Concorso per 1 biotecnologo (piemonte) AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Borsa di studio
Posti 1
Fonte: DIR N. 56 del 30-07-2014
Sintesi: AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3 Concorso (Scad. 16 agosto 2014) Avviso pubblico per assegnare una borsa di studio all'interno della S.C. Laboratorio Analisi della sede ospedaliera di Pinerolo. In ...
Ente: AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3
Regione: PIEMONTE
Provincia: TORINO
Comune: PINEROLO
Data di pubblicazione 31-07-2014
Data Scadenza bando 16-08-2014
Condividi

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3

Concorso (Scad. 16 agosto 2014)

Avviso pubblico per assegnare una borsa di studio all'interno della S.C. Laboratorio Analisi della sede ospedaliera di Pinerolo.


In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 2296 del 17.06.2014 si rende noto che è indetto un avviso pubblico per l’assegnazione di una borsa di studio riservata a candidati in possesso di:
·Laurea magistrale in biotecnologie ed iscrizione al relativo ordine;
·documentata esperienza in microscopia ottica con fotografia applicata all’ematologia;
·documentata esperienza didattica;
·documentata conoscenza di programmi informatici per la produzione di immagini.
Il mancato possesso anche di uno solo dei requisiti sopra indicati comporta la non ammissione alla borsa di studio di che trattasi.
Il borsista sarà coinvolto nello lo sviluppo di un progetto di raccolta e selezione di casi clinici con relative immagini microscopiche per finalità didattiche tramite specifico atlante.
La borsa comporta un impegno medio di 36 ore settimanali, da articolare secondo le esigenze del programma e le necessità dell'attività, presso la S.C. Laboratorio Analisi della sede ospedaliera di Pinerolo, per la durata di dodici mesi e prevede un compenso di € 5.700,00.- (comprensivo di IRAP o IVA o bolli, se dovuti).
La borsa di studio a tempo parziale è compatibile con qualsiasi attività retribuita, inclusa la sussistenza di un rapporto di lavoro dipendente con altro ente pubblico o privato purchè non vi sia conflitto di interessi ed il cumulo delle ore non sia superiore ai limiti massimi di 38 ore settimanali; la borsa di studio a tempo pieno, è incompatibile con qualsiasi attività retribuita svolta presso enti pubblici o privati.
L’assegnazione avrà luogo sulla base del punteggio riportato dagli aspiranti nei titoli di merito e nella valutazione del colloquio tecnico motivazionale.
Le capacità attitudinali dei candidati saranno accertate mediante colloquio e prova pratica con valutazione insindacabile a cura di apposita Commissione Giudicatrice. Il colloquio verterà su argomenti oggetto del conferimento della borsa ed in particolare:
tecnologie per l’esame degli elementi figurati del sangue ed interpretazione risultati analitici.
La prova pratica consisterà nell’esame microscopico di un vetrino di striscio periferico e sua foto.
Ai sensi dell'art 2, comma 9, della Legge 16.06.1998, n. 191 se due o più candidati ottengono, a conclusione delle operazioni di valutazione dei titoli e delle prove d'esame, pari punteggio, è preferito il candidato più giovane di età.
L’assegnatario dovrà stipulare un contratto di assicurazione a suo favore per infortuni e malattie professionali.
In caso di rinuncia o di cessazione dell’assegnatario, l’Azienda si riserva di conferire la borsa di studio ai candidati successivi in graduatoria.
Il conferimento della borsa di studio non instaura alcun rapporto di impiego né con l’Azienda né con altri Enti o Istituzioni presso cui viene svolta l’attività di ricerca.
Gli interessati sono invitati a presentare apposita domanda redatta in carta semplice entro le ore 12 del 15° giorno successivo alla data di pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte.
Qualora detto giorno sia festivo il termine è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.
Non si terrà conto delle domande che, per qualsiasi causa, perverranno all’Azienda Sanitaria in data successiva al termine di scadenza, anche se inoltrate a mezzo del servizio postale: non fa fede il timbro postale.
Le domande di ammissione all’avviso, redatte in carta semplice, indirizzate al Direttore Generale A.S.L. TO3, alla Struttura Complessa Personale Convenzionato e a rapporto libero professionale dell'Azienda Sanitaria Locale TO3, potranno essere inoltrate con le seguenti modalità:
consegna a mano: presso la Struttura Complessa Personale Convenzionato e a rapporto libero professionale con sede in Via Martiri XXX Aprile n. 30 – 10093 Collegno (TO) nei seguenti orari:
2dal Lunedì al Giovedì – dalle ore 8,30 alle ore 12,00 e dalle ore 13,30 alle ore 15,30 3venerdì – dalle ore 9,00 alle ore 12,00. raccomandata A.R. o agenzia di spedizione: indirizzata a :A.S.L. TO3 - Struttura Complessa Personale Convenzionato e a rapporto libero professionale con sede in Via Martiri XXX Aprile n. 30 – 10093 Collegno (TO) – sulla busta indicare il riferimento al bando in oggetto -.
tramite Posta Elettronica Certificata: al seguente indirizzo: aslto3@cert.aslto3.piemonte.it La validità di tale invio è subordinata all'utilizzo da parte del candidato di casella di posta elettronica certificata propria. In caso contrario si provvederà all’esclusione dall’avviso.
Non sarà ritenuto valido inoltre l'invio da casella di posta elettronica semplice anche se indirizzata alla PEC Aziendale con conseguente esclusione dall’avviso.
