Concorso per 1 ricercatore universitario (sicilia) LIBERA UNIVERSITA' 'MARIA SS. ASSUNTA' DI ROMA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 69 del 30-08-2013
Sintesi: LIBERA UNIVERSITA' «MARIA SANTISSIMA ASSUNTA» Concorso (Scad. 30 settembre 2013) Bando per il conferimento di un contratto di lavoro subordinato per ricercatore a tempo determinato per il settore concorsuale 12 D/1, ...
Ente: LIBERA UNIVERSITA' 'MARIA SS. ASSUNTA' DI ROMA
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 04-09-2013
Data Scadenza bando 30-09-2013
Condividi

LIBERA UNIVERSITA' «MARIA SANTISSIMA ASSUNTA»

Concorso (Scad. 30 settembre 2013)

Bando per il conferimento di un contratto di lavoro subordinato per ricercatore a tempo determinato per il settore concorsuale 12 D/1, settore scientifico-disciplinare IUS/10 - Diritto amministrativo, presso il Dipartimento di giurisprudenza, sede di Palermo.

 
 
                             IL RETTORE 
 
    Visto l'art. 24 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240; 
    Visto il decreto ministeriale 25 maggio 2011 n. 243; 
    Visto lo Statuto della LUMSA emanato con decreto rettorale  n.920
del 1° agosto 2011; 
    Visto il Codice etico della LUMSA; 
    Visto il regolamento  della  LUMSA  per  i  ricercatori  a  tempo
determinato emanato ai sensi dell'art. 24  della  legge  n.  240  del
2010; 
    Vista la delibera del Senato accademico del 23 maggio 2013; 
    Vista la delibera del Consiglio di amministrazione del 29  maggio
2013; 
    Vista la delibera del Consiglio di Dipartimento di Giurisprudenza
(sede di Palermo) del 12 giugno 2013. 
 
                               Art. 1 
 
 
                              Indizione 
 
 
    La LUMSA (di seguito,  "Universita'"  o  "Ateneo")  bandisce,  ai
sensi dell'art. 24, comma 3, lettera A, della Legge 30 dicembre 2010,
n. 240 e con le modalita' di cui al regolamento  della  LUMSA  per  i
ricercatori a tempo determinato emanato ai sensi dell'art.  24  della
Legge 30 dicembre 2010, n. 240, una valutazione  comparativa  per  il
conferimento di un contratto di lavoro subordinato per ricercatore  a
tempo determinato, per lo svolgimento di  attivita'  di  ricerca,  di
didattica, di didattica integrativa e di servizio agli  studenti  (di
seguito, "contratto") con le seguenti caratteristiche: 
      contratto triennale  eventualmente  prorogabile  per  una  sola
volta per due anni, ex  comma  3,  lettera  a)  dell'art.  24,  Legge
240/2010 di seguito brevemente detto «ricercatore junior»; 
      settore concorsuale 12 D 1 Diritto amministrativo. 
      profilo:  settore  scientifico-disciplinare  IUS/10  -  Diritto
amministrativo. 
      funzioni specifiche: si richiede adeguata esperienza  didattica
nel settore scientifico disciplinare oggetto della presente procedura
di valutazione comparativa, maturata  attraverso  la  titolarita'  di
insegnamenti istituzionali e accompagnata da assistenza  e  attivita'
di tutoraggio agli studenti; attivita' scientifica, nell'ambito della
tutela dei  diritti  umani,  riguardo  alla  c.d.  Amministrazione  a
rischio, analizzata sotto il profilo organizzativo e attuativo. 
                               Art. 2 
 
