Concorso per 12 dottori di ricerca (trentino alto adige) UNIVERSITA' DI TRENTO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 12
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 49 del 21-06-2011
Sintesi: UNIVERSITA' DI TRENTO CONCORSO   (scad.  4 ottobre 2011) Bando Scuola di dottorato di ricerca in scienze biomolecolari - 27° ciclo ...
Ente: UNIVERSITA' DI TRENTO
Regione: TRENTINO ALTO ADIGE
Provincia: TRENTO
Comune: TRENTO
Data di pubblicazione 22-06-2011
Data Scadenza bando 04-10-2011
Condividi

UNIVERSITA' DI TRENTO


CONCORSO   (scad.  4 ottobre 2011)

 
                Bando Scuola di dottorato di ricerca 
                in scienze biomolecolari - 27° ciclo 
 

 
 
                             IL RETTORE 
 
    Vista la legge del 3 luglio 1998, n. 210 e in particolare  l'art.
4, che demanda  alle  universita'  il  compito  di  disciplinare  con
proprio regolamento l'istituzione dei corsi di dottorato di  ricerca,
le modalita' di accesso e di conseguimento del titolo,  nel  rispetto
dei criteri generali fissati con regolamento ministeriale; 
    Visto il decreto ministeriale del 30 aprile 1999, n. 224, recante
i  criteri  generali  cui   debbono   attenersi   le   singole   sedi
universitarie nel disciplinare i corsi di dottorato di ricerca; 
    Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del  9
aprile 2001 e successive modificazioni e integrazioni, con  il  quale
sono stati determinati i criteri per l'uniformita' di trattamento sul
diritto agli studi universitari; 
    Visto lo statuto dell'Universita' degli  studi  di  Trento  e  in
particolare l'art. 12, comma 9; 
    Visto il regolamento di ateneo in materia di scuole di  dottorato
di ricerca, emanato con decreto rettorale del 16  dicembre  2003,  n.
997 e successivamente modificato con decreto rettorale del 19  aprile
2006, n. 359; 
    Vista la proposta  del  Centro  interdipartimentale  di  biologia
integrata (CIBIO); 
    Vista la relazione del Nucleo di valutazione interna di  data  29
dicembre 2009 in ordine ai requisiti di  idoneita'  delle  scuole  di
dottorato di ricerca proposte; 
    Vista la delibera assunta congiuntamente dal senato accademico  e
dalla commissione della ricerca scientifica del 12 gennaio 2011; 
    Tutto cio' premesso; 
 
                              Decreta: 
 
