AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AVEZZANO - SULMONA Avviso per il conferimento dell'incarico quinquennale di dirigente medico - direttore - disciplina di pediatria - dell'unita' operativa di pediatria del presidio ospedaliero di Sulmona.

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 43 del 03-06-2008
Sintesi: REGIONE ABRUZZO AVVISO   (scad.  3 luglio 2008)Avviso per il conferimento dell'incarico quinquennale di dirigente medico - direttore - disciplina di pediatria - dell'unita' operativa di pediatria del presidio ...
Ente: AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 1 DI AVEZZANO - SULMONA
Regione: ABRUZZO
Provincia: L'AQUILA
Comune: SULMONA
Data di pubblicazione 16-06-2008
Data Scadenza bando 03-07-2008
Condividi

REGIONE ABRUZZO
AVVISO   (scad.  3 luglio 2008)
Avviso  per  il  conferimento dell'incarico quinquennale di dirigente
   medico  -  direttore  -  disciplina  di  pediatria  -  dell'unita'
   operativa di pediatria del presidio ospedaliero di Sulmona.
   In  attuazione  della  deliberazione  n.  348  del 14 maggio 2008,
immediatamente   esecutiva,   e'   indetto  avviso  pubblico  per  il
conferimento     dell'incarico     quinquennale     di:     dirigente
Medico-Direttore  - disciplina di Pediatria presso l'unita' operativa
di Pediatria, con rapporto di lavoro esclusivo, del P.O. di Sulmona.
   Le   modalita'   di   attribuzione   del  presente  incarico  sono
disciplinate dagli artt. 15, 15-bis, 15-ter, 15-quater, 15-quinquies,
15-nonies  del  d.lgs.  30 dicembre 1992, n. 502, come modificato dal
d.lgs.19  giugno  1999,  n.  229,  e dal decreto del Presidente della
Repubblica  10  dicembre  1997,  n.  484, dal decreto ministeriale 23
marzo  2000,  n.  184, e dal decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri 8 marzo 2001.
1) Requisiti e modalita' di ammissione.
   Possono  partecipare  coloro  che  siano  in possesso dei seguenti
requisiti:
   A) Requisiti generali.
    1)  cittadinanza  italiana (sono equiparati ai cittadini italiani
gli  italiani non appartenenti alla Repubblica) o cittadinanza di uno
dei Paesi dell'Unione Europea.
    2)  idoneita'  fisica  all'impiego. L'accertamento dell'idoneita'
fisica  all'impiego  -  con  l'osservanza  delle  norme  in  tema  di
categorie  protette  -  e'  effettuato  a cura dell'Azienda USL prima
dell'immissione  in  servizio.  Il  personale dipendente da Pubbliche
Amministrazioni  e  dagli  Istituti,  Ospedali  ed  Enti  di cui agli
articoli  25  e  26,  comma  1,  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  20  dicembre  1979,  n.  761,  e' dispensato dalla visita
medica.
    3) eta'. La partecipazione al presente avviso - a norma dell'art.
3,  comma  2,  della legge 15 maggio 1997, n. 127 - non e' soggetta a
limiti  di  eta',  salvo quelli previsti per il collocamento a riposo
dei dipendenti.
    B) requisiti specifici.
    1)  iscrizione  all'albo  dell'ordine  dei  medici  attestata  da
certificato  in  data  non  anteriore a sei mesi rispetto a quella di
scadenza    dell'avviso.    L'iscrizione   al   corrispondente   albo
professionale  di  uno  dei  Paesi  dell'Unione  europea  consente la
partecipazione    alla    selezione,    fermo    restando   l'obbligo
dell'iscrizione all'albo in Italia prima dell'assunzione in servizio.
    2)  anzianita'  di  servizio  di  sette anni, di cui cinque nella
disciplina  oggetto del presente avviso o in disciplina equipollente,
e  specializzazione  nella  disciplina  medesima  o in una disciplina
equipollente  ovvero  anzianita'  di  servizio  di  dieci  anni nella
disciplina.  L'anzianita' di servizio utile per l'accesso deve essere
maturata  secondo  le disposizioni contenute nell'art. 10 del decreto
del  Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997, n. 484, nell'unico
articolo  del  d.m. n.184 del 23 marzo 2000 e nell'art. 1 del decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2001.
