Concorso per 3 avvocati (abruzzo), 2 avvocati (basilicata), 2 avvocati (calabria), 7 avvocati (campania), 2 avvocati (friuli venezia giulia), 5 avvocati (piemonte), 33 avvocati (puglia), 1 avvocato (sicilia), 1 avvocato (toscana), 2 avvocati (veneto) ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Mobilita'
Posti 58
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 56 del 15-07-2011
Sintesi: ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE CONCORSO   (scad.  30 luglio 2011) Bando di mobilita' volontaria per la copertura a tempo pieno ed indeterminato di 58 posti di professionista dipendente - avvocato - (EX X ...
Ente: ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 15-07-2011
Data Scadenza bando 16-08-2011
Condividi

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE


CONCORSO   (scad.  30 luglio 2011)

Bando di mobilita' volontaria per  la  copertura  a  tempo  pieno  ed
  indeterminato di 58 posti di professionista dipendente - avvocato -
  (EX X Q.F.) (Approvato con determinazione n. 161 del 22 giugno 2011
  del direttore centrale risorse umane). 

 
 
                               Art. 1 
 
 
                          Posti a concorso 
 
 
    E' indetta una procedura di mobilita' ai sensi dell'art.  30  del
decreto  legislativo  n.  165/2001  e  successive   modificazioni   e
integrazioni, per la copertura complessiva di n.  58  posti  a  tempo
pieno e indeterminato, di professionista dipendente - avvocato -  (ex
X q.f.). 
    I  posti  da  ricoprire  sono  individuati  presso  le  Direzioni
Regionali secondo la seguente ripartizione: 
    n. 3 Abruzzo 
    n. 2 Basilicata 
    n. 2 Calabria 
    n. 7 Campania 
    n. 2 Friuli Venezia Giulia 
    n. 5 Piemonte e Valle d'Aosta 
    n. 33 Puglia 
    n. 1 Sicilia 
    n. 1 Toscana 
    n. 2 Veneto 
    Tot. 58 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Alla procedura di mobilita' possono partecipare  i  candidati  in
possesso, alla data di scadenza  del  presente  bando,  dei  seguenti
requisiti: 
      1. essere dipendente di ruolo, con rapporto di lavoro  a  tempo
pieno e indeterminato, in qualita'  di  professionista  dipendente  -
avvocato -  (ex  X  q.f.)  presso  un  ente  pubblico  non  economico
sottoposto al regime di limitazione delle assunzioni di  personale  a
tempo indeterminato; 
      2. essere in possesso di: 
        a)   diploma   di   laurea   del   vecchio   ordinamento   in
giurisprudenza  ovvero   laurea   specialistica   in   giurisprudenza
(equivalente al diploma di laurea del vecchio ordinamento,  ai  sensi
del decreto Ministero Istruzione dell'Universita' e della Ricerca  n.
196/2004 e S.M.I.); 
        b) abilitazione all'esercizio della professione di avvocato; 
        c) iscrizione all'ordine degli avvocati nel  relativo  elenco
speciale (art. 18 decreto del Presidente della Repubblica 509/1979); 
    3. anzianita' di servizio a tempo indeterminato di almeno 2  anni
presso un Ente pubblico non economico con  la  qualifica  di  cui  al
punto 1 (esclusi i periodi di aspettativa non retribuita); 
    4.  non  avere  riportato  condanne  penali  nell'ultimo  biennio
precedente alla scadenza del bando ne' avere procedimenti  penali  in
corso; 
    5. non avere riportato sanzioni disciplinari nell'ultimo  biennio
precedente  alla  scadenza   del   bando   ne'   avere   procedimenti
disciplinari in corso; 
    6. cittadinanza italiana o  di  altro  paese  membro  dell'Unione
Europea o equiparato; 
    7. godere dei diritti politici; 
    8. idoneita' fisica all'impiego. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
          Presentazione delle domande, termini e modalita' 
 
