Concorso per 8 dottori di ricerca (toscana) UNIVERSITA' PER STRANIERI DI SIENA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 8
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 54 del 08-07-2011
Sintesi: UNIVERSITA' PER STRANIERI DI SIENA CONCORSO   (scad.  8 agosto 2011) Selezione pubblica per l'ammissione alla Scuola di dottorato di ricerca per l'anno accademico 2011/2012 (XXVII ciclo) ...
Ente: UNIVERSITA' PER STRANIERI DI SIENA
Regione: TOSCANA
Provincia: SIENA
Comune: SIENA
Data di pubblicazione 08-07-2011
Data Scadenza bando 08-08-2011
Condividi

UNIVERSITA' PER STRANIERI DI SIENA


CONCORSO   (scad.  8 agosto 2011)

Selezione pubblica per  l'ammissione  alla  Scuola  di  dottorato  di
  ricerca per l'anno accademico 2011/2012 (XXVII ciclo) 

 
 
                             IL RETTORE 
 
    Viste le Leggi sull'Istruzione universitaria; 
    Visto lo Statuto dell'Universita' per Stranieri di Siena; 
    Vista  la  legge  n.  476  del  13  agosto  1984   e   successive
modificazioni e integrazioni; 
    Vista la legge n. 398 del 30 novembre 1989 ed in particolare  gli
artt. 6 e 8; 
    Vista la legge n. 210 del 3 luglio 1998, in particolare l'art. 4; 
    Visto il D.M. n. 224/99; 
    Visto  il  Regolamento  in  materia  di  Dottorato   di   Ricerca
dell'Universita' per Stranieri di Siena, emanato con D.R. n. 115/99 e
successive modificazioni e/o integrazioni; 
    Vista la legge n. 448 del 28 dicembre 2001; 
    Visto  il  «Regolamento  in  materia  di   tasse   universitarie,
contributi, riduzioni ed esoneri» emanato con D.R. n. 311/2005; 
    Visto  il  D.R.  n.  205/2006  di  istituzione  della  Scuola  di
Dottorato; 
    Visto il Regolamento per la Scuola di Dottorato emanato con  D.R.
n. 77/2007 e successive modificazioni e/o integrazioni; 
    Vista  la  delibera  del  Consiglio  di  Amministrazione  del  16
dicembre 2008; 
    Visto il D.M. del 18 giugno 2008; 
    Visto il D.R. n. 215/2009; 
    Visto l'art. 19 della L. n. 240 del  30  dicembre  2010,  recante
disposizioni in materia di dottorato di ricerca; 
    Vista la nota ministeriale prot. n. 640 del 14 marzo 2011; 
    Vista la  proposta  di  rinnovo  del  XXVII  ciclo  avanzata  dal
Collegio  di  Indirizzo  in  Linguistica  e  didattica  della  lingua
italiana a stranieri del 22 febbraio 2011; 
    Vista la  proposta  di  rinnovo  del  XXVII  ciclo  avanzata  dal
Collegio di Indirizzo in Letteratura, storia della lingua e filologia
italiana del 22 febbraio 2011; 
    Vista  la  delibera  del  Consiglio  Direttivo  della  Scuola  di
Dottorato del 19 aprile 2011; 
    Vista la circolare ministeriale n. 602 del  18  maggio  2011  che
disciplina l'accesso degli studenti stranieri ai  corsi  universitari
per il triennio 2011-2014; 
    Vista la delibera del Consiglio Accademico del 20 giugno 2011; 
    Vista la delibera del Consiglio di Amministrazione del 21  giugno
2011 con particolare riferimento alle  risorse  ministeriali  e  alla
loro conferma in tutto o in parte per il finanziamento delle borse di
studio; 
    Preso atto della valutazione positiva del Nucleo  di  Valutazione
d'Ateneo; 
    Verificata la coerenza del corso con la programmazione formativa,
la  disponibilita'  di  risorse  umane   e   finanziarie   necessarie
all'attivazione; 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                  Oggetto dell'avviso di selezione 
 
