Concorso per 1 dottore di ricerca (lazio) UNIVERSITA' DI CASSINO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 66 del 19-08-2011
Sintesi: UNIVERSITA' DI CASSINO CONCORSO   (scad.  30 settembre 2011) ...
Ente: UNIVERSITA' DI CASSINO
Regione: LAZIO
Provincia: FROSINONE
Comune: CASSINO
Data di pubblicazione 19-08-2011
Data Scadenza bando 30-09-2011
Condividi

UNIVERSITA' DI CASSINO


CONCORSO   (scad.  30 settembre 2011)

Concorsi pubblici, per esami, per l'ammissione alle scuole e ai corsi
  di dottorato di ricerca per l'a.a. 2011/2012 - XXVII ciclo - per le
  scuole di dottorato di area umanistica, in economia e in  seminario
  giuridico. 

 
 
                             IL RETTORE 
 
    Visto il decreto Presidente della Repubblica 11 luglio  1980,  n.
382, relativo alla riforma universitaria ed, in particolare, il  capo
II inerente i dottorati di ricerca; 
    Vista la legge 13 agosto 1984, n. 476: «Norme in materia di borse
di studio e dottorato di ricerca nelle universita'»; 
    Vista la legge 30 novembre 1989, n. 398:  «Norme  in  materia  di
borse di studio universitarie»; 
    Visto il decreto ministeriale 11 settembre 1998 con il quale sono
stati stabiliti gli importi delle borse di studio di dottorato; 
    Visto lo statuto dell'Universita' degli studi di Cassino, emanato
con decreto rettorale n. 835 del 30 novembre 2004 e pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale n. 289 del 10 dicembre 2004; 
    Vista la legge 3 luglio 1998, n. 210: «Norme per il  reclutamento
dei ricercatori e  dei  professori  universitari  di  ruolo»,  ed  in
particolare l'art. 4 relativo ai dottorati di ricerca; 
    Visto  il  decreto  ministeriale  30   aprile   1999,   n.   224:
«Regolamento recante  norme  in  materia  di  dottorato  di  ricerca»
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13 luglio 1999; 
    Visto il decreto rettorale n. 234 del 18 aprile 2007 con il quale
e' stato emanato il regolamento in materia di scuole di dottorato  di
ricerca dell'Universita' degli studi di Cassino; 
    Visto il decreto rettorale n. 736 del 11 settembre  2008  con  il
quale e' stato modificato il regolamento  in  materia  di  scuole  di
dottorato di ricerca dell'Universita' degli studi di Cassino; 
    Vista la legge n. 240/2010 «Norme in  materia  di  organizzazione
delle universita', di personale accademico  e  reclutamento,  nonche'
delega al Governo per incentivare  la  qualita'  e  l'efficienza  del
sistema universitario» ed in particolare l'art. 19  «Disposizioni  in
materia  di  dottorato  di  ricerca»  che,  nell'apportare  modifiche
all'art. 4 della legge 3 luglio 1998, n.  210,  demanda  ad  apposito
decreto del MIUR la  disciplina  delle  modalita'  di  accreditamento
delle sedi e dei corsi  di  dottorato,  quale  condizione  necessaria
all'attivazione dei corsi; 
    Tenuto conto che non risulta  essere  stato  emanato  il  decreto
previsto dal suddetto art. 19 della  legge  n.  240/2010,  ritenendo,
pertanto, di poter procedere ai sensi della normativa previgente, per
motivi di correntezza; 
    Viste le proposte di  istituzione  e  di  rinnovo  dei  corsi  di
dottorato per il XXVII ciclo avanzate dalle scuole di dottorato; 
    Visto il parere espresso dal  nucleo  di  valutazione  di  Ateneo
nella seduta del 13 luglio 2011; 
    Viste le delibere  del  senato  accademico  e  del  consiglio  di
amministrazione  del  19  luglio  2011   e   del   25   luglio   2011
rispettivamente, con le  quali  e'  stato  espresso  parere  positivo
all'istituzione e al rinnovo dei corsi  di  dottorato  per  il  XXVII
ciclo; 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                             Istituzione 
 