 
    La domanda  di  ammissione  dovra'  essere  redatta,  a  pena  di
esclusione, su carta semplice e in carattere stampatello  utilizzando
esclusivamente il modello allegato al presente bando (Allegato 1). Il
bando ed il  relativo  modello  di  domanda  saranno  reperibili  sul
portale dell'Istituto (http://www.inps.it/). 
    Il  candidato  potra'  indicare  fino  ad  un  massimo   di   tre
preferenze; non verranno prese in considerazione ulteriori preferenze
oltre le prime tre. 
    In tale domanda ciascun  candidato,  consapevole  delle  sanzioni
penali  previste  dall'art.  76  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 445/2000 e successive modifiche ed  integrazioni,  deve
autocertificare, ai sensi degli articoli 46 e 47 del citato  decreto,
il possesso dei requisiti richiesti. 
    Alla domanda di ammissione dovra' essere allegato  un  curriculum
formativo e professionale, debitamente documentato e firmato. 
    La domanda dovra' essere spedita esclusivamente con  raccomandata
con avviso  di  ricevimento,  alla  Direzione  generale  -  Direzione
Centrale Risorse Umane, via Ciro il Grande 21, 00144 Roma. La domanda
non potra' essere trasmessa per  il  tramite  di  Uffici  centrali  o
periferici dell'Istituto o di  altre  pubbliche  amministrazioni.  La
domanda trasmessa  con  modalita'  diverse  comportera'  l'esclusione
dalla procedura. 
    Sulla busta  della  Raccomandata  A/R  dovranno  essere  indicati
cognome, nome e recapito del candidato, nonche' la seguente  dicitura
domanda bando di MOBILITA'  PER  58  POSTI  per  l'area  legale  dei
professionisti dipendenti - Avvocato. 
    Il termine perentorio per la presentazione della  domanda  e'  di
quindici giorni  a  decorrere  dal  giorno  successivo  a  quello  di
pubblicazione  del  presente  bando  di  mobilita'   nella   Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana - 4 serie speciale - Concorsi ed
esami. Il predetto termine, qualora venga a cadere in giorno festivo,
si intendera' differito al primo giorno  non  festivo  immediatamente
successivo. 
    La domanda di  partecipazione  alla  procedura  di  mobilita'  e'
considerata prodotta in tempo utile  se  spedita  entro  il  predetto
termine di quindici giorni. A tal fine  fa  fede  il  timbro  a  data
apposto sulla raccomandata dall'Ufficio Postale accettante. 
    L'Istituto declina ogni responsabilita' per eventuali disguidi  o
ritardi postali nonche' per il caso di dispersione  di  comunicazioni
dipendente da inesatta o non chiara indicazione dei dati anagrafici o
dell'indirizzo da parte dei candidati oppure da mancata,  o  tardiva,
comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda. 
    La domanda di partecipazione, pena l'esclusione, deve  recare  in
calce la firma autografa, resa in forma leggibile e per  esteso,  del
candidato stesso, la quale, ai sensi dell'art.  39  del  decreto  del
Presidente della Repubblica n. 445/2000, non necessita di autentica. 
    Alla domanda deve essere allegata una fotocopia in carta semplice
di un documento di identita' in corso di validita'. 
    Si rende noto che, fermo restando quanto previsto in  materia  di
responsabilita'  civile  e  penale  dall'art.  76  del  decreto   del
Presidente della Repubblica n. 445/2000, qualora dal controllo di cui
al decreto del Presidente  della  Repubblica  stesso  emerga  la  non
veridicita' del contenuto della dichiarazione, il dichiarante  decade
dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla
base della dichiarazione non veritiera. 
    Non saranno prese in considerazione  domande  di  mobilita'  gia'
presentate all'Istituto in  data  anteriore  alla  pubblicazione  del
presente bando. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                        Motivi di esclusione 
 
 
    Sono esclusi dalla procedura i candidati che: 
    non sono in possesso dei requisiti di ammissione; 
    abbiano spedito la domanda di ammissione oltre il termine di  cui
all'art. 3; 
    abbiano  spedito  la  domanda  di  partecipazione  con  modalita'
diverse dalla raccomandata A.R. a mezzo di Poste Italiane; 
    abbiano  prodotto  la  domanda  di  partecipazione  priva   della
sottoscrizione autografa; 
    non abbiano compilato integralmente la domanda secondo lo  schema
allegato; 
    non abbiano allegato il curriculum formativo e  professionale  di
cui all'art. 3. 
    L'esclusione di coloro che non siano in  possesso  dei  requisiti
sopra prescritti  puo'  essere  disposta  in  qualsiasi  momento  con
provvedimento motivato. Di tale esclusione verra' data  comunicazione
all'interessato. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                    Ammissibilita' delle domande 
 