   Per  le  discipline  equipollenti si fa riferimento al Decreto del
Ministero  della  Sanita' 30 gennaio 1998, e successive modificazioni
ed integrazioni.
    3)  curriculum  professionale  di  cui  all'art.  8, comma 3, del
decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997, n. 484.
   I predetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza
del   termine   stabilito  per  la  presentazione  delle  domande  di
ammissione.
   Non  possono  partecipare  all'avviso  coloro  che  siano  esclusi
dall'elettorato  politico  attivo  nonche'  coloro  che  siano  stati
dispensati  dall'impiego presso una pubblica amministrazione per aver
conseguito l'impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi
o viziati da invalidita' non sanabile.
   L'accertamento  del possesso dei requisiti specifici di ammissione
e'  effettuato dalla Commissione di cui all'art. 15-ter del d.lgs. 30
dicembre  1992,  n.  502,  come sostituito dall'art. 13 del d.lgs. 19
giugno 1999, n. 229.
2) Domanda di ammissione.
   La domanda, con la documentazione allegata, puo' essere:
    inoltrata   a   mezzo   servizio  pubblico  postale,  a  pena  di
esclusione,   entro  il  termine  perentorio  del  trentesimo  giorno
successivo  a  quello  della data di pubblicazione del presente bando
nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica, al seguente indirizzo:
Azienda  U.S.L.  n.  1 di Avezzano-Sulmona, Servizio Gestione Risorse
Umane, Via Porta Romana n. 6 - 67039 Sulmona (AQ); a tal fine fa fede
il timbro a data dell'Ufficio Postale accettante;
   ovvero
    presentata  direttamente  al  suddetto  Servizio Gestione Risorse
Umane  dalle ore 10.30 alle ore 12 di tutti i giorni feriali, escluso
il sabato, e dalle ore 15.30 alle ore 17.30 del martedi' e giovedi' e
comunque, a pena di esclusione, entro il termine perentorio delle ore
12   del   trentesimo  giorno  successivo  a  quello  della  data  di
pubblicazione  del  presente  bando  nella  Gazzetta  Ufficiale della
Repubblica.
   Qualora  detto  giorno  sia  festivo  il termine e' prorogato alla
stessa ora del primo giorno successivo non festivo.
   Le domande si considerano prodotte in tempo utile anche se spedite
a  mezzo  raccomandata  con  avviso  di  ricevimento entro il termine
indicato;  a  tal  fine fa fede il timbro a data dell'ufficio postale
accettante.
   Il  termine  fissato  per  la  presentazione  delle  domande e dei
documenti  e'  perentorio; l'eventuale riserva di invio successivo di
documenti e' priva di effetto.
   Non  e'  consentito il riferimento a documenti presentati a questa
Amministrazione in altre circostanze.
   L'Azienda  USL  non  assume  responsabilita' per la dispersione di
comunicazioni  dipendenti  da  inesatte  indicazioni  del recapito da
parte  del  concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del
cambiamento  dell'indirizzo  indicato nella domanda ne' per eventuali
disguidi  postali  o  telegrafici  o  comunque  imputabili a fatto di
terzi, a caso fortuito o a forza maggiore.
   Nella  domanda  gli  aspiranti  devono dichiarare sotto la propria
personale responsabilita':
    a)  il  cognome  e  nome,  la  data  ed  il  luogo di nascita, la
residenza;
    b) il possesso della cittadinanza italiana o equivalente;
    c)  il  Comune  di  iscrizione  nelle  liste elettorali, ovvero i
motivi  della  non  iscrizione  o  della  cancellazione  dalle  liste
medesime;
    d)   le   eventuali   condanne   penali   riportate  (la  mancata
dichiarazione   sara'   equiparata   ad   ogni  effetto  di  legge  a
dichiarazione negativa);
    e)  i  titoli  di  studio  posseduti  ed  il possesso degli altri
requisiti specifici di ammissione richiesti;
    f)  la  posizione  nei  riguardi  degli  obblighi militari (per i
candidati di sesso maschile);
    g)   i   servizi   prestati   come   impiegati  presso  Pubbliche
Amministrazioni  e  le cause di risoluzione di precedenti rapporti di
pubblico impiego;
    h)  il domicilio presso il quale deve essere fatta all'aspirante,
ad  ogni  effetto,  ogni necessaria comunicazione; in caso di mancata
indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza.
   La  domanda  di  partecipazione  deve  essere firmata in calce dal
candidato.
