studio, sono tenuti  al  pagamento  del  contributo  a
favore dell'EDISU (Ente Regionale per  il  Diritto  allo  Studio)  da
versare all'atto dell'iscrizione, pari a € 125,00. 
    Gli studenti iscritti ai corsi di dottorato di ricerca,  che  non
siano titolari di borsa di studio  finanziata  dall'Ateneo  su  fondi
ministeriali, sono tenuti al versamento del contributo per  l'accesso
e la frequenza del corso di studi. 
    L'importo  del  contributo   suddetto,   da   versarsi   all'atto
dell'iscrizione, e' pari a € 190,00. 
    In caso di versamento effettuato oltre  il  termine  previsto  e'
stabilita un'indennita' di mora di € 150,00. 
    Sono comunque esonerati dal pagamento  della  tassa  regionale  e
dalle tasse e contributi universitari: 
      gli studenti  risultati  idonei  alla  borsa  di  studio  nelle
graduatorie dell'EDISU; 
      gli studenti che dichiarino e comprovino di essere portatori di
handicap con grado di invalidita' pari o superiore al 66%. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
              Presentazione della domanda di iscrizione 
 
 
    I vincitori  del  concorso,  avvisati  con  telegramma,  dovranno
perfezionare l'iscrizione entro otto giorni dalla comunicazione. 
    E' comunque  possibile  iscriversi  prima  della  ricezione   del
telegramma una volta approvata la graduatoria di merito del  concorso
con decreto del rettore (a tal fine i vincitori  potranno  contattare
l'Ufficio ricerca scientifica e relazioni internazionali al tel. 0161
261522). 
    Per  iscriversi,   i   vincitori   dovranno   presentarsi   (dopo
l'approvazione della graduatoria di  merito  oppure  entro  8  giorni
dalla ricezione  del  telegramma)  all'Universita'  degli  studi  del
Piemonte Orientale «Amedeo Avogadro» - Ufficio ricerca scientifica  e
relazioni internazionali, via Duomo, 6 - Vercelli e consegnare: 
      1) la domanda  di  iscrizione  al  primo  anno  del  corso  del
dottorato di ricerca  (sulla  base  dell'apposito  modulo  reperibile
all'Ufficio suddetto all'atto dell'iscrizione); 
      2) n. 1 marca da bollo da € 14,62; 
      3)  ricevuta  del  versamento  dell'importo  corrispondente  al
contributo a favore dell'EDISU e al contributo di iscrizione, pari  a
€ 315,00 (ovvero solo € 125,00 di contributo Edisu). 
      (Il  bollettino  postale  necessario  per  i  versamenti  sara'
reperibile all'Ufficio suddetto all'atto dell'iscrizione); 
      4) fotocopia del documento di identita'; 
      5) fotocopia del codice fiscale; 
      6) due fotografie, formato tessera, uguali fra loro  e  firmate
sul retro. 
    Nel modulo di cui al punto 1, i vincitori del  concorso  dovranno
dichiarare: 
      1) di non essere contemporaneamente iscritto ad altro corso  di
studio universitario; 
      2) di non avere mai usufruito di una borsa di studio per  altro
corso di dottorato di ricerca; 
      3) di essere a conoscenza delle vigenti disposizioni  normative
in tema  di  congedo  straordinario  per  motivi  di  studio  (per  i
dipendenti pubblici). 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                           Borse di studio 
 
 
    Nel limite del numero di posti coperti da  borsa  di  studio,  e'
conferita, ai sensi della normativa vigente e secondo l'ordine  della
graduatoria, una borsa  di  studio  per  la  frequenza  al  corso  di
dottorato di ricerca. A parita' di merito, ai fini  dell'attribuzione
della borsa  di  studio,  prevale  la  valutazione  sulla  situazione
economica ai sensi del  decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei
Ministri del 9 aprile 2001. 
    L'assegnazione ai vincitori delle borse di studio  aggiuntive  e'
subordinata all'effettiva stipulazione della relativa convenzione con
l'ente finanziatore ovvero alla conclusione dell'iter  procedimentale
di erogazione del finanziamento entro  la  data  di  conclusione  del
procedimento concorsuale. 
    L'importo annuale della borsa  di  studio  e'  pari,  per  l'anno
accademico  2011/2012,   a   € 13.638,47   soggetto   al   contributo
previdenziale I.N.P.S. a  gestione  separata.  Detto  importo  potra'
variare, per gli anni di corso successivi, in funzione  di  eventuali
sopraggiunti mutamenti del regime fiscale e previdenziale. 
    Detto importo potra' variare, per gli anni di  corso  successivi,
in funzione di eventuali sopraggiunti mutamenti del regime fiscale  e
previdenziale. 
    La  durata  dell'erogazione  della  borsa  di  studio   e'   pari
all'intera  durata  del  corso,  ferma  restando  la  permanenza  dei
requisiti per il godimento  della  stessa.  La  corresponsione  della
borsa di studio avviene con cadenza mensile ed e' posticipata  di  un
mese rispetto allo svolgimento dell'attivita' di  ricerca.  L'importo
della borsa di studio e' aumentato per l'eventuale periodo di ricerca
all'estero in misura non inferiore al 50% della borsa stessa. 
    E' prevista  la  sospensione   dalla   frequenza   al   corso   e
dall'erogazione della borsa di studio, nei  casi  di  maternita',  di
servizio militare e civile e nel caso di grave e documentata malattia
superiore a trenta giorni. In questi casi la borsa di studio relativa
al periodo corrispondente alla sospensione potra' essere  corrisposta
a condizione che il beneficiario  recuperi,  secondo  i  tempi  e  le
modalita' stabilite dal Collegio dei docenti, l'attivita' non  svolta
nel periodo predetto. 
    Le borse di studio non sono cumulabili con altre borse di  studio
a  qualsiasi  titolo  conferite,  tranne  con  quelle  esplicitamente
concesse  da  istituzioni  nazionali  o   internazionali   utili   ad
integrare, con soggiorni all'estero, l'attivita' di formazione  o  di
ricerca dei borsisti. A chi abbia usufruito di una  borsa  di  studio
per un corso di dottorato di ricerca, anche solo  per  un  anno,  non
puo' essere concesso di fruirne una seconda volta. 

        
      
                               Art. 13 
 
 
             Accesso alle prestazioni sociali agevolate 
 
 
    Gli iscritti ai corsi di dottorato  di  ricerca  in  qualita'  di
studenti universitari hanno accesso a tutte  le  prestazioni  sociali
agevolate previste dal  decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei
Ministri 9 aprile 2001e dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109
e  successive  modificazioni  ed  integrazioni,   erogate   dall'Ente
Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
              Diritti e doveri dei dottorandi. Rinvio. 
 
 
    Per la disciplina dei diritti  e  doveri  dei  dottorandi,  delle
modalita' di partecipazione alle attivita' formative di studio  e  di
ricerca, delle situazioni di incompatibilita', del conseguimento  del
titolo finale, nonche' per  quanto  non  espressamente  previsto  dal
presente bando di  concorso  si  fa  rinvio  alla  vigente  normativa
nazionale in materia e a quanto disposto dal regolamento di Ateneo in
materia di dottorato di ricerca. 
    Per ogni informazione e' possibile contattare  l'Ufficio  ricerca
scientifica e relazioni internazionali al tel. 0161/261522. 
    Il presente bando di concorso  e'  consultabile  anche  sul  sito
internet    dell'Ateneo    (unipmn.it)    seguendo    il    percorso:
Laureati/Dottorati di Ricerca/Bando di Concorso 
 
                                                        p. Il rettore 
                                               Il prorettore: Emanuel