.

Concorso per 1 personale laureato (toscana) AGENZIA REGIONALE DI SANITA' DELLA TOSCANA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Borsa di studio
Posti 1
Fonte: DIR N. 65 del 04-10-2017
Sintesi: AGENZIA REGIONALE DI SANITA' DELLA TOSCANA Concorso (Scad. 12 ottobre 2017) Selezione pubblica per titoli ed esame per l’assegnazione di n. 1 borsa di studio nell’ambito dell’Indagine di biomonitoraggio e Valutazioni ...
Ente: AGENZIA REGIONALE DI SANITA' DELLA TOSCANA
Regione: TOSCANA
Provincia: FIRENZE
Comune: FIRENZE
Data di pubblicazione 04-10-2017
Data Scadenza bando 12-10-2017
Condividi

AGENZIA REGIONALE DI SANITA' DELLA TOSCANA

Concorso (Scad. 12 ottobre 2017)

Selezione pubblica per titoli ed esame per l’assegnazione di n. 1 borsa di studio nell’ambito dell’Indagine di biomonitoraggio e Valutazioni Epidemiologiche a Tutela della salute nei Territori dell'Amiata (InVETTA) di cui al progetto “Geotermia e salute – Fase IV”, da svolgersi nel Comune di Santa Fiora e negli altri comuni geotermici dell’area amiatina.


Art. 1. Oggetto della selezione
L’Agenzia Regionale di Sanità (ARS) bandisce, in esecuzione del decreto direttore n. 68 del 20/09/2017, una selezione pubblica per titoli ed esame per il conferimento di n. 1 borsa di studio per un periodo di 12 mesi riservata a laureati in possesso del diploma di laurea di cui al successivo articolo 4, da svolgersi nel Comune di Santa Fiora e negli altri comuni geotermici dell’area amiatina nell’ambito del supporto a Regione Toscana in tema di Geotermia e salute.
Art. 2. Finalità della borsa di studio
La borsa di studio ha come finalità lo svolgimento di attività di supporto nell’ambito dell’Indagine di biomonitoraggio e Valutazioni Epidemiologiche a Tutela della salute nei Territori dell'Amiata (InVETTA) di cui al progetto “Geotermia e salute – Fase IV”, da svolgersi nel Comune di Santa Fiora e negli altri comuni geotermici dell’area amiatina, che prevede la misurazione dei principali parametri sanitari e valutazione della funzionalità respiratoria effettuata all’interno della popolazione di residenti nel Comune di Santa Fiora e negli altri comuni geotermici dell’area amiatina.
Gli indirizzi per l’attività di cui sopra saranno definiti attraverso un programma da concordare con la Responsabile P.O. Ambiente e salute di ARS, Dott.ssa Daniela Nuvolone, che assume la funzione di responsabile scientifico (tutor) della borsa di studio. I risultati parziali e finali dell’attività saranno predisposti con le modalità di cui all’art. 15.
Art. 3. Durata, orario e sede della borsa di studio
La durata della borsa di studio è di mesi 12 (dodici) eventualmente rinnovabile fino ad un massimo di ulteriori 12 (dodici) mesi in relazione allo svolgimento e alla prosecuzione delle attività dell’Agenzia sui temi oggetto della borsa di studio e in considerazione della positiva valutazione dell’attività del borsista da parte del tutor e della disponibilità delle risorse economiche. L’attività del borsista è da intendersi a tempo pieno. L’attività di studio e ricerca, avente carattere formativo e sperimentale, verrà svolta nell’ufficio di ARS predisposto all’interno della sede del Comune di Santa Fiora e le eventuali altre sedi degli uffici di ARS individuate negli altri comuni geotermici dell’area amiatina.
