Concorso per 8 personale laureato (lazio) AUTORITA' DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 8
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 87 del 02-11-2018
Sintesi: AUTORITA' DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Concorso (Scad. 17 dicembre 2018) Procedura di selezione per l'ammissione di otto praticanti. (Delibera n. 101/2018) L'Autorita', nella sua riunione ...
Ente: AUTORITA' DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 06-11-2018
Data Scadenza bando 17-12-2018
Condividi

AUTORITA' DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI

Concorso (Scad. 17 dicembre 2018)

Procedura di selezione per l'ammissione di otto praticanti. (Delibera n. 101/2018)

 
    L'Autorita', nella sua riunione dell'11 ottobre 2018 
      Visto l'art. 37 del decreto-legge  6  dicembre  2011,  n.  201,
convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n.  214,
che ha istituito, nell'ambito  delle  attivita'  di  regolazione  dei
servizi di pubblica utilita' di cui alla legge 14 novembre  1995,  n.
481,  l'Autorita'  di  regolazione   dei   trasporti   (di   seguito:
«Autorita'»); 
      Visto l'art. 1, commi 34, 35 e 36, della legge 28 giugno  2012,
n. 92, recante «Disposizioni in materia di riforma  del  mercato  del
lavoro in una prospettiva di crescita»; 
      Visto l'Accordo tra  il  Governo,  le  Regioni  e  le  Province
autonome di Trento e Bolzano del 25 maggio 2017 recante «Linee  guida
in materie di tirocini formativi e di orientamento»; 
      Visto il «Regolamento concernente il trattamento  giuridico  ed
economico del personale», approvato con delibera  n.  4/2013  del  31
ottobre  2013,  e  successive  modifiche  ed  integrazioni,   e,   in
particolare, l'art. 16 recante la  disciplina  del  praticantato  che
prevede «1. l'Autorita', anche sulla base di apposite convenzioni con
Universita', Enti ed Istituti  di  ricerca,  puo'  ospitare  studenti
iscritti all'ultimo anno del corso di laurea o giovani  laureati  per
una esperienza di praticantato, per un periodo non  superiore  ad  un
anno,  nelle   discipline   attinenti   le   materie   di   interesse
dell'Autorita',  previa   valutazione   comparativa   dei   curricula
pervenuti. 2. Tale attivita'  e'  esperita  a  titolo  gratuito,  non
costituisce attivita' lavorativa e puo' essere oggetto di valutazione
ai  fini  di  eventuali  procedimenti  concorsuali.  3.  Puo'  essere
previsto  un  rimborso  spese,   la   cui   misura   e'   determinata
dall'Autorita'»; 
      Visto  il  regolamento  concernente  l'organizzazione   ed   il
funzionamento dell'Autorita' approvato con delibera n. 61/2016 del 23
maggio 2016 e successive modificazioni e, in particolare,  l'art.  15
che disciplina la struttura dell'Autorita'; 
      Visto il codice etico del personale  dell'Autorita',  approvato
con delibera n. 58/2015 del 22 luglio 2015, le cui disposizioni, come
previsto dall'art. 3 del medesimo codice, sono anche applicabili, per
quanto  compatibili,   alle   persone   autorizzate   a   frequentare
l'Autorita' per effettuare periodi di praticantato, studi o ricerche; 
      Vista la delibera n. 144/2017 del 15 dicembre 2017 con la quale
e' stato approvato il  bilancio  di  previsione  2018  e  pluriennale
2018-2020; 
      Tenuto conto della positiva esperienza della prima edizione del
praticantato, avviata con delibera n. 118/2017 del 21 settembre 2017,
ora in fase di  conclusione,  e  dell'interesse  dell'Autorita'  allo
svolgimento di un ulteriore periodo di praticantato presso  i  propri
uffici; 
      Ritenuto  pertanto  di  indire  una  selezione   pubblica   per
l'ammissione di otto praticanti presso l'Autorita' per un periodo  di
praticantato,  non  retribuito,  della  durata  di  sei   mesi,   con
possibilita' di prolungamento per un periodo massimo di ulteriori sei
mesi, rivolta  a  giovani  laureati  in  possesso  dei  requisiti  di
partecipazione  e  secondo  le  modalita'  di   selezione   stabilite
dall'avviso di selezione allegato alla presente delibera; 
      Ritenuto altresi' di riconoscere a  favore  dei  praticanti,  a
titolo  di  rimborso  spese,  a  fronte  dell'effettiva  presenza  in
servizio, nell'ammontare mensile di euro 600,00 lordi per i residenti
nella regione Piemonte e di euro 800,00 lordi per i non residenti; 
      Considerato  che  gli  oneri  derivanti   dall'adozione   della
presente  delibera  trovano  copertura  nei  pertinenti  capitoli  di
bilancio; 
    su proposta del Segretario generale 
 
