Diario AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 38 del 13-05-2016

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Diario

Nota Bene: trattandosi di 'Diario' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilitÓ di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarÓ visibile nella banca dati.


Calendario prove d'esame

Data di inizio delle prove: 07-06-2016
Termine delle prove: 10-06-2016

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich´┐Ż ´┐Ż scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Diario
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 38 del 13-05-2016
Sintesi: AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Diario Diario delle prove scritte del concorso per esame teorico-pratico a dieci posti di Avvocato dello Stato - indetto con DAG 22 dicembre 2015. Con decreto n. ...
Ente: AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 13-05-2016
Condividi

AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO

Diario

Diario delle prove scritte del concorso per esame teorico-pratico a dieci posti di Avvocato dello Stato - indetto con DAG 22 dicembre 2015.

 
    Con decreto n. 12947 in data 28 aprile 2016  e'  stato  stabilito
che le prove scritte del concorso a dieci  posti  di  avvocato  dello
Stato, indetto con D.A.G. in data 22 dicembre 2015, pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale del 12 gennaio 2016, n. 3 - 4¬  serie  speciale  -
abbiano luogo in Roma, presso l'Ergife Palace Hotel, via Aurelia  nn.
617/619, nei giorni 7, 8, 9 e 10 giugno 2016,  con  inizio  alle  ore
8,30. 
    I  candidati  ammessi  a  sostenere  le  prove  scritte  dovranno
presentarsi presso il suddetto l'Ergife Palace Hotel, via Aurelia nn.
617/619, il giorno 6 giugno 2016 dalle ore 9,00 alle ore 12,00, per i
seguenti adempimenti: 
    a) identificazione personale mediante l'esibizione di un  proprio
documento di riconoscimento valido; 
    b) ritiro della tessera di riconoscimento da  utilizzare  per  le
prove scritte; 
    c) consegna dei  testi  di  consultazione,  al  fine  della  loro
preventiva verifica. 
    Non saranno accettati testi  ulteriori  nei  giorni  delle  prove
d'esame. 
    Ai sensi dell'art. 20 del regio decreto 30 ottobre 1933, n. 1612,
sara' consentita la consultazione,  in  sede  d'esame,  soltanto  dei
codici, delle leggi e dei decreti dello Stato,  del  Corpus  Iuris  e
delle Istituzioni di Gaio, in edizione senza note, e, quanto ai testi
latini, con semplici annotazioni relative a varianti di lezione. 
    Le leggi  e  i  decreti  dello  Stato  saranno  ammessi  solo  se
contenuti in o riprodotti dalla Gazzetta Ufficiale  della  Repubblica
italiana. 
    I predetti testi, sulla copertina esterna  e  anche  sulla  prima
pagina  interna,  dovranno  riportare  in  carattere  stampatello  il
cognome,  il  nome  e  la  data  di  nascita  del  candidato  cui  si
riferiscono. 
    In sede di verifica saranno esclusi tutti i testi non  consentiti
dal regio decreto n. 1612/1933,  in  particolare  quelli  contenenti:
giurisprudenza, note, commenti, annotazioni, raffronti, richiami. 
    Ai sensi del citato art. 20 sara' vietato ai concorrenti  portare
con se' appunti, manoscritti, libri od opuscoli di qualsiasi  genere,
come pure comunicare tra di loro e con estranei in qualsiasi modo. 
    Non  sara'  consentito  introdurre  in  aula   d'esame   telefoni
cellulari, agende elettroniche e qualsiasi altro strumento utile alla
memorizzazione  di  informazioni,  alla  trasmissione  dei  dati   o,
comunque, ad agevolare - anche  solo  potenzialmente  -  i  candidati
nelle prove. 
    Le aule saranno sottoposte a schermatura. 
    Non  sara'  consentito  introdurre  in  aula  d'esame   borse   o
contenitori di qualunque natura e dimensione ad eccezione  di  quelli
contenenti effetti personali indispensabili. 
    Tuttavia i candidati, al momento dell'accesso all'aula di  esame,
potranno, ma a proprio rischio, affidare al  personale  di  vigilanza
oggetti di cui non e' consentita l'introduzione in aula,  purche'  di
ingombro contenuto. 
    I candidati potranno portare con se' alimenti e bevande contenuti
in  appositi  sacchetti  trasparenti.  I  sacchetti  potranno  essere
assoggettati a ispezione. 
    Ulteriori  informazioni  utili  saranno  disponibili   sul   sito
www.avvocaturastato.it