Per quanto riguarda la presentazione delle domande per via telematica mediante PEC si rimanda alle circolari 1/2010/DDI del 18.02.2010 e n. 2/2010 del 19.04.2010 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l'innovazione tecnologica. E’ obbligatorio allegare fotocopia di un documento di identità dell’aspirante interessato in corso di validità.
Nella domanda gli aspiranti devono espressamente indicare:
·la data, il luogo di nascita e la residenza;
·il possesso della cittadinanza italiana o equivalente;
·il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, ovvero i motivi della loro non ·iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
·le eventuali condanne penali riportate;
·il possesso dei requisiti richiesto dall’avviso;
·la loro posizione nei riguardi degli obblighi militari;
·il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essere fatta ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione vale ad ogni effetto la residenza.
L'Amministrazione declina sin d'ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte dell'aspirante o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell'Amministrazione stessa.
I requisiti di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente avviso per la presentazione della domanda di assegnazione di borsa di studio.
Alla domanda di partecipazione all’avviso i concorrenti devono allegare tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito, ivi compreso un curriculum formativo e professionale datato e firmato.
Alla domanda deve essere unito altresì un elenco dei documenti e dei titoli presentati. Le pubblicazioni devono essere edite a stampa ed allegata alla domanda.
Alla domanda deve essere allegato un curriculum formativo e professionale (da redigere secondo il modello allegato) che sarà unico documento oggetto di pubblicazione sul sito aziendale ai sensi del D.Lvo 33/2013.
I candidati devono inoltre, con dichiarazione sostitutiva di atto notorio, sottoscrivere di essere consapevoli che il conferimento della borsa di studio non instaura alcun rapporto di lavoro l’Azienda, né con altri enti o istituzioni presso cui venga eventualmente svolta l’attività di ricerca.
Il candidato deve, ai sensi della Direttiva n. 14/2011 del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, presentare dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. 445/2000, in luogo della certificazione che non può più essere rilasciata dall'autorità competente.
Il candidato deve, ai sensi della Direttiva n. 14/2011 del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, presentare dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ai sensi dell'art. 38, comma 3, ed art. 47 del D.P.R. 445/2000 in luogo della certificazione che non può più essere rilasciata dall'autorità competente.
Le dichiarazioni sostitutive devono, comunque, contenere tutti gli elementi e le informazioni necessarie previste dalla certificazione che sostituiscono. In particolare:
·per i servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni, l'interessato è tenuto a specificare l'esatta denominazione ed indirizzo delle stesse; se trattasi di enti diversi dal S.S.N. deve essere precisato se l’ente è pubblico, privato, se convenzionato con il S.S.N.;
- se trattasi di rapporto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, in convenzione, con contratto libero professionale;
- il profilo professionale;
2- se a tempo pieno o parziale (in questo caso va specificata la percentuale della riduzione);
3- eventuali periodo di interruzione del rapporto e loro motivo;
In mancanza non verrà tenuto conto delle dichiarazioni rese.
La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà che attesti la conformità all'originale di una copia di un atto o di un documento può essere apposta in calce alla copia stessa, allegando una fotocopia del documento di identità in corso di validità.
Le dichiarazioni incomplete o non chiare rispetto a quanto sopra specificato non saranno ritenute valide e sufficienti per l'ammissione e/o valutazione.
L’Amministrazione, a norma dell’art. 71 del D.P.R. 445/2000, predisporrà idonei controlli per verificare quanto dichiarato e prodotto dal candidato. Chiunque rilasci dichiarazioni non veritiere è punito ai sensi del codice penale e decade dai benefici eventualmente conseguiti sulla base delle dichiarazioni non veritiere.
Colui che, senza giustificato motivo, non assume servizio entro 15 giorni dal termine stabilito nella comunicazione di assegnazione della borsa di studio, verrà considerato decaduto dall’assegnazione stessa.
Decade dall'assegnazione chi abbia ottenuto la borsa di studio mediante presentazione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.
Il provvedimento di decadenza è adottato con deliberazione dell'Amministrazione.
In conformità al D.Lvo 196/2003 i dati forniti dai candidati saranno raccolti presso la S.C. Personale Convenzionato e a rapporto libero professionale, per le finalità di gestione dell’avviso.
L’Azienda garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e per il trattamento sul lavoro, ai sensi della Legge 125/91 e dell’art. 61 del D.Lvo 29/93.
Il Direttore Generale si riserva la facoltà di modificare, prorogare, sospendere o revocare il presente avviso.
Per informazioni e per eventuali chiarimenti rivolgersi alla Struttura Complessa a Personale e a rapporto libero professionale – Via Martiri XXX Aprile, n. 30 – 10093 Collegno (TO) - Tel. 011/4017020 – 4017095 - e-mail: scometti@aslto3.piemonte.it - mcbonsignore@aslto3.piemonte.it.
Il Direttore Generale Gaetano Cosenza