 
                               Art. 1 
 
 
                             Attivazione 
 
 
    E' attivato presso l'Universita' degli studi  di  Trento  il  27°
ciclo della scuola di dottorato di ricerca in scienze biomolecolari. 
    E' indetta selezione pubblica per la copertura di dodici posti di
cui nove coperti da borsa di studio. 
    Le borse di studio sono finanziate come di seguito: 
      tre borse di studio - finanziate dall'Universita'  degli  studi
di Trento. 
    Attivita' di ricerca da svolgersi presso i laboratori del CIBIO -
Centre for Integrative Biology. 
    Per  maggiori  informazioni  sui  laboratori  visitare  il  sito:
 http://www.unitn.it/en/cibio/11875/laboratories ; 
      una borsa di  studio  -  finanziata  dal  CIBIO  -  Centre  for
Integrative Biology (presso  l'Universita'  degli  studi  di  Trento)
finalizzata  alla  sequente  tematica   di   ricerca:   «p53-directed
post-transcriptional  translational  control  of   gene   expression:
decoding the translatome within the p53 response network». 
    Referente: prof. Alberto Inga. 
    Per maggiori  informazioni  sul  laboratorio  visitare  il  sito:
 http://www.unitn.it/en/cibio/11884/laboratory-transcriptional-networks; 
      una borsa di studio - finanziata dalla Fondazione Bruno Kessler
(FBK), finalizzata alla seguente tematica di ricerca: «Development of
microdevices for 3D  cell  micro-culture  and  for  purification  and
analysis of nucleic acids, i.e. materials and structures aimed at the
isolation of miRNA, small  RNA  and  mutated  DNA  from  cell  fluids
deriving 3D cell cultures». 
    Il  progetto  sara'  svolto  presso  l'unita'  di  «Superfici   e
interfacce Biofunzionali» del Centro Materiali e Microsistemi  presso
FBK.  L'unita'  lavora  principalmente  sulla  funzionalizzazione  di
superfici per applicazioni biologiche.  La  ricerca  si  focalizzera'
sullo  sviluppo  di  superfici  funzionali   per   l'inserimento   in
micro-dispositivi con l'obiettivo di rilevare ed isolare piccoli RNA,
quali i microRNA. Attraverso una collaborazione con gli ospedali,  si
studiera' l'utilizzo dei microRNA come nuovi biomarcatori  circolanti
per la diagnostica del cancro. 
    Referente: dott. Cecilia Pederzolli. 
    Per maggiori  informazioni  sul  laboratorio  visitare  il  sito:
 http://mpba.fbk.eu  . 
    Borse vincolate per l'assegnazione della quale e'  richiesta  una
specifica idoneita' valutata in sede di prova orale: 
      una borsa di studio - finanziata da The  Microsoft  Research  -
University of Trento Centre for  Computational  and  Systems  Biology
(COSBI), vincolata alla tematica di ricerca: «Mechanistic modeling of
genetic and signaling networks connecting diet and  diseases  relying
on mouse models of human disease». 
    The candidate is expected to  build  an  algorithmic  model  (see
 http://www.cosbi.eu/index.php/research/alg-sys-bio )  of  the   folate
cycle or other mechanisms that are related  to  obesity,  relying  on
experimental data. The design and realization of the  model  will  be
done  at  COSBI  within  the  molecular  nutrition  activities   (see
 http://www.cosbi.eu/index.php/research/molecular-nutrition ).      The
candidate is expected to perform his/her  experimental  work  at  ISB
(Institute for Systems  Biology)  -  Seattle  in  Nadeau's  Lab  (see
 http://www.systemsbiology.org/scientists_and_research/faculty_groups/
Nadeau_Group ). A master  in  bioinformatics  or  bioengineering  with
knowledge  of  programming  and  data  manipulation   procedures   is
requested. 
    Per maggiori  informazioni  sul  laboratorio  visitare  il  sito:
 http://www.cosbi.eu/index.php/people/careers . 
    Referente: dott. Attila Csikasz-Nagy; 
      una borsa di studio - finanziata da The  Microsoft  Research  -
University of Trento Centre for  Computational  and  Systems  Biology
(COSBI), vincolata alla  tematica  di  ricerca:  «Modeling  of  human
disease from multi-source data for supporting P4 medicine». 
    The candidate is expected to  build  an  algorithmic  model  (see
 http://www.cosbi.eu/index.php/research/alg-sys-bio )   of   a    human
disease (it could be either heart  disease  or  a  neuro-degenerative
disease), relying on experimental data. The design and realization of
the model will  be  done  at  COSBI  (see   http://www.cosbi.eu ).  The
candidate is expected to perform his/her  experimental  work  at  ISB
(Institute  for  Systems  Biology)  -  Seattle  in  Hood's  Lab  (see
 http://www.systemsbiology.org/scientists_and_research/faculty_groups/
Hood_Group/Profile ). A master  in  bioinformatics  or  bioengineering
with knowledge of programming and  data  manipulation  procedures  is
requested. 
    Referente: dott. Attila Csikasz-Nagy; 
      una borsa di studio - The Microsoft Research  -  University  of
Trento  Centre  for  Computational  and  Systems   Biology   (COSBI),
vincolata alla tematica  di  ricerca:  «Understanding  the  molecular
details  of  microtubule  dynamical  instability   by   computational
modeling». The candidate is expected to build  an  algorithmic  model
(see   http://www.cosbi.eu/index.php/research/alg-sys-bio)   of   the
molecular events that cause dynamical instability. Our software  tool
will  be  used  to  fit  experimental  data.  A  master's  degree  in
bioinformatics, bioengineering or biophysics with basic knowledge  of
programming a mathematics is requested. 
    Referente: dott. Attila Csikasz-Nagy; 
      una borsa di studio - Fondazione Bruno Kessler (FBK), vincolata
alla tematica «Computational Functional Genomics», per l'assegnazione
della quale e' richiesta una specifica idoneita' valutata in sede  di
prova orale. Il candidato ideale dovra' avere un  forte  interesse  a
sviluppare una competenza interdisciplinare nei metodi computazionali
per la genomica funzionale ad  alta  processivita',  con  particolare
attenzione al sequenziamento  di  nuova  generazione.  Si  richiedono
conoscenze di base dei meccanismi di regolazione a  carico  del  DNA,
RNA (miRNA) e delle proteine. Sono richieste conoscenze  informatiche
intermedie o superiori, dei linguaggi di programmazione (Python e C a
livello di base), competenza nell'uso dei sistemi * nix OS, capacita'
di  utlizzare  le  banche  dati   e   gli   strumenti   standard   di
bioinformatica. La competenza matematica di base  dovrebbe  includere
l'algebra lineare. Sono anche richieste  delle  basi  di  statistica.
Sara' data la  preferenza  a  un  candidato  con  un  Master  (Laurea
magistrale/specialistica o equivalente) in matematica, biotecnologie,
bioinformatica o bioingegneria. 
    Referente: dott. Cesare Furlanello. 
    Per maggiori  informazioni  sul  laboratorio  visitare  il  sito:
http://mpba.fbk.eu. 
    Durata del programma: triennale. 
    Lingua ufficiale del corso: inglese. 
    Coordinatore: prof. Paolo Macchi - tel. +39  0461  283819-3095  -
e-mail: phd.bioscie@unitn.it. 
    Settori scientifico-disciplinari: 
    BIO/06 - Anatomia comparata e citologia; 
    BIO/10 - Biochimica; 
    BIO/11 - Biologia molecolare; 
    BIO/12 - Biochimica clinica e biologia molecolare clinica; 
    BIO/13 - Biologia applicata; 
    BIO/18 - Genetica; 
    BIO/19 - Microbiologia; 
    CHIM/06 - Chimica organica; 
    INF/01 - Informatica. 
    Aree di ricerca: 
    1) Biochimica; 
    2) Bioinformatica; 
    3) Biologia computazionale; 
    4) Biologia dei sistemi; 
    5) Biologia dello sviluppo; 
    6) Biologia molecolare e cellulare; 
    7) Biologia sintetica; 
    8) Biologia strutturale; 
    9) Chimica organica; 
    10) Genetica; 
    11) Genomica microbica; 
    12) Lipidomica e biomembrane; 
    13) Metabolomica e imaging metabolico; 
    14) Nanobiotecnologie; 
    15) Neurobiologia; 
    16) Vaccinologia molecolare; 
    17) Virologia molecolare. 
    Nota - I posti con borsa di studio potranno  essere  aumentati  a
seguito di finanziamenti, erogati da altre universita', enti pubblici
di ricerca o da qualificate  strutture  produttive  private,  che  si
rendessero disponibili dopo l'emanazione del presente bando  e  prima
della valutazione dei titoli. L'eventuale aumento del numero di borse
di studio potra' determinare l'incremento dei posti  complessivamente
messi a concorso. 
    I candidati che intendessero ottenere l'idoneita'  anche  per  le
eventuali borse  aggiuntive  a  tematica  vincolata,  dovranno  farne
esplicita  richiesta  alla  commissione   esaminatrice   al   momento
dell'identificazione per lo svolgimento del  colloquio,  al  fine  di
permettere alla stessa di valutare la specifica idoneita'. 
    Di tale incremento sara' data comunicazione soltanto alla  pagina
internet: http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione . 

