Concorso per 1 assistente amministrativo (trentino alto adige) COMUNE DI PROVES

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: DIR N. 7 del 30-01-2017
Sintesi: COMUNE DI PROVES Concorso (Scad. 27 febbraio 2017) Concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 1 posto in qualità di Assistente amministrativo/a con diploma di studi universitari almeno biennali VII. ...
Ente: COMUNE DI PROVES
Regione: TRENTINO ALTO ADIGE
Provincia: BOLZANO
Comune: PROVES
Data di pubblicazione 31-01-2017
Data Scadenza bando 27-02-2017
Condividi

COMUNE DI PROVES

Concorso (Scad. 27 febbraio 2017)

Concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 1 posto in qualità di Assistente amministrativo/a con diploma di studi universitari almeno biennali VII. qual. funzionale


In esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. 15 di data 24.01.2017, esecutiva, ed in conformità alle norme vigenti è indetto un concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di 1 posto in qualità di
Assistente amministrativo/a con diploma di studi universitari almeno biennali VII. qual. funzionale (profilo prof.le n.58 di cui all’allegato 1 dell’Accordo di comparto del 14.10.2013)
L‘amministrazione garantisce pari opportunità tra uomini e donne sia per l‘accesso al lavoro che per il trattamento sul lavoro.
Sede e ambito di servizio:
Il posto a tempo pieno (38 ore sett.li) con sede amministrativa del Comune di Provès a 39040 Provès, via Kirchbichl n. 34 contiene la gestione comune dei servizi finanziari dei comuni di Provès e Lauregno.
A) STIPENDIO ATTRIBUITO
- stipendio mensile iniziale VII. qual. funzionale nella misura di legge € 1.278,43;
- indennità integrativa speciale nella misura di legge: 892,17 €;
- tredicesima mensilità;
- Indennità di istituto per la gestione associate di servizi
- altre indennità, se ed in quanto spettanti;
- assegno per il nucleo familiare nelle misure vigenti, se ed in quanto spettante.
- Lo stipendio e gli assegni suddetti sono gravati delle ritenute previdenziali, assistenziali e fiscali.
B) RISERVE
Il posto sopraccitato in qualità di assistente amministrativo/a con diploma di studi universitari almeno biennali (prof. prof.le n.58 dell'allegato 1 dell'Accordo di Comparto del 14.10.2013) è riservato ai/alle candidati/e del gruppo linguistico tedesco, secondo l’ordine della graduatoria.
Al concorso vengono ammessi/e i/le concorrenti di tutti i gruppi linguistici, indipendentemente dalla riserva del posto al gruppo linguistico, se sono in possesso dei requisiti richiesti.
Il posto rimasto vacante per mancanza di concorrenti idonei/e all’assunzione appartenenti al gruppo linguistico riservatario, potrà essere attribuito con provvedimento della giunta comprensoriale ad aspiranti idonei/e degli altri gruppi linguistici, sempre che sia complessivamente rispettata la proporzionale etnica, calcolata in base alle vigenti disposizioni.
Al concorso sono ammessi anche i/le candidati/e che hanno presentato domanda per la mobilità tra gli enti, ai sensi dell'art. 18 del Contratto Collettivo intercompartimentale di data 12.02.2008, dell’art. 22 dell’Accordo di Comparto di data 25.09.2000. Al termine del concorso si formeranno due graduatorie separate: una per la mobilità che avrà precedenza per la copertura del posto bandito e una per il concorso pubblico. I/Le candidati/e che presentano domanda per la mobilità tra gli enti, dovranno sostenere le stesse prove d'esame del concorso in oggetto.
C) REQUISITI PER L’AMMISSIONE
Ai/Alle candidati/e è richiesto il possesso, a pena di esclusione dal concorso, dei seguenti requisiti:
a) titolo di studio
accesso dall'esterno:
• diploma di maturità e diploma di studi universitari almeno biennali o diploma equivalente.
E’ nell’interesse del/della candidato/a documentare anche il punteggio o la valutazione del suddetto titolo di studio.
