Concorso per 1 biologo (friuli venezia giulia) ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: DIR N. 44 del 19-06-2013
Sintesi: ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Concorso (Scad. 19 luglio 2013) BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE DI IDROBIOLOGO Con decreto del Direttore dell’Ente n. ...
Ente: ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Regione: FRIULI VENEZIA GIULIA
Provincia: UDINE
Comune: UDINE
Data di pubblicazione 20-06-2013
Data Scadenza bando 19-07-2013
Condividi

ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Concorso (Scad. 19 luglio 2013)

BANDO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE DI IDROBIOLOGO


Con decreto del Direttore dell’Ente n. 273/DIR. del 29 maggio 2013 è stato indetto il presente bando di selezione per il conferimento, fino al termine del 31 dicembre 2015, di un incarico individuale ad un professionista esperto nel settore dell’idrobiologia, a supporto delle attività di competenza dell’Ente Tutela Pesca della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia.
Al conferimento dell’incarico si procederà previa valutazione comparativa dei curricula e delle proposte progettuali ed economiche che saranno presentati da soggetti di elevata qualificazione professionale, ai sensi del Regolamento in materia di conferimento di incarichi individuali, emanato con decreto del Presidente della Regione n. 331 del 30 novembre 2009 e pubblicato sul BUR n. 49 del 9 dicembre 2009, secondo le modalità e nel rispetto dei requisiti indicati dal presente bando di selezione.
OGGETTO DELL’ INCARICO E LUOGHI DI ESECUZIONE
a. Valutazioni ambientali prodromiche all’approvazione dei piani di semina delle specie allevate dall’Ente, necessarie alla verifica della compatibilità dei programmi di immissione rispetto ai siti individuati.
Tali valutazioni comprendono la raccolta di dati e informazioni sull’idoneità ittica degli ambienti, l’esame dei risultati delle immissioni precedenti e quello dei programmi di semina, l’indagine sulle cause di rarefazione o estinzione delle specie nel sito. Le valutazioni sono richieste per le specie temolo, trota marmorata e trota fario, anguilla ed eventuali altre specie di interesse.
b. Monitoraggi, per l’analisi del reclutamento di giovanili e per lo studio dei flussi migratori dell’anguilla nei corsi d’acqua regionali e nel mare, come da Piano regionale di gestione dell’anguilla, di cui alla delibera della Giunta regionale n. 1848 del 07/10/2011.
Questi monitoraggi sono previsti in tre differenti siti di foce a cadenza stagionale per l’intera durata dell’incarico.
Sono inoltre previsti campionamenti quantitativi delle popolazioni ittiche in quanto accessori al controllo dell’attività gestionale delle acque in particolare per quanto riguarda l’effetto delle immissioni e del prelievo di fauna ittica. Per le medesime finalità è altresì prevista la caratterizzazione dei corsi d’acqua mediante l’analisi della fauna macrobentonica. Tali campionamenti (ittici e macrobentonici) sono previsti in 36 siti differenti nell’arco di durata dell’incarico e saranno realizzati con il supporto operativo delle squadre dell’ETP.
I monitoraggi dovranno anche riguardare l’individuazione delle aree di frega maggiormente rappresentative dei salmonidi e timallidi per aggiornare le informazioni già presenti presso l’ETP, nonché la definizione di aree particolarmente significative per la riproduzione di specie ittiche di interesse naturalistico o conservazionistico.
c. Didattica L’acquario di Ariis di Rivignano, sede del laboratorio regionale di idrobiologia, è il centro in cui l’ETP propone la propria offerta didattica per le migliaia di utenti che annualmente visitano la struttura.
In particolare le scolaresche e i gruppi organizzati richiedono l’elaborazione di percorsi didattici ad hoc sia per la visita dell’acquario (esposizione dei pesci e biotopo esterno) sia per l’approfondimento di alcuni aspetti concernenti la divulgazione scientifica di settore.
Inoltre ETP effettua interventi didattici anche presso strutture scolastiche o in occasione di eventi (seminari formativi per docenti, convegni, ...) Si prevede che l’incarico possa riguardare 36 visite e/o interventi differenti e in alcuni casi anche in lingua inglese.
L’Ente si avvale altresì di un nutrito gruppo di volontari, sia guardie che collaboratori, per i quali garantisce un sistema di formazione e aggiornamento constanti. L’incarico che verrà affidato riguarderà anche la formazione di tali gruppi per quanto concerne l’ecologia degli ambienti acquatici, la biologia delle specie ittiche e il loro riconoscimento.
Si prevede la necessità di complessive 8 ore/anno per tali iniziative.
