Concorso per 1 personale categoria d (toscana) IRPET - ISTITUTO REGIONALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA TOSCANA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti Formazione di una graduatoria.
Fonte: DIR N. 42 del 16-06-2011
Sintesi: IRPET - ISTITUTO REGIONALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA TOSCANA Concorso (Scad. 30 giugno 2011) Bando di selezione pubblica, per titoli ed esame, per la formazione di una graduatoria per l’assunzione di personale a tempo determinato nel profilo di ...
Ente: IRPET - ISTITUTO REGIONALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA TOSCANA
Regione: TOSCANA
Provincia: FIRENZE
Comune: FIRENZE
Data di pubblicazione 16-06-2011
Data Scadenza bando 30-06-2011
Condividi

IRPET - ISTITUTO REGIONALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA TOSCANA

Concorso (Scad. 30 giugno 2011)

Bando di selezione pubblica, per titoli ed esame, per la formazione di una graduatoria per l’assunzione di personale a tempo determinato nel profilo di “Istruttore direttivo di ricerca - Assistente di Ricerca”, categoria professionale “D”, posizione economica “D1”, nell’ambito delle tematiche inerenti metodi e modelli per l’analisi e l’interpretazione dello sviluppo economico e sociale della Toscana.


Art. 1
Oggetto della selezione
Con determinazione del Direttore dell'IRPET n. 24 dell'8.6.2011 è indetta una selezione pubblica per titoli ed esame per la formazione di una graduatoria per l'assunzione di personale a tempo determinato nel profilo di ‘Istruttore direttivo di ricerca - Assistente di ricerca', di categoria professionale D e posi zione economica D1, presso l'I.R.P.E.T. - Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana, d'ora in avanti denominato IRPET. L'Istituto garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro, ai sensi della legge 10.4.1991, n. 125.
Il reclutamento del personale è subordinato alla effettiva capacità dell'IRPET di effettuare assunzioni, secondo quanto stabilito dalla normativa in materia relativa egli enti dipendenti di Regione Toscana. IRPET non assume obblighi di assunzione a seguito della formazione della graduatoria conseguente alla selezione di cui al presente bando.
Art. 2
Contenuto professionale delle posizioni oggetto della selezione
Nell'ambito della declaratoria professionale della categoria D, posizione economica D1, di cui all'allegato ‘B' alla deliberazione del Consiglio di amministrazione n. 2 del 23.2.2000, la figura professionale oggetto della selezione di cui al presente bando è quella di "Istruttore direttivo di ricerca - Assistente di ricerca", con le mansioni di supporto alla ricerca mediante attività di raccolta, studio, elaborazione ed interpretazione dei dati. L'ambito di attività nel quale sarà collocato il personale assunto sulla base della selezione di cui al presente bando riguarda l'applicazione di metodi e modelli per l'interpretazione dello sviluppo economico e sociale della Toscana.
Art. 3
Requisiti per l'ammissione alla selezione
Per l'ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:
1. cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica), ovvero cittadinanza di Stato membro dell'Unione Europea, purché con adeguata conoscenza della lingua italiana, da accertare durante lo svolgimento delle prove di esame, ed il possesso dei diritti civili e politici anche nello Stato di appartenenza
2. età non inferiore agli anni 18;
3. idoneità fisica all'impiego;
4. godimento dei diritti civili e politici;
5. non essere stati destituiti dall'impiego, ovvero licenziati per motivi disciplinari da pubbliche amministrazioni;
6. essere in possesso di laurea (vecchio ordinamento) o di laurea specialistica o magistrale (nuovo ordinamento) in Discipline economiche o in Scienze politiche.
I requisiti di cui al presente articolo devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di ammissione alla selezione.