 
    E' indetta una selezione pubblica per l'ammissione alla Scuola di
Dottorato di Ricerca dell'Universita'  per  Stranieri  di  Siena  per
l'anno accademico 2011/2012 relativamente agli indirizzi  di  seguito
elencati: 
 
      Linguistica e didattica della lingua italiana a stranieri 
 
    SSD: L-LIN/01, L-LIN/02,  L-FIL-LET/12,  L-FIL-LET/13,  M-FIL/05,
M-PED/01 
    Durata del corso: 3 anni 
    Posti: 4 
    Borse di studio da assegnare: n. 1 con fondi  MIUR  e  n.  1  con
fondi non MIUR (previa valutazione comparativa del merito  e  secondo
l'ordine definito nella relativa graduatoria.  A  parita'  di  merito
prevale la valutazione  della  situazione  economica  determinata  ai
sensi del D.P.C.M. 09.04.2001).  Il  numero  delle  borse  di  studio
potra' essere aumentato  a  seguito  di  finanziamenti  da  parte  di
soggetti pubblici e  privati.  L'aumento  delle  stesse  determinera'
l'incremento dei posti messi a concorso con e senza borsa. In caso di
attuazione di quanto previsto dall'art. 19, comma 1  della  legge  30
dicembre 2010, n. 240, i posti senza borsa  potranno  inoltre  essere
aumentati con successivo provvedimento. 
    Qualora risultino candidati  argentini  idonei,  questi  potranno
partecipare al bando CUIA che cofinanziera' la borsa con il  60%  del
minimo lordo fissato  dal  MIUR.  Il  restante  40%  sara'  a  carico
dell'Universita' qualora disponga di fondi esterni. 
    Importo delle borse di studio: pari  al  minimo  determinato  per
legge. 
 
