Concorso per 1 ricercatore universitario (lombardia) POLITECNICO DI MILANO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 66 del 24-08-2012
Sintesi: POLITECNICO DI MILANO CONCORSO   (scad.  23 ottobre 2012) Selezione pubblica, per l'assunzione di un ricercatore a tempo determinato (junior) con regime di impegno a tempo pieno di durata triennale ...
Ente: POLITECNICO DI MILANO
Regione: LOMBARDIA
Provincia: MILANO
Comune: MILANO
Data di pubblicazione 29-08-2012
Data Scadenza bando 23-10-2012
Condividi

POLITECNICO DI MILANO

CONCORSO   (scad.  23 ottobre 2012)
Selezione pubblica,  per  l'assunzione  di  un  ricercatore  a  tempo
  determinato (junior) con regime di impegno a tempo pieno di  durata
  triennale prorogabile per soli 2 anni, per una sola volta - Settore
  concorsuale 09/D3 -  Impianti  e  processi  industriali  chimici  -
  Settore scientifico-disciplinare ING-IND/25 - Impianti chimici. 
 
                             IL RETTORE 
 
    Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168 ed in particolare l'art.  6,
in  base  al  quale  le  Universita'   sono   dotate   di   autonomia
regolamentare; 
    Visto lo Statuto del Politecnico di Milano  adottato  al  decreto
rettorale n. 623/AG  in  data  23  febbraio  2012,  pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale del 2 marzo 2012, n. 52; 
    Vista la legge n. 22 aprile 1987, n. 158; 
    Vista  la  legge  10  aprile  1991,  n.  125,   in   materia   di
realizzazione della parita' uomo - donna nel lavoro; 
    Viste le norme generali in materia di rapporto di lavoro a  tempo
determinato ed in particolare  il  decreto  legislativo  6  settembre
2001, n. 368; 
    Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537; 
    Visto il decreto del  Presidente  della  Repubblica  28  dicembre
2000,  n.  445  -  Testo  unico  delle  disposizioni  legislative   e
regolamentari  in  materia   di   documentazione   amministrativa   e
successive modificazioni; 
    Visto il decreto legislativo  n.  196  del  2003,  relativo  alla
tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento  dei
dati personali; 
    Visto il D.R. n. 565 del 28 maggio 1998  relativo  all'emanazione
del Regolamento circa il contributo per la partecipazione a  concorsi
pubblici indetti da questo Politecnico; 
    Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l'art.
24; 
    Visto il D.M. 24 maggio 2011, n. 242, relativo a «Criteri per  la
valutazione delle  attivita'  didattiche  e  di  ricerca  svolte  dai
titolari dei contratti di cui all'art. 24, comma 3, lettera a di  cui
all'art. 24 della legge n. 240/2010»; 
    Visto il D.M. 25 maggio 2011,  n.  243,  relativo  a  «Criteri  e
parametri  riconosciuti,  anche  in  ambito  internazionale,  per  la
valutazione preliminare dei candidati destinatari  dei  contratti  di
cui all'art. 24, comma 2 lettera c) della legge n. 240/2010»; 
    Visto il D.M. 29 luglio 2011, n. 336 «Determinazione dei  settori
concorsuali raggruppati in macrosettori concorsuali di  cui  all'art.
15 della legge n. 240/2010» e successive modificazioni; 
    Visto il D.R. 11 gennaio 2012, Rep. n.  117,  con  cui  e'  stato
emanato il Regolamento d'Ateneo per il reclutamento dei ricercatori a
tempo determinato ai sensi dell'art. 24 della legge n. 240/2010; 
    Vista  la  delibera  del  Dipartimento  di  Chimica,  materali  e
ingegneria chimica «Giulio Natta» in data 13 luglio 2012 con la quale
si approva la proposta di indizione di un bando di selezione pubblica
ad un posto di ricercatore  a  tempo  determinato  (iunior),  per  il
settore concorsuale 09/D3 - Impianti e processi industriali chimici; 
    Accertata la disponibilita' finanziaria, 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
                        Tipologia concorsuale 
 