Art. 4
Domanda di ammissione alla selezione
Gli interessati dovranno inviare entro il termine perentorio di 15 (quindici) giorni a decorrere dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT), domanda di ammissione redatta in carta libera nella forma di cui al facsimile allegato ‘A' al presente bando, ovvero utilizzando, anche in copia fotostatica, il predetto modello, da spedire per mezzo di raccomandata senza avviso di ricevimento indirizzata al Direttore dell'IRPET, Villa La Quiete alle Montalve, Via Pietro Dazzi 1, 50141 Firenze.
La domanda può altresì essere recapitata a mano, entro il termine perentorio di cui sopra, all'ufficio protocollo dell'IRPET, all'indirizzo sopra indicato, dalle ore 9.30 alle 13.00 di ogni giorno lavorativo, dal lunedì al venerdì.
Sull'esterno della busta dovrà essere riportato il nome, il cognome, l'indirizzo del candidato e l'indicazione della selezione oggetto del presente bando. Si considerano prodotte in tempo utile le domande pervenute oltre la data di scadenza, purché spedite entro il termine perentorio di cui sopra (a tal fine farà fede la data del timbro postale di partenza) e pervenute all'IRPET entro i 5 (cinque) giorni lavorativi successivi alla data di scadenza.
Nella domanda di ammissione i candidati devono dichiarare sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445:
a) nome e cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza;
b) di possedere la cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non appartenenti alla Repubblica), ovvero la cittadinanza di Stato membro dell'Unione Europea, purché con un'adeguata conoscenza della lingua italiana da accertare durante lo svolgimento delle prove concorsuali;
c) il godimento dei diritti politici; per i cittadini degli Stati membri dell'Unione Europea, tale dichiarazione è sostituita dalla dichiarazione corrispondente in relazione all'ordinamento dello Stato di appartenenza;
d) di essere in possesso del titolo di studio richiesto per l'ammissione alla selezione;
e) di possedere ogni altro requisito generale e specifico previsto dal bando di concorso;
f) di non essere stato destituito dall'impiego, o licenziato oppure dispensato dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento e di non essere stato dichiarato decaduto da un impiego pubblico a seguito dell'accertamento che l'impiego stesso è stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
g) le eventuali condanne penali riportate, anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale, ed i procedimenti penali eventualmente pendenti, specificandone la natura;
h) la posizione rivestita per quanto riguarda gli obblighi militari;
i) l'eventuale possesso dei titoli che conferiscono preferenza a parità di punteggio ai sensi della vigente normativa, con specificazione dei titoli stessi;
j) l'indirizzo presso il quale devono pervenire ad ogni effetto le comunicazioni relative al concorso, con l'esatta indicazione del codice di avviamento postale e del recapito telefonico; i candidati sono tenuti a comunicare tempestivamente per iscritto le eventuali, successive variazioni dei suddetti dati;
k) che le dichiarazioni rese nella domanda di ammissione sono documentabili.
I candidati riconosciuti portatori di handicap ai sensi della legge 5.2.1992, n. 104 devono fare esplicita richiesta, nella domanda di ammissione alla selezione, dell'ausilio eventualmente necessario, nonché dell'eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento delle prove.
La domanda di ammissione deve essere firmata in calce dal candidato, pena l'esclusione dalla selezione.
Le dichiarazioni rese nella domanda di ammissione alla selezione, che sostituiscono le relative certificazioni e/o gli atti di notorietà, sono soggette alle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.
L'ammissione dei candidati alla selezione è effettuata sulla base dei dati dichiarati nella domanda, con riserva dell'accertamento del possesso dei requisiti prescritti. L'IRPET, con provvedimento motivato del Direttore, può disporre in qualunque momento della procedura di selezione, anche successiva all'espletamento delle prove d'esame, l'esclusione dei candidati per difetto dei requisiti prescritti dal bando, ovvero per mancata dichiarazione degli stessi nella domanda di ammissione.
