.

Concorso-Mobilità per 1 dirigente ingegnere biomedico (lazio) ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI DI ROMA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso-Mobilità

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso-Mobilità
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: DIR N. 28 del 18-04-2016
Sintesi: ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI DI ROMA Mobilità (Scad. 14 maggio 2016) Avviso pubblico di mobilità volontaria regionale ed interregionale, ai sensi dell'art. 30 del D.Lgs. 165/2001 e s.m.i. così come ...
Ente: ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI DI ROMA
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 19-04-2016
Data Scadenza bando 14-05-2016
Condividi

ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI DI ROMA

Mobilità (Scad. 14 maggio 2016)

Avviso pubblico di mobilità volontaria regionale ed interregionale, ai sensi dell'art. 30 del D.Lgs. 165/2001 e s.m.i. così come modificato dall'art. 4 della Legge 114/2014, per la copertura di n. 1 posto di Dirigente Ingegnere - Ingegnere Biomedico


In esecuzione della deliberazione del Commissario Straordinario 191 del 15/03/2016 da intendersi qui integralmente riprodotta, è indetto un avviso pubblico di mobilità volontaria regionale ed interregionale, ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs. 165/2001 e s.m.i., così come modificato dall’art. 4 della Legge 114/2014, per la copertura di n. 1 posto di:
DIRIGENTE INGEGNERE – INGEGNERE BIOMEDICO
Il presente avviso di mobilità volontaria regionale ed interregionale è rivolto ai dipendenti in servizio a tempo indeterminato presso Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Nazionale con inquadramento nel profilo professionale di Dirigente Ingegnere – Ingegnere Biomedico. Le istanze di mobilità giacenti presso gli Istituti Fisioterapici Ospitalieri o che pervengano prima della pubblicazione del presente avviso di mobilità non saranno prese in considerazione; pertanto coloro che avessero già presentato domanda di trasferimento anteriormente alla pubblicazione del presente avviso di mobilità dovranno presentare nuova domanda contenente specifico riferimento al presente avviso entro i termini di scadenza previsti. Analogamente non verranno prese in considerazione domande di mobilità che, pur pervenute nei termini di scadenza dell’avviso, non facciano esplicito riferimento allo stesso. L’assunzione è intesa a tempo pieno. L’istante che si trovasse presso l’Amministrazione di provenienza in regime di impegno ridotto, dovrà sottoscrivere il contratto individuale di lavoro per la posizione a tempo pieno.
REQUISITI SPECIFICI PER LA PARTECIPAZIONE
Per l’ammissione alla procedura di mobilità è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: a. essere dipendente con rapporto di lavoro a tempo indeterminato di Aziende o Enti del Servizio Sanitario Nazionale, in qualità di Dirigente Ingegnere – Ingegnere Biomedico;
b. di essere in possesso del diploma di laurea appartenente alla classe di lauree magistrali (LM-21) o specialistiche (26/S) o lauree del vecchio ordinamento equiparate;
c. iscrizione all’Albo professionale degli Ingegneri;
d. aver superato il relativo periodo di prova nel profilo professionale e disciplina in oggetto;
e. non avere subito negli ultimi due anni antecedenti alla data di pubblicazione dell’Avviso di mobilità valutazioni negative.
f. essere in possesso di idoneità fisica al posto da ricoprire, senza alcuna limitazione e di non aver inoltrato istanza alla propria amministrazione per il riconoscimento di inidoneità anche parziale allo svolgimento delle predette funzioni.
g. essere in possesso della dichiarazione attestante l’incondizionato assenso preventivo alla mobilità rilasciato dalla propria Azienda di appartenenza;
I suddetti requisiti devono essere posseduti, a pena di esclusione, sia alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di partecipazione all’avviso che alla data del successivo ed effettivo trasferimento.