 
     Requisiti per la presentazione delle domande ed esclusioni 
 
 
    Possono  presentare  domanda  di  partecipazione  i  soggetti  in
possesso del titolo di dottore di ricerca o  equivalente,  conseguito
in  Italia  o  all'estero  o  in  possesso  di  laurea  magistrale  o
equivalente, unitamente ad un  curriculum  scientifico  professionale
idoneo allo svolgimento di attivita' di ricerca ai sensi dell'art. 29
comma 13 della Legge n. 240 del 2010.  I  candidati  dovranno  essere
idonei a svolgere i corsi di insegnamento  e  produrre  elaborati  di
ricerca anche nella lingua inglese. I titoli devono essere  posseduti
alla data di scadenza del bando. Non possono  presentare  domanda  di
partecipazione i soggetti gia' assunti  a  tempo  indeterminato  come
professori universitari di prima o seconda fascia o come  ricercatori
assunti a tempo indeterminato, ancorche'  cessati  dal  servizio.  Al
procedimento per il conferimento del contratto  di  cui  al  presente
bando, non  possono  partecipare  coloro  che  abbiano  un  grado  di
parentela  o  affinita'  fino  al  quarto  grado  compreso,  con   un
professore di prima o seconda fascia appartenente  all'Ateneo  ovvero
con il Rettore, il Direttore Generale o un componente  del  Consiglio
di Amministrazione dell'Ateneo. La durata  complessiva  dei  rapporti
instaurati con i titolari degli assegni di ricerca di cui all'art. 22
della Legge n. 240 del 2010 e dei contratti di cui all'art. 24  della
Legge n. 240 del 2010, intercorsi con lo stesso  soggetto  anche  con
atenei diversi, statali, non statali o telematici,  nonche'  con  gli
enti di cui al comma 1 dell'art. 22 della Legge n. 240 del  2010  non
puo' in ogni caso superare i dodici anni, anche non continuativi. Non
rilevano  nel  computo  i  periodi  trascorsi  in   aspettativa   per
maternita' o per motivi di salute secondo la normativa vigente. 
                               Art. 3 
 