L'IRPET non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato, oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento del recapito indicato nella domanda, né per eventuali ritardi o disguidi postali o telegrafici o in ogni caso imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
Art. 5
Documentazione da allegare alla domanda
Alla domanda di partecipazione alla selezione i candidati devono allegare, in originale o in copia autentica, le certificazioni e la documentazione relativa ai titoli di cui al successivo art. 7; devono altresì allegare il proprio curriculum formativo e professionale, datato e sottoscritto, con la relativa documentazione. Per pubblicazioni si intendono i documenti che rientrano nell'ambito di applicazione della legge 2.2.1939, n. 374 e successive modificazioni ed integrazioni.
In luogo delle certificazioni o delle documentazioni rese in originale o in copia autentica, i candidati possono effettuare, nella forma di cui al facsimile allegato al presente bando (allegato ‘B'), le dichiarazioni sostitutive di certificazioni o sostitutive di atto di notorietà previste dagli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445. Inoltre, ai sensi di quanto previsto dall'art. 19, primo comma, del medesimo D.P.R. 445/2000, le pubblicazioni e gli altri elaborati utili per la valutazione dei titoli e del curriculum, possono essere prodotti, oltre che in originale o in copia autentica, anche in copia fotostatica, purché venga contestualmente allegata alla domanda di partecipazione alla selezione una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, nella quale il candidato dichiari che la copia fotostatica è conforme all'originale. I titoli e le documentazioni prodotte nei termini suddetti devono essere documentabili.
La sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa ai titoli posseduti non è soggetta ad autenticazione ove sia inserita nella domanda di partecipazione alla selezione, ovvero allegata alla domanda e presentata direttamente al dipendente incaricato di riceverla o al responsabile del procedimento, ovvero sia allegata alla domanda ed inviata a mezzo posta unitamente a copia fotostatica, fronte/retro, di un valido documento di identità del candidato. Saranno ritenuti validi i documenti di identità, provvisti di fotografia e rilasciati da una pubblica amministrazione.
La documentazione allegata alla domanda ed al curriculum deve essere specificatamente indicata in apposito elenco da allegare alla domanda di partecipazione.
Art. 6
Modalità della selezione
La selezione di cui al presente bando avverrà mediante la valutazione dei titoli e, successivamente, l'effettuazione di un esame, costituito da una prova orale
Art. 7
Determinazione dei punteggi e valutazione dei titoli
La commissione esaminatrice, costituita ai sensi dell'art. 21 del vigente regolamento per l'accesso all'impiego presso l'IRPET, valuterà i titoli di servizio, di studio e culturali e scientifici e professionali attinenti all'area di ricerca oggetto del presente bando
La commissione esaminatrice dispone complessivamente di 90 punti, così suddivisi:
- per i titoli, 30 punti
- per la prova orale, 60 punti.
La votazione finale è determinata sommando il punteggio conseguito nella valutazione dei titoli al voto riportato nella prova orale di esame.
Non saranno valutati come titoli valevoli ai fini della determinazione del punteggio i titoli che rappresentano un requisito di accesso alla selezione.
La valutazione dei titoli è effettuata dalla commissione esaminatrice sulla base delle dichiarazioni e dei documenti prodotti dai candidati, per le categorie di titoli e con il punteggio di seguito indicati:
a) Titoli di servizio.
Ai titoli di servizio sono attribuiti fino ad un massimo di 3 punti, di cui punti 1 per ogni anno, e frazioni corrispondenti per partizioni trimestrali, di servizio prestato presso pubbliche amministrazioni, enti pubblici, Istituti di ricerca pubblici o privati, Università, aziende pubbliche o private, con rapporti regolati da specifico contratto di lavoro subordinato anche a tempo determinato o di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto, assegni di ricerca, o di altra forma di lavoro temporaneo regolato dalla legge, in posizioni di lavoro corrispondenti per contenuto professionale alle funzioni di Assistente di ricerca (o superiori) dell'IRPET (categoria D, profilo professionale Assistente di ricerca); il computo dei tempi che danno luogo a punteggio è limitato alla scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla selezione.
