Concorso per 3 dottori di ricerca (lombardia) UNIVERSITA' DI MILANO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 3
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 55 del 17-07-2012
Sintesi: UNIVERSITA' DI MILANO CONCORSO   (scad.  3 settembre 2012) Concorso pubblico per l'ammissione al corso di dottorato di ricerca denominato «PhD (Philosophiae doctor) in medical nanotechnology», afferente alla ...
Ente: UNIVERSITA' DI MILANO
Regione: LOMBARDIA
Provincia: MILANO
Comune: MILANO
Data di pubblicazione 17-07-2012
Data Scadenza bando 03-09-2012
Condividi

UNIVERSITA' DI MILANO

CONCORSO   (scad.  3 settembre 2012)
Concorso pubblico per l'ammissione al corso di dottorato  di  ricerca
  denominato «PhD (Philosophiae doctor) in  medical  nanotechnology»,
  afferente alla scuola  di  dottorato  in  system  medicine  -  a.a.
  2012/2013. 
 
 
                             IL RETTORE 
 
    Visto l'art. 4 della legge 3 luglio 1998, n. 210; 
    Visto il decreto ministeriale 30 aprile 1999, n. 224 «Regolamento
recante norme in materia di dottorato di ricerca»; 
    Visto il decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270  «Modifiche
al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica  degli
atenei, approvato con decreto del Ministro dell'universita'  e  della
ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509»; 
    Visto il regolamento d'ateneo in materia di dottorato di ricerca,
emanato   con   decreto   rettorale   9ottobre2006    e    successive
modificazioni; 
    Vista la legge regionale 13 dicembre 2004,  n.  33  «Norme  sugli
interventi regionali per il diritto allo studio  universitario»,  che
prevede l'erogazione di servizi a favore degli iscritti ai  corsi  di
dottorato di ricerca; 
    Vista la convenzione tra l'Universita' degli studi di Milano e la
fondazione «Scuola superiore europea di medicina  molecolare»  (SEMM)
in attuazione delle deliberazioni adottate dai competenti  organi  di
governo, ai fini dell'istituzione del corso di dottorato  di  ricerca
internazionale  denominato  «PhD  (Philosophiae  Doctor)  in  medical
nanotechnology»; 
    Visto il decreto rettorale 7 maggio 2007, con il quale  e'  stata
costituita  presso  l'ateneo  la  «Scuola  di  dottorato  in   system
medicine» ed e' stato emanato il relativo regolamento; 
    Viste le deliberazioni  adottate  dal  Senato  accademico  e  dal
Consiglio di amministrazione dell'Universita' degli studi  di  Milano
rispettivamente nelle sedute del 13 e 27 marzo 2012; 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                             Attivazione 
 