        Letteratura, storia della lingua e filologia italiana 
 
    SSD:  L-FIL-LET/08,  L-FIL-LET/10,  L-FIL-LET/11,   L-FIL-LET/12,
L-FIL-LET/14, SPS-02 
    Durata del corso: 3 anni 
    Posti: 4 
    Borse di studio da assegnare: n. 1 con fondi  MIUR  e  n.  1  con
fondi non MIUR (previa valutazione comparativa del merito  e  secondo
l'ordine definito nella relativa graduatoria.  A  parita'  di  merito
prevale la valutazione  della  situazione  economica  determinata  ai
sensi del D.P.C.M. 9.04.2001). Il numero delle borse di studio potra'
essere aumentato a seguito di  finanziamenti  da  parte  di  soggetti
pubblici e privati. L'aumento delle stesse determinera'  l'incremento
dei posti messi a concorso con e senza borsa. In caso  di  attuazione
di quanto previsto dall'art. 19, comma  1  della  legge  30  dicembre
2010, n. 240, i posti senza borsa potranno inoltre  essere  aumentati
con successivo provvedimento. 
    Qualora risultino candidati  argentini  idonei,  questi  potranno
partecipare al bando CUIA che cofinanziera' la borsa con il  60%  del
minimo lordo fissato  dal  MIUR.  Il  restante  40%  sara'  a  carico
dell'Universita' qualora disponga di fondi esterni. 
    Importo delle borse di studio: pari  al  minimo  determinato  per
legge. 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono presentare  domanda  di  partecipazione  al  concorso  di
ammissione alla Scuola di Dottorato di Ricerca di cui  al  precedente
articolo, senza limiti di eta' e di  cittadinanza,  coloro  i  quali,
alla scadenza del termine  per  la  presentazione  della  domanda  di
ammissione, siano in possesso di uno dei seguenti titoli: 
    laurea specialistica conseguita ai sensi del decreto ministeriale
509/1999; 
    laurea magistrale conseguita ai sensi  del  decreto  ministeriale
270/2004; 
    diploma di laurea conseguito ai sensi dei precedenti  ordinamenti
didattici, il cui corso legale abbia durata almeno quadriennale; 
    titolo  accademico  equipollente  conseguito  presso  Universita'
straniere. 
    Possono altresi' partecipare agli esami di ammissione coloro  che
conseguiranno uno dei suddetti titoli di  studio  entro  la  data  di
espletamento  della  prova  scritta.  In  tal  caso  l'ammissione  al
concorso sara' disposta con riserva ed il candidato  sara'  tenuto  a
presentare tempestivamente, e comunque non oltre la data della  prova
scritta, il relativo certificato che attesti il possesso del titolo o
autocertificazione, pena la decadenza dal concorso. 
    I cittadini italiani e stranieri che  siano  in  possesso  di  un
titolo   accademico   conseguito   all'estero   di   durata    almeno
quadriennale, che non sia gia' stato dichiarato equipollente  ad  uno
dei titoli richiesti per  l'ammissione,  dovranno  nella  domanda  di
partecipazione al concorso fare espressa richiesta  di  equipollenza,
ai soli fini dell'ammissione al Dottorato di  ricerca,  al  Consiglio
Direttivo della Scuola di Dottorato. 
    In tal  caso  i  candidati  dovranno  allegare  alla  domanda  di
partecipazione al concorso i seguenti documenti: 
    il certificato di conseguimento del  titolo  con  l'elenco  degli
esami sostenuti (transcript) in italiano/inglese, a cura e  sotto  la
responsabilita'  del  candidato;  i  cittadini   comunitari   possono
avvalersi dell' autocertificazione, secondo quanto previsto  dal  DPR
445/2000; 
    ogni altra  documentazione  ritenuta  utile  per  la  valutazione
dell'ammissibilita'  del  titolo   posseduto   (Diploma   Supplement,
curriculum in formato europeo, dichiarazione di  valore  in  loco  se
gia' acquisita, etc.). 
    Ai candidati potra' essere  richiesto  in  qualsiasi  momento  di
integrare la documentazione presentata, ai  fini  di  verificarne  1'
ammissibilita'. 
    I candidati con titolo estero saranno ammessi alla selezione  con
riserva  e  saranno  esclusi  dal  dottorato   di   ricerca   qualora
risultasse, a seguito di verifica, che il titolo non e'  conforme  ai
requisiti  richiesti  dal  presente  bando  e  non  consente   quindi
l'iscrizione al dottorato. 
    I  candidati   risultati   vincitori   dovranno   consegnare   la
documentazione di cui al successivo art. 6 (Iscrizione ai corsi). 
    Possono essere ammessi in  soprannumero,  nel  limite  dei  posti
stabiliti dal Consiglio Accademico, senza borsa di  studio  e  previo
parere  del  Consiglio  Direttivo  della  Scuola   in   merito   alla
sussistenza  dei  requisiti  di  accoglienza  e  successivamente   al
superamento dell'esame di ammissione: 
    a) i candidati non comunitari; 
    b) i borsisti del Ministero Affari Esteri; 
    c) gli iscritti provenienti da  Atenei  stranieri  in  regime  di
co-tutela di tesi; 
    d) gli assegnisti di ricerca dell'Universita'  per  Stranieri  di
Siena. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                        Domanda di ammissione 
 