    E'  indetta  una  selezione  pubblica  per  l'assunzione  di   un
ricercatore a tempo determinato ai sensi art. 24, comma 3, lettera  a
della legge 31 dicembre 2010, n. 240, (junior) con regime di  impegno
a tempo pieno di durata triennale prorogabile per soli 2 anni, per  1
sola volta. 
    Dipartimento: Chimica,  materali  e  ingegneria  chimica  «Giulio
Natta». 
    Sede: Dipartimento di  Chimica,  materali  e  ingegneria  chimica
«Giulio Natta». 
    Settore  concorsuale:  09/D3  Impianti  e  processi   industriali
chimici. 
    Settore scientifico disciplinare: ING-IND/25 - Impianti chimici. 
    Durata del contratto: 3 anni. 
    Regime  di  impegno:  tempo  pieno  Lingua  straniera  richiesta:
inglese. 
    Numero massimo di pubblicazioni: 12. 

        
      
                               Art. 2 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
    Sono ammessi a partecipare alla selezione i candidati, italiani o
stranieri,  in  possesso  del  titolo  di  dottore   di   ricerca   o
equivalente, conseguito in Italia o all'estero in Ingegneria Chimica. 
    Ai sensi dell'art. 29  comma  13  della  legge  n.  240/2010,  in
alternativa al possesso del titolo di dottore di ricerca o, di titolo
equivalente, e' titolo valido per la  partecipazione  alle  procedure
per il conferimento dei contratti di cui  al  precedente  art.  1  il
possesso, da almeno tre anni, di laurea  specialistica  o  magistrale
ovvero di diploma  di  laurea  secondo  il  vecchio  ordinamento,  in
Ingegneria  Chimica  o  equipollenti,  unitamente  ad  un  curriculum
scientifico idoneo allo svolgimento  di  attivita'  di  ricerca  (con
documentata attivita' di ricerca, di didattica e professionale svolta
dopo la laurea). 
    Essendo la partecipazione alla  selezione  senza  limitazioni  di
cittadinanza, i cittadini stranieri dovranno essere in possesso di un
titolo  di  studio  riconosciuto  equipollente  in  base  ad  accordi
internazionali e alla normativa  vigente.  Tale  equipollenza  dovra'
risultare da idonea certificazione. 
    Non sono ammessi alla  selezione  i  professori  universitari  di
prima e  seconda  fascia  e  i  ricercatori  a  tempo  indeterminato,
ancorche' cessati dal servizio. 
    Non sono altresi' ammessi coloro che  hanno  avuto  contratti  in
qualita'  di  assegnista  di  ricerca  e  di  ricercatore   a   tempo
determinato ai sensi, rispettivamente, degli articoli 22 e  24  della
legge n. 240/2010 presso il Politecnico  di  Milano  o  presso  altri
Atenei italiani, statali o non statali o telematici,  nonche'  presso
gli enti di cui al comma 1 dell'art. 22 della legge n.  240/2010  per
un periodo che, sommato alla durata prevista dal  contratto  messo  a
bando, superi complessivamente i 12 anni, anche non continuativi.  Ai
fini della durata  dei  predetti  rapporti  non  rilevano  i  periodi
trascorsi in aspettativa  per  maternita'  o  per  motivi  di  salute
secondo la normativa vigente. 
    Non sono ammessi coloro che abbiano un grado di  parentela  o  di
affinita'  fino  al  quarto  grado  con  un  docente   afferente   al
Dipartimento  di  Chimica,  materali  e  ingegneria  chimica  «Giulio
Natta», ovvero con il Rettore, il Direttore Generale o un  componente
del Consiglio di amministrazione. 
    I requisiti per  essere  ammessi  alla  selezione  devono  essere
posseduti alla data di scadenza della presentazione della domanda. 