Per l'accesso all'impiego, oltre ai titoli di studio o professionali italiani, sono ammessi anche i titoli conseguiti all'estero ed equiparati ai titoli italiani dalla vigente normativa in materia, presentati unitamente al decreto di riconoscimento rilasciato dagli organi competenti. I candidati in possesso dei menzionati titoli di studio esteri, soggetti a riconoscimento ma non ancora riconosciuti, sono ammessi alle procedure concorsuali con riserva, a meno che non sussista una disciplina più favorevole. L'assunzione sarà subordinata al rilascio, da parte delle autorità competenti, del provvedimento di equivalenza del titolo di studio richiesto, così come previsto dall'art. 38 del decreto legislativo 30.03.2001, n. 165. In tal caso, il/la candidato/a deve espressamente dichiarare, nella propria domanda di partecipazione di aver avviato l'iter procedurale per l'equivalenza del proprio titolo di studio, previsto dalla richiamata normativa.
oppure
accesso tramite mobilità verticale:
• otto anni di servizio effettivo nella V. qualifica funzionale nell'ambito dei profili professionali delle diverse aree se la mobilità verticale è indicata nel profilo professionale di appartenza; oder oppure
• quattro anni di servizio effettivo nella VI qualifica funzionale nell'ambito dei profili professionali delle diverse aree se la mobilità verticale è indicata nel profilo professionale di appartenzenza;
(l’accesso tramite mobilità verticale, previsto dall’art. 74 del contratto collettivo intercompartimentale del 12.02.2008 e dall’accordo di comparto del 14.10.2013, è riservata ai dipendenti degli enti di cui all’art. 1 del contratto collettivo intercompartimentale del 12.02.2008).
b) attestato relativo alla conoscenza della lingua italiana e tedesca “B“ (previsto dall'art. 4 del D.P.R. 26.07.1976 n. 752) ovvero un attestato secondo il D.Lgs n. 86/2010;
c) appartenenza o aggregazione ad uno dei tre gruppi linguistici, rilasciata ai sensi dell‘art. 18 del D.P.R. 26.07.1976, n. 752, modificato con il D.Lgs 01.08.1991, n. 253;
d) cittadinanza italiana oppure di un altro stato membro dell’Unione Europea ai sensi del D.P.C.M. del 07.02.1994 n. 174, oppure trovasi in una delle situazioni di cui all'art. 7 della legge 6 agosto 2013, n. 97;
Ai sensi dell’art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165, come modificato dall’art. 7 della legge 6 agosto 2013 n. 97, possono accedere anche i familiari di cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea, non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente.
Altresì, possono accedere i cittadini di Paesi terzi titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ovvero dello status di protezione sussidiaria.
Ai sensi dell’art. 3 del D.P.C.M. 7 febbraio 1994 n. 174, i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono possedere, ai fini dell’accesso ai posti della Pubblica Amministrazione, i seguenti requisiti:
1. il godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o provenienza;
2. il possesso, eccezion fatta per la cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica italiana.
e) età non inferiore ai 18 anni;
f) idoneità fisica all’impiego. L'amministrazione ha la facoltà di sottoporre a visita medica di controllo coloro che accederanno all'impiego;
g) posizione nei riguardi degli obblighi militari;
h) godimento dei diritti politici - non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall'elettorato politico attivo e coloro che siano stati destituiti dall‘impiego presso una pubblica amministrazione e coloro che si trovino in posizioni di incompatibilità previste dalle vigenti leggi.
D) DOMANDA DI AMMISSIONE
Nella domanda di ammissione il/la candidato/a dovrà dichiarare, sotto la propria responsabilità:
a) nome e cognome, data, luogo di nascita e domicilio;
b) luogo di residenza;
c) la cittadinanza italiana oppure la cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione Europea; oppure: di essere familiare di cittadino di uno degli Stati dell’Unione europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente (articolo 38 decreto legislativo 30.03.2001, n. 165 così come modificato dalla legge 6 agosto 2013, n. 97), indicando la cittadinanza del familiare; oppure: di essere cittadino di Paesi terzi, titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ovvero dello status di protezione sussidiaria;
solamente per il cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea ovvero del familiare di cittadino di uno degli Stati dell’Unione europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente oppure per il cittadino di Paesi terzi, titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ovvero dello status di protezione sussidiaria (art. 38 decreto legislativo 30.03.2001, n.165 così come modificato dalla legge 6 agosto 2013, n. 97): di godere dei diritti civili e politici anche nello Stato di appartenenza o di provenienza ovvero di non goderne per indicandone i motivi;