 
    L'Universita' degli studi di Milano,  in  collaborazione  con  la
fondazione «Scuola superiore europea di medicina molecolare»  (SEMM),
attiva in conformita' alle normative vigenti un corso di dottorato di
ricerca  di  contenuto   fortemente   innovativo,   denominato   «PhD
(Philosophiae doctor)  in  medical  nanotechnology»,  afferente  alla
scuola di dottorato in system medicine. 
    Il corso ha come elementi fondanti dell'iter formativo: 
      l'inserimento  del   dottorando   nel   processo   di   ricerca
sperimentale; 
      l'introduzione di nuove materie di studio, legate agli sviluppi
delle nanotecnologie e della post-genomica; 
      l'insegnamento di elementi  di  gestione  finanziaria  e  della
comunicazione della ricerca; 
      l'internazionalita'. 
    La sua dimensione internazionale e' fondata su: 
      presenza di docenti e dottorandi stranieri; 
      collegamento   con    istituzioni    straniere    di    spicco,
particolarmente nella post-genomica e nelle nanotecnologie; 
      uso della lingua inglese come lingua ufficiale del corso. 
    Settori scientifico-disciplinari di riferimento del corso: BIO/11
-  Biologia  molecolare,  BIO/18  -  Genetica,  CHIM/04   -   Chimica
industriale, MED/04 -  Patologia  generale,  FIS/03  -  Fisica  della
materia. 
    Durata: 4 anni. 
    Posti: 3. 
    Borse: 3 finanziate da Centro europeo di nanomedicina  (CEN)  (di
cui due riservate a candidati extracomunitari  non  rientranti  nella
previsione dell'art. 39, comma 5, del decreto legislativo  25  luglio
1998, n. 286, modificato dall'art. 26 della legge 30 luglio 2002,  n.
189, a condizione che questi occupino nella specifica graduatoria  di
merito una posizione non inferiore a quella  corrispondente  a  posti
che danno titolo a usufruire delle borse. Qualora  nella  graduatoria
di merito non figurino in posizione utile candidati  extracomunitari,
le borse in questione saranno attribuite a candidati  comunitari  che
ricoprano quelle posizioni). 
    Coordinatore:  prof.  Paolo  Milani,  Dipartimento   di   fisica,
Universita' degli studi di Milano. 
    Le attivita' formative del  dottorato  si  svolgeranno  presso  i
seguenti centri: 
      Istituto Firc di oncologia molecolare (IFOM) e Istituto europeo
di oncologia (IEO); 
      CIMAINA  Centro  interdisciplinare   materiali   e   interfacce
nanostrutturati, Universita' degli studi di Milano; 
      Fondazione Filarete. 
    Per l'ammissione  al  corso  di  dottorato  e'  indetto  pubblico
concorso, per titoli ed esami, le cui modalita' di  svolgimento  sono
indicate nei seguenti articoli. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono presentare  domanda  di  partecipazione  al  concorso  di
ammissione al dottorato di ricerca coloro i quali siano  in  possesso
di diploma  di  laurea  conseguito  secondo  l'ordinamento  anteriore
all'entrata in vigore del decreto ministeriale 30 novembre  1999,  n.
509, o di  diploma  di  laurea  specialistica/magistrale,  ovvero  di
titolo equivalente per livello di studi (Master's degree)  conseguito
presso universita' straniere. 
    L'idoneita' del titolo accademico straniero rispetto ai contenuti
e' valutata dal collegio docenti. 
    Per la validazione del  titolo  di  studio  il  candidato  dovra'
essere in possesso dei seguenti documenti: 
      titolo di studio tradotto da traduttore ufficiale e legalizzato
dalla rappresentanza italiana (Ambasciata o Consolato) nel Paese  ove
si e' conseguito il titolo; 
      «dichiarazione di valore in loco»  da  richiedere  alla  stessa
rappresentanza. 
    In caso di superamento  dell'esame  di  ammissione,  i  documenti
sopra     indicati     dovranno     essere     prodotti      all'atto
dell'immatricolazione al dottorato e l'ammissione  sara'  subordinata
alla validita' degli stessi. 
    Potranno partecipare agli esami  di  ammissione  anche  coloro  i
quali conseguiranno il diploma di laurea di cui al primo comma  o  di
laurea specialistica/magistrale entro la data stabilita per gli esami
di ammissione, cosi' come pubblicati sul sito http://www.semm.it.  In
tal caso, la  partecipazione  verra'  disposta  «con  riserva»  e  il
candidato sara' tenuto ad autocertificare, a pena  di  decadenza,  il
possesso della laurea o della laurea  specialistica/magistrale  entro
cinque giorni dalla data di  conseguimento.  Tale  autocertificazione
dovra' essere inviata a mezzo raccomandata con  ricevuta  di  ritorno
alla SEMM, Segreteria studenti, via Adamello n. 16 - 20139 Milano,  o
via fax al numero 02/94375991 con allegata la fotocopia del documento
di  identita'  e  inoltre  presentata   alla   commissione   all'atto
dell'esame. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                        Domanda di ammissione 
 