Art. 4. Requisiti di partecipazione
Per la partecipazione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:
a. cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica), ovvero la cittadinanza di Stato membro dell'Unione Europea, oppure cittadinanza extra-comunitaria, purché con un’adeguata conoscenza della lingua italiana, da accertare durante lo svolgimento delle prove concorsuali, e di essere regolarmente soggiornante nel territorio italiano (solo per i cittadini extra-comunitari);
b. età non inferiore a quella prevista per l’iscrizione alle liste elettorali;
c. godimento dei diritti civili e politici; per i cittadini non italiani, tale dichiarazione è sostituita dalla dichiarazione corrispondente in relazione all'ordinamento dello Stato di appartenenza;
d. non aver riportato condanne penali ovvero di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali in corso;
e. non essere stato/a destituito/a o dispensato/a in precedenti impieghi presso pubbliche amministrazione né di essere stato dichiarato/a decaduto/a da pubblici benefici;
f. essere in possesso di diploma di laurea afferente ad una delle seguenti classi di laurea nelle scienze delle professioni sanitarie (LM/SNT01, LM/SNT02, LM/SNT03, LM/SNT04 e L/SNT01, L/SNT02, L/SNT03, L/SNT04), conseguito in data non anteriore ad un quinquennio dalla data di indizione della selezione;
g. (solo per i cittadini extra-comunitari), essere in possesso di permesso di soggiorno in corso di validità rilasciato per motivi di studio o negli altri casi consentiti ai sensi del D.Lgs. 25.7.1998, n. 286 e relativo regolamento di attuazione di cui al D.P.R. 31.8.1999, n. 394.
I cittadini dell'Unione Europea in possesso di titoli di studio esteri devono produrre, al momento dell'eventuale conferimento della borsa di studio, dichiarazione di equivalenza del titolo di studio nei termini stabiliti dalla legislazione vigente. La richiesta di equivalenza deve essere rivolta al Dipartimento della Funzione Pubblica e al Ministero della Pubblica Istruzione, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici (informazioni sono disponibili all’indirizzo www.funzionepubblica.gov.it).
I cittadini extra-comunitari in possesso di titolo di studio non italiano devono produrre il medesimo in copia autentica, tradotta in lingua italiana e legalizzata con allegata dichiarazione di valore, al momento dell'eventuale conferimento della borsa di studio.
I requisiti di cui al presente articolo devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione alla selezione.
L’accertamento della mancanza dei suddetti requisiti di ammissione alla selezione comporta, in qualunque momento, l’esclusione dalla selezione o la revoca della borsa di studio eventualmente conferita.
Art. 5. Ammontare della borsa di studio
Il compenso lordo ammonterà ad € 19.000,00. Gli stessi importi, calcolati su base mensile, saranno corrisposti in caso di rinnovo della durata.
Il pagamento della borsa sarà effettuato con accredito diretto all’avente diritto in rate mensili sulla base di sintetici rapporti sull’attività svolta, vistati dal responsabile scientifico (tutor). Il pagamento dell’ultima rata avverrà a conclusione dell’attività e dietro consegna di una relazione particolareggiata sull’attività di studio e ricerca svolta vistata dal tutor di cui al successivo articolo. Il reddito percepito verrà trattato fiscalmente come reddito assimilato a lavoro dipendente ai sensi dell’articolo 50 del decreto del presidente della repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 e ss.mm.
Art. 6. Responsabile scientifico (tutor)
Il tutor è identificato nella Dott.ssa Daniela Nuvolone, Responsabile P.O. Ambiente e salute dell’Osservatorio di Epidemiologia dell’ARS.
Art. 7. Attività prevista per la borsa di studio
La borsa di studio, nell’ambito dell’Indagine di biomonitoraggio e Valutazioni Epidemiologiche a Tutela della salute nei Territori dell'Amiata (InVETTA) di cui al progetto “Geotermia e salute – Fase IV”, da svolgersi nel Comune di Santa Fiora e negli altri comuni geotermici dell’area amiatina, prevede i seguenti compiti:
1. somministrazione face-to-face di questionari su stato di salute, stili di vita e altri fattori di rischio previsti nell’ambito dell’indagine “InVETTA - Indagine di biomonitoraggio e Valutazioni Epidemiologiche a Tutela della salute nei Territori dell'Amiata";
2. gestione e analisi delle informazioni raccolte nel corso della suddetta indagine;
3. supporto alla diffusione delle informazioni e alla sensibilizzazione della popolazione.