Competenze professionali specifiche richieste per il posto da ricoprire
E’richiesta:
- Esperienza documentata di almeno cinque anni nella gestione delle manutenzioni di apparecchiature elettromedicali – Grandi Impianti TC, RMN anche alto campo (3T), LINAC, neuronavigatori per neurochirurgia, Terapia intensiva, medicina nucleare (PET/CT e SPECT/CT);
- Esperienza documentata come direttore esecutore contratti appalti global service apparecchiature elettromedicali;
- Conoscenza della normativa e dei principi di funzionamento dei dispositivi medici assicurando il monitoraggio ed il supporto nell’ambito della manutenzione, del collaudo, della continuità e della sicurezza di esercizio, delle verifiche periodiche di sicurezza e funzionalità sui dispositivi biomedici ed attrezzature sanitarie;
- Capacità di fornire consulenza per la programmazione e pianificazione dell’acquisizione dei nuovi dispositivi medici e apparecchiature sanitarie in riferimento a: supporto per la predisposizione di gare con particolare riguardo sia ai capitolati di fornitura che ai rapporti con le centrali di acquisto, valutazione del grado di obsolescenza delle tecnologie, supporto alla definizione dei budget aziendali di investimenti incluso il monitoraggio prezzi;
In particolare, con riferimento ai precedenti punti, al candidato è più specificatamente richiesto:
- Comprovata esperienza nella supervisione e coordinamento di servizi complessi di gestione e manutenzione dell’intero parco apparecchiature elettromedicali (bassa-media-alta tecnologia);
- Comprovata esperienza nella verificazione delle manutenzioni programmate, correttive e predittive delle tecnologie elettromedicali;
- Comprovata esperienza nel supporto alle attività di gestione e pianificazione delle acquisizioni e manutenzioni delle tecnologie medicali, con particolare riguardo alle tecnologie di diagnostiche per immagini;
- Comprovata esperienza nel supporto alle attività di gestione dei processi di integrazione tra tecnologie medicali e informatica medica;
- Documentata esperienza lavorativa sia nel settore pubblico che nel settore privato relativa alla predisposizione di piani di rinnovo delle tecnologie biomedicali;
- Comprovata esperienza nella predisposizione di capitolati tecnici nell’ambito di procedure per l’acquisto di apparecchiature elettromedicali, sia attraverso procedure telematiche sotto soglia comunitaria che sopra soglia comunitaria attraverso procedure aperte;
- Comprovata esperienza nelle procedure di valutazione delle offerte tecniche per l’acquisizione di apparecchiature elettromedicali;
- Comprovata esperienza inerente le procedure operative di collaudo tecnico-amministrativo, fuori uso e procedure di inventariazione;
- Comprovata conoscenza e capacità di gestione di strumenti di pianificazione e programmazione lavori.
PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.
La domanda di partecipazione all’avviso di mobilità, debitamente sottoscritta (pena esclusione), deve essere redatta in carta semplice nella forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi della normativa vigente, nella consapevolezza delle sanzioni penali in caso di false dichiarazioni ex art. 76 del D.P.R. 445/2000, e secondo lo schema allegato.
In applicazione delle modifiche previste dall’art. 15 c. 1 L. 183/2011 alla disciplina dei certificati e delle dichiarazioni sostitutive di cui al D.P.R. 445/2000, le Amministrazioni, a decorrere dal 1.1.2012 non possono più richiedere né accettare certificati, che dovranno essere sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o dell’atto di notorietà.
La domanda di partecipazione alla procedura di mobilità, pertanto, dovrà essere corredata da:
1. foglio notizie per la procedura di mobilità di cui all’allegato;
2. un curriculum professionale e formativo datato e firmato, redatto secondo lo schema di cui all’allegato in forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e/o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi degli art. 46 e 47 del DPR 445/2000 e secondo le modalità di rilascio di dichiarazioni sostitutive indicate nel presente avviso di mobilità;
3. dichiarazione attestante l’incondizionato assenso preventivo alla mobilità rilasciata dall’Azienda di provenienza;
4. fotocopia fronte retro di un documento di identità in corso di validità.
La domanda di partecipazione alla procedura di mobilità deve essere indirizzata al Commissario Straordinario degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri – Via Elio Chianesi 53 – 00144 ROMA.
La domanda dovrà PERVENIRE con una delle seguenti modalità:
- a mezzo raccomandata del servizio postale;
- mediante consegna a mano della domanda all’Ufficio Protocollo degli I.F.O. - Istituti Fisioterapici Ospitalieri – Via Elio Chianesi 53 – 00144 ROMA (entro le ore 12,00);
- mediante Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo: risorseumane@cert.ifo.it. A norma dell’art. 65 del D.Lgs. 82/2005 e s.m.i. la spedizione deve essere effettuata da una casella di posta elettronica certificata, la validità dell’invio è subordinata all’utilizzo da parte dei candidati di casella di posta elettronica certificata PERSONALE. Non sarà ritenuto valido l’invio di posta elettronica semplice/ordinaria anche se indirizzata alla P.E.C. aziendale o inviata da P.E.C. non personale.