 
    La domanda di ammissione al  concorso  dovra'  essere  presentata
entro e non oltre le ore 14,00 del 3 settembre 2012. 
    I candidati dovranno presentare la domanda  per  via  telematica,
tramite  l'accesso  al  sito  http://www.semm.it.   La   domanda   di
ammissione consiste nella compilazione di un CV in  forma  telematica
da effettuarsi direttamente sul sito web. 
    In sintesi le informazioni da inserire saranno le seguenti: 
      i principali dati anagrafici; 
      i principali elementi del percorso formativo del candidato; 
      gli esami di profitto sostenuti; 
      il voto dell'esame di laurea (o media dei voti degli  esami  se
non ancora laureati); 
      una breve sintesi della tesi di laurea; 
      le eventuali pubblicazioni ed esperienze lavorative; 
      una descrizione delle  proprie  motivazioni  a  supporto  della
domanda; 
      un'autovalutazione  della  propria  conoscenza   della   lingua
inglese; 
      l'indicazione del nome di due referenti  che  supporteranno  la
candidatura. 
    Ad ogni domanda di ammissione verra' assegnato automaticamente un
numero identificativo, che sara' comunicato al  candidato  via  posta
elettronica a conferma dell'avvenuta  ricezione.  Tale  numero  sara'
utilizzato come identificativo del candidato per tutte le  successive
comunicazioni  pubblicate  sul  sito   web   (ammissione   all'esame,
graduatoria finale, ecc). 
    La domanda di ammissione dovra' inoltre essere corredata  da  due
lettere di referenza a supporto  della  candidatura.  All'atto  della
compilazione della domanda di ammissione,  in  apposita  sezione,  il
candidato dovra' indicare il nome, affiliazione  e  indirizzo  e-mail
dei referenti da lui scelti. Il sistema provvedera' ad  inoltrare  ai
referenti indicati la richiesta di  referenze.  Sara'  poi  cura  dei
referenti trasmettere le lettere di referenze  entro  il  termine  di
scadenza del bando attraverso  il  sistema  telematico.  I  referenti
dovranno essere professori universitari o  scienziati  con  ruolo  di
direttore di ricerca. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
              Disposizioni per i portatori di handicap 
 
 
    Ai sensi dell'art. 20 della legge 5  febbraio  1992,  n.  104,  i
candidati  portatori  di  handicap  possono  far  richiesta,  se   lo
ritengano opportuno, di appositi ausili e/o tempi aggiuntivi  per  lo
svolgimento delle prove concorsuali. A  questo  scopo  e'  necessario
che,  entro  il  termine  di  scadenza  del  bando,  trasmettano   la
certificazione medica attestante la validita' della richiesta a mezzo
raccomandata con ricevuta di ritorno alla SEMM, Segreteria  studenti,
via Adamello n. 16 - 20139 Milano, o via fax al numero 02/94375991. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                            Preselezione 
 
 
    Ricevute le richieste di  ammissione  all'esame,  la  commissione
provvedera' ad effettuare una preselezione dei candidati. 
    I criteri di preselezione utilizzati dalla commissione saranno  i
seguenti: 
      1) coerenza dei titoli posseduti con le finalita' del dottorato
(fino ad un massimo di 15 punti); 
      2)  valutazione  dei  percorsi  formativi  pregressi  (carriera
universitaria,  attivita'   di   ricerca,   eventuali   pubblicazioni
scientifiche, ecc.) svolti dal candidato (fino ad un  massimo  di  15
punti); 
      3) parere dei due referenti indicati dal candidato (fino ad  un
massimo di 20 punti). 
    Il punteggio minimo richiesto per accedere alle selezioni  e'  di
30/50. 
    I candidati che  supereranno  la  fase  di  preselezione  saranno
chiamati a sostenere l'esame di ammissione. 
    L'elenco dei candidati preselezionati sara' pubblicato  sul  sito
internet www.semm.it e avra' valore di notifica a tutti gli effetti. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                         Esame di ammissione 
 