Art. 8. Domanda di partecipazione
La domanda di ammissione alla selezione, redatta in carta semplice utilizzando esclusivamente il fac-simile di cui all’allegato B, deve essere spedita a mezzo raccomandata A/R entro il 15° giorno successivo alla data di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana ed indirizzata all’Agenzia Regionale di Sanità (ARS) Via Pietro Dazzi 1 (Villa La Quiete alle Montalve) – 50141 Firenze. La domanda può essere altresì trasmessa, mediante propria casella di posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo PEC dell’Agenzia: ars@postacert.toscana.it. La domanda può infine essere presentata direttamente a mano, presso l’Ufficio protocollo dell’ARS, all’indirizzo sopra indicato, in orario 9.30 – 13.00 di ogni giorno lavorativo, dal lunedì al venerdì.
Sull’esterno della busta dovrà essere riportata la seguente dicitura: “Borsa di studio 2/2017”.
Ai fini del rispetto del termine perentorio per la partecipazione alla selezione:
- si considerano prodotte in tempo utile le domande spedite mediante raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine perentorio di cui sopra (a tal fine farà fede la data del timbro dell’Ufficio Postale di partenza) purchè pervenute all'ARS entro i 3 (tre) giorni lavorativi successivi alla data di scadenza del presente bando;
- il rispetto del termine per le domande consegnate a mano è comprovato dalla ricevuta rilasciata dall’Ufficio protocollo dell’ARS;
- per gli invii a mezzo posta elettronica certificata, la data di presentazione della domanda è comprovata dalla ricevuta di avvenuta consegna: l’assenza della notifica “ricevuta di avvenuta consegna” indica che la domanda non è stata ricevuta; è onere del candidato verificare l’effettiva ricezione della domanda da parte di ARS attraverso la notifica di cui sopra; nel caso di mancata ricevuta di consegna il candidato può contattare l’Ufficio protocollo di ARS (tel. n. 055 4624338) dalle ore 9,30 alle ore 13,00 o inviare una comunicazione all'indirizzo di posta elettronica servizigenerali@ars.toscana.it.
Le domande pervenute oltre il termine di scadenza sopra indicato saranno ritenute irricevibili.
Il candidato deve dichiarare e sottoscrivere nella domanda sotto la propria responsabilità:
a) cognome e nome, data e luogo di nascita, codice fiscale e luogo di residenza e/o domicilio;
b) di possedere la cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica), ovvero la cittadinanza di Stato membro dell'Unione Europea, oppure la cittadinanza extracomunitaria, purché con un’adeguata conoscenza della lingua italiana da accertare durante lo svolgimento delle prove concorsuali, e di essere regolarmente soggiornante nel territorio italiano (solo per i cittadini extracomunitari);
c) il comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o cancellazione (solo per i cittadini italiani);
d) di godere dei diritti civili e politici, per i cittadini non italiani, tale dichiarazione è sostituita dalla dichiarazione corrispondente in relazione all'ordinamento dello Stato di appartenenza;
e) di non aver riportato condanne penali, precisando, in caso contrario, quali condanne abbia riportato e di non essere sottoposto a procedimenti penali in corso;
f) di non essere stato destituito o dispensato da impieghi presso pubbliche amministrazioni, se svolti precedentemente, né di essere stato dichiarato decaduto da pubblici benefici;
g) di avere adempiuto agli obblighi militari o di essere milite esente;
h) il titolo di studio posseduto, data e luogo del conseguimento, votazione riportata nell’esame di laurea, titolo della tesi di laurea, (solo per cittadini di Stato membro dell’Unione Europea) la dichiarazione di produrre attestato di equivalenza del titolo di studio, al momento dell’eventuale conferimento della borsa di studio; (solo per i cittadini extra-comunitari) la dichiarazione di produrre il titolo di studio in copia autentica, tradotta in lingua italiana e legalizzata con allegata dichiarazione di valore, al momento dell'eventuale conferimento della borsa di studio;
i) di non essere lavoratore dipendente pubblico o privato ovvero di non svolgere prevalente e continuativa attività autonoma;
j) di non usufruire, di altre borse di studio od analoghi assegni o sovvenzioni;
k) indirizzo presso il quale dovranno essere fatte pervenire le comunicazioni relative alla selezione, con un recapito telefonico impegnandosi alla comunicazione tempestiva di ogni eventuale variazione ad esso relativa;
l) l’elenco di tutti i documenti e/o titoli eventualmente presentati;
m) che le dichiarazioni rese sono documentabili.