                              Delibera: 
 
    1. E' avviata una selezione  pubblica  per  l'ammissione  di otto
giovani laureati in discipline giuridiche,  economiche,  statistiche,
in ingegneria o in informatica, ad un  periodo  di  praticantato  non
retribuito presso l'Autorita' della durata di sei mesi,  prolungabili
per un periodo massimo di ulteriori sei mesi,  secondo  le  modalita'
contenute nell'avviso  di  selezione,  di  cui  all'allegato  A  alla
presente delibera, che ne costituisce parte integrante e sostanziale. 
    2. Responsabile della procedura di selezione di cui al punto 1 e'
il  direttore  dell'ufficio  affari   generali,   amministrazione   e
personale          dell'Autorita',          Vincenzo          Accardo
(v.accardo@autorita-trasporti.it - tel. 01119212510). 
    3. La presente  delibera  e'  pubblicata,  unitamente  all'avviso
allegato, nella Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana,  4ª
Serie speciale «Concorsi ed esami» e sul sito web dell'Autorita'. 
 
      Roma, 11 ottobre 2018 
 
                                               Il presidente: Camanzi 
 
                                                           Allegato A 
 
 
                               Art. 1. 
 
 
                            Praticantato 
 
    1.  L'Autorita'  di  regolazione  dei   trasporti,   di   seguito
Autorita', indice una selezione per un periodo  di  praticantato  non
retribuito  della  durata  di   sei   mesi,   con   possibilita'   di
prolungamento per un periodo massimo di ulteriori sei mesi in caso di
valutazione positiva del responsabile dell'Ufficio cui il  praticante
e' assegnato, per n. 8 giovani  laureati  in  discipline  giuridiche,
economiche,  statistiche,  in  Ingegneria  o   in   informatica,   da
utilizzare: 
      a) n. 3 unita' nell'Area Giuridica; 
      b)          n.           3           unita'           nell'Area
Contabile-tributaria-statistico-economica; 
      c) n. 1 unita' nell'Area Ingegneria; 
      d) n. 1 unita' nell'Area Informatica. 
    2. Ai fini  della  partecipazione  alla  selezione,  i  candidati
devono possedere i seguenti requisiti: 
      a) diploma di laurea magistrale, specialistica o a ciclo  unico
con votazione non inferiore a 105/110 o titolo equipollente,  secondo
quanto   previsto   dal   Decreto   del   Ministro   dell'Istruzione,
dell'Universita' e della Ricerca, di concerto con il Ministro per  la
pubblica  amministrazione  e  l'innovazione,  del  9  luglio  2009  e
successive  modificazioni,   in   materie   giuridiche,   economiche,
statistiche, in Ingegneria o in Informatica, conseguito da non  oltre
un anno. Il titolo di studio conseguito  all'estero  e'  valutato  se
corredato da  una  dichiarazione  di  equipollenza  rilasciata  dalla
competente autorita' italiana dalla quale risulti a quale  titolo  di
studio italiano esso corrisponda; 
      b) non aver compiuto l'eta' di 28 (ventotto) anni; 
      c) aver discusso la tesi di laurea o aver conseguito un  Master
di II°  livello  su  tematiche  attinenti  all'area  di  interesse  e
correlate alle attivita' e alle competenze dell'Autorita'; 
      d) cittadinanza italiana o di altro  Stato  membro  dell'Unione
europea; i cittadini degli Stati membri dell'Unione  europea  diversi
dall'Italia  devono  essere  in  possesso,  inoltre,  di  un'adeguata
conoscenza della lingua italiana; 
      e) godimento di diritti politici  (per  i  cittadini  di  altro
Stato membro dell'Unione europea nello Stato  di  appartenenza  o  di
provenienza). 
    3. I requisiti di cui al comma 2  devono  essere  posseduti  alla
data di scadenza del termine stabilito  per  la  presentazione  della
domanda di partecipazione; i requisiti indicati alle lettere d) ed e)
devono essere posseduti anche alla data  di  inizio  del  periodo  di
praticantato. 
    4. Non possono essere ammessi  alla  selezione  ne'  svolgere  il
praticantato coloro che: 
      a) siano stati esclusi dall'elettorato politico attivo; 
      b) abbiano riportato condanne penali, passate in giudicato, per
reati che comportano l'interdizione dai pubblici uffici. 
    5.  I  praticanti  sono  selezionati  mediante  una   valutazione
comparativa delle candidature pervenute, effettuata da parte  di  una
Commissione   interna   dell'Autorita',   di   seguito   Commissione,
specificatamente costituita successivamente alla data di scadenza del
termine di presentazione delle domande di partecipazione. 
    6. La Commissione seleziona i candidati risultati piu' meritevoli
sulla base  del  punteggio  attribuito  in  relazione  agli  elementi
