Concorso per 1 ricercatore universitario (emilia romagna) UNIVERSITA' DI FERRARA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Mobilita'
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 2 del 07-01-2011
Sintesi: UNIVERSITA' DI FERRARA CONCORSO   (scad.  22 gennaio 2011) Vacanza di posti di ricercatore universitario da coprire mediante trasferimento, presso la facolta' di scienze matematiche, fisiche e naturali - settore ...
Ente: UNIVERSITA' DI FERRARA
Regione: EMILIA ROMAGNA
Provincia: FERRARA
Comune: FERRARA
Data di pubblicazione 10-01-2011
Data Scadenza bando 22-01-2011
Condividi

UNIVERSITA' DI FERRARA

CONCORSO   (scad.  22 gennaio 2011)
Vacanza di posti di ricercatore  universitario  da  coprire  mediante
  trasferimento, presso la facolta' di scienze matematiche, fisiche e
  naturali - settore scientifico-disciplinare FIS/05 -  Astronomia  e
  astrofisica. 

 
    Ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo  6.4.2006,  n.
164 e  del  regolamento  dell'Universita'  degli  Studi  di  Ferrara,
relativo alla  disciplina  delle  procedure  di  trasferimento  e  di
mobilita' interna, si comunica che presso questo Ateneo e' vacante un
posto    di    ricercatore    universitario,    per    il     settore
scientifico-disciplinare  sottospecificato,  alla  cui  copertura  la
Facolta' interessata intende provvedere mediante trasferimento: 
      FACOLTA' DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI 
      Settore  scientifico-disciplinare   FIS/05   -   Astronomia   e
astrofisica 
      Settori affini: nessuno 
    La tipologia di impegno richiesto e' la seguente: 
      Il candidato deve possedere specifiche competenze  scientifiche
nello studio della cosmologia fisica, nei suoi  aspetti  sia  teorici
che fenomenologici. 
    La effettiva presa di servizio e' condizionata all'emanazione del
Decreto  Ministeriale  MIUR  (FFO  2010)  contenente  interventi  per
favorire la mobilita'  del  personale  docente  e  ricercatore,  alla
effettiva assegnazione dei fondi necessari e al possesso da parte del
candidato selezionato dei requisiti  previsti  dallo  stesso  Decreto
Ministeriale per l'ammissione al cofinanziamento ministeriale. 
    Possono partecipare alla presente procedura  di  trasferimento  i
ricercatori in servizio presso universita' statali o istituti  liberi
riconosciuti dallo Stato, i quali abbiano  prestato  servizio  presso
altra sede universitaria per almeno tre anni accademici, anche se  in
posizione di aspettativa ai  sensi  dell'articolo  13,  primo  comma,
numeri da 1) a 9), del Decreto del  Presidente  della  Repubblica  11
luglio 1980, n. 382 e che possiedano i requisiti  di  cui  sopra.  La
domanda  di  trasferimento  ad  altra  sede  puo'  essere  presentata
dall'interessato  anche  nel  corso  del  terzo  anno  accademico  di
permanenza nella sede universitaria di appartenenza. 
    L'interessato  al  trasferimento  deve  appartenere  allo  stesso
settore scientifico-disciplinare per il quale il  posto  e'  messo  a
trasferimento o ai settori affini previsti  nel  presente  bando;  in
quest'ultimo  caso  l'aspirante  al  trasferimento  deve  essere   in
possesso di adeguata qualificazione scientifica nel  settore  oggetto
del trasferimento. 
    Le domande di trasferimento,  redatte  in  carta  libera,  devono
essere presentate al Preside della Facolta' direttamente, a mezzo fax
o a  mezzo  posta  entro  quindici  giorni  a  decorrere  dal  giorno
successivo a  quello  di  pubblicazione  del  presente  avviso  sulla
Gazzetta Ufficiale. 
    Alla domanda vanno allegati: 
      a) curriculum dell'attivita' scientifica e professionale; 
      b) un elenco dei titoli, posseduti alla data della domanda, che
l'interessato ritiene utile far valere ai fini del trasferimento; 
      c) le pubblicazioni e i lavori che  il  candidato  intende  far
valere per la valutazione comparativa; 
      d) certificazione attestante i dati  stipendiali  in  godimento
all'atto della domanda,  ai  soli  fini  del  corretto  inquadramento
stipendiale.