Per tutte le iniziative relative all’attività didattica è prevista l’elaborazione di idonei supporti didattici originali da mostrare nelle presentazioni o da consegnare in forma di dispensa ai discenti.
d. Divulgazione L’Ente realizza numerose pubblicazioni, anche monografiche. Inoltre pubblica 3 numeri annuali della rivista Pesca e ambiente, sulla cultura ambientale e idrobiologica.
L’incaricato dovrà predisporre almeno un articolo per numero della rivista Pesca e ambiente, comprensivo di testi e foto nonché collaborare alla stesura, revisione e correzione di altre pubblicazioni che verranno realizzate.
L’intervento del consulente riguarderà anche l’elaborazione e/o la revisione dei testi tecnici da pubblicarsi sul sito web dell’Ente, nonché il contributo tecnico necessario per la predisposizione corretta dei comunicati stampa. Tali contributi sono previsti in italiano e in lingua inglese.
e. Gestione dati territoriali L’incaricato è altresì tenuto ad aggiornare le banche dati contenti le informazioni ambientali di competenza presenti all’ETP, provvedendo alla loro conservazione e messa a disposizione di chi ne faccia richiesta.
A tal fine dovrà curare la periodica elaborazione di mappe o sintesi dei dati su richiesta del personale ETP.
Dovrà inoltre fornire tutte le indicazioni richieste al fine di rendere accessibile le banche dati al pubblico e sviluppare o indicare le migliori forme per la gestione dei dati ambientali territoriali.
A tal fine è disponibile presso l’ETP una postazione informatica attrezzata di programmi GIS.
f. Consulenza L’attività legata all’espressione di pareri necessari allo svolgimento delle funzioni istituzionali richiede la codifica di indicazioni necessarie per l’esame delle varie pratiche.
Al fine di poter correttamente svolgere tali attività l’incaricato dovrà fornire il supporto necessario alla struttura dell’Ente nonché predisporre gli atti di indirizzo, da sottoporre all’approvazione del Consiglio direttivo, necessari alle valutazioni da esprimere nei procedimenti di competenza, che qui si indicano a titolo esemplificativo: rilascio di autorizzazioni alla pesca sportiva, procedimenti di valutazione di impatto ambientale e di verifica ai sensi dell’art. 9 bis della legge regionale 43/1990, concessioni di derivazioni d’acqua, nulla osta idraulici.
Inoltre l’incaricato dovrà collaborare anche alla valutazione dei contenuti e alla scrittura di eventuali progetti di attività specifici nel settore dell’idrobiologia.
L’incarico verrà svolto presso le sedi e le strutture di ETP, in particolare presso il laboratorio di idrobiologia “Paolo Solimbergo” di Ariis di Rivignano nonché presso altri luoghi nei quali l’Ente sia chiamato a svolgere le attività oggetto dell’incarico.
REQUISITI GENERALI
Sono ammessi a presentare domanda per partecipare alla selezione soltanto le persone fisiche che, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda, risultino essere cittadini italiani o di Stati membri della U.E., nel pieno godimento dei diritti civili e politici, aventi perfetta padronanza della lingua italiana, in possesso di laurea specialistica oppure di laurea del vecchio ordinamento universitario, che non abbiano riportato provvedimenti penali, civili o amministrativi iscritti nel casellario giudiziale, purché in possesso anche dei requisiti specifici richiesti dal presente bando, come di seguito indicati.
REQUISITI SPECIFICI
Ciascun candidato deve presentare il proprio Curriculum Vitae, aggiornato alla data di presentazione della domanda, recante l’indicazione dei seguenti requisiti di idoneità e di capacità professionale:
1. laurea in scienze biologiche del vecchio ordinamento o equivalente laurea specialistica;
2. iscrizione all’Albo dell’Ordine dei dottori biologi;
3. esperienza professionale maturata nell’ultimo quinquennio per incarichi eseguiti nel campo dell’idrobiologia, assimilabili all’incarico da affidare, dimostrabile attraverso pubblicazioni e contratti;
4. conoscenza del territorio e dei corsi d’acqua della regione dimostrabile attraverso pubblicazioni e contratti.
Ciascun candidato nel proprio Curriculum Vitae deve esplicitare chiaramente la durata di ciascuna esperienza professionale, indicandone la data di inizio e la data di conclusione.
PROPOSTA PROGETTUALE
Ciascun candidato deve presentare anche una proposta progettuale di massimo 25.000 battute, recante la descrizione della metodologia che intende applicare per svolgere le attività indicate con le lettere a), b) ed e) nel paragrafo “OGGETTO DELL’ INCARICO E LUOGHI DI ESECUZIONE”, avendo cura di precisare la quantità delle prestazioni che offre, in cifra pari o superiore al minimo obbligatorio indicato, in modo da dimensionare l’impegno professionale offerto, specificando altresì eventuali ulteriori attività che ritiene di sviluppare nel rispetto del previsto compenso.