        
      
                               Art. 3 
 
                        Domanda di ammissione 
                     e termine di presentazione 
 
    Per partecipare alla selezione il candidato compila la domanda di
partecipazione disponibile sul sito intemet d'Ateneo e  la  invia  in
una busta sulla quale precisa la dicitura: 
      «n.  1  posto  di  Ricercatore   T.D.   (Junior),   presso   il
Dipartimento di Chimica, materali e ingegneria chimica "Giulio Natta"
- (cod. procedura 2118/CHIM1)». 
    La busta con la domanda di ammissione alla selezione  debitamente
datata e firmata e con tutti gli allegati richiesti e ritenuti  utili
ai fini della selezione potra' essere: 
      consegnata  personalmente  al  Servizio  Posta,  Protocollo   e
Archivio - Piazza Leonardo da Vinci, 32 - 20133 Milano nei giorni dal
lunedi' al venerdi' esclusivamente dalle ore 9.30 alle  ore  12.30  e
dalle 13.30 alle 16.00; 
oppure 
      inviata tramite raccomandata con avviso di  ricevimento,  posta
celere, corriere o qualsiasi altro  mezzo  idoneo  a  certificare  la
partenza entro il termine indicato; a tal fine fara' fede  il  timbro
postale accettante, 
entro il termine perentorio  di  60  (sessanta)  giorni,  a  pena  di
esclusione,  decorrenti   dal   giorno   successivo   a   quello   di
pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale. 
    I candidati le  cui  domande  siano  prodotte  oltre  il  termine
indicato,  saranno  automaticamente  esclusi   dalla   procedura   di
selezione. 
    Qualora la data di scadenza cada in giorno festivo il termine  e'
prorogato al giorno seguente non festivo. 
    La domanda deve contenere, a pena di esclusione  dalla  procedura
di selezione, il Codice Procedura: 2118/CHIM1. 
    Coloro che intendono partecipare a piu'  procedure  di  selezione
devono presentare distinte e complete domande per ciascuna di esse. 
    I  candidati  sono  ammessi  alla  selezione  con   riserva.   Il
Responsabile del procedimento puo' disporre - in qualunque momento  -
l'esclusione dalla selezione a  mezzo  fax,  o  raccomandata  A.R.  o
telegramma, per le seguenti motivazioni: 
    l'inoltro della domanda di ammissione oltre il termine perentorio
dei  60  giorni  decorrenti  dal  giorno  successivo  a   quello   di
pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale; 
      la mancata sottoscrizione della domanda di ammissione; 
      la   mancata   sottoscrizione   del   curriculum    scientifico
professionale; 
      la mancanza degli allegati alla domanda di ammissione; 
      il difetto dei requisiti indicati al punto 2 del bando; 
      ogni altra ipotesi di violazione delle prescrizioni del bando. 
    Qualora i motivi che  determinano  l'esclusione  siano  accertati
dopo l'espletamento della selezione, il Responsabile del procedimento
dispone la decadenza da ogni diritto conseguente alla  partecipazione
alla selezione stessa; sara' ugualmente  disposta  la  decadenza  dei
candidati di  cui  risulti  non  veritiera  una  delle  dichiarazioni
previste  nella  domanda  di  ammissione  alla  selezione   o   delle
dichiarazioni  rese  ai  sensi  del  decreto  del  Presidente   della
Repubblica n. 445/2000. 
    I candidati sono inoltre tenuti a versare,  pena  esclusione  dal
concorso stesso, un contributo senza il diritto al rimborso nel  caso
di mancata partecipazione per qualsiasi ragione, di € 25,82  sul  c/c
bancario IBAN: IT 34 T 05696 01620 000001600X69 -  Agenzia  21  della
Banca Popolare di Sondrio, Via Bonardi, 4 - 20133 Milano intestato al
Politecnico di Milano - P.zza L.  Da  Vinci,  32  -  20133  Milano  -
indicando la causale: 
      «n.  1  posto  di  Ricercatore   T.D.   (Junior),   presso   il
Dipartimento di Chimica, materali e ingegneria chimica "Giulio Natta"
- (cod. procedura 2118/CHIM1)». 
    I candidati portatori di handicap dovranno  richiedere  ai  sensi
della legge n. 104/1992 l'ausilio necessario per poter  sostenere  il
colloquio. 
    I cittadini stranieri devono, inoltre, dichiarare di  godere  dei
diritti civili e politici anche nello  Stato  di  appartenenza  o  di
provenienza, di non aver riportato condanne penali nello Stato in cui
sono cittadini ed in quello italiano, e di avere una buona conoscenza