Nell’oggetto della mail deve essere riportata la dicitura (“DOMANDA AVVISO DI MOBILITA’ DIRIGENTE INGEGNERE – INGEGNERE BIOMEDICO”);
Il termine per la presentazione della domanda di partecipazione all’avviso di mobilità scade il 30° giorno successivo a quello di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio. Qualora detto giorno sia festivo il termine sarà prorogato al primo giorno successivo non festivo. La data di spedizione è comprovata dal timbro e data dell’ufficio postale accettante. Si considerano, comunque, pervenute fuori termine, qualunque ne sia la causa, le domande presentate al servizio postale in tempo utile ma recapitate a questo Ente oltre i 10 giorni dal termine di scadenza. L’amministrazione non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o da mancata o tardiva comunicazione di variazione dell’indirizzo indicato nella domanda, né da eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili all’Amministrazione stessa.
Dichiarazioni sostitutive contenute nel curriculum e nel foglio notizie
Le dichiarazioni sostitutive di cui al DPR 445/2000 devono contenere, a pena di non valutazione, tutte le informazioni atte a consentire una corretta/esaustiva valutazione delle attestazioni in essa presenti. La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, a pena di non validità, deve essere presentata unitamente a copia fotostatica (fronte e retro) di un documento di identità in corso di validità del dichiarante. Tali dichiarazioni devono essere rilasciate una sola volta nell’ambito del curriculum professionale e formativo, formulato come dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà e corredato da fotocopia fronte retro di un valido documento di identità, come da schema allegato, senza ripetizione in altri documenti, essendo inutile dichiarare le medesime attività più volte in documenti diversi.
La dichiarazione concernente i SERVIZI PRESTATI inserita nel curriculum deve contenere i rapporti di lavoro di tipo subordinato a tempo determinato/indeterminato e, per ciascuno di essi, deve contenere:
1) l’esatta indicazione dell’Ente presso il quale il servizio è stato prestato;
2) la natura giuridica del rapporto di lavoro (contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato/determinato);
3) la qualifica rivestita;
4) la tipologia del rapporto di lavoro (tempo pieno - parziale, con l’indicazione del numero di ore svolte alla settimana, ... ecc.);
5) la data di inizio e fine del rapporto di lavoro;
6) l’indicazione di eventuali interruzioni del rapporto di lavoro (aspettativa senza assegni, sospensione cautelare ... ecc.);
7) tutto ciò che si renda necessario, nel caso concreto, per valutare correttamente il servizio stesso: in particolare, per le dichiarazioni relative ai servizi prestati presso Case di Cura è necessario che il Dirigente indichi con chiarezza se la Struttura è o meno convenzionata o accreditata con il SSN.
Nella dichiarazione relativa ai servizi, se il servizio è stato prestato presso il SSN, deve essere attestato se ricorrano o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’articolo 46, del D.P.R. n° 761/79, in presenza delle quali il punteggio deve essere ridotto. In caso positivo l’attestazione deve precisare la misura della riduzione del punteggio.
Per i TITOLI DI STUDIO UNIVERSITARI, deve essere indicato l’Ente che ha rilasciato il titolo, la durata del corso, la data di conseguimento e la votazione riportata.
Le PUBBLICAZIONI devono essere edite a stampa e sono valutate solo se presentate in originale, in copia autenticata ovvero in copia dichiarata conforme all’originale (con le modalità di cui agli artt. 19 e 47 DPR 445/2000).
Nella parte relativa al CURRICULUM devono essere inseriti tirocini, contratti libero professionali, contratti di collaborazione coordinata e continuativa, altre attività, indicando:
- Ente presso il quale il servizio è stato prestato;
- Natura giuridica del rapporto (tirocinio, contratto di collaborazione, contratto libero-professionale, contratto occasionale, altre attività);
- Qualifica rivestita;
- Indicazione del numero di ore svolte alla settimana;
- Data di inizio e data di fine del rapporto di lavoro.
Per le DOCENZE, deve essere indicato l’Ente presso cui sono state effettuate, il periodo, le ore e l’oggetto.
Per i CORSI DI FORMAZIONE e DI AGGIORNAMENTO deve essere indicato l’oggetto, la data ed il luogo di svolgimento, l’Ente organizzatore, l’eventuale esame finale, la durata.
Non saranno prese in considerazione dichiarazioni generiche o incomplete. L’interessato è tenuto a specificare con esattezza tutti gli elementi e i dati necessari per una corretta valutazione.
Motivi di esclusione
L’ammissione alla procedura di mobilità e l’esclusione dalla stessa sono disposte con provvedimento motivato del Direttore dell’UOC Risorse Umane. Non saranno ammesse le domande di coloro che non siano in possesso dei requisiti generali di ammissione previsti dal presente bando.
