Concorso per 1 ricercatore universitario (piemonte) IRES - ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO SOCIALI DEL PIEMONTE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: DIR N. 23 del 21-03-2012
Sintesi: IRES - ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO SOCIALI DEL PIEMONTE Concorso (Scad. 21 aprile 2012) Selezione pubblica per titoli ed esami per la sottoscrizione di n. 1 contratto di lavoro a tempo determinato della durata di mesi ...
Ente: IRES - ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO SOCIALI DEL PIEMONTE
Regione: PIEMONTE
Provincia: TORINO
Comune: TORINO
Data di pubblicazione 22-03-2012
Data Scadenza bando 21-04-2012
Condividi

IRES - ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO SOCIALI DEL PIEMONTE

Concorso (Scad. 21 aprile 2012)

Selezione pubblica per titoli ed esami per la sottoscrizione di n. 1 contratto di lavoro a tempo determinato della durata di mesi diciotto, Categoria D, Livello economico 1, profilo professionale "Ricercatore", per lo svolgimento dell'attivita' di studio e ricerca finalizzata all'adozione da parte della Regione del Bilancio sociale.


II Consiglio di Amministrazione dell’Ires Piemonte in esecuzione della deliberazione n. 9 del 6 marzo 2012.
rende noto che e' indetta una selezione pubblica per titoli ed esami per la sottoscrizione di n. 1 contratto di lavoro a tempo determinato della durata di mesi diciotto, categoria D, livello economico 1, profilo professionale “ricercatore” per lo svolgimento dell’attività di redazione del bilancio sociale della Regione Piemonte.
Scadenza: 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte.
L’istituto garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ai sensi della Legge 28 novembre 2005, n. 246 e dell’art. 35 del d.lgs. n. 165/2001 e s.m.i.
L'ammissione alla selezione e l'espletamento della procedura sono disciplinati dai seguenti articoli.
ARTICOLO 1
(Oggetto dell’attività di studio e ricerca)
Nell’ambito della declaratoria professionale della categoria D, livello economico 1, la figura professionale oggetto della selezione di cui al presente bando è quella di “Ricercatore”.
L’attività di ricerca riguarda le tematiche attinenti la raccolta e l’analisi dei dati relativi all’andamento socio economico della Regione.
ARTICOLO 2
Requisiti per l’ammissione
Per essere ammessi alla selezione i candidati devono essere in possesso, alla data di scadenza del termine utile stabilito per la presentazione delle domande, dei seguenti requisiti:
a) diploma di laurea triennale;
b) cittadinanza italiana (per le equiparazioni valgono le norme in materia), oppure della cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione Europea;
c) idoneità fisica all'impiego;
d) godimento dei diritti politici;
e) non aver riportato condanne penali che determinino la non ammissione all'impiego pubblico;
f) essere in regola con le leggi sul reclutamento militare.
Possono partecipare alla selezione anche i cittadini degli Stati membri dell'Unione Europea, ai sensi dell'art. 38, comma 1, del D.lgs 30.3.2001, n. 165.
I cittadini degli Stati membri dell'Unione Europea, ai fini dell'accesso ai posti della Pubblica Amministrazione, devono:
1) godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza;
2) essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
3) avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
Non possono essere prese in considerazione le domande:
a) di coloro che siano esclusi dall'elettorato politico attivo;
b) di coloro che siano stati destituiti, o licenziati, o dispensati dall'impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, o che siano stati destituiti o licenziati a seguito di procedimento disciplinare o condanna penale, nonché i soggetti che siano stati dichiarati decaduti da altro pubblico impiego per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile, o abbiano subito condanna penale che, in base alla normativa vigente, preclude l’instaurazione di un rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione.
I requisiti prescritti per l’ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande e devono permanere alla data di sottoscrizione del contratto individuale di lavoro.