b) Titoli di studio e culturali
Ai titoli di studio e culturali sono attribuiti, secondo i criteri della attinenza e della qualità, fino ad un massimo di punti 15 così suddivisi:
- voto di laurea e attinenza della tesi: fino a punti 4;
- conseguimento di borse di studio o di specializzazione su tematiche inerenti l'oggetto della selezione, conseguite presso Università, l'IRPET o analoghi Istituti di ricerca un punto per ogni anno fino a punti 2
- conseguimento del titolo di ‘dottore di ricerca' o altro equivalente straniero in tematiche attinenti alla selezione: fino a punti 5; per dottorato in corso 0,5 punto per ogni anno fino a punti 1,5;
- Master, diplomi o altri titoli di specializzazione o perfezionamento conseguiti presso Università o Istituti equiparati, anche all'estero in tematiche attinenti alla selezione: fino a punti 4.
c) Titoli scientifici e professionali
Ai titoli scientifici e professionali su temi attinenti all'oggetto della selezione sono attribuiti fino ad un massi mo di punti 12, così suddivisi:
- pubblicazioni: fino a punti 8; per pubblicazioni si intendono i documenti che rientrano nell'ambito di applicazione della legge 2.2.1939, n. 374 e successive modificazioni ed integrazioni;
- altri titoli ed esperienze professionali così risultanti dal curriculum: fino a punti 4. Nell'ambito degli altri titoli professionali sono valutate le attività di ricerca e di lavoro pubblico e privato, non riferibili a titoli già valutati, attinenti al posto oggetto della selezione ed idonee ad evidenziare il livello di qualificazione professionale complessivamente acquisito dal candidato.
I punteggi saranno attribuiti secondo criteri generali approvati preventivamente dalla commissione esaminatrice che tengano conto del livello di qualificazione professionale richiesto e dell'attinenza con la selezione. Tutti i titoli di cui al presente articolo devono essere in ogni caso attinenti all'ambito di materie ed attività riconducibili al tema oggetto della selezione.
Art. 8
Prova di esame
L'esame consta di una prova orale che tenderà ad accertare le conoscenze del candidato sulle tematiche oggetto del concorso, ed in particolare su:
d) Economia regionale
e) Economia industriale
f) Economia dell'istruzione e del lavoro
g) Modelli di microsimulazione
h) Metodi e modelli per la valutazione
Saranno inoltre verificate le competenze informatiche di base e la conoscenza della lingua inglese.
La prova orale si intende superata se i candidati ottengono un punteggio non inferiore a 42/60
La commissione esaminatrice stabilisce il giorno, la sede e l'orario della prova orale, che saranno portati a conoscenza dei candidati mediante raccomandata almeno dieci giorni prima della data stabilita. Saranno esclusi dalla selezione i candidati che non si presenteranno alla prova nel luogo, data ed ora stabilite. Per essere ammessi a sostenere la prova di esame i candidati dovranno essere muniti di un idoneo documento di riconoscimento.
I candidati ammessi alla prova orale che fossero impossibilitati a sostenerla alla data stabilita, per infortunio, malattia o altra causa di forza maggiore, dovranno darne tempestiva comunicazione al presidente della commissione esaminatrice, pena l'esclusione dalla selezione, entro la data stabilita per lo svolgimento della prova, recapitando alla commissione medesima idonea documentazione probatoria entro i tre giorni successivi a quello della comunicazione stessa. La commissione, valutata la documentazione, ove ritenga giustificata l'assenza alla prova, può disporre a suo insindacabile giudizio, in relazione alle esigenze organizzative del concorso, di invitare gli interessati a sostenere il colloquio in data successiva, purché non oltre dieci giorni dalla prima convocazione.
