Concorso per 14 ausiliari (lazio) MINISTERO DELL'INTERNO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichč č scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 14
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 29 del 12-04-2019
Sintesi: MINISTERO DELL'INTERNO Concorso (Scad. 12 maggio 2019) Assunzione di quattordici unita' di personale da inquadrare nei profili professionali di ausiliario (area funzionale prima, fascia retributiva F1) e di operatore ...
Ente: MINISTERO DELL'INTERNO
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 22-04-2019
Data Scadenza bando 12-05-2019
Condividi

MINISTERO DELL'INTERNO

Concorso (Scad. 12 maggio 2019)

Assunzione di quattordici unita' di personale da inquadrare nei profili professionali di ausiliario (area funzionale prima, fascia retributiva F1) e di operatore amministrativo (area funzionale seconda, fascia retributiva F1), mediante richiesta numerica di avviamento a selezione ai centri per l'impiego, ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68.

 
    Si rende noto che questa Amministrazione, al fine  di  assicurare
il rispetto della quota d'obbligo prevista dall'art. 3 della legge 12
marzo 1999, n. 68, ha inoltrato, nel corrente anno 2019 ai centri per
l'impiego   territorialmente   competenti   richiesta   numerica   di
avviamento  a  selezione  di  quattordici  unita'  di  personale   da
inquadrare  nei  ruoli  del  personale  dell'Amministrazione   civile
dell'interno con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e pieno, di
cui  undici  con  il  profilo  professionale  di   ausiliario   (area
funzionale prima,  fascia  retributiva  F1)  e  tre  con  il  profilo
professionale di operatore amministrativo (area  funzionale  seconda,
fascia retributiva F1), da assegnare agli uffici di seguito indicati: 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Ancona, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Ascoli Piceno, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Brescia, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Campobasso, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Fermo, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G.  o  Questura  di  Frosinone,   un   operatore
amministrativo; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Latina, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Nuoro, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G.  o  Questura   di   Perugia,   un   operatore
amministrativo; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Prato, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Siena, un ausiliario; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Siracusa, un ausiliario; 
      Uffici centrali,  Prefettura-U.T.G.  o  Questura  di  Roma,  un
operatore amministrativo; 
      Prefettura-U.T.G. o Questura di Viterbo, un ausiliario. 
    Nessuna  domanda  di   partecipazione   deve   essere   inoltrata
direttamente all'Amministrazione  civile  dell'interno  da  parte  di
soggetti eventualmente interessati, poiche' l'avviamento  avverra'  a
cura dei centri per l'impiego territorialmente competenti. 
    Le  domande  inoltrate  direttamente  all'Amministrazione  civile
dell'interno saranno archiviate senza alcuna  valutazione  in  quanto
presentate a soggetto incompetente. 
    I criteri, le modalita', nonche' il contenuto delle prove dirette
ad accertare l'idoneita' a svolgere le mansioni dei richiesti profili
professionali,  a  cui  dovranno  essere  sottoposti  i   quattordici
candidati avviati a selezione, verranno previamente  comunicati,  nei
tempi previsti, ai diretti interessati. 
    Si precisa, infine, che l'Amministrazione si riserva la facolta',
in qualsiasi momento, di escludere dalla selezione quei candidati nei
confronti  dei  quali  venga  accertata  la  mancanza  dei  requisiti
prescritti per l'ammissione al pubblico impiego e, in particolare, la
mancanza dei requisiti di incensurabilita' di cui all'art. 36,  comma
6 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.