ARTICOLO 3
(Presentazione delle domande di ammissione al concorso - termine e modalità)
Le domande di ammissione alla selezione, redatte in carta semplice, secondo lo schema riportato in calce al presente bando (all. A), devono essere inoltrate a mezzo raccomandata A.R. all'Istituto di Ricerche Economico Sociali - Ufficio Protocollo - Via Nizza n. 18 Torino, nel termine perentorio di 30 giorni a decorrere dal giorno successivo la data di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte. La domanda potrà anche esser inviata in formato digitale tramite posta elettronica certificata all’indirizzo e-mail ires@pec.irespiemonte.it. Si precisa che la mail spedita da una casella non certificata non è idonea ad essere acquisita dal software in uso e pertanto la domanda non potrà essere presa in considerazione e dovrà essere ripresentata o integrata entro il termine di scadenza prevista dal bando a pena di esclusione.
La domanda, inoltre, dovrà essere sottoscritta con firma digitale e corredata da tutta la restante documentazione anch’essa in formato digitale. Inoltre ai sensi dell’art. 21, comma 3 del d.lgs n. 82/2005, “l’apposizione ad un documento informatico di una firma digitale basata su un certificato elettronico revocato, scaduto o sospeso equivale a mancata sottoscrizione”.
La domanda può essere, altresì, recapitata a mano, all’ufficio protocollo della sede dell’Ires (Via Nizza n. 18 Torino) entro il termine perentorio di cui sopra, dalle ore 9,00 alle 12,30 di ogni giorno lavorativo dal lunedì al venerdì. Per le domande presentate a mano, sarà cura del candidato munirsi di una copia fotostatica della domanda su cui il predetto ufficio protocollo apporrà il timbro di arrivo e che il candidato conserverà come ricevuta.
I candidati devono allegare alla domanda fotocopia semplice di un proprio documento d'identità in corso di validità.
Qualora la scadenza coincida con un giorno festivo, il termine di presentazione delle domande si intende prorogato al primo giorno successivo non festivo.
Sulla busta dovrà essere indicato: Selezione per contratto di lavoro a tempo determinato: Progetto Redazione bilancio sociale della Regione Piemonte.
Per la determinazione del termine di scadenza si considerano prodotte in tempo utile le domande spedite entro la data di scadenza. A tal fine fa fede la data del timbro dell'Ufficio Postale di partenza ovvero, la data di invio della e-mail. L'amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
Nella domanda di ammissione, redatta secondo lo schema allegato al presente bando, il candidato - consapevole che in caso di falsa dichiarazione, secondo quanto previsto dall'art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, verranno applicate le sanzioni previste dal Codice penale e che, ai sensi dell'art. 75 del citato D.P.R. n. 445/2000, decadrà dal beneficio ottenuto sulla base della dichiarazione non veritiera - deve dichiarare, a pena di esclusione:
1) il nome e il cognome; la data e il luogo di nascita;
2) il luogo di residenza, nonché l’indirizzo al quale devono essere inviate le comunicazioni relative al bando, se diverso dalla residenza;
3) il possesso del titolo di studio richiesto con indicazione dell’Università presso cui il titolo è stato conseguito, la data di conseguimento e la votazione riportata;
4) il possesso della cittadinanza italiana; ovvero di essere cittadino di uno Stato membro dell'Unione Europea (da indicare);
5) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali (ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime);
6) di non aver riportato condanne penali e di non aver procedimenti penali pendenti (ovvero le eventuali condanne riportate ovvero gli eventuali carichi pendenti);
7) di essere fisicamente idoneo all'impiego;
8) la posizione riguardo agli obblighi militari;
9) di non essere stato destituito o dispensato o licenziato dall'impiego presso una pubblica amministrazione o di non essere stato dichiarato decaduto o le eventuali cause di risoluzione di rapporti di lavoro presso una pubblica amministrazione.
I candidati dovranno inoltre indicare:
a) l'eventuale stato di disabile di cui alla l. n. 68/99, indicando la categoria di appartenenza;
b) l'eventuale possesso di titoli di preferenza a parità di merito.