Alla domanda deve essere allegato, pena l’esclusione, il curriculum datato e sottoscritto degli studi e/o delle esperienze di studio e ricerca e/o di lavoro maturate nel campo attinente all’oggetto della borsa di studio, redatto secondo il fac-simile allegato C.
I candidati riconosciuti portatori di handicap ai sensi della legge 5.2.1992, n. 104 devono fare esplicita richiesta, nella domanda di ammissione alla selezione, dell'ausilio eventualmente necessario, nonché dell'eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento delle prove.
La domanda di ammissione, pena l’esclusione dalla selezione, deve essere debitamente sottoscritta; la firma in originale apposta in calce alla domanda ha validità anche come sottoscrizione di tutte le autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive in essa contenute. Alla domanda dovrà essere obbligatoriamente allegato, pena l’irricevibilità della domanda stessa, la fotocopia non autenticata del documento di identità in corso di validità.
Le dichiarazioni rese nella domanda di ammissione alla selezione, che sostituiscono le relative certificazioni e/o gli atti di notorietà, sono soggette alle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.
Tutti i candidati sono ammessi alla selezione, sulla base dei dati dichiarati nella domanda, con riserva di verifica dell’effettivo possesso dei requisiti prescritti. L’ARS con provvedimento del Direttore, può disporre, in qualunque momento della procedura selettiva, anche successiva all’espletamento della prova d’esame, l’esclusione dalla selezione dei candidati per difetto dei requisiti prescritti dal bando, ovvero per mancata dichiarazione degli stessi nella domanda di ammissione.
L'ARS non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato, oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento del recapito indicato nella domanda, né per eventuali ritardi o disguidi postali o telegrafici o in ogni caso imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
Art. 9. Incompatibilità
La presentazione della domanda implica accettazione incondizionata delle norme del presente avviso.
La borsa di studio non è cumulabile con altre borse di studio, né con assegni o sovvenzioni di analoga natura e la sua fruizione è incompatibile con la partecipazione con obbligo di frequenza a corsi di dottorati di ricerca universitari con o senza assegni, nonché con l'iscrizione con obbligo di frequenza a scuole di specializzazione post-laurea con o senza assegni.
La borsa non può essere cumulata neppure con lo stipendio o retribuzioni di qualsiasi natura, derivanti dal rapporto di impiego pubblico o privato. L’ARS si riserva la facoltà di valutare l’eventuale cumulabilità della presente borsa di studio con altre forme di collaborazione non caratterizzate da continuità e che comportino un impegno compatibile rispetto a quello previsto per la presente borsa di studio.
Art. 10. Commissione esaminatrice, determinazione dei punteggi e prova d’esame
I candidati sono giudicati da una Commissione esaminatrice nominata, con il decreto di adozione del presente bando. La Commissione dispone di 45 punti complessivi per la valutazione di ciascun candidato di cui 15 per i titoli e 30 per la prova orale.
Il punteggio sui titoli sarà così attribuito:
a) Voto di laurea: fino ad un massimo di punti 3;
b) Attinenza della tesi di laurea: fino ad un massimo di 1 punto;
c) Esperienze formative attinenti: fino ad un massimo di punti 7;
d) Curriculum (attività di studio e formazione e di lavoro non riferibili a titoli già valutati, attinenti all'oggetto delle borse di studio): fino ad un massimo di punti 4.