   La  domanda  non  sottoscritta  dal  candidato  non sara' presa in
considerazione.
3)  Documentazione  da allegare alla domanda o da dichiarare ai sensi
degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445.
    a)  certificato, in data non anteriore a 6 mesi rispetto a quella
di  scadenza  del  presente  bando,  attestante l'iscrizione all'albo
dell'Ordine  dei Medici, in originale o in copia autenticata ai sensi
di  legge,  ovvero  ,  dichiarazione  sostitutiva  di  certificazione
relativa  alla  predetta  iscrizione ed indicante: Provincia, data di
prima  iscrizione  e  numero  di posizione nel registro, sottoscritta
dall'interessato  sotto  la  propria  responsabilita'.  La  precitata
dichiarazione sostitutiva puo' essere resa anche contestualmente alla
domanda.
    b)  certificato,  in originale o in copia autenticata ai sensi di
legge,  attestante  il  possesso  dei requisiti specifici di cui alla
lettera  B),  punto  2), ovvero, dichiarazione sostitutiva di atto di
notorieta' attestante il possesso dei predetti requisiti specifici di
ammissione  richiesti dal presente avviso; per le certificazioni o le
dichiarazioni  relative  ai  servizi  si  rinvia  a  quanto  previsto
dall'art.  10 del decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre
1997,  n.  484, dall'unico articolo del decreto ministeriale 23 marzo
2000,  n. 184, e dall'art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri 8 marzo 2001.
   Nelle  certificazioni  o  dichiarazioni  sostitutive  di  atto  di
notorieta'  relative  ai  servizi deve essere attestato o indicato se
ricorrono  o  meno le condizioni di cui all'ultimo comma dell'art. 46
del decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761.
In  caso  positivo  l'attestazione  o l'indicazione deve precisare la
misura della rideterminazione del punteggio di anzianita'.
   Si   fa   presente   che   il   servizio   prestato   puo'  essere
autocertificato  solo  con  la  dichiarazione  sostitutiva di atto di
notorieta'  ai  sensi  dell'art.  47 del decreto del Presidente della
Repubblica  28  dicembre  2000,  n.  445,  e  deve contenere l'esatta
denominazione   dell'ente  presso  il  quale  il  servizio  e'  stato
prestato, la posizione funzionale, il tipo di rapporto (tempo pieno o
definito),  il  periodo  di servizio effettuato, nonche' le eventuali
interruzioni (aspettativa senza assegni, sospensione cautelare, etc.)
e quant'altro necessario per una corretta valutazione del servizio.
    c)  curriculum professionale, datato e firmato, con riferimento a
quanto   previsto  dall'art.  8  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  10  dicembre  1997,  n.  484. I contenuti del curriculum,
esclusi  quelli  relativi  alla  tipologia qualitativa e quantitativa
delle  prestazioni  effettuate  e  le  pubblicazioni,  possono essere
autocertificati  ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica
28 dicembre 2000, n. 445.
    d)  elenco, in triplice copia ed in carta semplice, dei documenti
e dei titoli presentati, firmato dal concorrente.
   Alla  domanda  di  partecipazione potranno inoltre essere allegati
tutti  i  documenti, pubblicazioni e titoli scientifici e di carriera
che  i  candidati  ritengano  opportuno presentare agli effetti della
valutazione del curriculum professionale.
   I  titoli possono essere prodotti in originale o in copia legale o
autenticata  ai  sensi di legge ovvero autocertificati nei casi e nei
limiti  previsti dalla normativa vigente. Per una corretta e puntuale
valutazione  dei titoli autocertificabili si raccomanda una analitica
descrizione  del  contenuto delle dichiarazioni e si consiglia a tale
riguardo    di   allegare   una   fotocopia   semplice   dei   titoli
autocertificati.
   Le pubblicazioni devono essere edite a stampa.
   La  dichiarazione  sostitutiva  di  atto  di  notorieta', ai sensi
dell'art.  19 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre
2000,  n. 445, puo' riguardare anche il fatto che la copia di un atto
o   di   un   documento  conservato  o  rilasciato  da  una  Pubblica
Amministrazione,  la  copia  di  una pubblicazione ovvero la copia di
titoli di studio o di servizio sono conformi all'originale.