        
      
                               Art. 2 
 
 
                       Requisiti di ammissione 
 
 
    Possono presentare  domanda  di  partecipazione  al  concorso  di
ammissione alla scuola di dottorato di ricerca di cui  al  precedente
articolo, senza limiti di sesso, di eta' e  di  cittadinanza,  coloro
che sono in possesso di laurea specialistica  (magistrale),  attivata
ai sensi del decreto ministeriale  n.  509  del  3  novembre  1999  e
successive  modificazioni,   diploma   di   laurea   del   previgente
ordinamento o di analogo titolo accademico conseguito all'estero. 
    Costituira' titolo preferenziale il possesso  di  una  laurea  in
discipline scientifiche. 
    I candidati in possesso di titolo  accademico  italiano  dovranno
presentare  un  certificato  relativo  al  conseguimento  del  titolo
accademico di grado  piu'  elevato,  con  l'indicazione  degli  esami
sostenuti e delle votazioni conseguite. 
    I candidati in possesso di titolo accademico straniero,  che  non
sia gia'  stato  dichiarato  equipollente  ad  una  laurea  italiana,
dovranno fare espressa richiesta di idoneita' del  titolo  di  studio
nella domanda di partecipazione al  concorso,  allegando  i  seguenti
documenti: 
      certificato di conseguimento del titolo accademico (i cittadini
europei possono  presentare  un'autocertificazione  di  possesso  del
titolo accademico, come previsto dal  decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 445 del 28 dicembre 2000) con l'indicazione degli esami
sostenuti e delle relative votazioni; 
      traduzione in inglese  del  titolo  accademico  (ove  non  gia'
redatto in tale lingua)  con  l'elenco  dei  corsi  seguiti  e  delle
votazioni ottenute (Grade Transcript), e delle eventuali informazioni
sull'ambito di utilizzazione del titolo di  studio,  (ad  esempio  il
Diploma  Supplement  per  i  Paesi  i  cui  atenei   lo   prevedono),
sottoscritta sotto la propria responsabilita', al fine di  consentire
al collegio dei docenti di valutarne l'idoneita',  esclusivamente  ai
fini della partecipazione al presente concorso. 
    Possono  altresi'   partecipare   alla   selezione   coloro   che
conseguiranno  il  diploma  di  laurea  entro  il  18  ottobre  2011,
presentando, unitamente alla domanda, una dichiarazione da parte  del
relatore della tesi o della Segreteria  studenti  della  facolta'  di
appartenenza nella quale sia precisato che si prevede  l'acquisizione
del titolo accademico da parte dello studente  entro  il  18  ottobre
2011. Qualora il candidato risultasse  vincitore,  l'ammissione  alla
scuola di dottorato verra' disposta  «con  riserva»  e  il  candidato
sara' tenuto a presentare alla Segreteria della scuola  di  dottorato
di ricerca in  scienze  biomolecolari  (Via  Sommarive,  14  -  38123
Trento), a pena di decadenza, il certificato relativo al titolo entro
e non oltre il 21 ottobre 2011. 

        
      