 
    La domanda di ammissione, con indicato il domicilio  eletto  agli
effetti del concorso, indirizzata  al  Rettore  dell'Universita'  per
Stranieri di Siena, redatta secondo lo schema  allegato  al  presente
bando, dovra' essere inviata entro 30 giorni a decorrere  dal  giorno
successivo a quello di pubblicazione del presente bando  di  concorso
sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana  tramite  servizio
postale al seguente indirizzo: Universita' per Stranieri di  Siena  -
Divisione dei Servizi agli Studenti - Piazza Carlo Rosselli, 27/28  -
53100 Siena. 
    Per il rispetto del termine di scadenza, fara' fede la  data  del
timbro  dell'ufficio  postale.   Nella   domanda   l'aspirante   alla
partecipazione al concorso di ammissione alla Scuola di Dottorato  di
Ricerca dovra' dichiarare con chiarezza e precisione (a macchina o in
stampatello) sotto la propria responsabilita': 
    a) cognome e nome; luogo  e  data  di  nascita;  codice  fiscale,
residenza e recapito eletto agli effetti del  concorso  (specificando
sempre il codice di avviamento postale e,  se  possibile,  il  numero
telefonico), indirizzo e-mail. Possibilmente, per quanto  riguarda  i
cittadini  comunitari   e   stranieri,   un   recapito   italiano   o
l'indicazione della  relativa  Ambasciata  in  Italia,  eletta  quale
proprio domicilio; 
    b) la cittadinanza; 
    c) l'esatta denominazione del concorso e  dell'indirizzo  per  il
quale viene inoltrata la domanda; 
    d)   il   diploma   di   laurea   quadriennale   o   la    laurea
specialistica/magistrale posseduta o che si conseguira' entro la data
prevista per la prima prova di ammissione al corso, nonche' la data e
l'Universita'  presso  la  quale  e'  stata  o  si   presume   verra'
conseguita, ovvero  il  titolo  equipollente  conseguito  presso  una
Universita' straniera, nonche' la data del Decreto Rettorale  con  il
quale e' stata dichiarata l'equipollenza stessa; 
    e) di essere/non essere dipendente pubblico; 
    f) di essere/non essere titolare di assegno di ricerca  (in  caso
affermativo specificare presso quale Universita'); 
    g) le lingue straniere conosciute; 
    h) di  impegnarsi  a  frequentare  a  tempo  pieno  il  corso  di
Dottorato secondo le modalita' che saranno fissate  dal  Collegio  di
Indirizzo; 
    i) di impegnarsi  a  comunicare  tempestivamente  ogni  eventuale
cambiamento della residenza o del recapito. 
    j) ai sensi della Legge 104/92,  art.  20,  nonche'  della  Legge
68/99, art. 16  comma  1,  i  candidati  in  situazione  di  handicap
dovranno fare esplicita richiesta, nella  domanda  di  ammissione  al
concorso, riguardo  l'ausilio  e  i  tempi  aggiuntivi  eventualmente
necessari per poter sostenere la  prova.  A  tale  riguardo,  i  dati
sensibili saranno custoditi e trattati con la  riservatezza  prevista
dal Decreto Legislativo 196/03 «Codice in materia di  protezione  dei
dati personali». 
    I candidati dovranno allegare alla domanda il  progetto  (massimo
due cartelle) dell'eventuale  ricerca  da  intraprendere  durante  il
corso di Dottorato di Ricerca ed un curriculum vitae aggiornato. 
    L'amministrazione universitaria non ha alcuna responsabilita'  in
caso  di  dispersione  di  comunicazioni   dipendente   da   inesatte
indicazioni della residenza e del recapito da parte dell'aspirante  o
da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento degli stessi,
ne'  per  eventuali  disguidi  postali   non   imputabili   a   colpa
dell'Amministrazione stessa. 
    I candidati che intendano partecipare al  concorso  per  entrambi
gli indirizzi di dottorato, dovranno inviare  due  domande  distinte,
allegando per ciascuna la documentazione necessaria. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                         Prove di ammissione 
 