È anche possibile che all’incaricato possa venire chiesto di integrare i propri impegni in ragione delle eventuali future e non prevedibili esigenze di ETP. Pertanto è opportuno che la proposta progettuale indichi il costo orario al quale l’incaricato si rende disponibile a fornire all’Ente collaborazione e supporto per lo svolgimento di eventuali ulteriori specifici progetti nel campo dell’idrobiologia e della gestione delle risorse ittiche nelle acque interne.
La proposta progettuale presentata dal candidato vincitore determinerà il contenuto degli obblighi contrattuali inerenti l’incarico.
OFFERTA ECONOMICA
Ciascun candidato deve presentare anche l’offerta economica, indicante il compenso richiesto per lo svolgimento dell’incarico, formulato in termini di ribasso rispetto all’importo posto a base di gara, di euro 56.000,00= (cinquantaseimila), comprensivo dell’IVA e degli oneri previdenziali a carico del Committente.
L’offerta economica deve indicare, in lettere e in cifre:
• il ribasso offerto in termini di percentuale;
• il ribasso offerto in termini di riduzione dell’importo posto a base di gara.
In caso di non coerenza delle cifre, sarà considerato valido il ribasso più favorevole all’ETP.
Non saranno accettate offerte con ribasso superiore al 15%.
Nel caso si determini parità di punteggio tra i candidati primi classificati, si procederà con l’audizione dei medesimi.
CRITERI DI COMPARAZIONE DELLE CANDIDATURE
La scelta del candidato idoneo al conferimento dell’incarico viene operata valutando comparativamente:
1. il possesso di maggior titoli, abilità ed esperienze in materia di monitoraggio, programmazione del ripopolamento, gestione ittica, docenze, pubblicazioni anche divulgative, conoscenza del territorio regionale, desumibili dal curriculum vitae di ciascun concorrente, che dovrà quindi evidenziare i contratti, le pubblicazioni, gli incarichi dell’ultimo quinquennio che possano attestare il possesso di tali requisiti.
Per la valutazione di tali requisiti sono assegnati massimo 50 punti così ripartiti:
• pubblicazioni, valutato il grado di coerenza con l’incarico da affidare - massimo 25 punti così ripartiti:
• massimo 5 punti per ogni pubblicazione su rivista scientifica o scientifica a carattere divulgativo, nazionale o internazionale;
• massimo 8 punti per ogni monografia;
• massimo 2 punti per ogni articolo su altre riviste, quotidiani, notiziari, bollettini,….
• Precedenti incarichi eseguiti nel campo dell’idrobiologia, assimilabili all’incarico da affidare - massimo 25 punti di cui:
• massimo 5 punti per ogni incarico assegnato da pubblica amministrazione • massimo 3 punti per incarico assegnato da privati • Conoscenza del territorio regionale • massimo 2 punti in aggiunta ad ogni singola voce di punteggio di cui sopra qualora la pubblicazione o l’incarico riguardi le attività svolte nel territorio del Friuli Venezia Giulia.
2. La qualità delle proposta progettuale presentata. Massimo 30 punti così suddivisi:
• massimo 15 punti per la coerenza rispetto all’oggetto dell’incarico, attribuiti per intero alla proposta progettuale che la Commissione giudicherà di qualità migliore e con criterio proporzionale per le proposte di qualità giudicata inferiore.
• massimo 15 punti per eventuali servizi aggiuntivi, con l’attribuzione di 5 punti per ogni servizio aggiuntivo offerto.
3. il compenso richiesto per lo svolgimento dell’incarico, espresso al ribasso rispetto alla base di gara, pari ad euro 56.000,00= (cinquantaseimila), comprensivo dell’IVA di legge degli oneri previdenziali a carico del Committente. Massimo 20 punti per la migliore offerta calcolata secondo la seguente formula:
Pc = 20 x Ra/Rmax dove:
• PC = punti compenso • Ra = valore offerto dal concorrente (a) espresso in termini di ribasso percentuale;
• Rmax = valore dell’offerta più conveniente espresso in termini di ribasso percentuale.
DURATA DEL CONTRATTO E COSTI
L’incarico viene conferito mediante contratto di lavoro autonomo, di cui agli articoli 2222 e 2230 del codice civile, fino alla scadenza del 31 dicembre 2015 a decorrere dalla data di pubblicazione dell’incarico sul sito web della Regione ai sensi dell’articolo 3, commi 18 e 54, della L. 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008).
