RETTIFICA MINISTERO DELLA DIFESA Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 64 del 18-08-2020

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

RETTIFICA

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia RETTIFICA
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 64 del 18-08-2020
Sintesi: MINISTERO DELLA DIFESARETTIFICA Modifiche al concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento, per il 2020, di duemilacentottantacinque volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP 4) nell'Esercito, nella Marina Militare, compreso il Corpo ...
Ente: MINISTERO DELLA DIFESA
Regione: VENETO
Provincia: VENEZIA
Comune: VENEZIA
Data di pubblicazione 18-08-2020
Data Scadenza bando 17-09-2020
Condividi

MINISTERO DELLA DIFESA

RETTIFICA

Modifiche al concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento, per il 2020, di duemilacentottantacinque volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP 4) nell'Esercito, nella Marina Militare, compreso il Corpo delle Capitanerie di Porto, e nell'Aeronautica Militare.

 
                     IL VICE DIRETTORE GENERALE 
                      per il personale militare 
 
                           di concerto con 
 
                     IL VICE COMANDANTE GENERALE 
                del Corpo delle capitanerie di porto 
 
    Visto il decreto legislativo 15 marzo 2010,  n.  66,  concernente
«Codice  dell'ordinamento  militare»   e   successive   modifiche   e
integrazioni; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15  marzo  2010,
n. 90, recante  «testo  unico  delle  disposizioni  regolamentari  in
materia  di  Ordinamento   militare»   e   successive   modifiche   e
integrazioni; 
    Visto il decreto interdirigenziale n.  2  del  12  febbraio  2020
emanato dalla Direzione generale per il personale militare (DGPM)  di
concerto con il Comando  generale  del  Corpo  delle  capitanerie  di
porto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - 4ª serie speciale  -  n.
16 del 25 febbraio 2020, con il quale e' stato indetto, per il  2020,
un concorso, per titoli  ed  esami,  per  il  reclutamento  di  2.185
volontari in ferma prefissata  quadriennale  (VFP  4)  nell'Esercito,
nella Marina militare, compreso il Corpo delle capitanerie di  porto,
e nell'Aeronautica militare; 
    Visto il decreto interdirigenziale n. 7 del 5 maggio 2020 con  il
quale e' stata approvata la variante proposta  dallo  Stato  maggiore
della Marina militare con il foglio n. M_D MSTAT0028111 del 20 aprile
2020; 
    Visto il foglio n. M_D MSTAT0043059 del 23  giugno  2020  con  il
quale  lo  Stato  maggiore  della  Marina  militare,   al   fine   di
riprogrammare le fasi del  concorso  in  questione  a  seguito  della
prolungata interruzione dovuta all'emergenza da COVID-19, ha proposto
ulteriori varianti alla procedura concorsuale; 
    Ritenuto  di   dover   procedere   alla   modifica   del   bando,
dell'allegato  «B»  e  all'eliminazione  dell'allegato  «H2»  (Marina
militare); 
    Tenuto  conto  che  l'art.  1,  comma  8  del   cennato   decreto
interdirigenziale n. 2 del 12 febbraio 2020 prevede  la  possibilita'
di apportare modifiche al bando di concorso; 
    Visto il decreto del Ministro della  difesa  16  gennaio  2013  -
registrato alla Corte dei conti il 1°  marzo  2013,  registro  n.  1,
foglio n. 390 - concernente,  tra  l'altro,  struttura  ordinativa  e
competenze della DGPM; 
    Visto l'art. 1 del  decreto  dirigenziale  n.  1279/2019  del  26
novembre  2019  emanato  dal  Comando  generale   del   Corpo   delle
capitanerie di porto, con cui all'Ammiraglio ispettore  (CP)  Antonio
Basile, quale Vice comandante generale del Corpo delle capitanerie di
porto, e' stata conferita la delega  all'adozione,  di  concerto  con
autorita' di  pari  rango  della  DGPM  e  nei  casi  previsti  dalla
normativa vigente, di  taluni  atti  di  gestione  amministrativa  in
materia di  reclutamento  del  personale  militare  del  Corpo  delle
capitanerie di porto; 
    Visti gli articoli 1 e 2 del decreto dirigenziale n. 323  del  16
giugno 2020 emanato dalla  DGPM,  con  cui  al  Generale  di  brigata
Lorenzo Santella, quale Vice direttore generale della DGPM, e'  stata
conferita la delega all'adozione, anche di concerto con autorita'  di
pari rango del Corpo delle capitanerie di porto, di  taluni  atti  di
gestione amministrativa in  materia  di  reclutamento  del  personale
delle Forze armate e dell'Arma dei carabinieri; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
    L'art. 8, comma 1, lettera d), del decreto interdirigenziale n. 2
del 12 febbraio 2020 e' cosi' modificato: 
    «Con decreti del Direttore generale per il personale  militare  o
di autorita' da lui delegata saranno  nominate,  per  ciascuna  Forza
armata, le seguenti commissioni: 
      a) commissione valutatrice; 
      b) commissione per gli accertamenti psico-fisici; 
      c) commissione per gli accertamenti attitudinali; 
      d) commissione per le prove  di  efficienza  fisica  (solo  per
l'Esercito e per l'Aereonautica militare)». 
                               Art. 2 
 