 
    L'esame di ammissione al corso  consiste  in  una  prova  scritta
(unica) e in un colloquio.  Le  prove  di  esame  sono  destinate  ad
accertare l'attitudine del candidato alla ricerca  scientifica  e  le
conoscenze   negli   ambiti   disciplinari   relativi   all'indirizzo
prescelto. Il candidato dovra' inoltre dimostrare la buona conoscenza
di almeno una lingua straniera scelta fra inglese, francese, spagnolo
e tedesco. 
    Il calendario con l'indicazione della data, dell'ora e del  luogo
in cui si terranno le prove per l'ammissione sara' comunicato tramite
email e pubblicato sul sito internet  dell'Ateneo  (www.unistrasi.it )
almeno 20 giorni prima della data fissata per la prova scritta.  Tale
comunicazione  fara'  fede  a  tutti  gli  effetti  di  legge   quale
convocazione ufficiale. 
    Per sostenere le prove i candidati dovranno esibire un  documento
di riconoscimento valido. 
    Ogni commissione incaricata  della  valutazione  comparativa  dei
candidati, nominata con Decreto Rettorale, dispone di sessanta  punti
per ognuna delle due prove. E' ammesso al colloquio il candidato  che
abbia superato la prova scritta con una  votazione  non  inferiore  a
40/60. Il colloquio si intende superato se il candidato  ottiene  una
votazione di almeno 40/60. 
    I candidati ammessi a sostenere la prova orale saranno contattati
tramite email/telefono. 
    Espletate  le  prove  di  concorso,  la  commissione  compila  la
graduatoria generale di  merito  sulla  base  della  somma  dei  voti
riportati da ciascun candidato nelle singole prove. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                         Ammissione ai Corsi 
 
 
    I  candidati  saranno  ammessi  ai  corsi  secondo  l'ordine   di
graduatoria fino alla  concorrenza  del  numero  dei  posti  messi  a
concorso per  ogni  indirizzo  di  dottorato.  In  corrispondenza  di
eventuali rinunce degli aventi diritto prima dell'inizio  del  corso,
subentreranno   altrettanti   candidati   secondo   l'ordine    della
graduatoria. In caso di utile collocamento in  piu'  graduatorie,  il
candidato  dovra'  esercitare  opzione  per  un  solo  indirizzo   di
Dottorato. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
                         Iscrizione ai Corsi 
 
 
    I  concorrenti  ammessi  dovranno  presentare  o  far   pervenire
all'amministrazione universitaria, entro  il  termine  perentorio  di
giorni 15 che decorrono dal giorno successivo a quello in cui avranno
ricevuto il relativo invito, i seguenti documenti: 
    a) n. 2 fotografie formato tessera; 
    b) fotocopia del documento di identita' debitamente firmata; 
    c) per gli assegnatari di borsa  di  studio  conferita  su  fondi
ripartiti dai decreti del Ministro di cui all'art. 4, comma 3,  della
L. 210/98, ricevuta di pagamento della tassa regionale per il diritto
allo studio ai sensi della Legge  Regionale  n.  4  del  3/01/2005  e
dichiarazione   per   inquadramento    fiscale,    previdenziale    e
assicurativo; 
    d) per i non assegnatari di borsa di studio  conferita  su  fondi
ripartiti dai decreti del Ministro di cui all'art. 4, comma 3,  della
L. 210/98, ricevuta di pagamento della  I  rata  dei  contributi  per
l'accesso  e  la  frequenza  e  ricevuta  di  pagamento  della  tassa
regionale per il diritto allo studio ai sensi della  Legge  Regionale
n. 4 del 3/01/2005; 
    e) n. 1 marca da bollo da Euro 14,62; 
    f) autorizzazione al trattamento dei dati personali; 
    g) autocertificazione attestante: 
    i dati anagrafici, 
    la cittadinanza, 
    il titolo di scuola secondaria superiore, 
    il titolo accademico posseduto, 
        l'eventuale  iscrizione  ad   altro   corso   di   laurea   o
post-lauream presso l'Universita' per Stranieri di Siena o presso  un
altro Ateneo e, in caso affermativo, l'impegno scritto a  sospenderne
la frequenza, 
        dichiarazione da parte dei  dottorandi  che  fruiranno  della
borsa di studio, di cui al presente bando, di non aver  usufruito  in
precedenza di altre borse di studio  erogate  per  seguire  corsi  di
dottorati di ricerca. 
    Agli atti e documenti redatti in  lingua  straniera  deve  essere
allegata una traduzione in lingua italiana  certificata  conforme  al
testo straniero redatta dalla competente rappresentanza diplomatica o
consolare, ovvero da un traduttore ufficiale. I candidati con  titolo
estero devono inoltre presentare: 
      titolo  di  studio  debitamente  corredato  dei  seguenti  atti
consolari: traduzione, legalizzazione e dichiarazione  di  valore  in
loco rilasciata dalle autorita' diplomatiche italiane  nel  Paese  in
cui e' stato conseguito il titolo, da cui  dovra'  risultare  che  il
titolo di studio posseduto e' valido nel Paese di  conseguimento  per
l'iscrizione ad un corso accademico analogo al Dottorato di ricerca. 
        permesso di soggiorno in  corso  di  validita'  (per  i  soli
cittadini non comunitari). 
    Il pubblico dipendente ammesso ai corsi di Dottorato  di  Ricerca
e'  collocato,   a   domanda,   compatibilmente   con   le   esigenze
dell'amministrazione, in congedo straordinario per motivi  di  studio
senza assegni per il periodo di durata del corso ed usufruisce  della
borsa di studio ove ricorrano le condizioni richieste. Il periodo  di
congedo  straordinario  e'  utile  ai  fini  della  progressione   di
carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza. In  caso  di
ammissione a corsi di dottorato di ricerca senza borsa di  studio,  o
di rinuncia  a  questa,  l'interessato  in  aspettativa  conserva  il
trattamento economico, previdenziale e di quiescenza in godimento  da
parte dell'amministrazione pubblica presso la quale e' instaurato  il
rapporto di lavoro. 
    Qualora, dopo il  conseguimento  del  dottorato  di  ricerca,  il
rapporto di lavoro con l'amministrazione pubblica cessi per  volonta'
del dipendente nei due anni  successivi,  e'  dovuta  la  ripetizione
degli importi corrisposti ai sensi del  secondo  periodo.  Non  hanno
diritto al congedo straordinario, con o  senza  assegni,  i  pubblici
dipendenti che abbiano  gia'  conseguito  il  titolo  di  dottore  di
ricerca, ne' i pubblici dipendenti che siano stati iscritti  a  corsi
di dottorato per almeno un anno  accademico,  beneficiando  di  detto
congedo. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
 Tassa Regionale e contributo per l'accesso e la frequenza ai corsi 
 