 
                        Domande di ammissione 
 
 
    Le domande di partecipazione alla procedura pubblica di selezione
di cui al presente  bando,  redatte  in  carta  semplice  secondo  il
modello allegato A (modello di domanda), indirizzate al Rettore della
LUMSA, presso la Segreteria  amministrativa  di  Ateneo  -  Borgo  S.
Angelo n. 13 - 00193 Roma, devono  essere  trasmesse  a  mezzo  posta
raccomandata o a mano (dal lunedi al venerdi' dalle ore 9,00 alle ore
13,00) entro il termine perentorio di 30  giorni  che  decorrono  dal
giorno successivo alla data di pubblicazione del presente bando nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana  -  4ª  serie  speciale.
Qualora il termine di scadenza indicato cada in  giorno  festivo,  la
scadenza e' posticipata al primo giorno feriale utile. 
    In caso di spedizione postale fa fede il timbro. 
    Il plico di invio dovra' pervenire chiuso e  dovra'  riportare  i
seguenti dati: 
      cognome, nome e indirizzo del candidato; 
      selezione a n. 1 posto di ricercatore  a  tempo  determinato  -
settore concorsuale 12 D1; 
      il settore  scientifico-disciplinare -  il  Dipartimento  -  il
numero della Gazzetta Ufficiale  di  pubblicazione  del  bando  -  la
dicitura «Domanda e titoli del candidato». 
    Nel modulo di domanda i candidati dovranno chiaramente dichiarare
sotto la propria responsabilita': 
      cognome e nome; 
      luogo e data di nascita; 
      residenza; 
      cittadinanza; 
      domicilio eletto ai fini del concorso; 
      codice fiscale (solo per residenti in Italia); 
      indirizzo e-mail; 
      recapito telefonico; 
      titoli di studio universitari conseguiti  (diploma  di  laurea,
dottorato di ricerca); 
      dichiarazione con cui si attesta il possesso dei  requisiti  di
cui al precedente articolo 2; 
      di non aver riportato condanne penali; 
      di  godere  dei  diritti  civili  e  politici  nello  Stato  di
appartenenza o di provenienza. 
    La domanda, debitamente compilata e firmata  in  originale,  deve
essere corredata dai seguenti documenti: 
      curriculum scientifico-professionale; 
      elenco dei titoli e delle pubblicazioni; 
      titoli,  pubblicazioni  e  lavori  che  i  candidati  intendono
sottoporre a valutazione comparativa; numero massimo di pubblicazioni
da produrre n. 12; 
      tesi di dottorato di ricerca, se posseduta; 
      fotocopia di un documento di identita' valido; 
      nel caso in cui il candidato ricopra eventuali altri  uffici  o
incarichi,  dovra'   allegare   dichiarazione   nella   quale   sara'
specificato il tipo di attivita' svolta; 
      elenco  numerato  datato  e  firmato  delle  pubblicazioni   da
presentare con l'indicazione del nome degli autori, del titolo, della
casa editrice, della data e del luogo di edizione,  del  titolo,  del
numero della raccolta e dell'anno di riferimento; 
      i candidati portatori  di  handicap,  dovranno  allegare  nella
domanda una certificazione circa l'ausilio necessario in relazione al
proprio handicap, nonche' l'eventuale necessita' di tempi  aggiuntivi
per l'espletamento delle prove, ai sensi della legge 5 febbraio 1992,
n. 104. 
    I titoli che  il  candidato  intende  presentare  debbono  essere
prodotti in carta semplice e devono essere  posseduti  alla  data  di
scadenza del bando. 
    I titoli possono essere autocertificati nei casi consentiti dagli
artt. 46 e 47 del D.P.R.  n.  445  del  28  dicembre  2012,  mediante
dichiarazione sostitutiva di certificazione o atto di  notorieta'.  I
candidati  possono  altresi'  produrli  in  originale  o   in   copia
autenticata.  Non  e'  consentito  il  riferimento  a   documenti   o
pubblicazioni presso questa od altre amministrazioni, o  a  documenti
allegati ad altra domanda di partecipazione ad  altro  concorso.  Non
saranno considerate valide le domande presentate o spedite  oltre  il
termine  di   scadenza   del   presente   bando   ovvero   prive   di
sottoscrizione. 
    L'indirizzo e-mail dichiarato nella domanda costituisce il  mezzo
di comunicazione  ufficiale  relativo  alla  presente  selezione  ivi
comprese le convocazioni per l'eventuale discussione pubblica con  la
commissione. Il calendario delle date di discussione ed i  nominativi
dei  candidati  ammessi  saranno  pubblicati  nel  sito  dell'ateneo:
http://www.lumsa.it concorsi e selezioni. Sara'  cura  dei  candidati
tenersi   informati.   Ogni   variazione   dovra'   pertanto   essere
tempestivamente comunicata all'indirizzo a.cartoni@lumsa.it. 
    La  LUMSA  non  assume  alcuna  responsabilita'   nel   caso   di
irreperibilita'  del   destinatario   e   per   la   dispersione   di
comunicazioni  dipendente  da  inesatta  indicazione   dell'indirizzo
e-mail da parte del candidato o da eventuali disguidi non  imputabili
a colpa dell'amministrazione stessa, o comunque imputabili a fatto di
terzi,  a  caso  fortuito  o   forza   maggiore.   Alla   commissione
giudicatrice spetta in modo  esclusivo  la  verifica  e  il  giudizio
sull'ammissibilita' delle domande e relativa documentazione allegata. 
                               Art. 4 
 
 
Procedura di valutazione comparativa dei candidati e criteri generali
                           di valutazione 
 
