Concorso per 1 categoria d area amministrativa-gestionale (lombardia) UNIVERSITA' DI BRESCIA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich´┐Ż ´┐Ż scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 2 del 10-01-2017
Sintesi: UNIVERSITA' DI BRESCIA Concorso (Scad. 9 febbraio 2017) Selezione pubblica, per esami, ad un posto di categoria D, posizione economica D1, area amministrativa-gestionale presso il servizio Risorse ...
Ente: UNIVERSITA' DI BRESCIA
Regione: LOMBARDIA
Provincia: BRESCIA
Comune: BRESCIA
Data di pubblicazione 10-01-2017
Data Scadenza bando 09-02-2017
Condividi

UNIVERSITA' DI BRESCIA

Concorso (Scad. 9 febbraio 2017)

Selezione pubblica, per esami, ad un posto di categoria D, posizione economica D1, area amministrativa-gestionale presso il servizio Risorse umane.

 
 
                        IL DIRETTORE GENERALE 
 
    Visto il decreto del Presidente della  Repubblica  del  9  maggio
1994, n. 487 e successive modificazioni ed integrazioni; 
    Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del  7
febbraio 1994, n. 174 recante norme sull'accesso dei cittadini  degli
Stati membri  dell'Unione  europea  ai  posti  di  lavoro  presso  le
amministrazioni pubbliche; 
    Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68; 
    Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127; 
    Visto il vigente contratto  collettivo  nazionale di  lavoro  del
personale del comparto Universita'; 
    Visto  il  decreto  legislativo  del  30  marzo  2001  n.  165  e
successive modifiche; 
    Visto il decreto legislativo del 30 giugno 2003, n. 196; 
    Vista la legge 6 agosto 2008, n. 133; 
    Vista la legge 12 novembre 2011 n. 183 ed in  particolare  l'art.
15 in materia di decertificazione e semplificazione nei rapporti  fra
pubblica amministrazione e privati; 
    Vista la legge 23 dicembre 2014 n. 190 ed in particolare l'art. 1
comma 425 che vincola alla ricollocazione del  personale  di  cui  al
comma 422 la sola źdisponibilita' delle risorse  destinate,  per  gli
anni 2015 e 2016, alle assunzioni di personale a tempo  indeterminato
secondo la normativa vigente╗; 
    Viste le delibere del Consiglio di amministrazione  n.  6  dell'8
febbraio 2016 e n. 46 del 24 maggio 2016 e il  decreto  rettorale  n.
516 del 19 settembre 2016, ratificato con delibera del  Consiglio  di
amministrazione n. 161 del 31 ottobre 2016, con le quali si autorizza
l'utilizzo complessivo di 2,30 punti organico; 
    Visto il codice  etico  approvato  dal  Senato  accademico  nella
seduta del 17 maggio 2011 ed in particolare l'art. 8; 
    Visto il decreto legislativo del 15 marzo 2010, n. 66, in materia
di źCodice dell'ordinamento militare╗ ed in particolare gli  articoli
678 comma 9 e 1014 commi 3 e 4 che prevedono una riserva obbligatoria
del 30% dei posti messi a concorso a favore dei  militari  di  truppa
delle forze armate, congedati senza demerito  dalle  ferme  contratte
anche  al  termine  o  durante  le  rafferme  e  degli  ufficiali  di
complemento in ferma biennale e degli ufficiali in  ferma  prefissata
che hanno completato senza demerito la ferma contratta; 
    Tenuto conto che questa amministrazione ha cumulato  frazioni  di
posti da riservare alle categorie di volontari delle forze armate  di
cui agli articoli 1014 e 678 del decreto  legislativo  del  15  marzo
2010 sopra richiamato; 
    Verificato  che  sono  state  esperite  con  esito  negativo   le
procedure di mobilita' di cui all'art. 34-bis del decreto legislativo
n. 165/2001 e di  mobilita'  ai  sensi  dell'art.  57  del  Contratto
collettivo nazionale di lavoro comparto Universita' 1998/2001; 
    Accertata l'inesistenza di graduatorie utili; 
 
                              Dispone: 
 