della lingua italiana. 
    Alla domanda il candidato deve allegare: 
      curriculum scientifico professionale firmato; 
      elenco dei documenti, titoli e pubblicazioni firmato; 
      titoli, pubblicazioni, certificazioni ritenuti  utili  ai  fini
della selezione; 
      fotocopia  di  un  documento  di  riconoscimento  in  corso  di
validita': carta d'identita', passaporto o patente; 
      ricevuta del versamento del contributo di partecipazione. 
    Ai fini della selezione: 
      i  titoli  di  studio  conseguiti  in  Italia  sono  dichiarati
direttamente nella  domanda  di  ammissione  (che  costituisce  anche
dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell'art. 46 del
decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000); 
      tutti gli  altri  titoli,  escluse  le  pubblicazioni,  che  il
candidato ritiene utili ai fini della selezione,  sono  prodotti  con
dichiarazione  sostitutiva  di  atto  di  notorieta'   corredata   da
fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validita'  ai
sensi della normativa vigente (allegato A); 
      i titoli di studio conseguiti all'estero devono essere prodotti
in originale o adeguatamente certificati; 
      le  pubblicazioni  scientifiche  (ivi  comprese  le   tesi   di
laurea/dottorato o in alternativa i relativi abstract) devono  essere
prodotte in originale o in copia autenticata  mediante  dichiarazione
sostitutiva di atto  di  notorieta'  corredata  da  fotocopia  di  un
documento di riconoscimento in corso  di  validita'  ai  sensi  della
normativa vigente (allegato B). 
    I cittadini non  appartenenti  all'Unione  Europea,  regolarmente
soggiornanti in Italia devono allegare  alla  domanda  di  ammissione
copia   del   permesso   di   soggiorno    regolarmente    rilasciato
dall'Amministrazione competente e in corso di validita' o la ricevuta
della richiesta del  permesso  di  soggiorno.  Nel  caso  in  cui  il
candidato sia dichiarato vincitore della selezione,  il  permesso  di
soggiorno (o la ricevuta della richiesta del permesso  di  soggiorno)
dovra' essere presentato in originale al Visiting  Professor  Welcome
Office entro  e  non  oltre  la  data  fissata  per  la  stipula  del
contratto.  La   mancata   presentazione   del   documento   comporta
l'automatica decadenza dal diritto alla conclusione del contratto. Ai
fini  della  selezione,  tali   candidati   possono   utilizzare   le
dichiarazioni sostitutive sopra menzionate (domanda di  ammissione  e
allegati A e B), limitatamente agli stati, alle qualita' personali  e
ai fatti certificabili o attestabili da parte  di  soggetti  pubblici
italiani, fatte salve le speciali disposizioni contenute nelle  leggi
e nei regolamenti concernenti la disciplina  dell'immigrazione  e  la
condizione dello straniero. 
    I cittadini non appartenenti  all'Unione  europea  residenti  nel
proprio  Paese  d'origine  al  momento  della   partecipazione   alla
selezione,  laddove  risultino  vincitori  della   stessa,   dovranno
necessariamente presentare al Visiting Professor  Welcome  Office  il
visto d'ingresso ottenuto conseguentemente al rilascio del nulla osta
della prefettura, entro la data del presunto inizio di attivita'.  La
mancata presentazione del documento comporta l'impossibilita' di dare
inizio all'attivita'. Ai fini della  selezione,  tali  candidati  non
possono utilizzare le dichiarazioni sostitutive di  certificazione  e
di notorieta' sopra  menzionate,  ma  devono  produrre  i  titoli  in
originale o adeguatamente certificati e le pubblicazioni scientifiche
(ivi comprese le tesi di laurea/dottorato o in alternativa i relativi
abstract) in originale. 
    L'Amministrazione si riserva la facolta' di effettuare  controlli
a campione sulle dichiarazioni rilasciate. 
    L'Amministrazione non assume alcuna responsabilita' derivante  da
inesatte indicazioni da parte del candidato o da  eventuali  disguidi
postali. 
    Non   e'   consentito   il   riferimento   a    documenti    gia'
presentati/depositati per altre selezioni presso questo Politecnico. 
    La  documentazione  presentata  in  allegato  alla   domanda   di
partecipazione rimarra' agli atti di questa Amministrazione. 