 
    La valutazione dei  candidati  e'  effettuata  dalla  commissione
permanente per il reclutamento e il merito di cui all'art.  20  dello
statuto che opera sulla  base  del  regolamento  di  cui  al  decreto
rettorale n. 928 del 27 settembre 2011. 
    La commissione nello svolgimento delle sue attivita' si  atterra'
alle seguenti disposizioni: 
      valutazione preliminare dei candidati,  con  motivato  giudizio
analitico sui titoli, sul curriculum e sulla produzione  scientifica,
ivi compresa la tesi  di  dottorato,  secondo  criteri  e  parametri,
riconosciuti anche in ambito internazionale, individuati con  decreto
ministeriale 25 maggio 2011, n. 243; 
      formulazione  di  una  graduatoria  ai  soli  fini  di  cui  al
successivo punto, espressa in centesimi: 
      ammissione dei candidati comparativamente  piu'  meritevoli,  a
seguito della valutazione preliminare, in misura compresa tra il 10 e
il 20 per cento del numero degli stessi e comunque  non  inferiore  a
sei unita', alla discussione pubblica con la commissione dei titoli e
della produzione scientifica; i candidati  sono  tutti  ammessi  alla
discussione qualora il loro  numero  sia  pari  o  inferiore  a  sei;
attribuzione  di  un  punteggio  ai  titoli  e   a   ciascuna   delle
pubblicazioni presentate dai candidati ammessi  alla  discussione,  a
seguito della stessa. 
    Per la valutazione dei  candidati  e'  prevista  una  discussione
pubblica dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche,  nonche'  una
prova orale volta ad accertare l'adeguata  conoscenza  dell'eventuale
lingua  straniera  prevista  nel  bando,  in  relazione  al   profilo
plurilingue dell'ateneo stesso ovvero alle  esigenze  didattiche  dei
corsi di studio in lingua estera: tale prova avviene  contestualmente
alla discussione dei titoli e delle pubblicazioni. 
    Per l'accertamento della conoscenza  della  lingua  straniera  la
commissione puo' avvalersi del supporto di uno o piu' esperti. 
 
               Valutazione dei titoli e del curriculum 
 
    1. La commissione giudicatrice effettua una motivata  valutazione
seguita da una  valutazione  comparativa,  facendo  riferimento  allo
specifico settore concorsuale e ai  profili  definiti  esclusivamente
tramite  indicazione  dei   settori   scientifico-disciplinari,   del
curriculum  e  dei  seguenti  titoli,  debitamente  documentati,  dei
candidati: 
      a) dottorato di ricerca o equipollenti, conseguito in Italia  o
all'estero; 
      b) eventuale attivita' didattica  a  livello  universitario  in
Italia o all'estero; 
      c) documentata attivita' di  formazione  o  di  ricerca  presso
qualificati istituti italiani o stranieri; 
      d) realizzazione  di  attivita'  progettuale  relativamente  ai
settori concorsuali nei quali e' prevista; 
      e) organizzazione,  direzione  e  coordinamento  di  gruppi  di
ricerca nazionali e internazionali, o partecipazione agli stessi; 
      f) titolarita' di brevetti relativamente ai settori concorsuali
nei quali e' prevista; 
      g) relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali; 
      h)  premi  e  riconoscimenti  nazionali  e  internazionali  per
attivita' di ricerca; 
      i) diploma di specializzazione europea  riconosciuto  da  Board
internazionali, relativamente a quei settori concorsuali nei quali e'
prevista. La valutazione di ciascun titolo indicato al presente punto
1) e' effettuata considerando specificamente la significativita'  che
esso assume in ordine alla qualita'  e  quantita'  dell'attivita'  di
ricerca svolta dal singolo candidato. 
 