    1. L'Universita' degli studi  di  Brescia  indice  una  procedura
selettiva di personale, per esami, per la stipula di un contratto  di
lavoro a tempo indeterminato nella categoria D,  posizione  economica
D1, area amministrativa-gestionale. 
    Il  posto  messo  a  bando  e'  prioritariamente  riservato  alle
categorie di volontari delle forze armate in ferma breve o  in  ferma
prefissata di cui agli articoli 1014 e 678  del  decreto  legislativo
del 15 marzo 2010, n. 66. Nel caso in  cui  il  posto  riservato  non
venga coperto da avente  titolo,  si  procedera'  all'assunzione,  ai
sensi e nei limiti della normativa vigente,  secondo  l'ordine  della
graduatoria generale di merito. I candidati che  intendano  avvalersi
dei benefici previsti dal decreto legislativo n. 66/2010 debbono fame
esplicita menzione nella domanda di partecipazione 
    La procedura e'  finalizzata  alla  selezione  di  personale  per
l'esecuzione di attivita' amministrativa caratterizzata da: 
      grado di autonomia: svolgimento di funzioni implicanti  diverse
soluzioni non prestabilite; 
      grado di responsabilita': relativo alla correttezza tecnico e/o
gestionale delle soluzioni adottate. 
    Rientrano nelle funzioni le attivita' sottoelencate: 
      gestione procedure - applicazione deliberazioni dei  competenti
organi di ateneo in  merito  alla  copertura  di  posti  di  ruolo  e
successivi  adempimenti  per  emanazione  bandi:   trasferimento   di
Ricercatori a tempo indeterminato ex  lege  210/1998  e  chiamate  di
Professori di I e II fascia, comprensive dei  trasferimenti  e  delle
chiamate dirette di studiosi  di  chiara  fama  (bando,  approvazione
atti, supporto commissioni giudicatrici); 
      procedure ad esaurimento; 
      supporto  commissioni   per   ASN   (Abilitazione   Scientifica
Nazionale); 
      gestione carriere professori e ricercatori; 
      gestione  congedi  aspettative  rilascio  autorizzazioni   allo
svolgimento di incarichi al di fuori dei compiti istituzionali  (art.
53 del decreto legislativo n. 165/2001); 
      gestione copertura insegnamenti; 
      consulenza e supporto amministrativo  al  personale  docente  e
ricercatore sulle problematiche connesse alla propria carriera; 
      gestione convenzioni per finanziamenti esterni per la copertura
di posti di prima e seconda fascia; 
      alimentazione,  aggiornamento  e  gestione  delle  banche  dati
MIUR/CINECA e CSA per gli aspetti di competenza; 
      redazione del conto annuale per quanto di competenza; 
      gestione convenzioni con Enti esterni per il finanziamento o il
cofinanziamento di posti di professore o ricercatore; 
      gestione procedure per il conferimento di onorificenze; 
      gestione  delle  procedure  di  reclutamento  e  selezione  del
personale CEL (esperti linguistici), gestione del personale CEL; 
      adempimenti  connessi  all'instaurazione   e   cessazione   dei
rapporti di lavoro (INAIL e Centri per l'impiego); 
      redazione locale del portale  di  Ateneo  -  contenuti  web  di
competenza; 
    2. La graduatoria di merito, formulata a seguito  della  predetta
selezione, sara' ritenuta altresi'  utile  per  attingere  unita'  di
personale da assumere a tempo indeterminato  e  determinato  per  far
fronte alle esigenze gestionali  di  tipo  organizzativo,  tecnico  o
sostitutivo  che   potrebbero   presentarsi   presso   le   strutture
dell'Ateneo. Essa sara' valida per 36 mesi dalla data di emissione  e
verra' utilizzata anche per  ulteriori  rapporti  di  lavoro  per  le
esigenze che si dovessero presentare. 
    Si precisa  che  la  rinuncia  al  rapporto  di  lavoro  a  tempo
indeterminato comporta la decadenza dalla  graduatoria  a  tutti  gli
effetti mentre la rinuncia al rapporto di lavoro a tempo determinato,
sia a tempo pieno che  parziale,  non  comporta  la  decadenza  dalla
graduatoria. 
    3. L'amministrazione garantisce parita' e pari  opportunita'  tra
uomini e donne per l'accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro. 
    4. I candidati dovranno essere in possesso, alla data di scadenza