    L'art. 8, comma 4, del decreto  interdirigenziale  n.  2  del  12
febbraio 2020 e' cosi' modificato: 
    «Le commissioni di cui al precedente comma 1, lettere b) e c) per
la Marina militare saranno cosi' composte: 
      a) commissione per gli accertamenti psico-fisici: 
        un Ufficiale del Corpo sanitario militare marittimo di  grado
non inferiore a Capitano di vascello, presidente; 
        due Ufficiali del Corpo sanitario militare marittimo di grado
non inferiore a Capitano di corvetta, membri; 
        un Sottufficiale  del  ruolo  Marescialli,  segretario  senza
diritto di voto. 
    Detta commissione potra'  avvalersi  del  supporto  di  Ufficiali
medici specialisti o di medici specialisti esterni; 
      b) commissione per gli accertamenti attitudinali: 
        un Ufficiale di grado non inferiore a Capitano  di  corvetta,
presidente; 
        due Ufficiali specialisti  in  selezione  attitudinale  della
Marina militare, membri; 
        un Sottufficiale  del  ruolo  Marescialli,  segretario  senza
diritto di voto. 
    Detta commissione potra'  avvalersi  del  supporto  di  Ufficiali
specialisti in selezione attitudinale della Marina militare». 
                               Art. 3 
 
    L'art. 9, comma 9, lettera b) del decreto interdirigenziale n.  2
del 12 febbraio 2020 e' cosi' modificato: 
    «I candidati per la Marina militare che nelle graduatorie di  cui
al precedente comma 8 si siano collocati  entro  i  primi  466  posti
della graduatoria per il CEMM  ed  entro  i  primi  290  posti  della
graduatoria per le CP». 
                               Art. 4 
 
    L'art. 10, comma 6, del decreto interdirigenziale  n.  2  del  12
febbraio 2020 e' cosi' modificato: 
    «I candidati saranno altresi' sottoposti alle prove di efficienza
fisica secondo le modalita' riportate  negli  allegati  A  e  H1  per
l'Esercito e negli allegati C e  H3  per  l'Aeronautica  militare.  I
candidati provenienti dal congedo dovranno presentarsi alle prove  di
efficienza fisica con il certificato medico, in  corso  di  validita'
(il certificato deve avere validita' annuale), attestante l'idoneita'
all'attivita' sportiva agonistica per una delle  discipline  sportive
riportate nella tabella B del decreto del Ministero della sanita' del
18  febbraio  1982,  rilasciato  da  un  medico   appartenente   alla
Federazione medico-sportiva italiana  ovvero  a  struttura  sanitaria
pubblica o privata accreditata con il  Servizio  sanitario  nazionale
(SSN) ovvero da un medico (o struttura sanitaria pubblica o  privata)
autorizzato secondo le normative nazionali e regionali e che esercita
in tali ambiti in qualita' di medico specializzato in medicina  dello
sport. 
    I candidati di sesso femminile,  prima  dello  svolgimento  delle
prove di efficienza fisica, dovranno presentare l'originale  o  copia
conforme del referto del test di gravidanza, rilasciato da  struttura
sanitaria pubblica, anche militare,  o  privata  accreditata  con  il
Servizio sanitario nazionale, con  campione  biologico  prelevato  in
data non anteriore a cinque giorni precedenti le  prove.  Coloro  che
non esibiranno tale referto saranno sottoposte a test di  gravidanza,
per  escludere  l'esistenza  di  tale  stato,  al  solo  fine   della
effettuazione  in  sicurezza  delle  prove  di   efficienza   fisica.
L'eventuale positivita' del test sara' comunicata alle interessate in
via  riservata.  L'individuato  stato  di  gravidanza  impedira'   la
sottoposizione alle prove di efficienza fisica. Le candidate  che  si
trovano in stato di gravidanza e non possono essere  sottoposte  agli
accertamenti fisio-psico-attitudinali  e  alle  prove  di  efficienza
fisica, sono ammesse d'ufficio, anche in deroga, per una sola  volta,
ai limiti di eta', a svolgere i predetti accertamenti nell'ambito del
primo concorso utile successivo alla  cessazione  di  tale  stato  di
temporaneo  impedimento.  Il  provvedimento  di  rinvio  puo'  essere
revocato, su istanza di parte, se il  suddetto  stato  di  temporaneo
impedimento cessa in data compatibile con i tempi  necessari  per  la
definizione della graduatoria di merito.  Fermo  restando  il  numero
delle  assunzioni  annualmente  autorizzate,  le  candidate  rinviate
risultate idonee e nominate vincitrici nella  graduatoria  finale  di
merito  del  concorso  per  il  quale  hanno  presentato  istanza  di
partecipazione  sono  avviate  alla  frequenza  del  primo  corso  di
formazione utile in aggiunta ai vincitori di concorso cui sono  state
rinviate». 
                               Art. 5 
 