 
    Le prove di  esame  si  svolgeranno  presso  l'Istituto  FIRC  di
oncologia molecolare (IFOM), via Adamello n. 16 - 20139 Milano il  22
e 23 ottobre 2012. Informazioni dettagliate sulle modalita'  e  sugli
orari  di  svolgimento  dei   colloqui   verranno   comunicate   agli
interessati via e-mail. Tale comunicazione avra' valore di notifica a
tutti gli effetti. 
    L'esame di ammissione si effettuera' in lingua inglese -  la  cui
conoscenza e' requisito essenziale per l'accesso  al  dottorato  -  e
consistera'  in  un  colloquio   individuale   con   la   commissione
esaminatrice.  Tale  colloquio  sara'  finalizzato  a   valutare   la
conoscenza delle materie tradizionali e  fondamentali  della  fisica,
della biologia e della biomedicina e includera' una breve esposizione
da parte del candidato della sua tesi di laurea, nonche' dei progetti
di ricerca in cui sia stato eventualmente coinvolto  durante  la  sua
carriera. 
    I candidati residenti all'estero, che intendono  avvalersi  della
possibilita' di sostenere la prova di ammissione presso il  Paese  di
provenienza, potranno sostenere un colloquio telematico con procedure
che garantiscano  l'identificazione  degli  stessi,  previo  consenso
della commissione esaminatrice. A tal fine il  candidato  interessato
dovra' comunicare (utilizzando l'apposito Allegato A)  il  nominativo
di una  persona  che  possa  provvedere  a  identificarlo  prima  del
colloquio. Inoltre il candidato si incarichera' di trasmettere  tutte
le informazioni, ivi incluse  le  copie  scansite  dei  documenti  di
identita' - proprio e del testimone  -,  necessarie  ad  attivare  il
collegamento telematico e il  congruo  riconoscimento  dell'identita'
del candidato stesso. L'allegato A verra' inviato via e-mail a  tutti
i candidati stranieri ammessi all'esame. I  candidati  che  intendano
avvalersi della possibilita' di sostenere la prova di ammissione  per
via  telematica  dovranno  restituire  l'allegato  A   opportunamente
compilato a phd@semm.it Informazioni dettagliate  sulle  modalita'  e
sugli  orari  di  svolgimento  dei   colloqui   telematici   verranno
comunicate agli interessati via e-mail  almeno  una  settimana  prima
dello svolgimento del colloquio. 
    La commissione  attribuira'  a  ciascun  candidato  un  punteggio
basato su: 
      1) percorsi  formativi  pregressi  svolti  dal  candidato,  con
riferimento alle  finalita'  del  dottorato  (laurea,  pubblicazioni,
altre attivita' rilevanti): fino ad un massimo di 15 punti; 
      2) qualita' della presentazione del lavoro di tesi: fino ad  un
massimo di 15 punti; 
      3) colloquio sulle materie tradizionali: fino ad un massimo  di
20 punti. 
    La valutazione dei titoli verra' comunicata  ai  candidati  prima
dello svolgimento delle prove di esame. 
    La graduatoria generale di merito verra' formata sulla base della
somma dei punteggi  ottenuti  dai  candidati  nella  valutazione  dei
titoli e nell'esame, in conformita' ai criteri sopra indicati. 
    L'esame si intende superato  solo  se  il  candidato  ottenga  un
punteggio non inferiore a 30/50. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                      Commissione esaminatrice 
 
 
    La commissione per l'esame di ammissione al corso di dottorato di
ricerca e'  nominata,  su  proposta  del  collegio  dei  docenti  del
dottorato, dal Rettore dell'Universita' degli  studi  di  Milano  con
proprio decreto. 
    La commissione  e'  formata  da  almeno  tre  membri  scelti  tra
professori e ricercatori universitari di ruolo,  cui  possono  essere
aggiunti due esperti, anche stranieri. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                         Ammissione al corso 
 
 
    I candidati sono ammessi al corso secondo l'ordine di graduatoria
fino alla concorrenza del  numero  dei  posti  messi  a  concorso.  A
parita' di punteggio prevale l'eta' minore, fatto salvo  il  criterio
di precedenza previsto per l'attribuzione della borsa  di  dottorato,
riportato nell'art. 10 del presente bando. 
    L'assegnazione delle borse di studio  viene  effettuata  in  base
alla graduatoria di merito. 
    In  caso  di  rinuncia  da  parte  di  candidati  ammessi,  sara'
possibile chiamare dalla graduatoria di  merito  candidati  risultati
idonei durante la selezione. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                     Domanda di immatricolazione 
 
 
    La domanda di immatricolazione al dottorato di  ricerca,  redatta
su  apposito  modulo  predisposto  dall'Universita'  degli  studi  di
Milano, deve essere presentata  entro  il  termine  perentorio  di  5
giorni dalla pubblicazione della graduatoria sul sito internet  della
SEMM (www.semm.it). 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                           Borse di studio 
 