 
    Sono indetti presso l'Universita' degli studi di Cassino pubblici
concorsi, per esami, per l'ammissione  alle  scuole  e  ai  corsi  di
dottorato di ricerca attivati presso l'Ateneo per  l'anno  accademico
2011/2012  -  XXVII  ciclo,  per  le  scuole  di  dottorato  di  area
umanistica, in economia e in seminario giuridico, di cui all'allegato
elenco (allegato A, costituito da tre schede, una per ciascuna scuola
di dottorato), che forma parte integrante del presente bando. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono presentare domanda di partecipazione al  concorso,  senza
limiti di eta' e di cittadinanza, coloro che alla  data  di  scadenza
del bando, siano in possesso di: 
    diploma  di  laurea   conseguito   nell'ambito   dell'ordinamento
previgente il decreto ministeriale n. 509/1999; 
    laurea specialistica o magistrale; 
    analogo titolo accademico conseguito all'estero,  preventivamente
riconosciuto dalle autorita' accademiche italiane, anche  nell'ambito
di accordi interuniversitari di cooperazione e mobilita'. 
    Il titolo accademico estero,  ai  soli  fini  dell'ammissione  al
concorso, puo' essere dichiarato  equipollente  dal  consiglio  della
scuola di dottorato. In tal caso il candidato  dovra'  allegare  alla
domanda  di  partecipazione  i  documenti  utili  a  consentirne   la
dichiarazione  di  equipollenza,   tradotti   e   legalizzati   dalle
competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane del Paese
di provenienza, secondo le norme vigenti in materia per  l'ammissione
di studenti stranieri ai corsi di laurea delle universita' italiane. 
    I cittadini non appartenenti all'Unione europea  potranno  essere
ammessi al dottorato senza borsa di studio e  in  soprannumero  nella
misura della  meta'  del  numero  totale  dei  posti  istituiti,  con
arrotondamento all'unita' per eccesso, previa analisi del «curriculum
vitae» da allegare alla domanda. La partecipazione in soprannumero al
dottorato e' consentita a condizione che il candidato  si  impegni  a
rispettare il regolamento del corso di dottorato per quanto  riguarda
la frequenza e i  controlli  periodici  di  attivita'  richiesti  dal
collegio dei docenti. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                        Domanda di ammissione 
 
 
    La domanda di partecipazione al concorso, da redigere  in  lingua
italiana utilizzando esclusivamente lo schema  allegato  al  presente
bando       (allegato       B)        reperibile        all'indirizzo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012,   in   dirizzata   al   magnifico    rettore
dell'Universita' degli studi Cassino - ufficio laureati, via  Marconi
n. 10 - 03043 Cassino, deve essere spedita o consegnata  direttamente
presso  l'ufficio  protocollo  dell'Universita',  pena  l'esclusione,
entro il 30 settembre 2011. 
    Per il rispetto dei termini fara' fede: 
    in caso di spedizione: il timbro dell'ufficio postale da  cui  la
domanda viene spedita; 
    in caso di consegna diretta: il  timbro  dell'ufficio  protocollo
dell'Universita' degli studi di Cassino. 
    Nella domanda i candidati sono tenuti ad esprimere l'opzione  per
uno soltanto degli  indirizzi  o  corsi  previsti  nell'ambito  della
scuola di dottorato. 
    Alla  domanda  va  allegata  la  ricevuta  del   versamento   del
contributo di € 36,15 per la selezione, da effettuare presso la Banca
Popolare del Cassinate con apposito modulo fornito dall'Universita' e
reperibile                                              all'indirizzo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012, o a mezzo  bonifico  bancario  presso  Banca
Popolare del Cassinate, piazza Armando Diaz n. 14  -  03043  Cassino,
numero  conto  000010409621  -  codice  IBAN:  IT75  B053  7274  3700
00010409621. 
    La firma in calce alla domanda non deve  essere  autenticata,  ma
alla domanda stessa dovra' essere  allegata,  pena  l'esclusione,  la
fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validita'. 
    Alla domanda va allegata, altresi', la dichiarazione  sostitutiva
di certificazione di cui al successivo art. 10  del  bando  (allegato
D),                     reperibile                      all'indirizzo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012, e  tutti  i  titoli  ritenuti  valutabili  e
indicati nelle schede (allegato A). 
    L'amministrazione universitaria non assume alcuna responsabilita'
per   il   caso   di   dispersione   di   comunicazioni    dipendente
dall'inesattezza dell'indirizzo indicato dal candidato o  da  mancata
oppure tardiva comunicazione del cambiamento dello  stesso,  ne'  per
eventuali disguidi postali  o  telegrafici  non  imputabili  a  colpa
dell'amministrazione stessa. Inoltre, non riterra' valide le  domande
spedite  o  consegnate  direttamente  all'Amministrazione  fuori   il
termine predetto o non pervenute affatto. 
    I candidati diversamente abili, ai sensi della legge  5  febbraio
1992, n. 104, dovranno fare  esplicita  richiesta,  in  relazione  al
proprio handicap, dell'ausilio necessario, nonche' di eventuali tempi
aggiuntivi  per  poter  sostenere  le  prove  del  concorso.  A  tale
riguardo, i dati  sensibili  saranno  custoditi  e  trattati  con  la
riservatezza prevista dal decreto legislativo n. 196/2003. 
    Tutti i  candidati  sono  ammessi  al  concorso  con  riserva  di
accertamento dei requisiti previsti dal bando. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                         Esame di ammissione 
 