                               Art. 3 
 
 
                         Programma del corso 
 
 
    La Scuola di dottorato in scienze biomolecolari e' caratterizzata
da un'offerta formativa  che  consente  agli  studenti  di  acquisire
competenze di alto livello non solo nei settori specifici di  ricerca
ma anche in quelli collaterali, favorendone  lo  sviluppo  in  ambiti
innovativi e di frontiera che richiedono spesso  conoscenze  in  aree
diverse. 
    L'offerta formativa permette di attivare accordi  di  scambio  di
studenti e di moduli formativi con istituzioni analoghe in Italia  ed
estere. 
    A tal fine, periodi di studio all'estero di almeno tre mesi e non
superiori ad un anno sono ritenuti obbligatori. 
    L'offerta formativa e' caratterizzata da un  adeguato  equilibrio
fra: 
    1) attivita'  formative,  maggiormente  concentrate  al  primo  e
secondo anno; 
    2) attivita' di ricerca in laboratorio. 
    Ogni  dottorando  segue  un  puntuale  percorso   formativo   che
comprende, oltre alle ricerche portate avanti sotto  la  supervisione
di un tutor e di un advisor, secondo le rispettive competenze,  corsi
avanzati di cultura di base e corsi specialistici di formazione  alla
ricerca, da  svolgersi  prevalentemente  presso  l'Universita'  degli
studi di Trento. 
    Gli iscritti alla Scuola di dottorato scienze biomolecolari hanno
l'obbligo  di  frequentare  i  corsi  organizzati  dalla  Scuola   di
dottorato, i  seminari,  i  simposi,  le  esercitazioni  e  i  moduli
didattici. 
    Corsi di base ed avanzati:  riguardano  specifiche  tematiche  di
interesse biologico e biotecnologico, nell'ambito della scuola.  Sono
previsti corsi pratici di laboratorio per dare ai nuovi  studenti  la
possibilita' di conoscere, mediante esperienza attiva,  le  tematiche
che vengono svolte dai diversi gruppi di  ricerca.  Docenti  di  fama
internazionale  vengono  chiamati  a  tenere  cicli  di  lezioni   di
particolare interesse scientifico. 
    Seminari: ricercatori di ambito nazionale ed internazionale  sono
invitati a presentare le loro ricerche durante una serie di seminari.
Seminari interni (journal clubs e progress  reports)  vengono  tenuti
regolarmente  al  fine  di  esporre  e  discutere   nuovi   risultati
pubblicati o i risultati delle ricerche in corso. 
    Simposi: un simposio (work in  progress)  viene  organizzato  una
volta all'anno a cui partecipano tutti gli studenti di dottorato. Gli
studenti presentano poster dei propri  progetti  e  danno  una  breve
presentazione dei loro risultati. 
    Il percorso formativo della Scuola di dottorato e' suddiviso  nei
tre anni nel modo seguente: 
Primo anno: 
    Corsi a tematiche specifiche. 
    Sessanta ore obbligatorie di lezioni frontali. 
    Le modalita' di svolgimento dell'attivita'  di  formazione  degli
studenti del dottorato  di  ricerca  in  scienze  biomolecolari  sono
riportate  in  dettaglio  nel  Manifesto  degli  studi,  che   verra'
pubblicato sul sito internet alla pagina http://www.unitn.it/en/drbs. 
    Sono inoltre previste presentazioni orali che  lo  studente  deve
effettuare ogni anno a partire dal primo anno. 
    Queste comprendono: Journal clubs, Progress  reports  e  Work  in
progress. 
    Alla fine del primo anno, lo studente deve presentare un piano di
studi in cui verranno  indicati  i  corsi  che  lo  studente  intende
seguire al secondo anno  tra  quelli  proposti  nel  manifesto  degli
studi. 
Secondo anno: 
    Corsi a tematiche specifiche ed esercitazioni in laboratorio. 
    Almeno  sessanta  ore  obbligatorie  di   lezioni   frontali   ed
esercitazioni. 
    Sono  inoltre  previste  presentazioni  orali:   Journal   clubs,
Progress Reports e Work in progress. 
    Gli studenti potranno seguire corsi pratici presso  i  laboratori
del CIBIO o in quelli che collaborano con la Scuola di  dottorato  al
fine di fornire una conoscenza pratica di diverse tecniche utilizzate
per la ricerca. 
    Alla fine del secondo anno, lo studente presenta la  proposta  di
tesi finale. 
    I dottorandi, su loro richiesta, possono essere autorizzati  allo
svolgimento  di  attivita'  didattica   sussidiaria   e   integrativa
retribuita non superiore alle sessanta ore, purche'  compatibile  con
la frequenza al corso di dottorato ed alle sue attivita' formative. 
Terzo anno: 
    Il terzo anno e' dedicato al completamento della ricerca  e  alla
stesura della tesi. 
    Permane  comunque  l'obbligo  dello  studente  a  partecipare  ai
seminari. 
    A questi si affiancano come  per  gli  anni  precedenti:  Journal
clubs, Progress Reports e Work in progress. 
    Condizione di passaggio all'anno successivo 
    Per il passaggio dal primo al  secondo  anno,  sono  necessari  i
seguenti requisiti: 
      costante partecipazione alle attivita' formative offerte  dalla
Scuola di dottorato; frequenza obbligatoria dell'80%  delle  ore  per
ciascun corso, superamento  dell'esame  finale  di  ciascun  corso  e
frequenza obbligatoria di almeno quindici seminari all'anno. Nel caso
lo studente non  raggiungesse  il  limite  minino  di  frequenza,  il
collegio docenti potra' approvare con riserva il  passaggio  all'anno
successivo ed eventualmente obbligare lo studente a  rifrequentare  i
corsi; 
      aver  ottenuto  un  giudizio  soddisfacente  da   parte   degli
insegnanti dei corsi e dell'advisor o del tutor, qualora quest'ultimo
svolga anche la funzione di advisor. A tal fine  gli  insegnanti,  il
tutor/advisor di ogni  studente  della  scuola  di  dottorato  devono
presentare  al  collegio  docenti  una  lettera  di  valutazione  del
candidato  entro  la  fine  dell'anno.  La  valutazione  deve  essere
concisa, esplicita e precisa. 
    Sulla base delle informazioni sopra menzionate  ed  alle  proprie
competenze,  il  collegio  docenti  propone  una  fra   le   seguenti
votazioni: 
    APPROVATO ossia  valutazione  positiva.  Lo  studente  accede  al
secondo anno; 
    APPROVATO CON RISERVA ossia  valutazione  positiva,  lo  studente
puo' continuare ma sono stati evidenziate lacune nella preparazione o
nel progetto di ricerca; 
    NON  APPROVATO  ossia   valutazione   negativa,   e'   necessaria
un'ulteriore revisione e valutazione. 
    Lo studente che avesse-bisogno di  revisionare  profondamente  il
proprio progetto di ricerca in base alle  osservazioni  ricevute  sia
dal  tutor  o  dall'advisor,  viene  invitato   ad   una   successiva
discussione di fronte al collegio docenti  ed  in  presenza  del  suo
tutor e dell'advisor. 
    Al termine di questa ulteriore fase di  valutazione  il  collegio
dei docenti comunichera' al dottorando la propria decisione. 
    Per il passaggio dal secondo al  terzo  anno,  sono  necessari  i
seguenti requisiti: 
      costante partecipazione alle attivita' formative offerte  dalla
Scuola di dottorato; frequenza obbligatoria dell'80%  delle  ore  per
ciascun corso, superamento  dell'esame  finale  di  ciascun  corso  e
frequenza obbligatoria di almeno quindici seminari all'anno. Nel caso
lo studente non  raggiungesse  il  limite  minino  di  frequenza,  il
collegio docenti potra' approvare con riserva il  passaggio  all'anno
successivo ed eventualmente obbligare lo studente a  rifrequentare  i
corsi; 
      aver ottenuto un giudizio soddisfacente,  che  l'advisor  o  il
tutor e' tenuto a dare entro la fine del secondo anno corso. 
    Per  l'ammissione  all'esame  finale,  il  tutor  sottomette   al
collegio  docenti  una  lettera  di  presentazione  che  riporta  una
valutazione sull'attivita' svolta dal candidato unitamente alla lista
di  eventuali  pubblicazioni  che  il  candidato  ha   pubblicato   o
sottomesso durante il dottorato. 
    Sulla base della lettera di  presentazione  il  collegio  docenti
esprime il giudizio di valutazione. 
    Solo in caso di valutazione positiva da parte  del  collegio  dei
docenti il dottorando viene ammesso a sostenere l'esame finale. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
                        Domanda di ammissione 
 