I punteggi per i titoli sono attribuiti dalla commissione prima dello svolgimento della prova orale nei confronti di tutti i candidati ammessi alla selezione, secondo criteri generali definiti preventivamente dalla commissione, tenendo conto in ogni caso dell’attinenza con l’ambito di attività cui si riferisce la borsa di studio in conferimento.
Al colloquio sono ammessi i primi dieci candidati risultanti dalla graduatoria formulata a seguito della valutazione sopraindicata, compresi coloro che siano collocati pari merito al 10° posto.
L’attribuzione dei punteggi sarà comunicata in sede d’esame ai candidati ammessi a sostenerlo.
L’esame consta di una prova orale. La prova verterà sul livello di conoscenza generale dell’argomento oggetto della borsa di studio, sull’interesse e l’attitudine del candidato allo svolgimento dell’attività di studio e ricerca sulla materia, anche mediante l’approfondimento dei contenuti del curriculum studi e professionale del candidato. Potrà essere inoltre verificata la capacità di utilizzo degli strumenti informatici e la conoscenza della lingua inglese.
La prova orale si intende superata se i candidati ottengono una votazione non inferiore a 21/30.
La votazione finale è determinata sommando il punteggio conseguito nella valutazione dei titoli e del curriculum, al voto riportato alla prova d’esame.
I candidati ammessi dovranno presentarsi per sostenere la prova orale in data 23 ottobre 2017 alle ore 10.00 presso la sede di ARS, in Firenze – Via P. Dazzi, n. 1.
I candidati dovranno presentarsi alle prove, nel luogo ed ora comunicati muniti di un documento in corso di validità attestante l’identità personale, pena esclusione dalla selezione stessa. La mancata presentazione dei candidati alla prova d’esame verrà considerata quale rinuncia alla selezione.
I candidati ammessi a sostenere la prova orale che fossero impossibilitati a sostenerla alla data stabilita per infortunio, malattia, parto o altra causa di forza maggiore, dovranno darne tempestiva comunicazione al Presidente della Commissione esaminatrice, pena l’esclusione dalla selezione, entro la data e ora di convocazione stabilita per lo svolgimento della prova, recapitando alla Commissione medesima idonea documentazione probatoria entro i tre giorni successivi a quello della comunicazione stessa. La commissione, valutata la documentazione, ove ritenga giustificata l’assenza alla prova, può disporre a suo insindacabile giudizio in relazione alle esigenze organizzative della selezione, di invitare gli interessati a sostenere il colloquio in data successiva purché non oltre 10 giorni dalla prima convocazione. La Commissione esaminatrice può disporre in qualunque momento visita fiscale nei confronti dei candidati di cui al comma precedente.
Gli elenchi dei candidati ammessi ed esclusi, gli esiti delle prove ed ogni altra comunicazione inerente la selezione in oggetto saranno resi pubblici esclusivamente mediante pubblicazione sul sito internet www.ars.toscana.it alla sezione “Lavorare con noi”. Tale forma di pubblicità costituisce notifica ad ogni effetto di legge. I candidati non riceveranno pertanto nessuna comunicazione al riguardo, ad eccezione della notifica dell’esito della selezione al candidato vincitore della borsa di studio.
Art. 11. Graduatoria di merito
Al termine dei lavori la Commissione esaminatrice redigerà una tabella dei punteggi attribuiti a ciascun concorrente e compilerà la graduatoria di merito riportante il punteggio complessivo attribuito a ciascun candidato. Il giudizio della Commissione è insindacabile. E’ esclusa ogni designazione ex aequo; in caso di identico punteggio precede il candidato più giovane.
La graduatoria approvata rimarrà aperta per 12 (dodici) mesi al fine di consentire:
a) la prosecuzione dell’attività, qualora la borsa si rendesse vacante per rinuncia o decadenza del vincitore, con assegnazione al candidato successivo risultato idoneo dall’ordine della graduatoria;
b) l’assegnazione di ulteriori borse di studio nel caso di esigenze del programma di studio e ricerca.
Con decreto del Direttore, da pubblicarsi sul BURT, si provvederà all’approvazione della graduatoria di merito formulata dalla Commissione esaminatrice e al conferimento della borsa al vincitore; dalla data di pubblicazione decorrono i tempi per eventuali impugnative.