 
    Ove  non  specificato   diversamente   nelle   schede   contenute
nell'allegato A, l'esame di ammissione consiste in una prova  scritta
e in una prova  orale  tendenti  a  verificare  la  preparazione  del
candidato, la sua attitudine alla ricerca scientifica e la conoscenza
di una o piu' lingue straniere. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                         Date prove d'esame 
 
 
    Per tutte le scuole di dottorato  indicate  nell'allegato  A,  le
prove si terranno nel giorno, nell'orario e nei locali  indicati  nel
medesimo allegato A. 
    Per sostenere le prove i candidati  dovranno  esibire  un  valido
documento di riconoscimento. 
    Nessuna convocazione sara' inviata ai candidati. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                      Commissioni giudicatrici 
 
 
    La commissione  giudicatrice  del  concorso  per  l'ammissione  a
ciascuna scuola o corso di dottorato di ricerca  sara'  nominata  dal
rettore su proposta  del  consiglio  della  scuola  a  cui  il  corso
afferisce. Essa sara' composta da tre membri scelti tra professori  e
ricercatori universitari di ruolo,  anche  di  Atenei  non  italiani,
afferenti alle  aree  scientifico-disciplinari  a  cui  il  corso  di
dottorato si riferisce. La commissione puo' essere  integrata  da  un
massimo di due esperti, anche non italiani, scelti nell'ambito  delle
universita' e delle strutture pubbliche e private di ricerca. 
    Ogni  commissione,  per  la  valutazione  di  ciascun  candidato,
dispone di sessanta punti per ognuna delle due prove. E' ammesso alla
prova orale il candidato che abbia superato la prova scritta con  una
votazione non inferiore a 40/60.  Alla  fine  della  prova  orale  la
commissione giudicatrice forma l'elenco dei candidati esaminati,  con
l'indicazione dei voti da  ciascuno  riportati  nella  prova  stessa.
L'elenco,  sottoscritto  dal  presidente  e  dal   segretario   della
commissione, e' affisso nel medesimo giorno all'albo della facolta' o
del dipartimento presso cui si e' svolta la prova. La prova orale  si
ritiene superata se il  candidato  ha  conseguito  una  votazione  di
almeno 40/60. 
    Espletate le  prove  del  concorso,  la  commissione  compila  la
graduatoria generale di  merito  sulla  base  della  somma  dei  voti
riportati da ciascun candidato nelle singole prove. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                         Ammissione ai corsi 
 
