Nomina 'ALMA MATER STUDIORUM' DI BOLOGNA Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 67 del 23-08-2011

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Nomina

Nota Bene: trattandosi di 'Nomina' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilitÓ di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarÓ visibile nella banca dati.



Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich´┐Ż ´┐Ż scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Nomina
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 67 del 23-08-2011
Sintesi: ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA NOMINA Nomina della commissione giudicatrice per una procedura di valutazione comparativa a un posto di ricercatore universitario, s.s.d. MED/40 - Ginecologia ed ostetricia, presso la ...
Ente: 'ALMA MATER STUDIORUM' DI BOLOGNA
Regione: EMILIA ROMAGNA
Provincia: BOLOGNA
Comune: BOLOGNA
Data di pubblicazione 29-08-2011
Condividi

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA


NOMINA

Nomina  della  commissione  giudicatrice   per   una   procedura   di
  valutazione comparativa a un posto  di  ricercatore  universitario,
  s.s.d. MED/40 - Ginecologia ed ostetricia, presso  la  facolta'  di
  medicina e chirurgia. 

 
                             IL RETTORE 
 
    Vista la legge 6 luglio 1998, n. 210; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23  marzo  2000,
n. 117; 
    Visto il D.R. n. 4762/572 del 21  dicembre  2000,  contenente  il
Regolamento dell'Universita' degli studi di Bologna źsulle  modalita'
di espletamento delle procedure per il  reclutamento  dei  professori
universitari di ruolo e dei ricercatori nonche' per i trasferimenti e
la mobilita' interna╗; 
    Visto  il  decreto  rettorale  n.  1401  del  12  novembre  2010,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del 23 novembre 2010; 
    Vista la legge del 9 gennaio 2009, n. 1; 
    Visto il decreto ministeriale 27 marzo 2009, n. 139; 
    Visto il risultato delle operazioni di voto e di sorteggio per le
designazioni dei componenti le Commissioni giudicatrici; 
    Visto il risultato delle operazioni di voto per  le  designazioni
dei componenti le Commissioni giudicatrici; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
    E'  costituita  la  seguente  commissione  giudicatrice  per   il
concorso a posto di Ricercatore universitario: 
MED/40 - Ginecologia ed ostetricia 
    Facolta' di medicina e chirurgia: 
      Nicola Rizzo - professore ordinario - Universita' di Bologna  -
Via Massarenti, 9 - 40125 Bologna; 
      Mauro  Marchionni  -  professore  ordinario  -  Universita'  di
Firenze - Viale Morgagni, 85 - Policlinico Careggi - 50134 Firenze; 
      Pier Luigi Venturini - professore ordinario  -  Universita'  di
Genova - Via de' Toni, 2 - 16132 Genova. 
    Numero massimo di pubblicazioni che saranno valutate per  ciascun
candidato: Non indicato. 
    Numero di fax presso il quale inviare eventuale dichiarazione  di
rinuncia ai sensi dell'allegato C al bando di concorso: 051-397637. 
    Sede presso la quale trasmettere i  lavori  scientifici:  Clinica
Ostetrica  e  Medicina  dell'eta'  prenatale  c/o  Dip.  Di   Scienze
Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Via Massarenti 13  -  40138
Bologna. 

        
      
                               Art. 2 
 
    Ai sensi dell'art. 5 del bando di concorso (D.R. n. 1401  del  12
novembre  2010,  pubblicato  nella  Gazzetta  Ufficiale  -  4¬  serie
speciale - n. 93 del 23 novembre 2010  -  consultabile  nel  seguente
sito WEB: http://www.unibo.it/Portale/Personale/Concorsi/default.htm )
i candidati dovranno inviare le pubblicazioni alla  sede  concorsuale
entro 30 giorni dal giorno successivo alla pubblicazione del presente
decreto nella Gazzetta Ufficiale. 
    Il mancato invio delle pubblicazioni alla sede dei  lavori  entro
il termine prescritto non equivale  a  rinuncia  alla  partecipazione
alla procedura. Tuttavia, la commissione  giudicatrice  valutera'  il
candidato solo sulla base del  curriculum  e  non  potra',  pertanto,
valutare le pubblicazioni anche se personalmente conosciute. 
    Le pubblicazioni che il candidato ritenga utile presentare per la
valutazione comparativa e che siano state indicate nella  domanda  ai
sensi del punto d) dell'art. 4,  dovranno  essere  inviate,  mediante
raccomandata  con  avviso  di  ricevimento  o  consegnate   a   mano,
all'indirizzo  indicato  all'art.  1  del   presente   decreto.   Per
effettuare la consegna a mano, si consiglia di verificare  giorni  ed
orari di apertura della sede lavori. 
    L'art. 2, comma 6 del decreto del Presidente della Repubblica  n.
117/2000 e l'art. 6 del bando di concorso  sanciscono  la  esclusione
dalla procedura per i candidati che  abbiano  inviato  un  numero  di
pubblicazioni superiore a quello indicato nel Bando di  concorso.  Al
fine di non incorrere nella sanzione ora indicata, si  raccomanda  di
controllare  l'esistenza  o  meno  del  suddetto   limite   (indicato
nell'art. 1 del presente bando relativamente ad ogni procedura) e  di
verificare con attenzione il rispetto dello stesso al  momento  della
spedizione. 
    Sui plichi contenenti le  pubblicazioni  devono  essere  indicati
espressamente:  l'Universita'  che  ha  bandito  la   procedura,   la
Facolta', il settore scientifico-disciplinare e la qualifica  per  la
quale si intende concorrere, nonche' indicazione del mittente. 
    E' facolta' del candidato trasmettere copia  delle  pubblicazioni
anche ai componenti la commissione presso l'Ateneo  di  appartenenza.
L'invio delle pubblicazioni ai singoli Commissari,  non  sostituisce,
in alcun modo, l'invio alla sede lavori. 
    Nessuno  dei  lavori  scientifici  inviati  sara'  restituito  ai
candidati a spese di questa  Amministrazione;  tuttavia  i  candidati
potranno  rientrare  in  possesso  delle  stesse,   salvo   eventuale
contenzioso in atto,  recandosi  personalmente  o  a  mezzo  delegato
presso la sede ove la Commissione  ha  svolto  i  lavori.  Il  ritiro
potra' comunque avvenire non prima che siano trascorsi 4  mesi  dalla
data  del  decreto  di  approvazione  atti.  Questa  Amministrazione,
trascorsi 6 mesi dalla approvazione degli atti, disporra' liberamente
delle pubblicazioni non ritirate. 

        
      
                               Art. 3 
 
    Ai sensi del comma 16 dell'art.  4  del  decreto  del  Presidente
della Repubblica n. 117/2000,  dal  giorno  successivo  a  quello  di
pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale   del   presente   decreto,
decorrono i trenta giorni previsti dall'art. 9 del  decreto-legge  21
aprile 1995, n. 120, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  21
giugno 1995, n. 246, per la presentazione al Rettore,  da  parte  dei
candidati,  di  eventuali  istanze  di  ricusazione  dei  commissari.
Decorso  tale  termine  e,  comunque,   dopo   l'insediamento   della
Commissione non sono ammesse istanze di ricusazione dei commissari. 

        
      
                               Art. 4 
 
    La commissione giudicatrice, ai sensi del comma  12  dell'art.  4
del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  n.   117/2000,   e'
autorizzata,  in  sede  di  riunione  preliminare,  ad  avvalersi  di
strumenti telematici di lavoro collegiale. 
      Bologna, 25 luglio 2011 
 
                                                  Il rettore: Dionigi