del termine utile per la presentazione delle  domande  di  ammissione
alla selezione, dei seguenti requisiti: 
      1) Possesso della cittadinanza italiana o di  uno  degli  Stati
membri dell'Unione europea; 
      2) Eta' non inferiore agli anni 18; 
      3) Possesso di  uno  dei  seguenti  titoli  di  studio:  Laurea
magistrale della classe LMG/01 ed equiparate o equipollenti; 
      4) Possesso di almeno un anno di esperienza lavorativa di  tipo
amministrativo in ambito universitario; 
      5) Conoscenza della lingua inglese; 
      6)  Godimento  dei  diritti  politici.  I  candidati  cittadini
dell'Unione europea devono godere dei diritti civili e politici anche
negli Stati di appartenenza o provenienza; 
      7) Aver ottemperato alle leggi sul reclutamento militare. 
    5. Nella domanda di ammissione, da redigersi per via  telematica,
i candidati dovranno dichiarare, ai sensi e  per  gli  effetti  degli
articoli 46 e 47 del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  n.
445/2000,  a  pena  di   esclusione,   nella   consapevolezza   delle
responsabilita'  penali  cui  puo'  andare  incontro   in   caso   di
dichiarazioni mendaci: 
      A. Cognome e nome e codice fiscale; 
      B. Data e luogo di nascita; 
      C. Il proprio domicilio o recapito al  quale  si  desidera  che
vengano trasmesse le eventuali comunicazioni. 
      D. Il possesso del titolo di studio previsto con  l'indicazione
dell'anno  in  cui  e'  stato  conseguito.  I  candidati  che   hanno
conseguito il titolo di studio all'estero dovranno allegare il titolo
di studio tradotto  e  autenticato  dalla  competente  rappresentanza
diplomatica o consolare italiana, indicando  l'avvenuta  equipollenza
del proprio titolo di studio con quello italiano; 
      E. L'esperienza lavorativa di tipo amministrativo di almeno  un
anno in ambito universitario; 
      F. Il possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati
membri dell'Unione europea (sono equiparati ai cittadini dello  Stato
italiano gli italiani non appartenenti alla Repubblica); 
      G. Il comune dove e' iscritto nelle  liste  elettorali  per  il
possesso dei requisiti del godimento dei diritti politici,  ovvero  i
motivi  della  non  iscrizione  e  della  cancellazione  dalle  liste
medesime; 
      H. Le  eventuali  condanne  penali  riportate  che  secondo  la
normativa vigente possano  impedire  l'instaurarsi  del  rapporto  di
impiego; 
      I. La propria posizione nei riguardi degli obblighi militari; 
      J.   Gli   eventuali   servizi   prestati   presso    pubbliche
amministrazioni e le cause di risoluzione di precedenti  rapporti  di
impiego; 
      K. Di non essere stato  destituito  o  dispensato  dall'impiego
presso una pubblica  amministrazione  per  persistente  insufficiente
rendimento ovvero di non essere stato dichiarato  decaduto  da  altro
impiego statale ai seni dell'art. 127, lettera d) del testo unico  10
gennaio  1957,  n.  3  per  aver  conseguito  l'impiego  mediante  la
produzione di documenti falsi o viziati da invalidita' insanabile; 
      L. Di non avere un grado di parentela o affinita'  fino  al  IV
grado compreso con il Rettore, il direttore generale o un  componente
del Consiglio di  amministrazione  dell'ateneo,  in  ottemperanza  ai
principi del codice etico dell'Universita'  degli  Studi  di  Brescia
approvato dal Senato accademico nella seduta del 17 maggio 2011; 
      M. L'eventuale appartenenza alle categorie di  volontari  delle
forze armate in  ferma  breve  o  ferma  prefissata  ai  sensi  degli
articoli 1014 e 678 del decreto legislativo del 15 marzo 2010, n.  66
ed i titoli di preferenza a parita' di merito; 
    Il  candidato  dovra'  altresi'  allegare  un  breve   curriculum
formativo e professionale, sottoscritto, in formato europeo. 
    6.  I  candidati  sono   ammessi   al   concorso   con   riserva.
L'Amministrazione   puo'   disporre   in   qualunque   momento,   con
disposizione  motivata  del  Direttore  Generale,  l'esclusione   dal
concorso per difetto dei requisiti prescritti. 
    Secondo  le  vigenti  disposizioni,  il  Candidato  portatore  di