        
      
                               Art. 4 
 
                      Commissione di selezione 
 
    La Commissione di selezione e' costituita da tre professori di  I
e II fascia (o equivalenti se stranieri), in maggioranza afferenti ad
altri Atenei anche stranieri, dei  macrosettori  concorsuali  oggetto
del bando, designati dal Consiglio del Dipartimento interessato. 
    La nomina e' disposta con decreto del Rettore ed e' resa pubblica
mediante esposizione all'albo ufficiale e la pubblicazione  sul  sito
internet d'Ateneo. 
    La Commissione dovra' concludere i propri lavori entro  sei  mesi
dall'emanazione del decreto  di  nomina.  Su  proposta  motivata  del
Presidente puo' essere concessa dal Rettore una proroga di tre mesi. 
    Eventuali istanze di ricusazione di uno o piu'  componenti  della
commissione giudicatrice da parte dei candidati, qualora ricorrano le
condizioni previste dall'art. 51  del  Codice  di  Procedura  Civile,
devono essere proposte al Rettore nel termine  perentorio  di  trenta
giorni dalla pubblicazione all'Albo Ufficiale  e  sul  sito  internet
d'Ateneo del  decreto  di  nomina  della  commissione.  Decorso  tale
termine e comunque dopo l'insediamento  della  commissione  non  sono
ammesse istanze  di  ricusazione.  Se  la  causa  di  ricusazione  e'
sopravvenuta purche'  anteriore  alla  data  dell'insediamento  della
Commissione, il termine decorre  dalla  sua  insorgenza.  Il  rigetto
dell'istanza di ricusazione non puo' essere dedotto  come  successiva
causa di ricusazione. 

        
      
                               Art. 5 
 
                       Modalita' di selezione 
 
    La selezione  avviene  mediante  valutazione  dei  candidati  con
motivato giudizio  analitico  sui  titoli,  sul  curriculum  e  sulla
produzione scientifica, ivi compresa la tesi  di  dottorato,  secondo
criteri e parametri, riconosciuti  anche  in  ambito  internazionale,
individuati con D.M. 25 maggio 2011, n. 243. 
    La Commissione di selezione nella prima riunione fissa i  criteri
e i parametri con i quali sara' effettuata la valutazione preliminare
e  la  successiva  valutazione  dei   titoli   e   della   produzione
scientifica. 
    Nella stessa riunione la Commissione fissa altresi' il  punteggio
massimo e quello minimo, al  di  sotto  del  quale  non  si  consegue
l'idoneita'. 
    I criteri ed i  parametri  di  valutazione  sono  resi  pubblici,
almeno dieci giorni  prima  della  valutazione  preliminare  e  della
valutazione  dei  titoli  e  della  produzione  scientifica  e   sono
pubblicati sul sito dell'Ateneo. 
    Su   proposta   del   Presidente   della   Commissione,    previa
autorizzazione del Rettore, la prima riunione puo'  avvenire  in  via
telematica. 
    A   seguito   della   valutazione   preliminare,   i    candidati
comparativamente piu' meritevoli, in misura compresa tra il 10  e  il
20 per cento del numero degli stessi e comunque non inferiore  a  sei
unita', sono ammessi alla discussione pubblica  dei  titoli  e  della
produzione scientifica con la Commissione. 
    I candidati risultano tutti ammessi alla discussione  qualora  il
numero sia pari o inferiore a sei. 
    Successivamente la Commissione procede  alla  discussione  con  i
candidati dei titoli e della produzione scientifica. 
    Tale discussione, che  potra'  essere  sostenuta,  a  scelta  del
candidato, in lingua italiana o in lingua inglese, non e' oggetto  di
valutazione ma  e'  finalizzata  all'attribuzione  dei  punteggi  sui
titoli e sulla produzione scientifica. 
    Contestualmente alla discussione dei titoli  e  della  produzione
scientifica, la Commissione effettuera'  una  prova  orale  volta  ad
accertare l'adeguata conoscenza dei candidati della lingua inglese. 
    Dopo la discussione e' attribuito un  punteggio  ai  titoli  e  a
ciascuna delle pubblicazioni presentate dai  candidati  ammessi  alla
discussione stessa. 
    La  Commissione  redige,  in  base  ai  criteri  e  ai  parametri
stabiliti nella  riunione  preliminare,  una  graduatoria  di  merito
tenendo conto dei punteggi conseguiti nella valutazione dei titoli  e
della produzione scientifica da ciascun candidato. 
    La data, il luogo e l'orario di svolgimento della discussione dei
titoli e della produzione scientifica vengono  notificati  a  ciascun
candidato a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento, non meno
di 20 giorni prima dello svolgimento del colloquio. 
    L'Amministrazione  non  assume  alcuna  responsabilita'  per   la
dispersione di comunicazioni, dipendente da inesatta indicazione  del
recapito  da  parte  del  candidato  o  da  mancata  oppure   tardiva
comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella  domanda,
ne'  per  eventuali  disguidi  postali  o  telegrafici   o   comunque
imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore. 
    Per sostenere il colloquio i candidati dovranno essere muniti  di
un documento di riconoscimento in corso di validita'. 
    La Commissione, conclusi i lavori, consegna al  responsabile  del
procedimento gli  atti  concorsuali,  costituiti  dai  verbali  delle
singole riunioni e dalla relazione riassuntiva. 