Le donne che hanno partorito o subito interruzioni di gravidanza nel giorno stabilito per lo svolgimento della prova orale o nella settimana che la precede, possono chiedere di effettuare la prova in una data diversa.
La proroga è concessa su richiesta dell'interessata da comunicare al presidente della commissione, pena la perdita di tale diritto, entro e non oltre il giorno successivo alla data fissata per lo svolgimento della prova orale, tenuto conto della certificazione medica rilasciata dall'Azienda Sanitaria competente per territorio, da presentare alla commissione entro tre giorni successivi a quello della richiesta. La richiesta di rinvio della prova può essere presentata anche dalle candidate gestanti che si trovano nella settimana che precede la data presunta del parto, previa presentazione di specifica certificazione rilasciata dal medico specialista. Il periodo di proroga non può essere superiore, in alcun caso, alle quattro settimane a decorrere dal giorno del parto o della interruzione di gravidanza. La commissione esaminatrice può disporre in qualunque momento visita fiscale nei confronti dei candidati di cui al presente comma ed a quello precedente.
Art. 9
Graduatoria
Espletata la prova, la commissione esaminatrice redige la graduatoria di merito dei concorrenti in base alla votazione complessiva, derivante dalla valutazione dei titoli e dal punteggio riportato nella prova orale, ottenuta da ciascun candidato.
Gli atti relativi alla selezione sono trasmessi dal presidente della commissione al Direttore dell'IRPET per i provvedimenti di competenza. Il Direttore con propria determinazione, riconosciuta la regolarità del procedimento, approva la graduatoria. La graduatoria viene approvata applicando gli eventuali diritti di preferenza a parità di punteggio, ai sensi di quanto disposto all'art. 16, commi 3 e 4, del vigente regolamento di accesso all'impiego presso l'IRPET. La determinazione di approvazione della graduatoria è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT); dalla data di pubblicazione decorrono i tempi per eventuali impugnative. Le graduatorie per le assunzioni a tempo determinato hanno validità triennale. La graduatoria è approvata sotto la condizione dell'accertamento del possesso, da parte dei candidati nella stessa inclusi, dei requisiti per l'accesso all'impiego presso l'IRPET disposti dal presente bando. A tal fine, entro il termine prescritto dalle disposizioni del contratto collettivo di lavoro per la presentazione dei documenti, e comunque prima della sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, i soggetti utilmente collocati nella graduatoria possono essere invitati dalla competente struttura dell'IRPET a confermare le dichiarazioni sostitutive di cui ai precedenti artt. 4 e 5 del presente bando.
Le dichiarazioni sostitutive di cui sopra, conformemente a quanto previsto all'art. 41 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445, devono essere confermate qualora le stesse sostituiscano atti la cui validità temporale è scaduta al momento della sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, ovvero quando i requisiti dalle stesse certificati devono essere posseduti dai candidati sia al momento della presentazione della domanda di ammissione alla selezione che al momento dell'assunzione.
Di norma entro il termine prescritto dalle disposizioni del contratto collettivo di lavoro per la presentazione dei documenti, e comunque entro i sei mesi successivi alla sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, l'IRPET procede ad idonei controlli, anche a campione, sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive. Ai sensi di quanto disposto all'art. 75 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445, e fermo restando quanto previsto in materia di sanzioni penali per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci dal successivo art. 76 del medesimo D.P.R. 445/2000, qualora dal suddetto controllo emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.
I soggetti utilmente collocati in graduatoria, qualora assunti, possono essere sottoposti prima dell'immissione in servizio a visita medica tendente ad accertarne l'idoneità fisica al servizio continuativo e incondizionato nell'impiego al quale si riferisce la selezione.
Art. 10
Assunzione e trattamento economico
L'assunzione dei soggetti utilmente collocati in graduatoria che siano risultati in possesso dei prescritti requisiti avviene mediante stipula di contratto individuale di lavoro a tempo determinato, ai sensi del C.C.N.L. del personale del comparto "Regioni - Autonomie Locali" vigente alla data di stipulazione del contratto individuale di lavoro.