              Valutazione della produzione scientifica 
 
    La  commissione  giudicatrice,  nell'effettuare  la   valutazione
preliminare  comparativa  dei  candidati,  prende  in  considerazione
esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per  la  pubblicazione
secondo le norme vigenti nonche' saggi inseriti in opere  collettanee
e articoli editi su  riviste  in  formato  cartaceo  o  digitale  con
l'esclusione di note interne o rapporti dipartimentali.  La  tesi  di
dottorato o dei titoli  equipollenti  sono  presi  in  considerazione
anche in assenza delle condizioni di cui al presente punto. 
    La commissione giudicatrice effettua la  valutazione  comparativa
delle pubblicazioni di cui al precedente  paragrafo  sulla  base  dei
seguenti criteri: 
      a) originalita', innovativita', rigore metodologico e rilevanza
di ciascuna pubblicazione scientifica; 
      b)  congruenza  di  ciascuna  pubblicazione  con   il   settore
concorsuale per il quale e' bandita la procedura e  con  il  profilo,
definito   esclusivamente   tramite   l'indicazione    dei    settori
scientifico-disciplinari, ovvero con tematiche  interdisciplinari  ad
essi correlate; 
      c)  rilevanza  scientifica  della  collocazione  editoriale  di
ciascuna pubblicazione e sua diffusione all'interno  della  comunita'
scientifica; 
      d)  determinazione  analitica,  anche  sulla  base  di  criteri
riconosciuti   nella   comunita'   scientifica   internazionale    di
riferimento, dell'apporto  individuale  del  candidato  nel  caso  di
partecipazione del medesimo a lavori in collaborazione. 
    La commissione giudicatrice deve altresi valutare la  consistenza
complessiva della produzione scientifica del candidato,  l'intensita'
e la continuita' temporale  della  stessa,  fatti  salvi  i  periodi,
adeguatamente   documentati,   di   allontanamento   non   volontario
dall'attivita' di ricerca, con particolare riferimento alle  funzioni
genitoriali. 
    Ai  candidati  ammessi  alla  discussione  pubblica,   non   sono
riconoscibili emolumenti ne' rimborsi spese. La commissione  convoca,
con un preavviso non inferiore a 15 giorni di calendario, gli ammessi
alla discussione pubblica del titoli e delle pubblicazioni a  seguito
della  quale  attribuisce  un  punteggio   ai   medesimi   titoli   e
pubblicazioni. All'esito dei lavori,  la  commissione,  formula,  per
ciascun candidato, un giudizio complessivo, formando una  graduatoria
di merito. La commissione conclude i propri  lavori  entro  due  mesi
dalla data di scadenza del bando di concorso. Il termine puo'  essere
prorogato  per  comprovati  ed  eccezionali  motivi   segnalati   dal
Presidente della commissione. 
    La commissione con motivato parere sulla base  della  valutazione
comparativa tra i candidati individua un  vincitore  o  delibera  che
nessuno dei candidati risponde alle esigenze per le  quali  il  posto
bandito e' stato richiesto. 
    Gli atti  della  commissione  sono  approvati  con  delibera  del
Consiglio di amministrazione nella prima seduta utile dalla  data  di
conclusione dei lavori della commissione stessa. La delibera e'  resa
pubblica sul sito web di ateneo. 
    Il  Consiglio  di  amministrazione  delibera  la   chiamata   del
vincitore individuato dalla commissione,  di  norma  entro  due  mesi
dall'approvazione degli atti. 
    La presa di servizio avviene dal 1° novembre successivo alla data
della delibera del Consiglio di amministrazione, salvo  anticipazione
per particolari esigenze didattiche. 
                               Art. 5 
 
 
                          Diritti e doveri 
 
 
    Al vincitore sono assegnati  i  seguenti  impegni:  attivita'  di
ricerca scientifica espletata nell'ambito  dei  progetti  di  ricerca
sviluppati dal Dipartimento  di  afferenza  o  nell'ambito  di  altre
strutture di ricerca dell'Universita'; in  particolare  al  candidato
saranno assegnate anche le funzioni indicate all'art. 1 del  presente
bando; 
      l'impegno annuo complessivo per lo svolgimento delle  attivita'
di didattica, di didattica integrativa e di servizio agli studenti e'
pari a 350 ore, per il regime a tempo pieno, secondo  le  indicazioni
del Dipartimento di afferenza. 
    Al termine del primo triennio, ai fini dell'eventuale proroga per
ulteriori due anni, l'attivita' svolta dal  ricercatore  puo'  essere
sottoposta  a  valutazione  da  parte  degli  organi  accademici.  Al
ricercatore a tempo determinato si applicano le disposizioni  di  cui
all'art. 6 commi 9,  10  e  12  della  Legge  n.  240  del  2010  che
disciplinano le incompatibilita' legate alla posizione giuridica  del
ricercatore e le incompatibilita'  connesse  al  regime  di  impegno.
Eventuali incarichi retribuiti esterni potranno  essere  svolti  solo
previa  autorizzazione  degli  organi  accademici  della  LUMSA  e  a
condizione di compatibilita' con il regime di impegno a tempo pieno. 
                               Art. 6 
 