 
    Le borse di studio di cui al  presente  bando  sono  destinate  a
dottorandi comunitari ed extracomunitari che  dispongono  di  reddito
annuo personale complessivo non superiore a  € 15.000,00  (esclusi  i
redditi di lavoro autonomo percepiti occasionalmente).  La  borsa  e'
conferita, ai sensi e con  le  modalita'  stabilite  dalla  normativa
vigente, secondo l'ordine della graduatoria, ed e' di  importo  lordo
annuo pari a € 15.702,00. L'importo della borsa e' esente da Irpef  a
norma dell'art. 4 della legge 13 agosto 1984, n. 476, e soggetto,  in
materia previdenziale, alle norme di  cui  all'art.  2,  commi  26  e
segg., della legge 8 agosto 1995, n. 335. 
    A parita' di  merito  prevale  la  valutazione  della  situazione
economica  determinata  ai  sensi  del  decreto  del  Presidente  del
Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001. 
    Dall'importo della borsa di studio verranno detratti d'ufficio la
tassa regionale per il diritto allo studio e un rimborso spese pari a
€ 23,00 (per complessivi € 123,00). 
    Qualora gli oneri per il  finanziamento  delle  borse  di  studio
siano   coperti   mediante   convenzione   con   soggetti    estranei
all'amministrazione  universitaria,  il  programma  di  studio  e  di
ricerca e' concordato fra il collegio dei docenti del dottorato  e  i
predetti soggetti. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
                         Tasse e contributi 
 
 
    I dottorandi, fatta eccezione per i titolari di borse  di  studio
di  dottorato,  sono  tenuti  al  versamento  di  un  contributo  per
l'accesso e la frequenza  al  corso  di  dottorato,  determinato  per
l'anno accademico 2011/2012  in  € 925,00,  comprensivo  della  tassa
regionale per il diritto allo studio,  del  premio  di  assicurazione
infortuni e dell'imposta di bollo. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                       Obblighi dei dottorandi 
 
 
    I dottorandi sono tenuti a seguire con regolarita'  le  attivita'
previste per il loro curriculum formativo e  a  dedicarsi  con  pieno
impegno e per quanto richiesto dal collegio dei docenti ai  programmi
di studio individuale e guidato e allo svolgimento delle attivita' di
ricerca assegnate. 
    Gli obiettivi formativi e i programmi del corso  sono  reperibili
sul sito web www.semm.it 

        
      
                               Art. 13 
 
 
                      Conseguimento del titolo 
 
 
    Il titolo di dottore di ricerca «PhD in  medical  nanotechnology»
si consegue all'atto del superamento dell'esame finale. Il titolo  e'
rilasciato dal Rettore dell'Universita' degli studi  di  Milano;  nel
titolo  e  nel   certificato   e'   formalmente   citato   il   ruolo
istituzionale/scientifico  della  fondazione  SEMM.  Il   titolo   si
consegue alla  conclusione  del  ciclo  di  dottorato,  all'atto  del
superamento dell'esame finale, che e' subordinato alla  presentazione
di una dissertazione  scritta  (tesi  di  dottorato)  che  dia  conto
dell'originalita' della ricerca, secondo i canoni reperibili sul sito
web www.semm.it 
    L'Universita' archiviera' e  rendera'  consultabile  in  rete  il
testo  completo  della  tesi  di  dottorato   attraverso   l'Archivio
istituzionale di ateneo (AIR). Dietro motivata richiesta del  dottore
di ricerca, e limitatamente ad  esigenze  di  tutela  e  sfruttamento
economico delle proprieta' industriali e/o delle opere  dell'ingegno,
sentito il tutor, la tesi potra' essere esclusa  dalla  consultazione
in linea per un periodo comunque non superiore a 18 mesi. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
 
    Ai sensi  del  proprio  regolamento  emanato  in  attuazione  del
decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, l'Universita' si  impegna
a rispettare il carattere riservato delle  informazioni  fornite  dai
candidati:  tutti  i  dati  forniti  saranno  trattati  solo  per  le
finalita' connesse e strumentali al concorso e all'eventuale gestione
del rapporto  con  l'Universita',  nel  rispetto  delle  disposizioni
vigenti. La fondazione SEMM si atterra' alle medesime prescrizioni. 

        
      
                               Art. 15 
 
 
                        Norme di riferimento 
 
 
    Per  quanto  non  previsto  nel   presente   bando   valgono   le
disposizioni legislative e regolamentari in materia di  dottorato  di
ricerca. 
      Milano, 10 luglio 2012 
 
                                                  Il rettore: Decleva