 
    La domanda, corredata degli allegati richiesti, dovra'  pervenire
entro e non oltre il 4 ottobre 2011 con una delle seguenti modalita': 
      a)         on-line          collegandosi          all'indirizzo
http://www4.unitn.it/Apply/it-IT/Home/Index, la  compilazione  dovra'
essere positivamente conclusa entro le 16 ora italiana del  giorno  4
ottobre 2011; 
      b) consegna a mano all'Ufficio protocollo centrale -  Direzione
generale dell'Universita' degli studi di Trento, in via Belenzani  n.
12 - 38122 Trento, (specificando sulla busta «Concorso di  ammissione
alla Scuola di dottorato in scienze biomolecolari - 27°  ciclo»)  nei
seguenti orari: dal lunedi' al venerdi' dalle ore 10 alle ore 12; 
      c) spedizione tramite servizio postale al  seguente  indirizzo:
Al magnifico rettore dell'Universita'  degli  studi  di  Trento,  via
Belenzani n. 12 - 38122 Trento (specificando sulla busta «Concorso di
ammissione alla Scuola di dottorato in scienze  biomolecolari  -  27°
ciclo»). 
    L'Universita'  degli  studi   di   Trento   non   assume   alcuna
responsabilita'  per  la  perdita  di  comunicazioni  dipendente   da
inesatta indicazione del recapito da parte  del  candidato,  ne'  per
eventuali disguidi postali  o  telegrafici  non  imputabili  a  colpa
dell'amministrazione stessa. 
    L'Universita' degli studi di  Trento  si  riserva  di  effettuare
controlli anche a campione secondo quanto previsto dagli  art.  71  e
seguenti del decreto del Presidente della Repubblica n.  445  del  28
dicembre  2000.  Potra'  essere  disposta  in   ogni   momento,   con
provvedimento motivato, l'esclusione dei candidati alla selezione per
difetto di requisiti previsti dal presente bando. 
    Non si terra' conto  delle  domande  pervenute  oltre  i  termini
stabiliti, anche se spedite prima. 
Allegati obbligatori: 
    Devono essere allegati obbligatoriamente, pena l'esclusione dalla
selezione: 
      1) copia della carta d'identita' (per cittadini europei) o  del
passaporto,  riportanti  le  pagine  con  la   fotografia,   i   dati
anagrafici,  il  numero,  luogo  e  data   di   rilascio   e   timbro
dell'autorita' competente. Qualsiasi altro documento d'identita'  non
verra' preso in considerazione; 
      2) copia del diploma di laurea o certificazione equivalente, ai
sensi dell'art. 2 del presente bando cui si rimanda; 
      3) curriculum vitae et studiorum; 
      4) riassunto (in lingua  inglese  per  i  candidati  stranieri)
della tesi di laurea  articolato  secondo:  motivazioni  della  tesi,
metodi  di  indagine,  risultati  ottenuti  (max   3.000   caratteri,
grandezza carattere 12, interlinea singola); 
      5) certificazione della conoscenza della lingua inglese  almeno
al livello B1 (1) o autocertificazione, se il  candidato  non  e'  di
madre lingua inglese o se non  ha  frequentato  un  corso  di  laurea
triennale o specialistica/magistrale interamente in inglese. 
    Nella domanda di partecipazione devono  inoltre  essere  indicate
due aree  di  ricerca  tra  le  diciassette  proposte  specificandone
l'ordine di preferenza. 
    Il candidato che intenda concorrere anche per le borse di  studio
vincolate dovra' indicarne l'interesse e in sede di colloquio  dovra'
dimostrare la specifica idoneita'. 
    Allegati facoltativi: 
    lista delle eventuali pubblicazioni; 
    altri titoli, quali test internazionali (es: GRE o equivalenti); 
    altri documenti utili ad attestare la capacita'  di  ricerca  del
candidato; 
    lettera di motivazione nella  quale  il  candidato  specifica  le
motivazioni che lo spingono ad intraprendere il dottorato di  ricerca
ed in particolare il motivo della  scelta  di  scienze  biomolecolari
presso l'Universita' di Trento; 
    un breve progetto di ricerca in inglese (massimo 3 pagine - 1.000
parole) nell'ambito delle discipline fondanti la Scuola di  dottorato
di ricerca in scienze biomolecolari; 
      due lettere di presentazione  
      in inglese, redatte su carta intestata e firmate da esperti nei
settori  di  ricerca  del  dottorato,  inquadrati  nello   staff   di
universita' o di enti  di  ricerca  nazionali  o  internazionali.  Le
lettere dovranno essere intestate al prof. Paolo Macchi, coordinatore
della Scuola di dottorato in scienze biomolecolari -  Universita'  di
Trento e dovranno contenere preferibilmente le seguenti informazioni: 
    1) da quanto tempo il referee conosce il candidato; 
    2) in che ambito  il  referee  ha  avuto  modo  di  conoscere  il
candidato; 
    3) quali sono i punti di forza/di debolezza del candidato; 
    4)  una  breve   descrizione   del   contributo   del   candidato
sull'attivita' di ricerca svolta nel laboratorio; 
    5) un parere sul livello di conoscenza della  lingua  inglese  da
parte del candidato. 
    Le lettere di presentazione dovranno essere inviate dai «referee»
scegliendo una delle seguenti modalita': 
      via e-mail all'indirizzo di posta elettronica  ateneo@unitn.it,
(indicare nell'oggetto: «Lettera di presentazione di "cognome e  nome
del candidato/titolo del dottorato"»);  (3) 
      tramite fax al  numero  della  Scuola  di  dottorato  +39  0461
283937; 
      tramite  posta  al  seguente  indirizzo:  prof.  Paolo  Macchi,
coordinatore della Scuola  di  dottorato  in  scienze  biomolecolari,
presso Ufficio protocollo, via Belenzani, 12 - 38122 Trento (Italia). 
    Si raccomanda ai candidati di verificare con i  propri  «referee»
che le lettere di presentazione siano inviate  entro  la  data  della
valutazione dei titoli. 
    Documenti in una lingua  che  non  sia  italiano  o  inglese  non
saranno considerati dalla commissione. 
    Qualora, successivamente  alla  presentazione  della  domanda  di
partecipazione al concorso, il candidato dovesse integrare la propria
documentazione, dovra' far pervenire entro il termine perentorio  del
4 ottobre 2011 il materiale aggiuntivo, utilizzando l'allegato B  del
presente bando, con le stesse modalita' indicate nei punti  b)  e  c)
del presente  articolo  (nel  caso  di  spedizione  tramite  servizio
postale si dovra' specificare sulla busta: nome, cognome,  Scuola  di
dottorato  in  scienze  biomolecolari  -  27°  ciclo   e   l'oggetto:
«Integrazione domanda»). 
    Non e' possibile  integrare  la  domanda  tramite  l'applicazione
online. Una volta chiusa, infatti, la sessione on-line non puo'  piu'
essere riaperta. 
    L'Universita' degli studi di  Trento  si  riserva  di  effettuare
controlli anche a campione secondo quanto previsto dagli  art.  71  e
seguenti del decreto del Presidente della Repubblica n.  445  del  28
dicembre 2000. 
    Potra'  essere  disposta  in  ogni  momento,  con   provvedimento
motivato, l'esclusione dei candidati alla selezione  per  difetto  di
requisiti previsti dal presente bando. 

(1) In base alla classificazione CEFR (Common European  Framework  of
    Reference for Languages, Quadro comune europeo di riferimento per
    la      conoscenza      delle      lingue).       Per       info:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Common_European_Framework_of_Referen
    ce_for_Languages#Selfevaluated_equivalences_to_CEFR_levels. 

(2)L'eventuale  mancanza   delle   lettere   di   presentazione   non
costituisce motivo di esclusione dalla procedura di selezione. 