E’ motivo di esclusione dalla procedura la presentazione di domande non sottoscritte dal candidato o non correttamente compilate o prive in tutto o in parte delle dichiarazioni obbligatorie di cui agli schemi predisposti ed al foglio notizie.
Verranno inoltre escluse le domande inviate oltre il termine di scadenza fissato dall’avviso.
L’esclusione verrà notificata agli interessati nei termini previsti per l’espletamento della prova colloquio. La comunicazione ai candidati viene effettuata esclusivamente tramite pubblicazione sul sito www.ifo.it nella sezione “Bandi di concorso e avvisi pubblici”.
Valutazione dei candidati
I candidati ammessi saranno valutati da un’apposita Commissione, che sarà nominata dal Commissario Straordinario. Si procederà alla valutazione dei candidati ammessi attraverso l’esame comparato del curriculum formativo e professionale l’esame della situazione personale e l’espletamento di una prova colloquio.
Valutazione e punteggi
La Commissione Esaminatrice preposta alla formulazione della graduatoria dispone di 100 punti così ripartiti:
- 40 punti per la valutazione dei titoli:
- titoli di carriera massimo punti 20
- titoli accademici e di studio massimo punti 5
- pubblicazioni e titoli scientifici massimo punti 5
- curriculum formativo professionale massimo punti 10
- 60 punti per il colloquio.
La prova colloquio è finalizzata ad accertare il possesso delle competenze professionali acquisite nell’arco dell’intera carriera in relazione alla specificità del posto da ricoprire nonché la specifica motivazione a lavorare presso l’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”.
Il superamento della prova colloquio è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 40/60.
La data e la sede della prova colloquio saranno comunicati ai candidati esclusivamente tramite pubblicazione sul sito www.ifo.it nella sezione “Bandi di concorso e avvisi pubblici”. Al colloquio gli aspiranti dovranno presentarsi muniti di documento di identità in corso di validità.
Il candidato che non si presenti a sostenere la prova colloquio è escluso dalla procedura di mobilità.
Graduatoria
L’attribuzione del punteggio discenderà dalla valutazione effettuata dalla Commissione sull’esame dei titoli e dalla motivazione complessiva elaborata per ogni soggetto.
La graduatoria eventualmente costituita verrà approvata con deliberazione del Commissario Straordinario e ha validità esclusivamente al fine dell’identificazione del candidato vincitore ed esaurisce i propri effetti al momento della presa in servizio del candidato stesso. E’ consentito lo scorrimento della graduatoria tra i candidati eventualmente idonei esclusivamente nel caso in cui il vincitore rinunci prima della presa in servizio.
PERFEZIONAMENTO DEL TRASFERIMENTO
Ai sensi dell’art. 30, comma 1 del D.Lgs 165/2000 e s.m.i. il trasferimento del candidato - dichiarato idoneo alla presente procedura e che abbia presentato l’assenso dell’Amministrazione di provenienza - si perfezionerà con la stipula del contratto individuale, ai sensi del CCNL per la Dirigenza Sanitaria, Professionale, Tecnica ed Amministrativa attualmente vigente. L’Azienda prima di procedere alla stipula del contratto di lavoro individuale inviterà l’avente titolo alla mobilità a presentare, entro 10 giorni dalla richiesta, le dichiarazioni sostitutive relative alla documentazione prescritta dalle disposizioni regolanti l’accesso al rapporto di lavoro medesimo. Questa Amministrazione è tenuta ad effettuare, ai sensi dell’art. 71 del DPR 445/2000 e dell’art. 15 della Legge 183 del 12/11/2011, idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgano fondati dubbi sulla veridicità della dichiarazione sostitutiva di cui agli articoli 19 – 46 - 47 ed a trasmettere le risultanze all’autorità competente, in base a quanto previsto dalla normativa in materia. Fermo restando quanto previsto dall’art. 76 del citato DPR 445/2000 e s.m.i. circa le sanzioni penali previste per le dichiarazioni false, qualora emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti a seguito del provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.
Il candidato all’atto dell’assunzione per trasferimento dovrà avere interamente fruito il congedo ordinario maturato presso l’Amministrazione di provenienza. Per ulteriori informazioni gli aspiranti potranno rivolgersi alla U.O.C. Risorse Umane – Ufficio concorsi e mobilità Istituti Fisioterapici Ospitalieri – Via Elio Chianesi 53 – 00144 ROMA – telefoni 06 52662759 – 0652662496 o consultare il sito internet www.ifo.it nella sezione “Bandi di concorso e avvisi pubblici”
IL COMMISSARIO STRAORDINARIO
(dott.ssa Marta Branca)