    L'allegato  B  (Marina  militare),   lettera   B.   «Accertamenti
fisio-psico-attitudinali e prove di efficienza  fisica»  del  decreto
interdirigenziale n. 2 del 12 febbraio 2020 e' cosi' modificato: 
B. Accertamenti fisio-psico-attitudinali. 
    1. Candidati in servizio nelle Forze armate che concorrono per la
Marina militare: 
a) Accertamenti psico-fisici. 
    I candidati in servizio di altre Forze armate saranno  sottoposti
a visita medica a cura del proprio Dirigente del  servizio  sanitario
ovvero del Capo dell'infermeria di Corpo ovvero dell'Ufficiale medico
del   Servizio   sanitario    del    reparto    ovvero    di    altro
ente/reparto/unita' navale o di altra struttura sanitaria delle Forze
armate. 
    L'Ufficiale   medico   di   riferimento,   sulla    base    della
documentazione sanitaria agli atti del Comando  di  appartenenza  del
candidato, dell'indagine anamnestica e della visita medica,  rilascia
un certificato, conforme all'allegato F2 al bando, attestante sia  il
profilo sanitario attribuito all'atto della selezione quale VFP  1  -
ovvero,  successivamente,  da  altro  organo  medico-legale   -   sia
l'assenza o l'eventuale insorgenza di patologie che possano  incidere
sull'idoneita' al servizio militare. 
    I candidati risultati idonei alla prova di selezione a  carattere
culturale,  logico-deduttivo  e  professionale  e   sottoposti   alla
predetta verifica sanitaria sono convocati, sulla base degli  elenchi
predisposti dalla DGPM, presso il Centro di  selezione  della  Marina
militare di Ancona, ovvero altro ente/comando di  Forza  armata,  per
essere sottoposti ai successivi  accertamenti  psico-fisici,  a  cura
della commissione di cui all'art. 8, comma 1, lettera b) del bando. 
    Tutti i candidati,  compresi  quelli  in  servizio  nella  Marina
militare, dovranno presentarsi in uniforme. 
    La commissione dispone per tutti i candidati l'effettuazione di: 
      anamnesi; 
      esame  obiettivo  generale;  in  tale   sede   la   commissione
giudichera' inidoneo il candidato che presenti tatuaggi  quando,  per
la loro  sede  o  natura,  siano  deturpanti  o  contrari  al  decoro
dell'uniforme o siano possibile indice di  personalita'  abnorme  (in
tal caso da accertare con visita psichiatrica e con appropriati  test
psicodiagnostici); 
      analisi delle urine con esame del sedimento; 
      accertamenti  volti  alla  verifica  dell'abuso  di  alcool   e
dell'uso, anche saltuario od occasionale,  di  sostanze  stupefacenti
nonche' dell'utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico; 
      ogni ulteriore indagine (compreso l'esame radiologico) ritenuta
utile per consentire un'adeguata valutazione clinica e  medico-legale
del candidato. 
    La commissione, in assenza di elementi significativi, confermera'
il profilo somato-funzionale di cui al  modello  in  allegato  F2  al
bando. Se invece lo ritiene  necessario,  sulla  base  dell'anamnesi,
della documentazione e/o degli  esami  sopraindicati,  provvedera'  a
rideterminare i coefficienti  relativi  agli  apparati  eventualmente
sottoposti a nuova  indagine.  La  commissione  emettera'  quindi  il
giudizio di idoneita' o inidoneita',  comunicandone  subito  l'esito,
per iscritto, all'interessato. 
    In caso di inidoneita', la commissione ne notifica  al  candidato
il motivo, con  il  profilo  sanitario  attribuito.  Il  giudizio  e'
definitivo e comporta l'esclusione dalla procedura concorsuale. 
    Saranno dichiarati idonei i candidati riconosciuti esenti: 
      dalle imperfezioni/infermita' di cui al decreto del  Presidente
della Repubblica 15 marzo 2010,  n.  90,  e  alle  vigenti  direttive
tecniche emanate con il decreto del Ministro della  difesa  4  giugno
2014; 
      da altre patologie ritenute  incompatibili  con  l'espletamento
del servizio quale volontario in servizio permanente; 