 
    Le domande presentate saranno preliminarmente esaminate, ai  fini
dell'accertamento della sussistenza dei requisiti, di cui all'art. 3,
dalla DCRU - Area fabbisogno risorse umane, selezione e  inserimento,
che trasmettera' alla Commissione esaminatrice di cui all'art. 6,  ai
fini della valutazione, quelle ammesse alla procedura. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                      Commissione esaminatrice 
 
 
    La Commissione esaminatrice sara' nominata dal Direttore Generale
dell'Istituto e sara' composta da: 
    Direttore Centrale Risorse Umane, con funzioni di Presidente; 
    Coordinatore Generale Legale; 
    Un dirigente della Direzione generale. 
    Le  funzioni  di  segretario  saranno  svolte  da  un  dipendente
dell'Istituto appartenente all'Area C. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
         Punteggio, colloquio e formazione della graduatoria 
 
 
    La Commissione esaminatrice procedera', anche in presenza di  una
sola domanda, alla valutazione, in relazione al posto  da  ricoprire,
dei  titoli  professionali  e  formativi,  assegnando  un   punteggio
complessivo non superiore a 10 punti, secondo i seguenti criteri: 
    possesso di un titolo di specializzazione post lauream,  fino  ad
un massimo di 3 punti; 
    esperienze  lavorative  maturate   nel   settore   previdenziale:
punteggio massimo attribuibile 3; 
    ulteriore anzianita' di servizio nello specifico settore oltre il
requisito minimo di 2 anni: 0,50 punti per  ogni  anno,  fino  ad  un
massimo di 2 punti; 
    corsi di formazione nei settori interessati: 0,50 punti per  ogni
corso, fino ad un massimo di 2 punti. 
    In esito alla preselezione effettuata sulla base dei titoli sopra
elencati, la Commissione esaminatrice individuera', per ogni regione,
un numero di candidati non superiore al  triplo  dei  posti  messi  a
bando, il cui profilo risulti maggiormente rispondente alle  esigenze
dell'Istituto, che saranno  invitati  a  sostenere  un  colloquio  di
approfondimento finalizzato alla verifica delle conoscenze  formative
e professionali indicate nella domanda di ammissione e nel curriculum
e all'accertamento delle attitudini e capacita' personali. 
    Il colloquio comporta l'attribuzione di un punteggio  massimo  di
10 punti. 
    L'eventuale assenza dal colloquio sara' considerata rinuncia alla
partecipazione alla procedura. 
    A parita' di punteggio si dara' preferenza alla minore eta'. 
    La graduatoria finale sara' formata tenuto  conto  del  punteggio
complessivo ottenuto  dalla  somma  del  punteggio  espresso  per  il
curriculum e da quello espresso per il colloquio (in ventesimi). 
    E' fatta salva, in  ogni  caso,  la  facolta'  dell'Ente  di  non
procedere alla copertura dei posti oggetto della  presente  procedura
di mobilita' qualora la Commissione incaricata non rilevi l'esistenza
di professionalita' adeguate tra le candidature esaminate. 
    La formazione della graduatoria, in esito  alla  valutazione  dei
curricula, all'individuazione dei candidati da invitare al  colloquio
ed alla valutazione dei  colloqui,  e'  effettuata  ad  insindacabile
giudizio della Commissione. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                       Assunzioni in servizio 
 