        
      
                               Art. 6 
 
              Accertamento della regolarita' degli atti 
 
    Il Direttore Generale entro trenta giorni  dalla  consegna  degli
atti redatti dalla  Commissione,  accerta  con  proprio  decreto,  la
regolarita' formale, dandone comunicazione ai candidati.  Dalla  data
di ricevimento della predetta comunicazione decorrono i  termini  per
la proposizione di eventuali ricorsi. 
    Il decreto e' pubblicato sul sito  internet  dell'Ateneo,  ed  e'
trasmesso, unitamente agli atti della Commissione alla struttura  che
ha richiesto il bando, competente per la proposta di chiamata. 
    Nel caso in cui riscontri vizi di forma,  il  Direttore  Generale
rinvia, con provvedimento motivato gli atti alla commissione  per  la
regolarizzazione, stabilendone il termine. 

        
      
                               Art. 7 
 
                              Documenti 
                        Stipula del contratto 
 
    Il vincitore della selezione entro 30  giorni  dalla  data  della
delibera del Consiglio di amministrazione della proposta di  chiamata
e' invitato a  stipulare  il  contratto  individuale  di  lavoro,e  a
presentare la  documentazione  richiesta  ai  sensi  della  normativa
vigente per l'instaurazione di un rapporto di  lavoro  subordinato  a
tempo determinato. 
    L'Amministrazione ha facolta' di sottoporre  a  visita  medica  i
vincitori della selezione in base alla normativa vigente. 
    Il  contratto  dovra'  essere  sottoscritto  entro  i  30  giorni
successivi al ricevimento della comunicazione. 
    Nel contratto verranno indicati: 
      a) la data di inizio e di fine del rapporto di lavoro; 
      b) le prestazioni richieste; 
      c) il trattamento economico. 
    Il periodo di prova e' della durata  di  tre  mesi  effettivi  di
servizio e la valutazione compete al Direttore del Dipartimento. 
    Il periodo di prova e' sospeso in caso di assenza  per  malattia.
In tal caso il dipendente ha diritto alla conservazione del posto per
un periodo massimo di sei mesi,  decorso  il  quale  il  rapporto  e'
risolto. Decorso il periodo di prova senza che il rapporto di  lavoro
sia stato risolto da una delle  parti,  il  contrattista  si  intende
confermato in servizio e  gli  viene  riconosciuta  l'anzianita'  dal
giorno dell'assunzione a tutti gli effetti. 
    In  caso  di  recesso  la  retribuzione  viene  corrisposta  fino
all'ultimo giorno di effettivo servizio. 
    Ai sensi della normativa  vigente,  i  cittadini  extracomunitari
possono utilizzare le  dichiarazioni  sostitutive,  limitatamente  ai
casi in cui si tratti di comprovare stati, fatti e qualita' personali
certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici  o  privati
italiani. 