d) figli: con o senza prole e la loro data di nascita e di chi sono a carico, ai fini di una eventuale preferenza in caso di parità di punteggio;
e) lo stato civile: coniugato/a o stato libero, ai fini di una eventuale preferenza in caso di parità di punteggio;
f) comune ove il/la candidato/a è iscritto/a nelle liste elettorali ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
g) le eventuali condanne penali riportate e/o i procedimenti penali in corso;
h) la non destituzione, licenziamento o dispensa dall’impiego presso pubbliche amministrazioni e di non essere in posizione di incompatibilità in base alle vigenti leggi;
i) la posizione nei riguardi degli obblighi militari (assolvimento o meno, Corpo, periodo e struttura);
j) idoneità fisica all’impiego;
k) l’appartenenza o meno ad una delle categorie protette di cui alla Legge n. 68/1999 e successive modifiche ed integrazioni;
l) il possesso dell’attestato di conoscenza della lingua tedesca ed italiana previsto dall’art. 4 del D.P.R. 26.07.1976 n. 752, riferito alla carriera della qualifica del posto messo a concorso;
m) il possesso della certificazione rilasciata ai sensi del comma 3, art. 20ter del DPR 26 luglio 1976, n. 752, comprovante l’appartenenza o l’aggregazione ad un gruppo linguistico;
n) il possesso della patente di guida „B“;
o) la lingua (italiana o tedesca) nella quale intende sostenere le prove d’esame ai sensi dell’art. 20 del D.P.R. 26.07.1976 n. 752;
p) il possesso del titolo di studio richiesto dal presente bando, specificando l‘istituto presso il quale è stato conseguito, l‘anno di conseguimento, il numero degli anni scolastici frequentati e superati, il voto o giudizio riportato;
q) il possesso dei titoli che, in caso di idoneità al concorso, diano il diritto di precedenza, o rispettivamente di preferenza nella nomina;
r) eventuali servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e/o privati con relativa durata (inizio e fine), profilo professionale con relativa qualifica funzionale rivestita. Il lavoro autonomo non è valutabile. I servizi prestati con altre mansioni ed il lavoro autonomo non sono valutabili. Si tratta di informazioni richieste ai fini dell’attribuzione di punteggio: indicare dettagliatamente il profilo professionale, le mansioni, i periodi, l’orario: pieno o parziale, ecc. (è opportuna la presentazione di dichiarazione conforme da parte dell’ente datore di lavoro).
s) l‘indicazione del preciso recapito al quale potranno essere fatte dall’Amministrazione le comunicazioni relative al concorso;
t) di comunicare mediante lettera raccomandata, le eventuali variazioni che si verificassero, fino all’esaurimento del concorso. L’amministrazione non si assume alcun tipo di responsabilità per recapiti indicati in modo errati, incompleti o non più corrispondenti alla situazione esistente al momento della comunicazione;
u) l‘impegno ad accettare senza alcuna riserva le condizioni previste dal regolamento organico del personale dell’ente in vigore al momento della nomina nonché quelle future;
v) dichiarazione ai sensi della D.Lgs. 30.06.2003 n. 196, „Codice in materia di protezione dei dati personali”, di essere stato informato sull’uso del trattamento (anche automatizzato) dei propri dati personali per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell‘ente.
E) MODALITÀ’ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda di ammissione al concorso dovrà recare in calce, a pena di esclusione, la firma autografa del/la concorrente (non è necessaria l’autenticazione) e dovrà essere obbligatoriamente corredata da copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità (salvo il caso in cui venga presentata direttamente e sottoscritta, esibendo un documento di identità in corso di validità, in presenza del/la dipendente incaricato/a a riceverla). La domanda dovrà essere compilata in stampatello leggibile utilizzando esclusivamente il modulo appositamente predisposto senza apportarvi modifiche (vedi allegato A), e dovrà essere fatta pervenire con una delle seguenti modalità purché l’autore sia identificato ai sensi dell’art. 65 del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell’Amministrazione digitale):
1. tramite posta elettronica certificata (PEC) esclusivamente all’indirizzo proveis.proves@legalmail.it
avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf, tif o jpeg (tranne il certificato di appartenenza o aggregazione al gruppo linguistico, il quale dovrà essere inserito in una busta chiusa e consegnato il giorno della prova scritta o prima prova d'esame);
2. a mezzo di “raccomandata servizio postale – o corriere – con avviso di ricevimento” indirizzata al Comune di Proves, via Kirchbichl Nr. 34, 39040 Provès (BZ);
3. direttamente nell’ufficio di segreteria della sede amministrativa del Comune di Proves, via Kirchbichl 35 durante gli orari di apertura al pubblico (dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle ore 12.00).
Le domande devono essere presentate o spedite entro il termine perentorio del 27.02.2017 (entro e non oltre le ore 12.00).