Ai sensi della legge n. 104/92 i candidati riconosciuti portatori di handicap devono fare esplicita richiesta, a pena di decadenza del beneficio, nella domanda di partecipazione alla selezione, in relazione al proprio handicap, dell'eventuale ausilio necessario, nonché dell'eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento delle prove.
La firma in calce alla domanda di partecipazione al bando non è soggetta ad autenticazione.
Per i cittadini di uno Stato membro dell'Unione Europea i certificati rilasciati dalla competente Autorità dello Stato di cui lo straniero è cittadino, devono essere conformi alle disposizioni vigenti nello Stato stesso e devono altresì essere legalizzati dalle competenti Autorità Consolari Italiane.
Agli atti e documenti redatti in lingua straniera deve essere allegata una traduzione in lingua italiana, certificata conforme al testo straniero, redatta dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale.
Ai sensi dell'art. 7 del D. Lgs. n. 196/2003 e s.m.i., i dati forniti dai candidati sono raccolti presso il Settore Amministrazione dell’IRES, per le finalità di gestione della selezione e saranno trattati anche successivamente per le finalità inerenti la gestione del rapporto di lavoro. I candidati godono dei diritti di cui agli art. 7 e seguenti della medesima legge che possono essere fatti valere nei confronti dell'Ente.
ARTICOLO 4
(Motivi di esclusione)
Non vengono prese in considerazione le domande:
a) di coloro che non sono in possesso dei requisiti previsti dall'art. 2 del presente bando;
b) di coloro che siano esclusi dall'elettorato attivo;
c) di coloro che siano stati destituiti, licenziati, dispensati o siano stati dichiarati decaduti dall'impiego presso una pubblica amministrazione;
d) non sottoscritte;
e) non complete delle dichiarazioni di cui all'art. 3, dal punto 1) al punto 9) del presente bando;
f) spedite oltre il termine di cui all’articolo 3 del presente bando.
ARTICOLO 5
(Allegati)
I candidati devono allegare alla domanda:
a) eventuali documenti comprovanti il diritto a preferenza in caso di parità di merito come indicato all'art. 3 del presente bando, ove non allegati o non regolari, detti documenti non verranno considerati per i rispettivi effetti;
b) un curriculum formativo e professionale, redatto su carta semplice, datato e firmato;
c) un elenco in carta semplice dei documenti e dei titoli presentati, datato e firmato;
d) fotocopia semplice di un documento di identità, in corso di validità.
Ai sensi del disposto degli artt. 19, 46 e 47 del DPR n. 445/2000 il candidato può presentare, in allegato alla domanda di ammissione ed a titolo definitivo, una dichiarazione sostitutiva di certificazione o una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa al possesso dei requisiti specifici richiesti dal presente bando di selezione ed al possesso di ulteriori titoli che ritenga opportuno evidenziare agli effetti della valutazione di merito.
Tali dichiarazioni vanno sottoscritte ed inviate allegando copia fotostatica, ancorché non autenticata, fronte e retro, di un documento di identità personale del candidato, in corso di validità, provvisto di fotografia e rilasciato da un’Amministrazione dello Stato, pena la mancata valutazione dei titoli.
Ai sensi del disposto dell’art. 71 del D.P.R. n. 445/00 l’Amministrazione effettuerà idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni o di atto di notorietà.
Non sono tenuti in considerazione i titoli di cui al punto a) se presentati oltre il termine di scadenza per la presentazione delle domande.
ARTICOLO 6
(Commissione giudicatrice)
La Commissione giudicatrice, composta a norma della l.r. n. 26/94 e nominata con successivo provvedimento, decide circa l'ammissione o esclusione dei candidati, la valutazione dei titoli, le prove d'esame e il giudizio sulle stesse formulando la graduatoria con l'osservanza delle disposizioni vigenti in materia di precedenza e di preferenza a parità di merito a favore di particolari categorie. (all. B)
ARTICOLO 7
(Programma della selezione)
La selezione di cui al presente bando avverrà mediante la valutazione dei titoli e l’effettuazione di due prove d’esame, costituite da una prova scritta mediante somministrazione di quiz e da una prova orale.
