Concorso per 1 dirigente sanitario di anatomia patologica (puglia), 3 dirigenti medici anestesia e rianimazione (puglia), 3 dirigenti medici chirurgia vascolare (puglia), 1 dirigente medico ematologia (puglia), 3 dirigenti medici di medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza (puglia), 1 dirigente medico medicina interna (puglia), 2 dirigenti medici neurochirurgia (puglia), 1 dirigente medico ex 1^ livello di neuropsichiatria infantile (puglia), 2 dirigenti medici patologia clinica (puglia), 3 dirigenti medici di psichiatria (puglia), 1 dirigente medico disciplina radioterapia (puglia) A.U.S.L. BR/1 BRINDISI

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Mobilita'
Posti 21
Fonte: DIR N. 84 del 07-12-2011
Sintesi: A.U.S.L. BR/1 BRINDISI Concorso (Scad. 7 gennaio 2012) Avviso pubblico di mobilità regionale per posti di Dirigente Medico discipline diverse. In esecuzione della deliberazione n. 2829 GC del ...
Ente: A.U.S.L. BR/1 BRINDISI
Regione: PUGLIA
Provincia: BRINDISI
Comune: BRINDISI
Data di pubblicazione 12-12-2011
Data Scadenza bando 07-01-2012
Condividi

A.U.S.L. BR/1 BRINDISI

Concorso (Scad. 7 gennaio 2012)

Avviso pubblico di mobilità regionale per posti di Dirigente Medico discipline diverse.