Il costo massimo complessivo dell’incarico per l’Ente è di euro 56.000,00= (cinquantaseimila), comprensivo dell’IVA e degli oneri previdenziali a carico del Committente. Il compenso è stato determinato in coerenza al valore di incarichi professionali di tipo analogo, eseguiti nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
Il compenso sarà liquidato posticipatamente al massimo in due soluzioni annue concordate tra le parti in sede di definizione dei contenuti contrattuali e su presentazione di una relazione sul lavoro svolto nel periodo di riferimento. Sulle relazioni di attività verrà espresso parere di conformità da parte del Direttore dell’Ente.
DOCUMENTI DI PARTECIPAZIONE
Gli aspiranti al conferimento dell’incarico devono redigere, in carta semplice, la domanda di partecipazione alla presente selezione. Allo scopo possono avvalersi del modello allegato al presente bando.
La domanda, debitamente sottoscritta dal candidato, deve recare le seguenti indicazioni e le seguenti dichiarazioni, rese ai sensi e per gli effetti degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000:
1) l’indicazione delle generalità del candidato, complete di residenza, numero di codice fiscale e numero di partita IVA, 2) l’indicazione della cittadinanza, 3) dichiarazione di avere perfetta padronanza della lingua italiana e di essere nel pieno godimento dei diritti civili e politici, 4) dichiarazione di non aver riportato provvedimenti penali, civili o amministrativi iscritti nel casellario giudiziale.
Alla domanda di partecipazione il candidato deve allegare:
A) fotocopia di un documento di identità in corso di validità, in funzione di autenticazione delle autocertificazioni incluse nella domanda;
B) il proprio dettagliato Curriculum Vitae, debitamente sottoscritto, nel quale devono essere indicati i requisiti di idoneità e di capacità professionale prescritti nel presente bando ed elencati al punto “Requisiti specifici”.;
C) la proposta progettuale, datata e sottoscritta.
D) l’offerta economica, datata e sottoscritta, recante l’indicazione in cifre e in lettere, del ribasso offerto in termini di percentuale e in termini di riduzione dell’importo a base di gara.
Non saranno presi in considerazione i documenti privi della sottoscrizione autografa del candidato né quelli pervenuti oltre il termine di scadenza.
MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
I documenti di partecipazione (domanda e relativi allegati) devono pervenire inderogabilmente entro e non oltre le ore 12 (dodici) del trentesimo giorno successivo alla pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione a:
Ente Tutela Pesca Via Colugna, 3 33100 Udine Sulla busta dovrà essere riportata la dicitura “Partecipazione Bando - Incarico idrobiologo”.
MODALITÀ DI SELEZIONE
La valutazione comparativa dei curricula, delle proposte progettuali e delle offerte economiche presentati dai candidati è affidata ad una Commissione designata dal Direttore dell’Ente.
Si procede d’ufficio alla verifica del possesso dei requisiti dichiarati dai candidati.
Le comunicazioni inerenti la presente procedura di selezione sono eseguite utilizzando il numero di fax oppure l’indirizzo di posta elettronica indicato dal concorrente nella domanda di partecipazione.
TUTELA DELLA PRIVACY
Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” si fa presente che:
a. I dati richiesti sono raccolti per le finalità inerenti al procedimento per l’affidamento degli incarichi in oggetto.
b. I dati raccolti potranno essere oggetto di comunicazione:
• al personale dipendente dell’Amministrazione responsabile del procedimento o, comunque, in esso coinvolto per ragioni di servizio;
• a tutti i soggetti aventi titolo, ai sensi della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7;
• ai soggetti destinatari delle comunicazioni e della pubblicità previste dalla legge.
c. Il trattamento dei dati avviene mediante strumenti, anche informatici, idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza;
d. I dati e i documenti sono rilasciati agli organi dell’Autorità giudiziaria che ne facciano richiesta nell’ambito di procedimenti a carico dei concorrenti;
e. I diritti spettanti all’interessato sono quelli di cui all’art. 7 del D. Lgs.196/2003 (accesso gratuito ai dati, richiesta di informazioni sul trattamento, richiesta di aggiornamento, rettifica, integrazione e, ricorrendone gli estremi, di cancellazione o blocco).
INFORMAZIONI
Il presente bando è anche disponibile sul sito Internet della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia www.regione.fvg.it, sezione “Bandi e avvisi” nonché sul sito Internet dell’Ente tutela pesca http://www.entetutelapesca.it/ alla sezione “Bandi di gara”.
Udine, 3 giugno 2013
IL DIRETTORE:
ing. Paolo Stefanelli
Responsabile del procedimento: ing. Paolo Stefanelli (tel. 0432/551220)
Responsabile dell’istruttoria: dott. sa Maria Rosa Mulas (tel. 0432/551228)