Per le domande spedite a mezzo posta raccomandata fa fede il timbro dell’Ufficio Postale accettante per comprovare la data di spedizione. In caso di domande trasmesse con posta elettronica certificata (PEC) fa fede la data di spedizione da parte del/lla candidato/a. L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di domande dovuta a disguidi postali o imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore, né per disguidi nella trasmissione informatica, né per disguidi dipendenti da inesatta indicazione del recapito da parte del/la concorrente, oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda.
Per motivi di pubblico interesse l’Amministrazione si riserva l’insindacabile facoltà di prorogare i termini di scadenza del presente concorso od anche di riaprire i termini dopo la chiusura, sempre che non siano ancora iniziate le operazioni per il suo espletamento.
F) DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE
1) Per i/le cittadini/e residenti in provincia di Bolzano: il certificato di appartenenza o di aggregazione ad uno dei tre gruppi linguistici previsto dall'art. 18 del D.P.R. 26.07.1976, n. 752 e successive modifiche ed integrazioni con data di emissione non anteriore ai sei mesi (IN BUSTA CHIUSA) rilasciato dal Tribunale di Bolzano, Piazza Tribunale 1.
Per i/le cittadini/e italiani/e e per i/le cittadini/e di altri Stati membri dell’Unione Europea non residenti in provincia di Bolzano: la certificazione (IN BUSTA CHIUSA) rilasciata a norma dell’art. 20ter del DPR 26 luglio 1976, n. 752, comprovante l’appartenenza oppure l’aggregazione ad uno dei tre gruppi linguistici. Per ottenere tale dichiarazione con effetto immediato è necessario rivolgersi al Tribunale di Bolzano, Piazza Tribunale 1.
È precluso comprovare l’appartenenza o l’aggregazione ad uno dei tre gruppi linguistici mediante autocertificazione.
2) La ricevuta comprovante il pagamento della tassa di 10,00 € mediante versamento sul conto corrente bancario presso la Cassa rurale Ultimo-San Pancrazio- Lauregno - fil. di Proves, IBAN – IT48S 08231 59170 000303203409 o la ricevuta del vaglia postale a favore alla Comune di Provès;
Resta inteso che i/le candidati/e devono essere in possesso di tutti i requisiti prescritti dal presente bando e dichiarati nella domanda di ammissione già alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di ammissione.
G) SPECIFICAZIONI IN MERITO ALLA DOMANDA
Ai fini della valutazione corretta dei servizi effettuati, il/la candidato/a deve esporre chiaramente ed esaustivamente le mansioni esercitate ed ogni notizia utile ad identificare il profilo e l’attività svolta. Non vengono valutate attività lavorative descritte in modo incompleto, poco chiaro od ambiguo.
I servizi prestati a tempo pieno vanno espressamente indicati nella domanda; per quelli a part-time va indicata anche la percentuale con il numero di ore settimanali. In assenza di tali indicazioni non si potrà procedere alla valutazione del corrispondente periodo.
Sono esclusi dal concorso i/le candidati/e che non regolarizzano la domanda entro il termine perentorio fissato dall’Ente.
H) CAPACITA’ ED ATTITUDINI RICHIESTE E PROGRAMMA D’ESAME
a) Competenza tecnica: su un argomento nell’ambito delle seguenti materie:
 Ordinamento dei Comuni (Testo unico delle leggi regionali sull’ordinamento dei Comuni D.P.Reg. n. 3/L del 01.02.2005);
 Ordinamento del Personale dei Comuni (Testo unico delle leggi regionali sull’ordinamento del personale dei Comuni D.P.Reg. n. 2/L del 01.02.2005);
 Testo unico delle leggi regionali sull’ordinamento contabile e finanziario nei comuni della Regione autonoma Trentino-Alto Adige D.P.Reg. n. 4/L del 01.02.2005;
 Nozioni di diritto amministrativo e diritto civile;
 Procedimento amministrativo (legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17);
 Ordinamento contabile e finanziario dei comuni (LP del 12/12/2016 n 25);
 la responsabilità contabile del pubblico dipendente;
 Il Comune di Provès: statuto e il regolamento interno del consiglio comunale;
 Regolamento comunale di contabilità
 Conoscenze EDP.
b) Competenza sociale:
1) Iniziativa e creatività
2) Flessibilità, motivazione ed impegno;
3) Capacità di comunicazione;
c) Competenza metodica:
1) Programmazione ed organizzazione del lavoro, lavoro in team;
2) Management di conflitto.
La verifica dell’idoneità avviene in seguito a una prova scritta, prova pratica ed una prova orale.
La prova scritta può svolgersi anche sulla base di questionari.