 
    Le tasse e i contributi a carico dei dottorandi  sono  costituite
da: 
      a) Tassa Regionale per il diritto  allo  studio  universitario,
attualmente stabilita in Euro 98,00 ai sensi  della  legge  regionale
del 3 gennaio 2005, n. 4. 
    Tutti gli iscritti ai corsi di Dottorato di ricerca  sono  tenuti
al pagamento della Tassa Regionale. 
      b)  Contributo  per  l'accesso  e  la  frequenza  ai  corsi  di
dottorato ai sensi della legge del 3 luglio 1998 n. 210, a carico  di
coloro che non risulteranno vincitori delle borse di studio conferite
su fondi ripartiti dai decreti del Ministro di cui all'art. 4,  comma
3, della L. 210/98, pari a Euro 1.800,00 pagabile  in  due  rate.  La
prima  rata  di  Euro  800,00,   dovra'   essere   versata   all'atto
dell'iscrizione. La seconda rata, graduata secondo i criteri  di  cui
alle disposizioni vigenti, dovra' essere versata entro il 30  aprile.
La domanda di riduzione sulla II rata  dovra'  essere  presentata  al
momento dell'iscrizione allegando  la  certificazione  ISEE  ed  ISPE
relativa  ai  redditi  prodotti  nell'anno  precedente   dal   nucleo
familiare dello studente. 
    Gli  studenti  beneficiari  di  borse  di   studio   dell'Azienda
Regionale del Diritto allo Studio, gli idonei  ed  i  beneficiari  di
prestiti d'onore sono esonerati  totalmente  dalla  tassa  regionale,
dalla tassa di iscrizione e  dai  contributi  universitari  ai  sensi
dell'art. 8, comma 2 del DPCM 9/4/01.  Gli  studenti  che  presentino
domanda di borsa  di  studio  e/o  di  prestito  d'onore  all'Azienda
Regionale per il Diritto allo Studio sono  temporaneamente  esonerati
dal pagamento della I rata, in attesa  dell'esito  del  concorso.  In
caso di mancata concessione della borsa di studio o prestito d'onore,
i dottorandi in questione saranno tenuti al  versamento  della  tassa
regionale e dei contributi dovuti. 
    Gli studenti diversamente abili con invalidita' pari o  superiore
al 66% sono esonerati totalmente dalla tassa regionale,  dalla  tassa
di iscrizione e dai contributi universitari. Per ottenere  l'esonero,
tali studenti dovranno presentare, all'atto  dell'iscrizione,  idonea
documentazione dalla quale  risulti  la  percentuale  di  invalidita'
riconosciuta (art. 8, comma 1 del DPCM 9/4/01). 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                           Borsa di Studio 
 