(3) Qualora  la  domanda  sia  stata  compilata  on-line,  una  volta
    completata  e  salvata  dal  candidato  la  sezione  relativa  ai
    referee, il sistema invia  in  automatico,  entro  24  ore,  alle
    persone da lui indicate una  e-mail  di  notifica  contenente  le
    istruzioni e le modalita' di trasmissione della lettera. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
                         Prove di ammissione 
 
 
    La selezione per l'accesso alla Scuola di  dottorato  in  scienze
biomolecolari prevede: 
      la valutazione dei titoli di cui all'art. 4 del presente  bando
sulla  base  dei  criteri  stabiliti  a  priori   dalla   commissione
giudicatrice; 
      una prova orale in lingua inglese. 
    Per coloro che concorrono anche per una o piu' borse  a  tematica
vincolata, in sede di colloquio,  ne  verra'  valutata  la  specifica
idoneita'. 
    La commissione ha a disposizione 100 punti cosi' ripartiti: 
    da 0 a 60 punti per la valutazione dei titoli; 
    da 0 a 40 punti per la prova orale. 
    Saranno ammessi alla prova orale i candidati  che  otterranno  un
punteggio pari o superiore a 40/60 nella valutazione dei titoli. 
    L'elenco degli ammessi alla prova  orale  sara'  pubblicato  alla
pagina: http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione. 
    Per sostenere il colloquio i candidati dovranno esibire un idoneo
documento di riconoscimento. 
    La prova orale si intende superata con  il  conseguimento  di  un
punteggio pari o superiore a 25/40. 
    La selezione si intende  superata  con  il  conseguimento  di  un
punteggio complessivo pari o superiore a 65/100. 
    I candidati residenti in Paesi stranieri che siano stati  ammessi
al colloquio, possono  avvalersi  della  possibilita'  di  sostenerlo
tramite telefono o videocollegamento presso altre sedi del  Paese  di
residenza, previo consenso della commissione esaminatrice. 
    Successivamente alla pubblicazione dell'esito  della  valutazione
dei titoli, il candidato ammesso  alla  prova  orale  dovra'  inviare
all'indirizzo: phd.bioscie@unitn.it l'apposito allegato A,  indicando
un recapito presso un istituto universitario o sede diplomatica  dove
avverra' il colloquio e il nominativo di  un  funzionario  che  possa
provvedere  a  identificarlo  prima  del  colloquio.  La  commissione
esaminatrice, valutate le modalita' proposte dal candidato, decidera'
se dare  corso  all'esame  tramite  telefono  o  videocollegamento  e
prendera' contatto con  il  candidato  per  concordare  l'orario  del
colloquio. 
    L'ammissione alla  Scuola  di  dottorato  avviene  in  base  alla
graduatoria generale di merito redatta dalla  competente  commissione
giudicatrice  per  l'accesso  alla  Scuola  di  dottorato   fino   al
raggiungimento del numero dei posti stabiliti dal bando. 
    L'indicazione della data, del luogo e dell'ora in cui si terranno
i colloqui sara'  resa  nota  almeno  venti  giorni  prima  del  loro
svolgimento  con  avviso  pubblicato   in   internet,   alla   pagina
http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione come  previsto
dall'art. 20 del regolamento  di  ateneo  in  materia  di  Scuole  di
dottorato di ricerca. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
             Modalita' di svolgimento della prova orale 
 
 
    Il colloquio  sara'  inteso  ad  accertare  la  preparazione  del
candidato e la sua attitudine alla ricerca. 
    La prova d'esame si svolgera' in lingua inglese. 
    Il colloquio  vertera'  su  domande  riguardanti  l'attivita'  di
ricerca svolta dal candidato  durante  la  tesi  di  laurea,  il  suo
contribuito nelle pubblicazioni scientifiche eventualmente presentate
unitamente a domande di carattere generale  volte  a  determinare  la
preparazione del candidato. 
    Per i candidati che hanno indicato l'interesse a concorrere anche
per le borse vincolate la prova orale  comprendera'  una  valutazione
delle competenze sulla specifica materia oggetto della borsa. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
                      Commissione giudicatrice 
 
 
    La  commissione  giudicatrice  per  l'accesso  alla   Scuola   di
dottorato e' nominata dal rettore sentito il  collegio  dei  docenti.
Essa si compone di tre membri scelti tra i professori e i ricercatori
di     ruolo,      anche      stranieri,      afferenti      all'area
scientifico-disciplinare cui si riferisce la scuola.  La  commissione
puo' essere integrata da non piu' di due  esperti,  anche  stranieri,
scelti nell'ambito di enti e di  strutture  pubbliche  e  private  di
ricerca. 
    Espletata la selezione, la  commissione  compila  la  graduatoria
generale di merito sulla base dei punteggi ottenuti dai  candidati  a
seguito della valutazione dei titoli e della prova orale. 
    La  graduatoria   sara'   resa   pubblica   sul   sito   internet
all'indirizzo:
http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione. 
    Mediante tale avviso si intende  assolto  l'adempimento  relativo
alla pubblicita' degli atti. 
    Ai  concorrenti  vincitori  non  saranno  inviate   comunicazioni
personali. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
                 Ammissione alla scuola di dottorato 
 
 
    I candidati saranno  ammessi  alla  scuola  secondo  l'ordine  di
graduatoria fino alla  concorrenza  del  numero  dei  posti  messi  a
concorso. In caso di pari merito: per l'assegnazione  dei  posti  con
borsa di studio prevale la  valutazione  della  situazione  economica
determinata  ai  sensi  decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei
Ministri del 9 aprile 2001 e successive modificazioni e integrazioni;
per l'assegnazione dei posti senza borsa di studio prevale la  minore
eta'. 
    In corrispondenza di eventuale rinuncia dell'avente diritto prima
dell'inizio del corso (1° gennaio 2012), subentra un altro  candidato
secondo l'ordine della graduatoria. 
    In caso di rinuncia o  di  esclusione  del  vincitore  nel  primo
trimestre del primo anno di  corso,  e'  facolta'  del  collegio  dei
docenti valutare l'opportunita' di coprire il posto  vacante  con  un
altro candidato secondo l'ordine della graduatoria. 
    In base all'art. 19, comma 3 del regolamento di ateneo in materia
di  scuole  di  dottorato  di  ricerca  e  a  quanto  precedentemente
deliberato dal collegio dei docenti,  la  commissione  ammettera'  in
soprannumero, in misura non eccedente il 20%  del  totale  dei  posti
attivati, candidati  idonei  nella  graduatoria  generale  di  merito
appartenenti ad una della seguenti categorie: 
      a)   candidati   extracomunitari   che,   al   momento    della
presentazione della domanda, risultino assegnatari di borsa di studio
a qualsiasi titolo conferita  (4) (ad  es.  assegnata  dal  Ministero
degli affari esteri o dal Governo  del  Paese  di  provenienza  o  da
Organismi internazionali); 
      b) candidati appartenenti  a  Paesi  con  i  quali  esista  uno
specifico accordo intergovernativo seguito  da  apposita  convenzione
con l'ateneo, senza oneri finanziari obbligatori per l'Universita' di
Trento. 