 
    I candidati saranno ammessi alla scuola o al corso di  dottorato,
con decreto del rettore, accertata la regolarita' degli atti, secondo
la graduatoria generale di merito fino alla concorrenza del numero di
posti messi a concorso per ciascuna scuola o corso di dottorato. 
    La graduatoria finale e' unica. In  caso  di  rinuncia  da  parte
degli aventi diritto entro dieci giorni dall'inizio del corso  o  per
mancata  iscrizione  nei  termini   previsti,   subentreranno   altri
candidati secondo l'ordine di graduatoria. 
    In caso di utile collocamento  in  piu'  graduatorie  di  diverse
scuole, il candidato dovra' esercitare opzione per un solo  corso  di
dottorato. 
    Gli assegnisti di ricerca che abbiano conseguito l'idoneita'  nel
concorso possono essere ammessi ai corsi  anche  in  sovrannumero,  a
condizione che il dottorato cui partecipino riguardi la  stessa  area
scientifico disciplinare della ricerca per la  quale  sono  destinati
gli assegni. 
    I cittadini non appartenenti all'Unione europea che  risultassero
idonei, saranno ammessi al dottorato  senza  borsa  di  studio  e  in
soprannumero  nel  limite  della  meta'  dei  posti   istituiti   con
arrotondamento all'unita' per eccesso. 
    La  graduatoria  degli  idonei  verra'  resa  pubblica   mediante
pubblicazione      nella       pagina       web       di       Ateneo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                         Iscrizione ai corsi 
 
 
    I candidati che, in base alla graduatoria finale, siano risultati
ammessi a una scuola o a un corso di dottorato, dovranno presentare o
far pervenire all'amministrazione universitaria, entro  dieci  giorni
dalla pubblicazione sul sito di Ateneo dell'esito  del  concorso,  la
domanda di iscrizione, utilizzando esclusivamente lo schema  allegato
al   presente   bando   (allegato   C)    reperibile    all'indirizzo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012, allegando, la  ricevuta  del  pagamento  del
contributo di iscrizione, di cui al successivo art. 9. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                     Contributo per l'iscrizione 
 
 
    I dottorandi vincitori di borse  di  studio  sono  esonerati  dal
pagamento dei contributi per la frequenza dei corsi. 
    I dottorandi non vincitori di borsa saranno tenuti  al  pagamento
di € 516,46 per ogni  anno  di  frequenza,  da  versare,  mediante  i
bollettini di pagamento disponibili sul sito internet del  dottorato,
in due rate di pari importo (o a scelta in una unica soluzione),  con
le seguenti modalita': la prima  rata  all'atto  dell'iscrizione,  la
seconda entro il 28 febbraio 2012. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                           Borse di studio 
 
 
    Il numero delle borse di studio a bando puo' aumentare a  seguito
di  finanziamenti  di   soggetti   pubblici   o   privati   acquisiti
successivamente alla pubblicazione del presente bando, ma prima della
conclusione del relativo concorso. 
    Le borse finanziate da enti esterni  saranno  erogate  unicamente
dopo la  formalizzazione  dei  relativi  atti  convenzionali  e  dopo
l'effettivo trasferimento dei fondi all'Ateneo. 
    Le  borse  esterne  non  legate  a  ricerche  specifiche  saranno
assegnate ai primi in graduatoria. 
    Il limite di reddito per l'assegnazione della borsa di studio  e'
di € 7.746,86 riferito all'anno di fruizione della stessa. 
    Coloro  che  vorranno  accedere  all'erogazione  della  borsa  di
studio, dovranno allegare alla domanda di partecipazione, a  pena  di
esclusione,  apposita  dichiarazione  sostitutiva  di  certificazione
(allegato           D)            reperibile            all'indirizzo
http://www.unicas.it/ATENEO/Bandi-e-Concorsi/Dottorato-di-Ricerca/XXV
II-ciclo-a.a.-2011-2012, dalla quale risulti il  non  superamento  di
detto limite. 
    Le borse di  studio  sono  assegnate  in  base  alla  graduatoria
generale di merito. A parita' di merito prevale la valutazione  della
situazione economica determinata ai sensi del decreto del  Presidente
del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001. 
    L'importo  annuo  lordo  della  borsa  di  studio   e'   pari   a
€ 16.067,48, comprensiva degli oneri a  carico  dell'amministrazione,
erogato in rate mensili di uguale importo. 
    La  durata  dell'erogazione  della  borsa  di  studio   e'   pari
all'intera durata del corso. 
    L'importo della borsa di studio e' aumentato  del  cinquanta  per
cento per i periodi di permanenza all'estero. 
    Le borse di studio non possono essere cumulate con gli assegni di
ricerca o altre borse di studio a qualsiasi titolo conferite,  tranne
quelle  concesse  da  istituzioni  nazionali  o  straniere  utili  ad
integrare  con  soggiorni  all'estero  l'attivita'  di  ricerca   del
dottorando. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
                   Diritti e doveri dei dottorandi 
 