      da patologie  per  le  quali  e'  prevista  l'attribuzione  dei
coefficienti  3  o  4  nelle  caratteristiche  somato-funzionali  del
profilo sanitario, secondo le vigenti direttive sul profilo sanitario
di cui al decreto del Ministro della difesa 4 giugno 2014. 
    Saranno dichiarati idonei inoltre, i candidati  in  servizio  che
abbiano contratto un'infermita' si dipendente da causa  di  servizio,
che ha determinato una permanente non idoneita' in modo  parziale  al
S.M.I.,  fatto   salvo   l'insorgere   di   eventuale/i   ulteriore/i
patologia/e non dipendente/i da causa di servizio. 
    I candidati che presentano un deficit di G6PD  e  ai  quali,  per
tale deficit, e'  stato  attribuito  il  coefficiente  3  o  4  nella
caratteristica somato-funzionale AV-EI, dovranno rilasciare - qualora
non  esistente  nella   propria   documentazione   sanitaria   -   la
dichiarazione di ricevuta  informazione  e  di  responsabilizzazione,
redatta conformemente all'allegato L al presente bando, tenuto  conto
che per la caratteristica somato-funzionale AV, indipendentemente dal
coefficiente assegnato, la  carenza  accertata,  totale  o  parziale,
dell'enzima G6PD non puo'  essere  motivo  di  esclusione,  ai  sensi
dell'art. 1 della legge 12 luglio  2010,  n.  109,  richiamata  nelle
premesse del bando. 
b) Accertamenti attitudinali. 
    Contestualmente  agli  accertamenti  psico-fisici   i   candidati
saranno  sottoposti  presso  il  Centro  di  selezione  della  Marina
militare di Ancona, ovvero altro ente/comando di Forza armata, a cura
della commissione di cui all'art. 8, comma 1, lettera c) del bando, a
una serie di accertamenti attitudinali, come  da  direttive  tecniche
vigenti. 
    Tali accertamenti consistono  in  prove  volte  a  verificare  il
possesso  delle  qualita'  attitudinali   e   caratteriologiche   che
assicurino l'assolvimento dei compiti previsti  per  i  VFP  4  della
Marina militare. 
    Al termine di detti accertamenti sara' espresso  un  giudizio  di
idoneita' ovvero di inidoneita'. 
    I candidati giudicati inidonei saranno esclusi dal concorso. 
    2. Candidati in congedo che concorrono per la Marina militare: 
a) Accertamenti psico-fisici. 
    I candidati in congedo risultati idonei alla prova di selezione a
carattere culturale, logico-deduttivo e professionale sono convocati,
sulla base degli elenchi predisposti dalla DGPM, presso il Centro  di
selezione della Marina militare di Ancona, ovvero altro  ente/comando
di Forza armata, per essere sottoposti  ad  accertamenti  sanitari  -
nonche' all'accertamento del requisito di cui all'art.  2,  comma  1,
lettera k) del bando (esito negativo  agli  accertamenti  diagnostici
per l'abuso di alcool e per l'uso, anche saltuario od occasionale, di
sostanze stupefacenti nonche' per l'utilizzo di sostanze psicotrope a
scopo non terapeutico) - a cura della commissione di cui all'art.  8,
comma 1, lettera b) del bando stesso. 
    I  candidati  dovranno  presentarsi  muniti  della  sottoelencata
documentazione sanitaria, che dovra' essere prodotta in  originale  o
copia conforme ed essere stata rilasciata in data non anteriore a sei
mesi dal giorno previsto per gli accertamenti sanitari  ad  eccezione
di quelli riguardanti il gruppo sanguigno e il dosaggio  quantitativo
del G6PD, che non presentano termini di scadenza  e  -  salvo  quando
diversamente  indicato  -  da  struttura  sanitaria  pubblica,  anche
militare, o privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale: 
      referto  dell'analisi  completa  delle  urine  con  esame   del
sedimento; 
      referto dell'analisi del sangue concernente: 
        emocromo completo con formula leucocitaria; 
        gruppo sanguigno (la certificazione di tale  esame,  se  gia'
effettuato in precedenza, ha validita' illimitata); 
        VES; 
        glicemia; 