Entro 15 giorni dalla data di ricezione della raccomandata di notifica dell’esito della selezione, il vincitore dovrà far pervenire all’Agenzia Regionale di Sanità (ARS) Via Pietro Dazzi 1 (Villa La Quiete alle Montalve) – 50141 Firenze, i documenti di seguito elencati:
a) una dichiarazione scritta di accettazione della borsa alle condizioni previste dal presente bando nella quale l’assegnatario della borsa di studio dovrà dichiarare, sotto la sua personale responsabilità, che non usufruirà per l’intero periodo di durata della borsa, di altre borse di studio né di altri analoghi assegni o sovvenzioni e che non intratterrà rapporti di lavoro professionale o dipendente in contrasto con quanto indicato all’articolo 9;
b) copia della polizza di assicurazione contro gli infortuni della durata pari a quella della borsa di studio, stipulata dall’assegnatario stesso, avente come riferimento la sede di fruizione della borsa di studio e le attività a questa correlate.
All’atto dell’assegnazione della borsa di studio, l’interessato dovrà inoltre presentare una dichiarazione sull’insussistenza delle cause di conflitto di interesse, anche potenziale, rispetto all’incarico conferito ai sensi della normativa vigente in materia.
La dichiarazione di cui al precedente punto è condizione di efficacia dell’assegnazione della borsa in argomento. Nell’ipotesi di accertamento di conflitto di interesse reale o potenziale, l’ARS si riserva la facoltà di valutare l’incompatibilità della borsa e di revocare la stessa, fatta salva la possibilità per il borsista di risolvere l’incompatibilità esercitando il diritto di opzione.
Entro la medesima data il vincitore della selezione:
- se cittadino di uno Stato membro dell’Unione Europea, dovrà produrre dichiarazione di equivalenza del titolo di studio;
- se cittadino extra-comunitario, dovrà produrre il titolo di studio in copia autentica, tradotta in lingua italiana e legalizzata con allegata dichiarazione di valore, e, con le medesime modalità, eventuali altri titoli di formazione e di esperienza professionale, rilasciati in Stati esteri non appartenenti all’Unione Europea, dichiarati in sede di presentazione della domanda. Lo stesso dovrà produrre inoltre copia fotostatica del permesso di soggiorno in corso di validità alla data di presentazione della domanda di partecipazione alla selezione e di quella di avvio dell’attività formativa.
In caso di non accettazione da parte del vincitore della selezione, ovvero della sussistenza di altra causa ostativa al conferimento della borsa al vincitore, si provvederà allo scorrimento della graduatoria.
Art. 12. Decorrenza della borsa di studio e modalità di svolgimento della stessa
La data di decorrenza della borsa di studio è stabilita insindacabilmente all’atto del conferimento. Le modalità per il concreto svolgimento delle attività previste dalla borsa di studio sarà determinata dal tutor.
Con l’accettazione della borsa di studio non verrà a costituirsi in alcun modo una posizione di diritto che possa essere invocata per la trasformazione della borsa stessa in rapporto di lavoro a qualsiasi titolo con l’ARS o con altro ente o istituzione pubblica.
Art. 13. Perdita del diritto alla borsa di studio
Il borsista decadrà dal godimento della borsa di studio e perderà ogni diritto:
a) qualora non inizi l’attività nel termine indicato dalla lettera di notifica dell'esito della selezione;
b) nell’ipotesi in cui si renda responsabile di gravi e ripetute mancanze;
c) nel caso in cui dia prova di non possedere sufficienti attitudini alle mansioni cui è demandato. La dichiarazione di decadenza di cui ai punti b) e c) sarà conseguente a valutazioni negative da parte del responsabile scientifico.
La dichiarazione di decadenza, che avverrà con atto del Direttore, comporta automaticamente la perdita del diritto alla riscossione salvo il saldo degli eventuali diritti acquisiti. Qualora il mancato regolare svolgimento dell’attività di borsa di studio sia dovuto a certificate motivazioni di salute o ad altri gravi motivi, la cui valutazione è demandata al Direttore di ARS, d’intesa con il tutor, il borsista sarà tenuto a proseguire l’attività di borsa per un ulteriore periodo pari per durata a quello di accertata mancata attività.