handicap  dovra'  specificare  l'eventuale  ausilio   necessario   in
relazione al proprio  handicap,  nonche'  l'eventuale  necessita'  di
tempi  aggiuntivi  per  l'espletamento   delle   prove   d'esame   da
documentarsi entrambi a mezzo di idoneo certificato rilasciato  dalla
struttura sanitaria pubblica  competente  per  territorio,  ai  sensi
degli articoli 4 e 20 della legge 104/92 e dell'art. 16  della  legge
68/99. 
    La domanda di partecipazione alla selezione pubblica deve  essere
presentata, a pena di esclusione,  per  via  telematica,  utilizzando
l'applicazione informatica dedicata, alla pagina  concorsi  del  sito
dell'Universita':        https://pica.cineca.it/unibs/pta-d-2017-002.
L'applicazione informatica richiedera' necessariamente il possesso di
un  indirizzo  di  posta  elettronica  per  poter  effettuare  l'auto
registrazione al sistema. Il candidato dovra' inserire tutti  i  dati
richiesti per la produzione della domanda, che dovra' essere  firmata
a  pena  di  esclusione,  ed  allegare,  in  formato  elettronico,  i
documenti di cui al presente bando. 
    Non sono  ammesse  altre  forme  di  invio  delle  domande  o  di
documentazione utile per la partecipazione alla procedura. 
    Entro la scadenza  di  presentazione  della  domanda  il  sistema
consente il salvataggio in modalita' bozza. La data di  presentazione
telematica  della  domanda  di  partecipazione  alla   selezione   e'
certificata dal sistema  informatico  mediante  ricevuta  che  verra'
automaticamente inviata via email. Allo scadere del termine utile per
la presentazione, il sistema non permettera' piu' l'accesso e l'invio
del modulo elettronico. 
    Per informazioni rivolgersi all'U.O.C. personale TA, assegnisti e
collaboratori dell'Universita' degli Studi di Brescia, piazza Mercato
15, Brescia, telefono: 0302988293-294. 
    7. Gli esami consisteranno in due prove scritte, di cui una anche
a contenuto tecnico-pratico, che verteranno sui seguenti argomenti: 
        legislazione universitaria; 
        regio decreto n. 1592/1933; 
        legge 311/1958; 
        decreto del Presidente della Repubblica n. 382/1980; 
        legge n. 158/1987; 
        legge n. 240/2010; 
        elementi di diritto amministrativo. 
    Una prova orale  inerente  gli  argomenti  delle  prove  scritte.
Nell'ambito del colloquio verra' valutata anche la  conoscenza  della
lingua inglese e dell'uso delle apparecchiature e delle  applicazioni
informatiche piu' diffuse. 
    Entro  il  14  febbraio  2016  verra'  pubblicato  sul  sito  web
dell'Ateneo il calendario delle prove. 
    Saranno  ammessi  alla  prova  orale  i  candidati  che   abbiano
riportato la votazione di almeno 21/30 in ciascuna prova scritta. 
    La prova orale non si intendera' superata  se  il  candidato  non
avra' riportato la votazione di almeno 21/30. 
    Ai candidati che conseguono l'ammissione alla prova  orale  viene
data comunicazione, mediante posta elettronica, con  indicazione  del
voto riportato nelle prove scritte. 
    Il punteggio finale e dato dalla media dei voti conseguiti  nelle
prove scritte da sommare al voto conseguito nella prova orale. 
    La prova orale si svolgera' in un locale aperto al pubblico. 
    Per essere ammessi a sostenere dette prove, i candidati  dovranno
essere muniti, con esclusione di altri, di uno dei seguenti documenti
di riconoscimento: 
      a) carta d'identita'; 
      b) patente automobilistica; 
      c) passaporto; 
      d) tessera di riconoscimento rilasciata  dalle  amministrazioni
dello Stato; 
    8. La commissione giudicatrice del concorso  sara'  nominata  dal
direttore generale  secondo  le  modalita'  di  cui  al  decreto  del
Presidente della Repubblica del 9 maggio 1994, n.  487  e  successive
modificazioni. 
    Ai fini del decreto legislativo del 30 giugno  2003  n.  196,  si
informa che  l'Universita'  si  impegna  a  rispettare  il  carattere
riservato delle informazioni fornite  dai  candidati:  tutti  i  dati
saranno trattati solo per le  finalita'  connesse  e  strumentali  al