        azotemia; 
        creatininemia; 
        trigliceridemia; 
        colesterolemia totale e frazionata; 
        transaminasemia (GOT e GPT); 
        bilirubinemia diretta e indiretta; 
        gamma GT; 
        markers virali: anti HAV, HbsAg, anti HBs, anti  HBc  e  anti
HCV; 
        l'esito  del  test  di  accertamento  della   posivita'   per
anticorpi per HIV; 
      certificato di stato di buona salute,  di  cui  al  modello  in
allegato G1 al bando, rilasciato  dal  proprio  medico  in  data  non
anteriore a  sei  mesi  dal  giorno  previsto  per  gli  accertamenti
sanitari, che attesti la presenza/assenza di pregresse manifestazioni
emolitiche,  di  gravi  manifestazioni  immunoallergiche,  di   gravi
intolleranze e idiosincrasie a farmaci o alimenti; 
      ai soli fini  dell'eventuale  successivo  impiego,  referto  di
analisi di laboratorio concernente il dosaggio quantitativo del  G6PD
(la certificazione quantitativa di tale esame, se gia' effettuato  in
precedenza, ha validita' illimitata); 
      originale dell'attestazione che l'eventuale struttura sanitaria
privata di cui viene  prodotto  il  referto  e'  accreditata  con  il
Servizio sanitario nazionale. 
    Inoltre, i candidati di sesso femminile dovranno presentare: 
      originale o copia conforme del  referto  di  ecografia  pelvica
eseguita presso  struttura  sanitaria  pubblica,  anche  militare,  o
privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale in  data  non
anteriore a  sei  mesi  dal  giorno  previsto  per  gli  accertamenti
sanitari; 
      originale o copia conforme del referto del test di  gravidanza,
eseguito presso  struttura  sanitaria  pubblica,  anche  militare,  o
privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale in  data  non
anteriore  a  cinque  giorni  rispetto  a  quella  prevista  per  gli
accertamenti sanitari. Nel caso in  cui  il  test  sia  positivo,  si
applica quanto previsto dall'art. 10, comma 6 del bando di concorso. 
    I candidati che ne sono gia' in possesso potranno produrre  anche
l'esame radiografico del torace in due proiezioni. 
    La mancata presentazione anche di uno solo dei documenti  chiesti
determinera'  l'esclusione   del   concorrente   dagli   accertamenti
sanitari, con l'eccezione dell'esame  radiografico,  dei  referti  di
analisi di laboratorio concernenti il gruppo sanguigno,  dell'analisi
completa dell'urina e del  dosaggio  del  G6PD.  Quest'ultimo  dovra'
comunque     essere     prodotto     dai     concorrenti     all'atto
dell'incorporamento, qualora vincitori. 
    La commissione, presa visione e acquisita tutta la documentazione
sanitaria  sopraindicata,  dispone   l'effettuazione   dei   seguenti
accertamenti clinico-diagnostici e di laboratorio: 
      visita cardiologica con elettrocardiogramma; 
      visita oculistica; 
      visita odontoiatrica; 
      visita otorinolaringoiatrica comprensiva di esame audiometrico; 
      visita psichiatrica; 
      valutazione dell'apparato locomotore; 
      accertamenti  volti  alla  verifica  dell'abuso  di  alcool   e
dell'uso, anche saltuario od occasionale,  di  sostanze  stupefacenti
nonche' dell'utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico; 
      visita medica generale: in tale sede la commissione giudichera'
inidoneo il candidato che presenti tatuaggi quando, per la loro  sede
o natura, siano deturpanti o contrari al decoro dell'uniforme o siano
possibile indice di personalita' abnorme (in tal  caso  da  accertare
con visita psichiatrica e con appropriati test psicodiagnostici); 
      ogni ulteriore indagine (compreso l'esame radiologico) ritenuta
utile per consentire un'adeguata valutazione clinica e  medico-legale
del candidato. 
    Al termine degli accertamenti la commissione emette  il  giudizio
di idoneita'  o  di  inidoneita'  e  delinea  il  profilo  sanitario,