   La   dichiarazione   sostitutiva   dell'atto   di   notorieta'  e'
sottoscritta   dall'interessato   in   presenza   di  un  funzionario
dell'Amministrazione  ricevente,  ovvero  sottoscritta  e inviata per
posta  unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento
di identita' del sottoscrittore in corso di validita'.
   Le  dichiarazioni  sostitutive  di  cui  al decreto del Presidente
della  Repubblica  28  dicembre  2000,  n.  445,  devono contenere la
clausola  specifica  che  il  candidato e' consapevole delle sanzioni
penali,  nel caso di dichiarazioni non veritiere, di formazione o uso
di  atti  falsi,  richiamate  dall'art. 76 del decreto del Presidente
della Repubblica n. 445/2000.
   Si  rammenta  che l'Amministrazione e' tenuta ad effettuare idonei
controlli   sulla   veridicita'  del  contenuto  delle  dichiarazioni
sostitutive ricevute e che, oltre alla decadenza dell'interessato dai
benefici  eventualmente  conseguiti  sulla  base di dichiarazione non
veritiera,  sono  applicabili  le  sanzioni  penali  previste  per le
ipotesi di falsita' in atti e dichiarazioni mendaci.
   La  domanda  ed i relativi documenti non sono soggetti all'imposta
di  bollo  ai  sensi  di  quanto  previsto dall'art. 1 della legge 23
agosto 1988, n. 370.
4) Modalita' di selezione.
   La Commissione di cui all'art. 15-ter del d.lgs. 30 dicembre 1992,
n.  502,  come  sostituito dall'art. 13 del d.lgs. 19 giugno 1999, n.
229,  accerta  l'idoneita'  del  candidato sulla base del colloquio e
della valutazione del curriculum professionale.
   Il   colloquio   e'   diretto  alla  valutazione  delle  capacita'
professionali   del   candidato   nella   specifica   disciplina  con
riferimento  anche alle esperienze professionali documentate, nonche'
all'accertamento  delle  capacita'  gestionali,  organizzative  e  di
direzione  del  candidato  stesso  con  riferimento  all'incarico  da
svolgere.
   I  contenuti  del  curriculum,  valutati ai fini dell'accertamento
dell'idoneita',  concernono  le  attivita'  professionali, di studio,
direzionali-organizzative con riferimento a quanto previsto dal comma
3 dell'art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre
1997, n. 484, e precisamente:
    a)  alla  tipologia  delle  istituzioni  in  cui sono allocate le
strutture  presso  le quali il candidato ha svolto la sua attivita' e
alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;
    b)  alla  posizione  funzionale  del candidato nelle strutture ed
alle  sue competenze con indicazione di eventuali specifici ambiti di
autonomia professionale con funzioni di direzione;
    c)  alla  tipologia  qualitativa e quantitativa delle prestazioni
effettuate dal candidato;
    d)  ai  soggiorni  di studio o di addestramento professionale per
attivita' attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o
estere  di  durata  non  inferiore  a  tre  mesi,  con esclusione dei
tirocini obbligatori;
    e)  alla  attivita'  didattica  presso  corsi  di  studi  per  il
conseguimento  di diploma universitario, di laurea o specializzazione
ovvero  presso  scuole  per  la formazione di personale sanitario con
indicazione delle ore annue di insegnamento;
    f)  alla  partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari,
anche  effettuati  all'estero,  valutati  secondo  i  criteri  di cui
all'art.  9  del  decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre
1997, n. 484, nonche' alle pregresse idoneita' nazionali.
   Nella  valutazione  del  curriculum  e'  presa  in considerazione,
altresi',  la  produzione  scientifica  strettamente  pertinente alla
disciplina,    pubblicata    su   riviste   italiane   o   straniere,
caratterizzata  da  criteri  di  filtro nell'accettazione dei lavori,
nonche' il suo impatto sulla comunita' scientifica.
   La  data  e  la  sede  in  cui  si  svolgera' il colloquio saranno
comunicati   ai  candidati  a  cura  della  Commissione  con  lettera
raccomandata con avviso di ricevimento.
5) Conferimento dell'incarico.
   L'attribuzione  dell'incarico e' effettuata dal Direttore Generale
sulla base del parere della Commissione ai sensi dell'art. 15-ter del
d.lgs.  30  dicembre  1992,  n. 502, come sostituito dall'art. 13 del
d.lgs. 19 giugno 1999, n. 229.
   Il rapporto di lavoro del dirigente e' esclusivo.