(4) La durata della borsa di studio dovra' coprire almeno  una  parte
    del triennio di dottorato. 

        
      
                               Art. 9 
 
 
          Modalita' di iscrizione alla scuola di dottorato 
 
 
    I candidati, utilmente collocati  nella  graduatoria  di  merito,
dovranno presentare o  fare  pervenire  domanda  di  ammissione  alla
Scuola  di  dottorato  in  carta  legale   al   seguente   indirizzo:
«Universita' degli studi di Trento - Direzione  didattica  e  servizi
agli studenti - Ufficio dottorati ed esami di Stato, via Inama n. 5 -
38122 Trento (Italia)» entro quindici giorni a decorrere  dal  giorno
successivo a quello di pubblicazione della  graduatoria  finale  alla
pagina: http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione. 
    La domanda debitamente compilata  dovra'  essere  corredata,  ove
previsto, della ricevuta del pagamento della Tassa provinciale per il
diritto allo studio universitario (TDS). 
    Nella  domanda   d'iscrizione   (disponibile   presso   l'Ufficio
dottorati  ed   esami   di   Stato   e   scaricabile   alla   pagina:
http://www.unitn.it/ateneo/2429/immatricolazione-e-iscrizione-agli-an
ni-successivi il candidato vincitore dichiara: 
    di chiedere/non  chiedere  l'erogazione  della  borsa  di  studio
(anche i vincitori non beneficiari di borsa  devono  effettuare  tale
scelta nell'eventualita' che un candidato avente titolo alla borsa vi
rinunci); 
    di essere/non essere titolare di una borsa  di  studio  conferita
del Governo italiano nell'ambito dei programmi di  cooperazione  allo
sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici; 
    di avere/non avere gia' usufruito in precedenza di una  borsa  di
studio (anche per un solo anno) per un corso di dottorato di  ricerca
in Italia; 
    di non essere iscritto e di impegnarsi a non iscriversi  a  corsi
di diploma,  di  laurea,  a  scuole  di  specializzazione,  ad  altre
scuole/corsi di dottorato e a master  di  I  e  II  livello  fino  al
conseguimento del  titolo.  In  caso  affermativo,  di  impegnarsi  a
sospenderne la frequenza prima dell'inizio del corso; 
    di  essere/non   essere   in   servizio   presso   una   pubblica
amministrazione o altro ente pubblico italiano; 
    di  impegnarsi  a  richiedere  preventivamente  al  collegio  dei
docenti l'autorizzazione  allo  svolgimento  di  eventuali  attivita'
lavorative; 
    di impegnarsi a comunicare tempestivamente ogni cambiamento della
propria residenza e recapito. 
    I vincitori cittadini non UE in possesso di un titolo  accademico
non conseguito in Italia e i vincitori cittadini UE in possesso di un
titolo accademico conseguito in un Paese non UE  dovranno  presentare
entro la data di iscrizione la Dichiarazione di valore unitamente  al
certificato relativo al titolo con  esami  e  votazioni,  tradotto  e
legalizzato dalle Rappresentanze diplomatiche  o  consolari  italiane
del Paese  cui  appartiene  l'istituzione  che  l'ha  rilasciato.  La
Dichiarazione di valore dovra' certificare che il  titolo  di  studio
posseduto e' valido nel Paese di conseguimento per l'iscrizione ad un
corso accademico analogo al dottorato di ricerca. 
    I vincitori che non  presentano  la  domanda  di  ammissione  nel
termine di quindici giorni, decorrente dal giorno successivo a quello
di pubblicazione  della  graduatoria  finale  alla  pagina  internet:
http://www.unitn.it/ateneo/2548/concorso-di-ammissione           sono
considerati rinunciatari  e  i  posti  corrispondenti  sono  messi  a
disposizione dei candidati classificatisi  idonei,  secondo  l'ordine
della graduatoria. 

        
      
                               Art. 10 
 
 
                           Borse di studio 
 
 
    Le borse di  studio  sono  assegnate  in  base  alla  graduatoria
generale di merito redatta dalla competente commissione giudicatrice,
su domanda dell'avente titolo. 
    In presenza di una o piu' borse  di  studio  finanziate  da  enti
esterni, i candidati possono scegliere di quale fruire  in  relazione
alla loro posizione nella graduatoria generale di merito. 
    Il vincitore di borsa di studio  vincolata  ad  una  tematica  e'
tenuto ad accettarla. Qualora l'avente titolo  vi  rinunci,  subentra
altro candidato secondo l'ordine della graduatoria che abbia ottenuto
anche l'idoneita' per la specifica tematica. 
    Qualora nessuno dei candidati ottenesse l'idoneita' per le  borse
a tematica vincolata quest'ultime non saranno assegnate. 
    L'importo annuo della borsa di studio ammonta a Euro 13.638,47 al
lordo di eventuali oneri  a  carico  del  dottorando  previsti  dalla
normativa vigente. (5) Le somme vengono erogate, di norma, a  cadenza
bimestrale anticipata, salvo recupero di eventuale  indebito  per  le
ipotesi di esclusione o sospensione del dottorando. 
    Le borse di dottorato non possono essere cumulate con altre borse
di studio a qualsiasi titolo conferite tranne che con quelle concesse
da  Istituzioni  nazionali  o  straniere  utili  ad  integrare,   con
soggiorni all'estero, l'attivita' di ricerca del dottorando. 
    La borsa di studio e' aumentata del 50% per eventuali periodi  di
permanenza all'estero autorizzati dal coordinatore o dal collegio dei
docenti. 
    Previo  mantenimento  dei  requisiti   di   merito,   la   durata
dell'erogazione e' pari all'intera durata del dottorato. 
    Le sospensioni della frequenza del corso di  durata  superiore  a
trenta giorni comportano la sospensione dell'erogazione della borsa. 
    Qualora in corso d'anno un dottorando rinunci  a  proseguire  gli
studi, egli decade dal diritto alla fruizione della borsa  di  studio
per la quota non ancora corrisposta. 