In esecuzione della deliberazione n. 2829 GC del 10.11.2011 è indetto, ai sensi dell’art. 30 del D.Lgs. n. 165 del 30.3.2001 e s.m.i. e dell’art. 2 della L.R. 24.9.2010 n. 12, avviso di mobilità regionale, per la copertura di:
- 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI ANATOMIA PATOLOGICA
- 3 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI ANESTESIA E RIANIMAZIONE
- 3 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI CHIRURGIA VASCOLARE
- 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI EMATOLOGIA
- 3 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI MEDICINA E CHIRURGIA D’ACCETTAZIONE E D’URGENZA
- 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI MEDICINA INTERNA
- 2 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI NEUROCHIRURGIA
- 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE
- 2 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI PATOLOGIA CLINICA
- 3 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI PSICHIATRIA
- 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI RADIOTERAPIA  Requisiti di partecipazione Possono partecipare alla presente procedura di mobilità coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:
1) essere dipendenti di Aziende ed Enti pubblici del Servizio Sanitario Regionale, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, inquadrati nel profilo di Dirigente Medico delle discipline in argomento ed aver superato, alla scadenza del presente bando, il prescritto periodo di prova;
2) idoneità fisica all’esercizio delle mansioni proprie del profilo di appartenenza senza limitazione e/o prescrizione alcuna.
 I requisiti per la partecipazione all’avviso devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente bando per la presentazione delle domande di trasferimento.
 Modalità di compilazione e termine per la presentazione delle domande.
Per essere ammessi all’avviso gli interessati devono presentare, entro il 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, domanda di partecipazione, redatta in carta semplice, indirizzata all’Azienda Sanitaria Locale - Via Napoli 8, 72011 Brindisi - Per le domande inoltrate a mezzo del servizio postale, la data di spedizione è comprovata dal timbro a data dell’Ufficio postale accettante.
Nella domanda gli aspiranti devono indicare:
• la data, il luogo di nascita e la residenza;
• l’Azienda o Ente del S.S.N. presso cui risultano in servizio;
• l’avvenuto superamento del periodo di prova;
• il possesso della idoneità fisica all’esercizio delle mansioni proprie del profilo di appartenenza. Il candidato deve, inoltre, indicare il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essergli fatta ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza di cui alla sopraindicata lettera a).
 Per le finalità connesse e consequenziali al procedimento di cui trattasi, il candidato deve, altresì, esprimere il proprio consenso al trattamento dei dati personali contenuti nella domanda e nei documenti, ai sensi del Decreto Legislativo 30.6.2003 n. 196.
 Documenti da allegare alla domanda Alla domanda i candidati devono allegare:
• certificato di servizio rilasciato dall’Azienda o Ente di appartenenza dal quale risulti il superamento del periodo di prova;
• certificato di idoneità fisica rilasciato dal medico competente dell’Azienda o Ente di appartenenza;
• tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano opportuno presentare, ivi compreso un curriculum formativo e professionale, datato e firmato.
I titoli devono essere prodotti in originale o in copia legale o autenticata ai sensi di legge, ovvero autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente (D.P.R. 28.11.2000 n. 445). Le pubblicazioni devono essere edite a stampa.
Nella certificazione relativa ai servizi deve essere attestato se ricorrano o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’art. 46 del D.P.R. 20.12.1979 n. 761, in presenza delle quali il punteggio di anzianità deve essere ridotto. In caso positivo, l’attestazione deve precisare la misura della riduzione del punteggio;
• elenco, in carta semplice, dei documenti e dei titoli presentati.
 Dichiarazioni sostitutive Qualora il candidato intenda avvalersi dell’autocertificazione di cui al D.P.R. 445/2000, le dichiarazioni sostitutive di certificazione (art. 46) e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà (art. 47) devono contenere la clausola specifica che il candidato è consapevole che, in caso di falsità o dichiarazioni mendaci, lo stesso incorre nelle sanzioni penali di cui all’art. 76 D.P.R. 445/2000, oltre alla decadenza dai benefici conseguiti grazie al provvedimento emanato in base alle dichiarazioni non veritiere di cui al precedente art. 75. L’Azienda si riserva la facoltà di verificare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dal candidato, con le modalità e nei termini previsti dalle vigenti disposizioni.
La sottoscrizione delle dichiarazioni sostitutive presentate contestualmente alla domanda o richiamate dalla stessa deve essere accompagnata da fotocopia non autenticata di documento di riconoscimento del sottoscritto. In caso contrario la sottoscrizione deve essere effettuata dall’interessato in presenza del dipendente dell’Area Gestione del Personale di questa Azienda addetto a tale compito. Si precisa comunque che in caso di dichiarazione sostitutiva, relativa ai requisiti di ammissione e/o titoli che possono dar luogo anche a valutazione, l’interessato è tenuto a specificare con esattezza tutti gli elementi ed i dati necessari a determinare il possesso dei requisiti e/o la valutabilità della dichiarazione ai fini della graduatoria. La mancanza anche parziale di tali elementi preclude alla possibilità di procedere alla relativa valutazione.
In particolare, per eventuali servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni, l’interessato è tenuto a specificare: esatta denominazione ed indirizzo delle stesse; se trattasi di servizio a tempo indeterminato o determinato o a convenzione con l’indicazione dell’impegno orario; profilo professionale d’inquadramento; se trattasi di rapporto di lavoro a tempo pieno o parziale; periodo del servizio con precisazione di eventuali interruzioni del rapporto di impiego e loro motivo e posizione in ordine al disposto di cui all’art. 46 del D.P.R. 761/79.
Per l’autenticazione delle copie si richiede quanto previsto dall’art. 18 del D.P.R. 445/2000.
In caso di più domande rispetto ai posti disponibili, l’Azienda procederà ad una valutazione positiva e comparata da effettuarsi in base al curriculum di carriera e professionale dei dipendenti interessati, applicando i criteri di valutazione previsti dal D.P.R. 10.12.1997 n. 483. La partecipazione alla procedura di mobilità implica da parte del concorrente l’accettazione di tutte le disposizioni di legge vigenti in materia.
L’Azienda si riserva la facoltà, per legittimi motivi, di prorogare, sospendere, revocare in tutto o in parte o modificare il presente avviso di bando.
Per quanto non specificatamente espresso nel presente bando si rinvia alle disposizioni di legge vigenti in materia.
Per eventuali chiarimenti gli interessati potranno rivolgersi all’Area Gestione del Personale di questa Azienda - Tel. 0831 536173 - 536727.
 Il Commissario Straordinario
Dr.ssa Paola Ciannamea