Il diario delle prove verrà comunicato per iscritto (tramite raccomandata con ricevuta di ritorno) a ciascun candidato/a ammesso/a al concorso almeno 15 giorni prima della effettuazione degli esami.
I/Le concorrenti saranno avvertiti/e, al domicilio indicato nella domanda, della data e della sede in cui avranno luogo le prove d'esame.
L'assenza in una delle prove comporta l'esclusione dal concorso.
Il Comune non è tenuta a fornire il materiale di studio per la preparazione delle prove del concorso.
I) VALUTAZIONE DEI TITOLI E DEGLI ESAMI
Valgono i seguenti criteri di valutazione dei titoli e degli esami:
a) valutazione complessiva dell'esame di concorso: ottanta punti (80);
Le prove previste dal bando non si intendono superate qualora il/la candidato/a non ottenga almeno una votazione di 24/40 (prova scritta) e 24/40 (prova orale) in ciascuna di esse. L'esito negativo di una delle prove comporta l’esclusione dal concorso.
b) valutazione massima del titolo di studio richiesto per l'accesso: dieci punti (10);
c) valutazione massima dell’esperienza professionale: dieci punti (10)
- nel caso dell’esercizio di mansioni attinenti, un punto per ogni periodo quadrimestrale fino ad un massimo di dieci punti;
- nel caso dell'esercizio di mansioni affini, compresa l'esperienza affine esercitata in profili professionali oppure qualifiche inferiori o superiori, mezzo punto per ogni periodo quadrimestrale fino ad un massimo di cinque punti;
- nel caso di esercizio di mansioni attinenti ed affini il periodo complessivo di valutazione non può comunque superare i tre anni e quattro mesi.
La valutazione dei periodi di servizio a tempo parziale avviene riducendo proporzionalmente il punteggio. Anche nei casi di servizi a tempo pieno con orario settimanale
La valutazione dei titoli sarà effettuata unicamente per i/le candidati/e che abbiano superato le prove d’esame.
J) ESCLUSIONE
Oltre che per difetto dei requisiti di cui al punto C) saranno esclusi dal concorso coloro le cui domande saranno riscontrate irregolari per:
• presentazione della domanda oltre il termine;
• mancanza della firma sulla domanda;
• le dichiarazioni mendaci comportano l'esclusione dal concorso, e verranno applicate le disposizioni del Codice Penale e delle leggi speciali in materia.
La commissione giudicatrice deciderà sull’ammissione dei/delle concorrenti sulla base dei titoli prodotti.
K) NOMINA DEL/DELLA VINCITORE/TRICE E DISPOSIZIONI FINALI
La nomina avverrà secondo le condizioni stabilite nel vigente Regolamento Organico del personale dell’Ente.
Il/La vincitore/trice dovrà dichiarare per iscritto l’accettazione della nomina entro 10 giorni dal ricevimento della relativa comunicazione. In mancanza di tale dichiarazione si intenderà rinunciatario/a al posto.
Il/La concorrente che conseguirà la nomina è tenuto/a a far pervenire entro il termine previsto, a pena di decadenza, i documenti richiesti dall’Amministrazione.
L’Amministrazione si riserva oltre ai casi di cui all’art. 58 del D.Lgs. del 18.08.00, n.267, di valutare, a proprio insindacabile giudizio, l’ammissione all’impiego di coloro, che abbiano riportato condanne penali irrevocabili alla luce del titolo di reato, della attualità o meno del comportamento negativo in relazione alle mansioni della posizione di lavoro messo a concorso.
A parità di punteggio valgono le preferenze stabilite dall'art. 5 del T.U. approvato con D.P.R. 10.01.1957 n. 3 e successive modifiche ed integrazioni.
La graduatoria di merito formata dalla commissione giudicatrice avrà la validità di 3 anno con decorrenza dalla data di approvazione dei verbali del concorso.
Se entro un anno dalla data di approvazione dei verbali e della graduatoria dovesse rendersi vacante/i il/i posto/i bandito/i, il/i posto/i in questione verrà/anno attribuito/i al/alla concorrente dichiarato/a idoneo/a al posto indicato nel bando. Tale facoltà viene esercitata seguendo l'ordine della graduatoria del concorso.
Per quanto non previsto nel presente bando, si rinvia alle disposizioni di legge e regolamentari vigenti.
Per ulteriori chiarimenti ed informazioni, gli/le interessati/e potranno rivolgersi all’Ufficio segreteria del Comune (tel. 0463 530106).
– IL SINDACO - Ulrich GAMPER -
– IL SEGRETARIO COMUNALE - Dr. Ferdinand Tribus -