 
    Il trasferimento nei ruoli dell'INPS e' subordinato  al  rilascio
del nulla  osta  alla  mobilita'  da  parte  dell'amministrazione  di
provenienza dell'interessato, entro il termine  di  30  giorni  dalla
richiesta. L'eventuale mancato  riscontro  nel  termine  suddetto  si
intendera' come diniego del predetto nullaosta. 
    I candidati risultati idonei per la copertura dei  posti  oggetto
della  presente   procedura   di   mobilita'   saranno   invitati   a
sottoscrivere, per accettazione, il provvedimento  di  immissione  in
servizio nei ruoli dell'Istituto. 
    Qualora venga accertata la mancanza di uno dei requisiti  di  cui
all'art. 2 non si dara'  luogo  alla  mobilita'  e  la  procedura  si
intendera' conclusa con esito negativo. 
    Al candidato assunto in servizio  per  mobilita'  si  applichera'
esclusivamente il trattamento giuridico ed economico, compreso quello
accessorio,  previsto   dai   contratti   collettivi   nazionali   ed
integrativi  vigenti  alla  data  del  passaggio  nel  comparto  Enti
pubblici non economici, nonche' l'eventuale Retribuzione  individuale
di anzianita' in godimento alla stessa data. 
    L'assunzione  comporta  il  riconoscimento   dell'anzianita'   di
servizio  maturata  in  qualita'  di  professionista   legale   nelle
precedenti amministrazioni ai fini della corresponsione dei  compensi
professionali degli avvocati INPS, secondo la disciplina prevista nel
Regolamento approvato con determinazione presidenziale n.  89  del  9
agosto 2010. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                        Riserve dell'Istituto 
 
 
    Il presente bando e' finalizzato  esclusivamente  alla  copertura
dei posti richiesti con lo stesso e non  costituisce  in  alcun  modo
obbligo di assunzione, ne' la graduatoria redatta a tal  fine  potra'
essere valida per successive assunzioni presso l'Istituto. 
    L'INPS si riserva la facolta' di  prorogare  il  termine  per  la
presentazione delle domande di ammissione alla procedura, nonche'  di
riaprire il termine, di sospendere  o  revocare  tale  procedura  per
ragioni di pubblico interesse, o di non  dar  corso  alla  mobilita',
dandone comunicazione  all'interessato,  a  seguito  di  sopravvenuti
vincoli legislativi e/o finanziari,  o  a  seguito  della  variazione
delle esigenze organizzative dell'Istituto. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
 
    Ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003,  n.
196, i dati personali forniti dai candidati in sede di partecipazione
alla  procedura  di  mobilita'  o  comunque  acquisiti  a  tal   fine
dall'Istituto saranno  oggetto  di  trattamento,  con  modalita'  sia
manuale che informatizzata, al fine di assolvere tutti  gli  obblighi
previsti da leggi, regolamenti,  normative  comunitarie,  nonche'  da
disposizioni imperative promanati da autorita' a cio' legittimate. 
    Il conferimento di  tali  dati  e'  obbligatorio  ai  fini  della
valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l'esclusione  dalla
procedura. 
    Ai candidati sono riconosciuti i diritti di cui  all'art.  7  del
citato decreto legislativo tra i quali il diritto di accesso ai  dati
che lo riguardano,  nonche'  alcuni  diritti  complementari  tra  cui
quello di far rettificare i dati erronei, incompleti  o  raccolti  in
termini non conformi alla legge, nonche' ancora quello di opporsi  al
loro trattamento per motivi legittimi. Tali diritti  potranno  essere
fatti valere inoltrando le relative richieste  all'INPS  -  Direzione
Centrale Risorse Umane - Area Fabbisogno risorse umane, selezione  ed
inserimento. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
       Informazioni ai sensi della legge 7 agosto 1990, n. 241 
 
 
    La  struttura  dell'Istituto  incaricata  dell'istruttoria  delle
domande e  dell'esecuzione  degli  adempimenti  connessi  ai  diversi
provvedimenti previsti dal presente bando e'  la  Direzione  Centrale
Risorse  Umane,  Area  Fabbisogno   risorse   umane,   selezione   ed
inserimento, via Ciro il Grande 21, 00144 Roma (tel. 06.59053744/3746
-  fax  06.59053898),  presso  la  quale  ciascun  candidato   potra'
conoscere il nominativo  del  Responsabile  del  procedimento  e  dei
provvedimenti relativi. 
 
                            Il Direttore Centrale Risorse umane: Toma