   Il  candidato  al quale e' conferito l'incarico ricevera' apposita
comunicazione  a  cura del servizio amministrazione del personale ove
saranno  specificati  gli  eventuali  adempimenti  a suo carico ed il
termine  per  la  stipula  del  contratto individuale di lavoro e per
l'inizio del servizio.
   All'incaricato  sara' attribuito il trattamento economico previsto
per  la  relativa  qualifica  di dirigente di struttura complessa dal
vigente C.C.N.L. dell'area della Dirigenza Medica e Veterinaria.
   In  attuazione  di  quanto  previsto  dall'art.  15,  comma 2, del
decreto  del  Presidente  della  Repubblica 10 dicembre 1997, n. 484,
nonche'  dall'art.  15  del  d.lgs.  30  dicembre  1992, n. 502, come
sostituito  dall'art.  13  del  d.lgs.  19  giugno  1999,  n. 229, il
dirigente   incaricato  ha  l'obbligo  di  acquisire  l'attestato  di
formazione  manageriale  di  cui agli artt. 5, comma 1, lett. d), e 7
del predetto decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997, nel
primo corso utile.
   L'incarico,  di durata quinquennale, puo' essere rinnovato, per lo
stesso periodo o per periodo piu' breve.
   Il  Dirigente  viene  assoggettato alla disciplina delle verifiche
periodiche dei risultati e delle attivita' dei dirigenti con incarico
di  direzione  di  struttura complessa di cui alle vigenti previsioni
contrattuali  per  l'area  della  Dirigenza  Medica e Veterinaria del
S.S.N..
   L'esito  positivo  delle  verifiche  costituisce condizione per la
conferma degli incarichi.
   Tutti  i  dati  personali  di  cui l'Amministrazione sia venuta in
possesso  in  occasione dell'espletamento della procedura concorsuale
verranno  trattati nel rispetto del d.lgs. 196/2003; la presentazione
della   domanda  da  parte  del  candidato  implica  il  consenso  al
trattamento  dei  propri dati personali, compresi i dati sensibili, a
cura  del personale assegnato all'ufficio preposto alla conservazione
delle  domande  ed all'utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle
procedure concorsuali.
   Ai  fini  del  decreto  suddetto,  si informa che i dati personali
raccolti   dall'Azienda  U.S.L.  n.  1  di  Avezzano-Sulmona  saranno
utilizzati  per  le  sole  finalita'  inerenti  allo  svolgimento del
concorso  e  alla  gestione  dell'eventuale  rapporto  di lavoro, nel
rispetto delle disposizioni vigenti.
   La  partecipazione  al  presente  avviso  presuppone  la integrale
conoscenza  da parte dei concorrenti delle norme e delle disposizioni
di  legge  inerenti  ai pubblici concorsi, delle forme e prescrizioni
relative  ai  documenti  ed atti da presentare e comporta l'implicita
accettazione  di  tutte  le  condizioni  alle quali l'assunzione deve
intendersi  soggetta,  delle norme di legge vigenti in materia, delle
norme regolamentari dell'Azienda U.S.L. e delle loro future eventuali
modificazioni.
   Per  quanto  non  previsto  dal  presente  bando  si  rinvia  alle
disposizioni legislative e regolamentari che disciplinano la materia.
   Per informazioni e chiarimenti gli interessati potranno rivolgersi
all'Azienda  U.S.L.  n.  1  di  Avezzano-Sulmona,  Servizio  Gestione
Risorse  Umane,  Via  Porta  Romana  n.  6, Sulmona (AQ), tel. (0864)
499519,  dalle  ore  10.30  alle ore 12.30 di tutti i giorni feriali,
escluso  il  sabato,  e dalle ore 15.30 alle ore 17.30 del martedi' e
del giovedi'.
                        Il direttore generale: dott. Giancarlo Moroni
   Il  termine  per  la produzione delle domande di partecipazione al
presente concorso:
    a)  presentazione  delle  domande  presso gli uffici del Servizio
Gestione  Risorse Umane, in Sulmona, entro e non oltre le ore 12, del
giorno ...................
    b)  inoltrata a mezzo servizio pubblico postale, ovvero spedite a
mezzo  raccomandata  con  avviso  di  ricevimento,  entro  il  giorno
.......................
   A  tal  fine  fa  fede  il  timbro  a  data  dell'ufficio  postale
accettante.