dichiarati nella domanda  di  partecipazione.  In  particolare,  sono
valutati: 
      a) il voto di laurea; 
      b) l'argomento della tesi di laurea o il Master di II°  livello
in materie attinenti all'area di interesse e correlato alle attivita'
e alle competenze dell'Autorita'; 
      c)  il  conseguimento  del  Dottorato  di  ricerca  in  materie
giuridiche, economiche, statistiche, in ingegneria o  informatica  in
materie attinenti all'area di interesse del candidato; 
      d) le specializzazioni  post  lauream  in  materie  giuridiche,
economiche, statistiche, in Ingegneria o in  Informatica  in  materie
attinenti all'area di interesse del candidato; 
      e) il possesso di titoli o  diplomi  attestanti  la  conoscenza
della lingua inglese e di una o piu' lingue  europee,  tra  francese,
tedesco e spagnolo in base ai livelli  stabiliti  nel  Quadro  comune
europeo di riferimento per la  conoscenza  delle  lingue  (QCER);  il
possesso di titolo non e' necessario qualora il candidato dichiari di
essere di madrelingua; 
      f) gli eventuali  periodi  di  tirocinio  o  di  lavoro  svolti
nell'ambito di materie attinenti all'area di  interesse  e  correlate
alle attivita' e alle competenze dell'Autorita'. 
    Al fine di completare il processo valutativo, la  Commissione  ha
facolta' di sottoporre i candidati ad un colloquio, anche a  distanza
mediante sistemi di videoconferenza via Skype. 
    A parita' di punteggio complessivo e'  attribuita  preferenza  al
candidato piu' giovane. 
    7. In esito alla  valutazione,  la  Commissione  formula  quattro
distinte graduatorie secondo la seguente articolazione: 
      a) Area Giuridica; 
      b) Area Contabile-tributaria-statistico-economica; 
      c) Area Ingegneria; 
      d) Area Informatica. 
    8.  Il  periodo  di  praticantato  e'  svolto  presso   la   sede
dell'Autorita' sita in Via Nizza 230 - Torino. 
    9.   I   praticanti   sono   assegnati   ai   differenti   Uffici
dell'Autorita' tenendo conto dell'area di  interesse.  Il  praticante
deve preventivamente sottoscrivere un impegno a rispettare le  regole
di comportamento, gli obblighi di riservatezza  ed  il  Codice  etico
approvato con delibera dell'Autorita' n. 58/2015 del 22 luglio  2015,
nonche' ad astenersi da attivita' che possono generare conflitto  con
la sua posizione in Autorita'. 
    10. Il  praticantato  e'  incompatibile  con  lo  svolgimento  di
qualsiasi attivita' lavorativa, a tempo indeterminato o a termine, in
ambito pubblico o privato, o in forma autonoma. 
    11.  Al  praticante  durante  il  periodo  di   praticantato   e'
riconosciuta,  a  fronte  della  effettiva  presenza   in   servizio,
parametrata all'orario  di  37  ore  e  30  minuti  settimanali,  una
indennita' mensile a titolo di rimborso spese, da non  intendersi  in
alcun modo quale  retribuzione,  pari  a  Euro  600,00  lordi  per  i
residenti nella Regione Piemonte e pari a Euro 800,00 lordi per i non
residenti,  che  sara'  liquidata  in  via   posticipata   nel   mese
successivo.  L'assenza  dal  servizio  deve  essere   preventivamente
autorizzata  dal  responsabile  dell'Ufficio  cui  il  praticante  e'
assegnato. 
    12. Per tutto il periodo di permanenza in Autorita', i praticanti
sono  coperti,  a  carico  dell'Autorita'  stessa,   dalle   garanzie
assicurative previste dalla legge. 
    13. Il  periodo  di  praticantato  non  costituisce  rapporto  di
lavoro, non e'  finalizzato  alla  costituzione  di  un  rapporto  di
lavoro, ne' da' diritto a contribuzione, non e',  inoltre,  utile  ai
fini dell'ammissione  agli  esami  per  l'abilitazione  all'esercizio
delle professioni (avvocato, commercialista, ecc.). 
    14. Il responsabile dell'Ufficio cui il praticante  e'  assegnato
funge da tutor e vigila sul rispetto delle regole  di  comportamento,
relative ad esempio: alla continuita'  nella  presenza,  all'adeguata
diligenza  e  all'osservanza  della  riservatezza  sui   procedimenti
dell'Autorita'. 
    15. In caso di  gravi  o  ripetute  violazioni  delle  regole  di
comportamento,   l'Autorita'   puo'   disporre,   su   proposta   del
responsabile  dell'Ufficio  cui  il  praticante  e'   assegnato,   la
cessazione anticipata del praticantato. 
    16.  A  seguito  della  regolare  conclusione  del  praticantato,
attestata  dal  responsabile   dell'Ufficio   di   assegnazione,   il
praticante redige una  relazione  dettagliata  sull'attivita'  svolta
presso l'Ufficio di assegnazione e l'Autorita' rilascia un  attestato
di frequenza, riepilogativo delle principali attivita' svolte. 
 