        
      
                               Art. 8 
 
                        Durata del contratto 
 
    Il contratto ha durata triennale e potra'  essere  prorogato  per
due anni e per una sola  volta,  previa  positiva  valutazione  delle
attivita' di ricerca e didattiche svolte, effettuata  sulla  base  di
modalita', criteri e parametri definiti con D.M. 24 maggio  2011,  n.
242. 

        
      
                               Art. 9 
 
Compiti, modalita' di svolgimento del rapporto di  lavoro  e  impegno
                               orario 
 
    Il  ricercatore  a  tempo  determinato  dovra'  presentare   alla
competente       struttura       dell'Amministrazione        centrale
un'autocertificazione  mensile  delle  ore  giornaliere  dedicate  al
progetto di  ricerca  sottoscritta  dal  Direttore  del  Dipartimento
stesso, tenendo conto del monte ore annuale. 
    L'impegno annuo complessivo per lo svolgimento delle attivita' di
didattica, di didattica integrativa e di servizio  agli  studenti  e'
pari a 350 ore. 
    Il contrattista e' tenuto a svolgere l'impegno didattico, secondo
modalita'  definite  in  sede   di   programmazione   didattica   dal
Dipartimento  proponente  l'attivazione  del  contratto,   ai   sensi
dell'apposito Regolamento di Ateneo sugli impegni didattici. 

        
      
                               Art. 10 
 
                 Risoluzione del rapporto di lavoro 
 
    La  cessazione  del  rapporto  di  lavoro  e'  determinata  dalla
scadenza del termine o dal recesso di una delle parti e da ogni altra
causa di risoluzione prevista dalla normativa vigente. 
    Durante i primi tre mesi ciascuno dei  contraenti  puo'  recedere
dal contratto, in qualsiasi momento, e senza obbligo di preavviso ne'
di indennita' sostitutiva del preavviso. Il recesso opera dal momento
della comunicazione alla controparte. 
    Trascorso tale periodo e  fino  alla  scadenza  del  termine,  il
recesso dal contratto puo' comunque avvenire qualora si verifichi una
causa che,  ai  sensi  dell'art.  2119  del  c.c.,  non  consenta  la
prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto. In caso di recesso, il
contrattista e' tenuto a dare un  preavviso  pari  a  30  giorni;  il
termine di preavviso decorre dal 1° giorno o dal giorno 16 di ciascun
mese. In caso di mancato preavviso l'Amministrazione ha il diritto di
trattenere al dipendente un importo corrispondente alla  retribuzione
per il periodo di preavviso non dato. 

        
      
                               Art. 11 
 
               Incompatibilita' e ulteriori incarichi 
 
    Il contratto di cui al presente bando e' incompatibile con: 
      qualsiasi altro rapporto di lavoro subordinato, anche part-time
o a tempo determinato, presso soggetti pubblici e privati; 
      titolarita' degli assegni di ricerca anche presso altri Atenei; 
      borse di dottorato e post-dottorato e in generale con qualsiasi
borsa di studio o di assegno a qualunque titolo  conferiti  anche  da
enti terzi. 
    Al  contrattista  e'  consentito  lo  svolgimento  di   ulteriori
incarichi didattici, oltre  a  quelli  indicati  all'art.  9  con  le
modalita' previste dall'apposito Regolamento di Ateneo. 
    Al  contrattista  si  applicano  le  disposizioni  contenute  nel
Regolamento disciplinante gli  incarichi  esterni  all'Ateneo  per  i
professori e i ricercatori. 
    Il contratto di cui al presente bando non da' luogo a diritti  in
ordine all'accesso ai ruoli universitari. 
    L'espletamento del contratto di cui al presente bando costituisce
titolo  preferenziale  nei  concorsi  per  l'accesso  alle  pubbliche
amministrazioni. 