 
                       Elementi del contratto 
 
 
    Il contratto di cui al  presente  bando  ha  durata  triennale  e
decorre, di norma, dall'accettazione della proposta di assunzione  al
candidato vincitore e potra' eventualmente essere prorogato  per  una
durata complessiva non superiore a due anni,  per  espressa  volonta'
delle  parti  con  atto  scritto  e   previa   valutazione   positiva
dell'attivita' svolta da parte degli organi accademici. 
    Il candidato dovra' comunicare l'accettazione entro 10 giorni dal
ricevimento della proposta. 
    Il  trattamento  economico  e'  pari  al   trattamento   iniziale
spettante ai ricercatori confermati nel regime di impegno  assegnato,
cosi' come previsto dall'art. 24 della Legge n. 240 del  2010  e  dal
d.p.r. 15.12.2011, n. 232. 
    La  retribuzione  complessiva  sara'  erogata,  al  netto   delle
ritenute di legge applicabili sulla base della legislazione italiana,
in 13 mensilita' posticipate. 
    Al vincitore non si applicano le  progressioni  economiche  e  di
carriera  previste  per  i  ricercatori  a  tempo  indeterminato.  Il
vincitore sara' iscritto all'Istituto previdenziale obbligatorio INPS
- gestione ex INPDAP. 
    Il conferimento del contratto  e'  incompatibile:  con  qualsiasi
altro rapporto di  lavoro  subordinato  presso  soggetti  pubblici  o
privati; con la titolarita' degli assegni  di  ricerca  anche  presso
altri atenei; con  le  borse  di  dottorato  e  post-dottorato  e  in
generale con qualsiasi borsa di studio o assegno a  qualunque  titolo
conferiti anche da enti terzi. Il contratto di cui al presente  bando
non  da'  luogo  a  diritti   in   ordine   all'accesso   ai   ruoli.
L'espletamento del contratto di cui  al  presente  bando  costituisce
titolo  preferenziale  nei  concorsi  per  l'accesso  alle  pubbliche
amministrazioni.  Il  vincitore  e'   obbligato   a   fornire   prima
dell'assunzione, gli originali delle pubblicazioni e dei lavori utili
sottoposti a valutazione, nonche' i titoli in originale  o  in  copia
conforme all'originale,  oltre  alla  documentazione  necessaria  per
l'assunzione ai fini di legge e di regolamenti interni.  In  caso  di
inadempienza di cui al precedente paragrafo, non si potra' dar  luogo
alla stipula del contratto. 
                               Art. 7 
 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
 
    Ai sensi dell'art. 18 del  decreto  legislativo  n.  196  del  30
giugno 2003, i dati personali forniti dai candidati saranno  raccolti
e trattati con mezzi informatici e cartacei, presso la LUMSA, per  le
finalita'  di  gestione  della  presente  procedura  di   valutazione
comparativa, di pubblicita'  degli  alti  relativi  e  dell'eventuale
conferimento del contratto. 
                               Art. 8 
 
 
                             Pubblicita' 
 
 
    Il presente bando e' pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica Italiana - 4ª serie speciale e  all'Albo  Ufficiale  della
LUMSA. Il presente bando e' disponibile  sul  sito  web  della  LUMSA
www.lumsa.it - concorsi e selezioni, del  Ministero  dell'Istruzione,
dell'Universita' della Ricerca e dell'Unione Europea. 
                               Art. 9 
 
 
                    Responsabile del procedimento 
 
 
    Il responsabile del procedimento e' il  dott.  Andrea  Cartoni  -
Borgo S. Angelo n. 13, tel. 06.68422209, e.mail a.cartoni@lumsa.it. 
                               Art. 10 
 
 
                         Disposizioni finali 
 
 
    Per  quanto  non  espressamente  previsto  dal  presente   bando,
valgono,  in  quanto  applicabili,  le  disposizioni  previste  dalla
normativa vigente in materia. 
      Roma, 23 luglio 2013 
 
                    Il Rettore: Dalla Torre Del Tempio di Sanguinetto