ARTICOLO 8
(Prove d'esame - valutazione titoli di preferenza)
II diario e la sede delle prove d'esame sono fissati dalla commissione giudicatrice.
Il calendario e la sede della prova scritta viene notificata mediante pubblicazione sul sito internet www.ires.piemonte.it, sezione bandi e selezioni, con un termine minimo di preavviso di almeno 30 giorni a partire dal giorno 30 luglio 2012. Verrà altresì notificato sul sito l'esclusione dalla selezione per mancata sottoscrizione e invio fuori termine, della domanda.
Tale comunicazione ha valore di notifica e non seguiranno altre forme di comunicazione.
Alle prove d'esame i candidati dovranno presentarsi muniti di documento d'identità valido a norma di legge.
La prova scritta consiste in un quiz a risposta multipla da riportare su apposito modulo predisposto dalla Commissione Giudicatrice da svolgersi in un tempo predeterminato.
La prova è volta ad accertare il grado di cultura generale del candidato, la conoscenza dell’ordinamento giuridico della Regione Piemonte, dell’Ires nonché l’attitudine e la professionalità dello stesso in relazione alle caratteristiche richieste per lo svolgimento dell’attività di ricerca nelle materie oggetto della selezione.
Accederanno alla prova orale i 5 candidati meglio classificati nella prova quiz. Qualora si verificassero casi di parità di punteggio sono ammessi alla prova orale tutti coloro che hanno ottenuto lo stesso punteggio del candidato classificatosi al 5° posto.
Ai candidati ammessi alla prova orale è data comunicazione dell'avvenuta ammissione, mediante pubblicazione sul sito internet dell’Istituto www.ires.piemonte.it, sezione bandi e selezioni, entro 8 giorni dall’espletamento della prova quiz e verrà contestualmente, resa nota la data dello svolgimento della prova orale che si terrà trascorsi almeno 15gg. dalla suddetta comunicazione.
Ai candidati ammessi alla prova orale è data altresì comunicazione del punteggio relativo ai titoli mediante pubblicazione sul sito internet dell’Istituto www.ires.piemonte.it, sezione bandi e selezioni, Per la valutazione delle prove d'esame la Commissione giudicatrice si attiene ai seguenti criteri:
su un totale di 100 punti la ripartizione è la seguente:
prova orale punti 60;
titoli punti 40.
La Commissione procede alla valutazione dei titoli così suddivisi:
Titoli di servizio:
• Punteggio per esperienze lavorative nell'ultimo biennio precedente la data di scadenza del bando - massimo 24 punti che verranno attribuiti nel seguente modo:
• 12 punti per ogni anno di esperienza lavorativa per lo svolgimento di attività studio e di ricerca in materia di bilancio sociale presso I'IRES Piemonte;
• 10 punti per ogni anno di esperienza lavorativa se maturato presso altre Amministrazioni Pubbliche per lo svolgimento di attività di studio e di ricerca in materia di bilancio sociale, • 5 punti per ogni anno di esperienza lavorativa se maturato presso istituti di ricerca privati per lo svolgimento di attività di ricerca;
• 3 punti per ogni anno di esperienza lavorativa se maturato in Amministrazioni Pubbliche per lo svolgimento di attività lavorative non attinenti la ricerca in categoria D.
I periodi di servizio verranno valutati per le frazioni di anno in ragione mensile considerando, come mese intero, periodi continuativi di giorni trenta o frazioni superiori a quindici giorni;
• Valutazione titoli di studio 16 punti di cui:
- laurea specialistica o laurea vecchio ordinamento punti 7;
- master annuale 5 punti; biennale 6 punti;
- dottorato di ricerca punti 6;
- pubblicazioni, attinenti le materie oggetto dell’attività del progetto, da 0 a 10 punti;
- corsi di specializzazione complessivamente punti 2.