        
      
                               Art. 12 
 
                   Trattamento economico, fiscale, 
                    previdenziale ed assicurativo 
 
    Il trattamento economico del contrattista e' pari al  trattamento
iniziale del ricercatore confermato a tempo pieno. 
    Il trattamento annuo lordo non e' soggetto ne' ad  indicizzazioni
ne' a rivalutazioni. 
    Il rapporto di lavoro che  si  instaura  tra  il  Politecnico  di
Milano ed il contrattista e' regolato dalle disposizioni  vigenti  in
materia,  anche  per   quanto   attiene   il   trattamento   fiscale,
assistenziale e  previdenziale  previsto  per  i  redditi  da  lavoro
dipendente. 
    L'Ateneo provvede altresi' alla copertura  assicurativa  relativa
ai rischi da infortunio ed alla responsabilita' civile. 
    Al contrattista viene riconosciuto quanto  disposto  dal  decreto
legislativo 26 marzo 2001, n. 151, in materia di  tutela  e  sostegno
della maternita' e della paternita', dalla legge 5 febbraio 1992,  n.
104, per l'assistenza,  l'integrazione  sociale  e  i  diritti  delle
persone diversamente abili, dagli articoli 37, 40 e  68  del  decreto
del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3,  e  successive
modificazioni, in materia di congedo straordinario e aspettativa  per
infermita'. L'aspettativa per infermita'  non  potra'  protrarsi  per
piu' di 12 mesi. 

        
      
                               Art. 13 
 
                      Proprieta' intellettuale 
 
    L'eventuale  realizzazione  di  un'innovazione,  suscettibile  di
brevettazione, realizzata dal  contrattista  nell'espletamento  delle
proprie mansioni,  e'  disciplinata  in  conformita'  alla  normativa
vigente in materia,  al  Regolamento  di  Ateneo  ed  alle  eventuali
clausole contrattuali di riferimento. 

        
      
                               Art. 14 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
    Ai sensi del  decreto  legislativo,  n.  196  del  2003,  i  dati
personali forniti dai candidati, sono trattati esclusivamente per  le
finalita' di gestione del presente bando  e  raccolti  presso  l'Area
Risorse Umane e Organizzazione - Piazza Leonardo Da Vinci, 32 - 20133
Milano del Politecnico di Milano. 
    Le medesime informazioni potranno  essere  comunicate  unicamente
alle  amministrazioni   pubbliche   direttamente   interessate   alla
posizione giuridico economica del candidato risultato vincitore. 
    Il conferimento di  tali  dati  e'  obbligatorio  ai  fini  della
valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l'esclusione  dalla
procedura di selezione. 
    L'interessato potra'  esercitare  i  diritti  di  cui  al  citato
decreto legislativo, tra i quali figura il diritto di accesso ai dati
che lo riguardano, nonche' alcuni diritti complementari  tra  cui  il
diritto di far rettificare, aggiornare,  completare  o  cancellare  i
dati erronei, incompleti o raccolti  in  termini  non  conformi  alla
legge. 

        
      
                               Art. 15 
 
                    Responsabile del procedimento 
 
    Ai sensi di quanto disposto dall'art.  5  della  legge  7  agosto
1990, n. 241, responsabile del procedimento di cui al presente  bando
e'  nominata  la  sig.ra  Paola  Cesati  -  Area  Risorse   Umane   e
Organizzazione - Servizio Selezioni e Concorsi -  tel.  0223992236  -
0223992271  -  fax  0223992015  -  E-Mail:  paola.cesati@polimi.it  -
concorsi@polimi.it 

        
      
                               Art. 16 
 
                             Pubblicita' 
 
    Il presente bando e' pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica italiana, sul sito internet del Politecnico di Milano, sul
sito del Ministero dell'istruzione dell'universita' e della ricerca e
sul Portale dell'Unione Europea. 

        
      
                               Art. 17 
 
                            Norme finali 
 
    Per  quanto  non  espressamente  previsto  dal  presente   bando,
valgono,  in  quanto  applicabili,  le  disposizioni  previste  dalla
normativa citata nelle premesse  del  presente  decreto,  nonche'  le
leggi vigenti in materia. 
      Milano, 2 agosto 2012 
 
                                                  Il rettore: Dragoni