concorso ed alla  eventuale  stipula  e  gestione  del  contratto  di
lavoro, nel rispetto delle disposizioni vigenti. 
    9. Le categorie di cittadini  che  nei  concorsi  pubblici  hanno
preferenza a parita' di merito sono: 
      1) gli insigniti di medaglia al valor militare. 
      2) i mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti. 
      3) i mutilati ed invalidi per fatto di guerra. 
      4) i mutilati ed invalidi per servizio nel settore  pubblico  e
privato. 
      5) gli orfani di guerra. 
      6) gli orfani dei caduti per fatto di guerra. 
      7) gli orfani dei caduti per servizio nel  settore  pubblico  e
privato. 
      8) i feriti in combattimento. 
      9) gli insigniti di croce di guerra  o  di  altra  attestazione
speciale di merito di guerra, nonche' i capi di famiglia numerosa. 
      10) i  figli  dei  mutilati  e  degli  invalidi  di  guerra  ex
combattenti. 
      11) i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra. 
      12) i figli dei mutilati e  degli  invalidi  per  servizio  nel
settore pubblico e privato. 
      13) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati  e
le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti in guerra. 
      14) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati  e
le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di
guerra. 
      15) i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati  e
le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio
nel settore pubblico e privato. 
      16)  coloro  che  abbiano  prestato  servizio   militare   come
combattenti. 
      17) coloro che abbiano prestato lodevole servizio  a  qualunque
titolo, per non meno di un anno nell'amministrazione che  ha  indetto
il concorso. 
      18) i coniugati e i non coniugati con riguardo  al  numero  dei
figli a carico 
      19) gli invalidi ed i mutilati civili. 
      20) militari  volontari  delle  forze  armate  congedati  senza
demerito al termine della ferma o rafferma. 
    A parita' di merito e di titoli la preferenza e' determinata: 
      a) dal numero dei figli a carico, indipendentemente  dal  fatto
che il candidato sia coniugato o meno. 
      b) dall'aver prestato lodevole servizio  nelle  amministrazioni
pubbliche. 
      c) dalla minore eta'. 
    I titoli di preferenza  devono  essere  posseduti  alla  data  di
scadenza del termine stabilito nel bando per la  presentazione  delle
domande. 
    L'omissione  nella  domanda  delle  dichiarazioni   relative   al
possesso   dei   suindicati   titoli    di    preferenza,    comporta
l'inapplicabilita' dei benefici conseguenti al  possesso  del  titolo
medesimo. I titoli di preferenza di cui  sopra  sono  certificati  da
dichiarazione sostitutiva ai sensi della legge n. 183/2011. 
    10. La graduatoria di merito dei candidati sara' formata  secondo
l'ordine dei punti della votazione complessiva riportata  da  ciascun
candidato, con l'osservanza della riserva di  cui  all'art.  l  e,  a
parita' di punti, delle preferenze previste dall'art. 9 del  presente
bando. 
    La graduatoria  di  merito  e'  approvata  con  disposizione  del
direttore generale sotto condizione dell'accertamento  dei  requisiti
per  l'ammissione  all'impiego  e  sara'  pubblicata  sul  sito   web
dell'Universita' degli Studi di Brescia - www.unibs.it 
    Dalla data di pubblicazione di detto avviso decorrera' il termine
per eventuali impugnative. 
    La costituzione del rapporto di lavoro a tempo  indeterminato  e'
sottoposta alla verifica della  copertura  finanziaria  nel  bilancio
dell'Ateneo. 
    Il presente bando sara' pubblicato anche sul sito web  di  questo
ateneo al seguente indirizzo: http://www.unibs.it 
    Ai sensi della legge 7 agosto 1990, n. 241, il  responsabile  del
procedimento concorsuale, di  cui  al  presente  bando  e'  il  dott.
Gilberto Fattore - UOC personale TA,  assegnisti  e  collaboratori  -
Piazza Mercato 15, Brescia - Tel. 0302988310 - Fax 0302988315; 
    E-mail: gilberto.fattore@unibs.it 
      Brescia, 22 dicembre 2016 
 
                                        Il direttore generale: Periti