Art. 14. Recesso dall’incarico
Il borsista dovrà obbligatoriamente garantire l’attività di supporto per un periodo pari al 50% della durata della borsa di studio prima di recedere dall’incarico conferitogli. Trascorso tale periodo d’obbligo il borsista potrà recedere dall’incarico con un preavviso di almeno 1 (un) mese. Nel caso in cui il borsista receda dall’incarico prima della scadenza del periodo di attività obbligatorio dovrà corrispondere all’ARS, a titolo di indennizzo per l’attività interrotta, una penale di importo pari al 5% (cinquepercento) del residuo ammontare della borsa di studio prevista per l'attività stessa. L’interruzione anticipata dell’attività correlata alla borsa di studio comporta in ogni caso la cessazione del pagamento della borsa dal momento dell’interruzione.
Art. 15. Adempimenti del borsista
Alla scadenza della borsa l’assegnatario dovrà predisporre una relazione particolareggiata sull’attività di rilevazione, analisi e studio svolta. La relazione dovrà essere vistata dal tutor e la sua valutazione positiva è requisito indispensabile per il pagamento dell’ultima rata.
I materiali prodotti nell’ambito dell’indagine svolta saranno consegnati all’ARS che ne potrà disporre liberamente.
Art. 16. Codice in materia di protezione dei dati personali
Ai sensi dell’articolo 13, comma 1, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e ss.mm., i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso l’Amministrazione di ARS per le finalità di gestione della selezione. Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione al presente bando, pena l’esclusione dalla selezione.
L'interessato gode dei diritti di cui all'articolo 7 della citata legge, tra i quali figura il diritto di accesso ai dati che lo riguardano, il diritto di rettificare, aggiornare, completare o cancellare i dati erronei, incompleti o raccolti in termini non conformi alla legge, nonché di opporsi per motivi legittimi al loro trattamento.
La presentazione delle domande di partecipazione per le borse di studio da parte dei candidati implica il consenso al trattamento dei propri dati personali, compresi i dati sensibili, a cura del personale assegnato all’ufficio preposto alla conservazione delle domande e all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure selettive.
Art. 17. Disposizioni finali
Le modalità di partecipazione alla selezione e quelle di svolgimento della stessa sono disciplinate dal presente bando e, per quanto non espressamente previsto, si rinvia alla normativa vigente in materia di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni.
L’Agenzia si riserva la facoltà di prorogare i termini, modificare, sospendere, revocare in qualsiasi momento con atto motivato la presente selezione senza che i candidati possano avanzare alcun diritto.
Il responsabile del procedimento concorsuale viene individuato nel Coordinatore di Epidemiologia di ARS, Dott. Fabio Voller.
I documenti eventualmente allegati alla domanda potranno essere ritirati, ove nulla osti, dal candidato direttamente o mediante incaricato munito di delega scritta, entro quattro mesi dalla pubblicazione della graduatoria di merito della selezione. Decorso tale periodo la documentazione sarà oggetto di scarto e pertanto non più recuperabile da parte degli interessati. Il candidato può ritirare la documentazione predetta anche prima dell’espletamento della selezione, purché rilasci dichiarazione scritta di rinuncia alla stessa e ad ogni eccezione in merito al procedimento e all’esito della medesima.
Il presente bando ed i relativi allegati sono disponibili su carta presso la sede dell’ARS.(Via Pietro Dazzi 1 - Villa La Quiete alle Montalve - 50141 Firenze) in orario 9.30 – 13.00 di ogni giorno lavorativo, dal lunedì al venerdì, oppure sono stampabili dal sito internet www.ars.toscana.it alla sezione “Lavorare con noi”. Per qualsiasi informazione si potrà contattare l’ARS, telefonando ai seguenti numeri: 055 46.24.329/ 389/ 303.
F.to Il Direttore
Dott. Andrea Vannucci