 
    L'importo annuale della borsa di  studio,  determinato  ai  sensi
dell'art. 1 del D.M. 18/6/2008 e' pari  a  Euro  13.638,47  al  lordo
degli oneri previdenziali a carico del percipiente. 
    Le borse verranno assegnate previa  valutazione  comparativa  del
merito, come e' indicato all'art. 1 del  presente  bando,  e  secondo
l'ordine delle graduatorie. La durata della borsa di studio  e'  pari
all'intera durata del corso. Qualora il dottorando rinunci, nel corso
dell'anno, a proseguire il dottorato  di  ricerca,  l'Amministrazione
non chiedera' la restituzione delle rate relative ai mesi  nei  quali
il dottorando ha effettivamente  frequentato  i  corsi  e  svolto  le
attivita'  stabilite  dal  Consiglio  Direttivo   della   Scuola   di
Dottorato. La borsa di studio viene corrisposta in rate bimestrali. 
    La borsa di dottorato non puo' essere cumulata con altre borse di
studio a qualsiasi titolo conferite, tranne che con  quelle  concesse
da  Istituzioni  nazionali  o  straniere  utili  ad  integrare,   con
soggiorni all'estero, l'attivita' di  formazione  o  di  ricerca  del
borsista. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
                 Frequenza e Obblighi dei Dottorandi 
 
 
    Gli iscritti hanno l'obbligo di frequentare i corsi di  Dottorato
e di compiere continuativamente attivita'  di  studio  e  di  ricerca
nell'ambito delle strutture destinate a tal fine secondo le modalita'
che  saranno  fissate  dal  Consiglio  Direttivo  della   Scuola   di
Dottorato. 
    Alla fine di ciascun anno gli  iscritti  ai  corsi  di  Dottorato
avranno  l'obbligo  di  presentare  una  particolareggiata  relazione
sull'attivita' e le ricerche svolte al Collegio di Indirizzo, che  ne
curera' la conservazione e che, previa valutazione della assiduita' e
dell'operosita'  dimostrata  dall'iscritto  al  corso,  proporra'  al
Rettore l'esclusione ovvero il proseguimento del corso  di  Dottorato
di Ricerca. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
              Conferimento titolo di Dottore di Ricerca 
 
 
    Il titolo di Dottore di Ricerca verra'  conferito  a  conclusione
del corso a  chi  avra'  conseguito  risultati  di  rilevante  valore
scientifico  documentati  da  una  dissertazione  finale  scritta   e
accertati da una apposita commissione. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
                   Trattamento dei Dati Personali 
 
 
    Ai  sensi  del  decreto  legislativo  30  giugno  2003  n.   196,
l'Universita' si impegna a rispettare il  carattere  riservato  delle
informazioni fornite dai candidati:  tutti  i  dati  forniti  saranno
trattati solo per le finalita' connesse e strumentali al  concorso  e
all'eventuale gestione del rapporto con l'Universita',  nel  rispetto
delle disposizioni vigenti. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                            Norme Finali 
 
 
    Per quanto non previsto nel presente bando, si fa riferimento  al
Regolamento della Scuola di Dottorato di Ricerca dell'Universita' per
Stranieri di Siena. 
      Siena, 28 giugno 2001 
 
                                                Il rettore: Vedovelli