(5) Alla data di emanazione del presente bando, la normativa  vigente
    stabilisce ex  art.  2,  comma  26  della  legge  n.  335/1995  e
    successive modifiche e integrazioni, che la borsa di dottorato  a
    decorrere dal 1° gennaio  2010  e'  assoggettabile  a  contributo
    INPS, pari al 17% o 26,72%, di cui 1/3 a carico del dottorando. 

        
      
                               Art. 11 
 
 
                  Obblighi e diritti dei dottorandi 
 
 
    I dottorandi hanno l'obbligo di frequentare i corsi di  dottorato
e di compiere continuativamente attivita' di  studio  e  di  ricerca,
secondo i programmi e le modalita' fissate dal collegio dei  docenti,
come specificato all'art. 3 del presente bando. 
    I dottorandi impegnati in un programma di co-tutela (6)  di  tesi
hanno altresi' l'obbligo di seguire  le  attivita'  di  studio  e  di
ricerca fissate  secondo  l'apposita  convenzione  con  l'universita'
straniera. 
    Le borse di studio finanziate da enti esterni, che  prevedano  lo
svolgimento di una specifica  attivita'  di  ricerca,  vincolano  gli
assegnatari allo svolgimento di tale attivita'. 
    A seguito della valutazione dell'attivita' svolta dal dottorando,
il collegio dei docenti puo', con motivata deliberazione, proporre al
rettore l'esclusione dalla Scuola di dottorato di ricerca. 
    E' prevista, con decisione motivata  del  collegio  dei  docenti,
l'esclusione dal dottorato di ricerca e la  conseguente  perdita  del
diritto alla fruizione della borsa di studio in caso di: 
    a) giudizio  negativo  del  collegio  dei  docenti  relativamente
all'ammissione al successivo anno di corso frequentato; 
    b)  prestazioni  di  lavoro  a   tempo   indeterminato,   nonche'
assunzione  di  incarichi  di  lavoro  a  tempo  determinato   o   di
prestazioni d'opera senza l'autorizzazione del collegio dei docenti; 
    c) assenze ingiustificate e prolungate; 
    d) falsificazione di documenti e dei dati di ricerca. 
    L'Universita' garantisce, nel  medesimo  periodo  del  corso,  la
copertura assicurativa per infortuni e  per  responsabilita'  civile,
limitatamente alle  attivita'  che  si  riferiscono  alla  Scuola  di
dottorato di ricerca. 
    In base all'art. 2, primo comma, della legge 13 agosto  1984,  n.
476  e  successive  modifiche  il  pubblico  dipendente  ammesso   al
dottorato di ricerca puo'  domandare  di  essere  collocato,  per  il
periodo di durata del corso di dottorato, in aspettativa  per  motivi
di studio, senza assegni, e puo' usufruire della borsa di studio, ove
ricorrano le condizioni richieste. 
    In caso di ammissione a corsi di dottorato di ricerca senza borsa
di studio, o di  rinuncia  a  questa,  l'interessato  in  aspettativa
conserva il trattamento economico, previdenziale e di  quiescenza  in
godimento da parte dell'amministrazione pubblica presso la  quale  e'
instaurato il rapporto di lavoro. Qualora, dopo il conseguimento  del
titolo  di  dottore  di  ricerca,   il   rapporto   di   lavoro   con
l'amministrazione pubblica cessasse per volonta' del dipendente entro
due anni dal termine del  corso,  e'  dovuta  la  restituzione  degli
importi corrisposti durante il corso di dottorato.  (7) 

(6) Maggiori informazioni sui programmi di cotutela di tesi  e  sugli
    accordi  gia'  in  vigore  sono  reperibili   alla   pagina   web
    http://www.unitn.it/ateneo/1495/la-co-tutela-di-tesi-nel-dottorat
    o-di-ricerca. 

(7) Per gli  opportuni  approfondimenti  si  rimanda  alla  normativa
    citata. 

        
      
                               Art. 12 
 
 
                      Conseguimento del titolo 
 
 
    Il titolo di dottore  di  ricerca  ovvero  Ph.D.,  conferito  dal
rettore, si consegue all'atto del superamento dell'esame finale,  che
ha luogo a conclusione del ciclo di dottorato. 
    La commissione giudicatrice dell'esame finale sara' nominata  dal
rettore, su designazione del collegio dei docenti. 
    Il rilascio della certificazione del conseguimento del titolo  e'
subordinato al deposito, da parte dell'interessato, della tesi finale
nell'archivio  istituzionale  d'ateneo  ad  accesso  aperto,  che  ne
garantira' la conservazione e la pubblica consultabilita'; sara' cura
dell'universita' effettuare il deposito a norma di  legge  presso  le
Biblioteche nazionali di Roma e di Firenze. 

        
      
                               Art. 13 
 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
 
    L'Universita' degli studi di Trento, in  attuazione  del  decreto
legislativo n. 196/2003 «Codice in materia  di  protezione  dei  dati
personali», si impegna a utilizzare  i  dati  personali  forniti  dal
candidato per l'espletamento delle procedure concorsuali e  per  fini
istituzionali. 
    La partecipazione al concorso comporta, nel rispetto dei principi
di cui alla succitata legge, espressione di tacito consenso a  che  i
dati personali dei candidati e quelli relativi alle prove concorsuali
vengano pubblicati sul sito internet dell'Universita' degli studi  di
Trento. 
    Titolare del trattamento e' l'Universita' degli studi di  Trento,
via Belenzani, 12 - 38122 Trento. 

        
      
                               Art. 14 
 
 
                        Norme di riferimento 
 
 
    Per quanto non previsto dal  presente  bando  si  fa  riferimento
all'art. 4  della  legge  n.  210  del  3  luglio  1998,  al  decreto
ministeriale n. 224 del 30 aprile 1999 e al regolamento di ateneo  in
materia di scuole di  dottorato  di  ricerca  dell'Universita'  degli
studi di Trento emanato con decreto rettorale n. 937 del 16  dicembre
2003 e successivamente modificato con decreto rettorale n. 359 del 19
aprile 2006. 
      Trento, 31 maggio 2011 
 
                                                    Il rettore: Bassi