 
    Gli iscritti alle scuole di dottorato hanno l'obbligo di presenza
ai seminari, alle esercitazioni e agli  eventuali  moduli  didattici,
hanno l'obbligo di compiere continuativamente attivita' di  studio  e
di ricerca nell'ambito delle strutture destinate  a  tal  fine  e  di
presentare al collegio dei docenti, a conclusione  di  ogni  anno  di
corso, una relazione sulla attivita' didattica svolta. 
    E' prevista, con decisione motivata  del  collegio  dei  docenti,
l'esclusione dalla scuola di dottorato di ricerca  e  la  conseguente
perdita del diritto alla fruizione della borsa di studio in caso di: 
    a) giudizio  negativo  del  collegio  dei  docenti  relativamente
all'ammissione al successivo anno di corso frequentato; 
    b)  prestazioni  di  lavoro  a   tempo   indeterminato,   nonche'
assunzione  di  incarichi  di  lavoro  a  tempo  determinato   o   di
prestazioni d'opera senza preventiva autorizzazione del collegio  dei
docenti; 
    c) assenze ingiustificate e prolungate. 
    E' diritto del dottorando ottenere la sospensione per  maternita'
e per gravi e documentate ragioni di salute. 
    L'assenza determinata da cause  diverse  da  quelle  elencate  al
precedente comma del  presente  articolo  deve  essere  espressamente
autorizzata dal collegio dei docenti. 
    Cessata la causa dell'assenza, spetta  al  collegio  dei  docenti
decidere se riammettere il dottorando  in  corso  d'anno,  ovvero  se
riammetterlo all'anno successivo. Il dottorando  riammesso  in  corso
d'anno godra' di una borsa  di  studio  decurtata  della  quota  gia'
corrisposta nell'anno in cui si e' verificata l'assenza. 
    In caso di sospensione di  durata  superiore  ai  trenta  giorni,
ovvero di esclusione dal corso, non puo' essere erogata la  borsa  di
studio. 
    L'iscrizione a corsi di dottorato di ricerca non  e'  compatibile
con la contemporanea iscrizione  a  corsi  di  laurea,  a  scuole  di
specializzazione, ad altre scuole o corsi di dottorato e a  corsi  di
master di primo e di secondo livello. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                      Conseguimento del titolo 
 
 
    Il titolo di  dottore  di  ricerca  e'  conferito  dal  magnifico
rettore previo superamento  di  un  esame  finale,  che  puo'  essere
ripetuto una sola volta. 

        
      
                               Art. 13 
 
 
             Commissione giudicatrice per l'esame finale 
 
 
    La commissione giudicatrice per il conseguimento  del  titolo  e'
nominata dal rettore, su proposta del consiglio della scuola a cui il
corso di dottorato afferisce. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
 
    In attuazione del decreto legislativo n.  196/2003  e  successive
modificazioni ed integrazioni l'Universita' si impegna a utilizzare i
dati personali forniti dai candidati solo per  fini  istituzionali  e
per l'espletamento delle procedure concorsuali. 
    La partecipazione al concorso comporta, nel rispetto dei principi
di cui alla succitata legge, espressione di tacito consenso a  che  i
dati personali dei candidati e quelli relativi alle prove concorsuali
vengano pubblicati sul sito Internet dell'Universita' di Cassino. 

        
      
                               Art. 15 
 
 
                        Norme di riferimento 
 
 
    Per  quanto  non  previsto  nel   presente   bando   valgono   le
disposizioni legislative e regolamentari in materia di  dottorato  di
ricerca. 
    Il presente decreto e' inserito nella raccolta ufficiale  interna
dell'Ateneo ed  inviato  alla  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana che ne curera' la pubblicazione. 
      Cassino, 5 agosto 2011 
 
                                               Il Rettore: Attaianese