                               Art. 2. 
 
 
              Modalita' di presentazione della domanda 
 
    1. I candidati, per  presentare  la  domanda  di  partecipazione,
devono seguire la seguente procedura: 
      a) compilare telematicamente il modulo PDF editabile denominato
«Domanda Praticantato»,  che  puo'  essere  scaricato  dal  sito  web
dell'Autorita' all'indirizzo www.autorita-trasporti.it; 
      b) salvare  il  modulo  PDF  compilato,  denominandolo  con  il
cognome,  nome  e  data  di  nascita  del  candidato  scritti   senza
interruzione (cognomenomeGGMMAA); 
      c) stampare il modulo compilato in ogni sua parte, apponendo la
data e firmando lo stesso su ogni pagina; 
      d) inviare la domanda mediante posta  elettronica  certificata,
di seguito PEC, all'indirizzo  praticantato@pec.autorita-trasporti.it
allegando: 
        I. il modulo PDF editabile compilato  e  salvato  secondo  le
modalita' di cui alla lettera b); 
        II. una copia  scansionata  del  modulo  stampato  e  firmato
secondo le modalita' di cui alla lettera c); 
        III. una copia scansionata non autenticata di un documento di
identita' in corso di validita'. 
    2. Il termine per la presentazione della  domanda  decorre  dalla
data di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale  e
scade improrogabilmente decorsi 45 (quarantacinque) giorni da  quello
successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 
    3. Non sono accettate candidature pervenute  o  domande  avanzate
secondo modalita'  e  tempistiche  diverse  da  quelle  indicate  nel
presente articolo. 
    4. I candidati, a  pena  di  esclusione,  devono  indicare  nella
domanda la preferenza ad effettuare il praticantato in una sola delle
seguenti aree disciplinari: 
      a) Area Giuridica; 
      b) Area Contabile-tributaria-statistico-economica; 
      d) Area Ingegneria; 
      d) Area Informatica. 
    5. Le dichiarazioni riportate  nella  domanda  di  partecipazione
alla  selezione  hanno  valore  di   dichiarazioni   sostitutive   di
certificazione o di dichiarazioni sostitutive di atto  di  notorieta'
ai sensi degli articoli 46 e 47  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 445/2000. 
    6. L'Autorita' si riserva di  procedere,  in  qualsiasi  momento,
anche successivo all'inizio del  praticantato,  ad  idonei  controlli
sulla veridicita' delle dichiarazioni rese dai candidati  ammessi  in
ordine ai requisiti di partecipazione ed al possesso  dei  titoli  di
studio da essi dichiarati, e di disporre l'esclusione dalla selezione
o non dare seguito allo svolgimento del praticantato ovvero procedere
alla risoluzione dello stesso per i soggetti che risultano sprovvisti
di anche uno solo dei requisiti prescritti. 
 
                               Art. 3. 
 