La graduatoria finale è formulata sommando la votazione conseguita e nella prova orale e nei titoli.
La graduatoria finale è pubblicata sul Bollettino Ufficiale dalla data di pubblicazione decorrono i termini per eventuali impugnative della medesima.
La prova orale deve svolgersi in un’aula aperta al pubblico di capienza idonea ad assicurare la massima partecipazione e viene articolata in un colloquio sulle seguenti materie:
- elementi di diritto regionale;
- ordinamento giuridico dell’Ires;
- elementi di bilancio pubblico;
- elementi di controllo di gestione;
- lingua inglese.
La prova orale si intende superata solo se il candidato ha ottenuto una votazione di almeno 7/10 del punteggio disponibile; al termine di ogni seduta la Commissione giudicatrice rende noto l'esito della prova orale mediante affissione presso la sede nella quale la prova si è svolta, dell'elenco, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario della Commissione, dei candidati convocati, indicando per ciascuno dei presenti il risultato conseguito. Tale comunicazione costituisce notifica dell'esito della prova.
ARTICOLO 9
(Accesso agli atti)
Si fa presente che l'accesso ad ogni atto del procedimento concorsuale, ad esclusione dei verbali della Commissione giudicatrice relativi all'ammissione alle prove, è differito sino all'approvazione della graduatoria finale.
Il candidato dichiarato vincitore sarà invitato per la stipulazione del contratto individuale di lavoro a tempo determinato per 18 mesi, compatibilmente con i vincoli derivanti da disposizioni di legge riferite alle assunzioni. Entro 30 giorni dalla ricezione della lettera di invito gli interessati devono produrre la documentazione richiesta.
All'atto della sottoscrizione del contratto devono essere prodotti:
- dichiarazione sostitutiva di certificazioni attestante il possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente;
- dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa ad incompatibilità e cumulo di impieghi di cui all'art. 53 del D.Lgs. n. 165/2001 e della legge regionale n. 10/89.
L'Amministrazione si riserva di disporre la non sottoscrizione del contratto qualora a carico dell’avente diritto risultino condanne per fatti tali da destare preoccupazione ed allarme sociale e da configurarsi come incompatibili con le mansioni connesse al profilo professionale.
Al vincitore della selezione è assegnato il profilo professionale di “ricercatore” le cui mansioni sono esplicitate nell’allegato C del presente bando, ad essi è corrisposto il trattamento tabellare spettante al personale di ruolo nella categoria D, livello economico 1, previsto dalla normativa contrattuale vigente ed il trattamento accessorio di euro 6.000,00 (euro seimila/00).
ARTICOLO 10
(Accertamento della veridicità delle dichiarazioni)
L'Amministrazione verificherà d'ufficio la veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dai candidati. Qualora in seguito a detti controlli sia accertata la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dagli eventuali benefici conseguenti i provvedimenti adottati sulla base delle dichiarazioni non veritiere, ferme restando le sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 445/2000.
ARTICOLO 11
(Pubblicità del bando di selezione)
Del presente bando di selezione viene data notizia mediante pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte e sul sito internet dell’Istituto www.ires.piemonte.it, sezione bandi e selezioni.
ARTICOLO 12
(Norme di rinvio)
II presente bando è stato emanato ai sensi e per gli effetti di cui alla Legge 28 novembre 2005, n. 246 che garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro e tiene altresì conto dei benefici in materia di assunzioni riservate ai candidati disabili di cui alla legge 68/1999.
Per quanto non esplicitamente previsto nel presente bando si fa riferimento alla legislazione statale e regionale in materia, ai principi del D.Lgs. n. 165/01 e s.m.i, al regolamento attuativo adottato con D.P.R. n. 487/94 e successive modifiche ed integrazioni.
La partecipazione alla selezione comporta la esplicita ed incondizionata accettazione delle clausole del bando, nonché delle eventuali modifiche che potranno essere apportate.