desumendolo dalle condizioni di salute del candidato, quali risultano
dagli accertamenti eseguiti. 
    In caso di  mancata  presentazione  del  referto  di  analisi  di
laboratorio  concernente  il  dosaggio  del  G6PD,  ai   fini   della
definizione    della    caratteristica    somato-funzionale    AV-EI,
limitatamente alla  carenza  del  predetto  enzima,  al  coefficiente
attribuito sara' aggiunta la dicitura «deficit di G6PD non definito». 
    In caso di inidoneita', la commissione ne notifica  al  candidato
il motivo, con  il  profilo  sanitario  attribuito.  Il  giudizio  e'
definitivo e comporta l'esclusione dalla procedura concorsuale. 
    Saranno dichiarati idonei i candidati riconosciuti esenti: 
      dalle imperfezioni/infermita' di cui al decreto del  Presidente
della Repubblica 15 marzo 2010,  n.  90,  e  alle  vigenti  direttive
tecniche emanate con il decreto del Ministro della  difesa  4  giugno
2014  nonche'  in  possesso  dei  parametri  fisici  correlati   alla
composizione  corporea,   alla   forza   muscolare   e   alla   massa
metabolicamente attiva  non  rientranti  nei  valori  limite  di  cui
all'art. 587 del decreto del Presidente  della  Repubblica  15  marzo
2010, n. 90, come sostituito dall'art. 4, comma  1,  lettera  c)  del
decreto del Presidente della Repubblica 17  dicembre  2015,  n.  207,
accertati con le modalita' previste  dalla  direttiva  tecnica  dello
Stato maggiore della difesa  -  Ispettorato  generale  della  Sanita'
militare - edizione 2016, citata nelle premesse del bando; 
      da altre patologie ritenute  incompatibili  con  l'espletamento
del servizio quale volontario in servizio permanente; 
      da patologie  per  le  quali  e'  prevista  l'attribuzione  dei
coefficienti  3  o  4  nelle  caratteristiche  somato-funzionali  del
profilo sanitario, secondo le vigenti direttive sul profilo sanitario
di cui al decreto del Ministro della difesa 4 giugno 2014. 
    I candidati che presenteranno un deficit di G6PD e ai quali,  per
tale  deficit,  sara'  attribuito  il  coefficiente  3  o   4   nella
caratteristica  somato-funzionale  AV-EI,  dovranno   rilasciare   la
dichiarazione di ricevuta  informazione  e  di  responsabilizzazione,
redatta conformemente all'allegato L al presente bando, tenuto  conto
che per la caratteristica somato-funzionale AV, indipendentemente dal
coefficiente assegnato, la  carenza  accertata,  totale  o  parziale,
dell'enzima G6PD non puo'  essere  motivo  di  esclusione,  ai  sensi
dell'art. 1 della legge 12 luglio  2010,  n.  109,  richiamata  nelle
premesse del bando. 
b) Accertamenti attitudinali. 
    I  candidati  risultati  idonei  agli  accertamenti  psico-fisici
saranno  sottoposti  presso  il  Centro  di  selezione  della  Marina
militare di Ancona, ovvero altro ente/comando di Forza armata, a cura
della commissione di cui all'art. 8, comma 1, lettera c) del bando, a
una serie di accertamenti attitudinali, secondo le modalita' previste
per i candidati in servizio al precedente paragrafo 1, lettera b). 
                               Art. 6 
 
    L'allegato H2  (Marina  militare)  «Prove  di  efficienza  fisica
obbligatorie da effettuarsi ai fini  del  reclutamento  quale  VFP  4
nella Marina militare» del decreto  interdirigenziale  n.  2  del  12
febbraio 2020 e' eliminato. 
    Il presente decreto sara' sottoposto al controllo ai sensi  della
normativa  vigente  e  pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale   della
Repubblica italiana. 
 
      Roma, 27 luglio 2020 
 
                                           Il Vice direttore generale 
                                            per il personale militare 
                                                    Santella          
     Il Vice comandante generale 
del Corpo delle capitanerie di porto 
               Basile