L'efficacia del predetto contratto individuale è subordinata al superamento di un periodo di prova, ai sensi di quanto disposto dal sopra specificato C.C.N.L. l trattamento economico spettante è quello previsto dal C.C.N.L. vigente alla data di stipulazione del contratto individuale di lavoro per la categoria professionale ‘D', posizione economica ‘D1'.
Il reclutamento del personale è subordinato alla effettiva capacità dell'IRPET di effettuare assunzioni, secondo quanto stabilito dalla normativa in materia relativa agli enti dipendenti di Regione Toscana. IRPET non assume obblighi di assunzione a seguito della formazione della graduatoria conseguente alla selezione di cui al presente bando.
Art. 11
Trattamento dei dati personali
Il Codice in materia di protezione dei dati personali, disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell'interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all'identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali.
Ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 196 del 2003, si informa che:
a) i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti, registrati e conservati presso l'IRPET nel rispetto di quanto stabilito dal Codice in materia di protezione dei dati personali, per le finalità di gestione della selezione e saranno trattati anche successivamente all'eventuale instaurazione del rapporto di lavoro per le finalità inerenti alla gestione del rapporto medesimo;
b) le medesime informazioni potranno essere comunicate unicamente alle amministrazioni pubbliche direttamente interessate allo svolgimento della selezione o alla posizione giuridico-economica del candidato;
c) il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l'esclusione dalla selezione; d) il trattamento è effettuato dagli incaricati autorizzati con l'osservanza di ogni misura cautelativa della sicurezza e della riservatezza dei dati, nel rispetto della normativa in materia; la durata del periodo di conservazione dei dati personali registrati è di dieci anni dalla cessazione del rapporto tra l'IRPET ed il soggetto; è garantito il periodico aggiornamento dei dati secondo quanto stabilito dal Codice in materia di protezione dei dati personali;
e) riguardo il trattamento dei dati personali e le relative modalità, il soggetto interessato, con richiesta rivolta al titolare del trattamento, potrà esercitare i diritti previsti dall'articolo 7 del decreto legislativo n. 196 del 2003.
Il Titolare del trattamento è l'I.R.P.E.T., via Pietro Dazzi 1, 50141 FIRENZE, Tel. n. 055-459111 Fax n. 055-4591240, e-mail info@irpet.it.
Il Responsabile del trattamento è il dirigente del Servizio Attività amministrative e finanziarie del l'IRPET.
Art. 12
Disposizioni finali
L'IRPET si riserva la facoltà di prorogare i termini, modificare, sospendere, revocare in qualsiasi momento, con provvedimento motivato del Direttore, il presente bando.
Il responsabile del procedimento concorsuale, ai sensi dell'art. 4 della legge 7.8.1990, n. 241, viene individuato nella dott.ssa Patrizia Lattarulo, dirigente dell'IRPET. I documenti, i lavori originali e le pubblicazioni allegati alla domanda possono essere ritirati, ove nulla osti, dal candidato direttamente, o mediante incaricato munito di delega scritta, entro quattro mesi dall'approvazione della graduatoria di merito del concorso. Decorso tale periodo la documentazione sarà oggetto di scarto e pertanto non più recuperabile da parte degli interessati. I candidati possono ritirare anche prima dell'espletamento del concorso la documentazione predetta, purché rilascino dichiarazione scritta di rinuncia alla selezione e ad ogni eccezione in merito al procedimento e all'esito della selezione medesima.
Per quanto non espressamente previsto dal presente bando, sono applicabili le disposizioni contenute nel regolamento di accesso all'impiego e per il conferimento di borse di studio presso l'IRPET, nel testo approvato dal Consiglio di Amministrazione dell'Istituto con deliberazione n. 14 del 29.4.2010.

Il Direttore

Stefano Casini Benvenuti