 
                         Disposizioni finali 
 
    1. Eventuali richieste di informazioni e  chiarimenti  in  merito
alla procedura di selezione  potranno  essere  trasmessi  all'Ufficio
Affari  generali  amministrazione  e  personale  all'attenzione   del
Direttore,      Vincenzo      Accardo,       all'indirizzo       PEC:
praticantato@pec.autorita-trasporti.it. 
    2. Tutte  le  comunicazioni  relative  alla  selezione  avvengono
esclusivamente tramite pubblicazione sul sito  web  dell'Autorita'  e
hanno valore di notifica. 
    3. Eventuali comunicazioni individuali  sono  effettuate  tramite
PEC all'indirizzo indicato dal candidato. 
    4. Le graduatorie finali  dei  candidati  idonei,  redatte  dalla
Commissione per ogni specifica area disciplinare, sono approvate  con
apposita delibera dell'Autorita', pubblicata sul sito  dell'Autorita'
www.autorita-trasporti.it, voce «Lavorare in Autorità- Praticantato»,
nel rispetto della normativa vigente in tema di trattamento dei  dati
personali. 
    5.  L'Autorita'  si  riserva  la  facolta'   di   utilizzare   le
graduatorie approvate per esigenze di immissione  di  praticanti  che
dovessero  manifestarsi  entro  sei  mesi   dall'approvazione   delle
graduatorie stesse. 
    6.  Ai  candidati  vincitori  sara'   comunicato   dall'Autorita'
mediante PEC all'indirizzo  indicato  dal  candidato  il  termine  di
inizio del praticantato e gli stessi  dovranno  manifestare  la  loro
adesione entro 5 (cinque giorni) dalla comunicazione.  L'accettazione
non puo' essere in alcun modo condizionata,  pena  la  decadenza  dal
diritto di svolgere il praticantato. 
    7. La mancata presentazione nel termine stabilito  dall'Autorita'
determina la rinuncia a svolgere il periodo di praticantato. 
    8. Ai sensi del  Regolamento  (UE)  2016/679,  i  dati  personali
forniti in sede di partecipazione alla selezione o comunque acquisiti
a  tal  fine  dall'Autorita',   saranno   trattati   ai   soli   fini
dell'espletamento     della     selezione     e,     successivamente,
all'instaurazione del rapporto di lavoro, per le  finalita'  inerenti
alla gestione del rapporto stesso. 
    9. Il titolare del trattamento e' l'Autorita' di regolazione  dei
trasporti, con sede in Torino, Via Nizza n. 230, contattabile tramite
la seguente PEC: praticantato@pec.autorita-trasporti.it. 
    10. I dati  personali  sono  trattati  con  modalita'  manuali  o
informatiche.  La  conservazione  in  forma  elettronica   dei   dati
personali  avviene  in  server  sicuri  posti  in  aree  ad   accesso
controllato. La conservazione in forma cartacea  dei  dati  personali
avviene in luoghi non aperti ne' accessibili al pubblico. 
    11.  Fatto   salvo   il   diritto   di   accesso   ai   documenti
amministrativi,  potranno  essere  destinatari  dei  dati  personali,
esclusivamente  per  le  finalita'  connesse  al   procedimento,   le
pubbliche amministrazioni. I dati potranno  inoltre  essere  trattati
per la difesa in giudizio degli atti dell'Autorita'. 
    12. I dati personali relativi  ai  candidati  saranno  conservati
sino alla cessazione del periodo di praticantato.  Successivamente  i
dati personali saranno archiviati nel rispetto  del  principio  della
minimizzazione. 
    13. E' possibile chiedere al titolare del  trattamento  l'accesso
ai dati personali  e  la  rettifica  in  caso  di  inesattezze  o  la
cancellazione degli stessi in determinate circostanze previste  dalla
normativa o la limitazione del trattamento che  lo  riguardano  o  di
opporsi al loro trattamento. Tuttavia, la  mancata  comunicazione  di
dati richiesti per le finalita' del trattamento, la cancellazione, la
limitazione o  l'opposizione  al  trattamento  potrebbero  comportare
l'esclusione  dal  procedimento  per  il  quale  i  dati  sono  stati
comunicati. E' inoltre possibile chiedere al titolare del trattamento
la portabilita' dei dati forniti (vale a dire  ricevere  alcuni  dati
personali in un formato strutturato, di  uso  comune  e  leggibile  a
livello informatico). 
    14. E' possibile revocare il consenso al trattamento dei dati  in
qualsiasi momento. La revoca del consenso non pregiudica la  liceita'
del trattamento basata sul consenso prestato  prima  della  revoca  e
potrebbe comportare l'esclusione dal procedimento per il quale i dati
sono stati comunicati. 
    15.   Fatto   salvo   ogni   altro   ricorso   amministrativo   o
giurisdizionale, l'interessato che ritenga che il trattamento che  lo
riguarda violi il regolamento (UE) 2016/679 ha il diritto di proporre
reclamo alla competente Autorita' di controllo.