Concorso per 1 direttore generale di azienda sanitaria ed ospedaliera (emilia romagna) REGIONE EMILIA-ROMAGNA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti Formazione di una graduatoria.
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 1 del 04-01-2011
Sintesi: REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONCORSO   (scad.  3 febbraio 2011) Avviso pubblico per la formazione di un elenco permanente ad aggiornamento periodico dei candidati idonei alla nomina a direttore generale delle ...
Ente: REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Regione: EMILIA ROMAGNA
Provincia: BOLOGNA
Comune: BOLOGNA
Data di pubblicazione 10-01-2011
Data Scadenza bando 03-02-2011
Condividi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA


CONCORSO   (scad.  3 febbraio 2011)

Avviso  pubblico  per  la  formazione  di  un  elenco  permanente  ad
  aggiornamento  periodico  dei  candidati  idonei  alla   nomina   a
  direttore generale delle Aziende sanitarie  regionali  e  IRCCS  di
  diritto pubblico. 

 

 
    E' indetto  avviso  pubblico  per  la  formazione  di  un  elenco
permanente ad  aggiornamento  periodico  dei  candidati  idonei  alla
nomina a Direttore generale delle Aziende sanitarie regionali e IRCCS
di diritto pubblico. 
 
                               Art. 1 
 
 
    1. La Regione indice un pubblico avviso per la formazione  di  un
elenco permanente, ad aggiornamento  periodico,  con  cadenza  almeno
annuale, previo specifico avviso pubblico,  di  soggetti  disponibili
alla nomina di Direttore generale di Aziende  sanitarie  e  IRCCS  di
diritto pubblico regionali. 
    2. L'elenco permanente sara' costituito, oltre che dai nominativi
inseriti nell'elenco  di  cui  al  comma  3,  previa  verifica  della
permanenza dei requisiti di legge, anche dai nominativi dei soggetti,
che abbiano presentato validamente domanda  a  seguito  del  presente
avviso pubblico, in possesso dei medesimi requisiti di legge. 
    3. Coloro che hanno  presentato  domanda  a  seguito  dell'avviso
pubblicato in data 20 ottobre 2009  sulla  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica n. 81,  4ª  Serie  speciale  e  sono  inclusi  nell'elenco
approvato con determinazione dirigenziale n. 4018 del 19 aprile  2010
non  devono  ripresentare  alcuna  domanda.  Possono,  eventualmente,
integrare le domande gia' presentate e/o la documentazione  trasmessa
a corredo delle domande stesse. 
                               Art. 2 
 
 
    1. I candidati devono essere in possesso dei seguenti requisiti: 
      a) diploma di laurea; 
      b)  esperienza  almeno  quinquennale  di  direzione  tecnica  o
amministrativa in enti, aziende, strutture pubbliche  o  private,  in
posizione   dirigenziale   con   autonomia   gestionale   e   diretta
responsabilita' delle risorse umane, tecniche o  finanziarie,  svolta
nei dieci anni precedenti la pubblicazione del presente avviso. 

        
                               Art. 3 
 
 
    1. Coloro che aspirano ad essere inseriti nell'elenco e non  sono
ricompresi in quello approvato  con  determinazione  dirigenziale  n.
4018 del 19 aprile  2010,  devono  presentare  apposita  domanda,  in
conformita' al presente avviso pubblico, redatta in carta bollata. 
    2. Ai sensi dell'art. 38, comma 3,  del  decreto  del  Presidente
della Repubblica n. 445/2000 la domanda va sottoscritta  in  presenza
del dipendente addetto ovvero va sottoscritta e presentata unitamente
a copia fotostatica, non autenticata, di un  documento  di  identita'
del sottoscrittore. 
    3. La domanda, rivolta al Presidente della Giunta  Regionale,  va
indirizzata alla Direzione generale Sanita' e Politiche Sociali della
Regione Emilia-Romagna - viale  Aldo  Moro,  21  -  40127  Bologna  -
indicando, nell'indirizzo, AVVISO PUBBLICO PER DIRETTORI  GENERALI  e
deve pervenire entro le ore 14  del  trentesimo  giorno  a  decorrere
dalla data successiva a quella di pubblicazione del  presente  avviso
sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica. 
    4. Qualora il termine dovesse cadere  di  sabato  o  in  giornata
festiva, il termine stesso si intende prorogato alle ore 14 del primo
giorno seguente non festivo. 
    Il termine suddetto e' perentorio. 
    5. La domanda puo' essere consegnata direttamente  a  mano.  Puo'
essere altresi' spedita  per  mezzo  del  servizio  postale  mediante
raccomandata con avviso di ricevimento, nel qual caso si considerera'
valida la data in cui la domanda sara' effettivamente pervenuta e non
quella di spedizione. 
    6.  La  domanda  deve  contenere  le  seguenti   informazioni   e
dichiarazioni sostitutive di certificazioni,  rese  dall'interessato,
sotto la propria responsabilita', ai sensi dell'art. 46  del  decreto
del Presidente della Repubblica n. 445/2000: 
      a) nome e cognome; 
      b) data e comune di nascita, luogo di residenza; 
      c) diploma di laurea posseduto; 
      d) codice fiscale; 
      e)  indirizzo  al  quale  devono   essere   inviate   eventuali
comunicazioni, se diverso da quello di residenza; 
      f)  attivita'   professionali   svolte   dalle   quali   emerga
chiaramente il possesso  dei  requisiti  stabiliti  dall'art.  3-bis,
comma 3, lettera b) del decreto legislativo n. 502/1992 e  successive
modificazioni ed integrazioni; 
      g) di non trovarsi  in  alcuna  delle  cause  ostative  di  cui
all'art. 3, comma 11, del decreto legislativo n. 502/1992 esuccessive
modificazioni; 
      h) di essere  a  conoscenza  delle  cause  di  incompatibilita'
previste dall'art. 3, comma 9, del decreto legislativo n. 502/1992  e
successive modificazioni; 
    7.   Alla   domanda   devono   essere   allegati,   a   pena   di
inammissibilita': 
      a)  il   curriculum   datato   e   firmato,   con   indicazione
dell'eventuale possesso del certificato di  frequenza  del  corso  di
formazione in materia di  sanita'  pubblica  e  di  organizzazione  e
gestione sanitaria, di cui  all'art.  3-bis,  comma  4,  del  decreto
legislativo n. 502/1992 e successive modificazioni; 
      b) il questionario allegato  al  presente  avviso,  debitamente
compilato, datato e firmato. 

        
      
                               Art. 4 
 
 
    1.   Il   candidato   designato   dovra',   pena   la   decadenza
dall'incarico, depositare i  documenti  attestanti  il  possesso  dei
requisiti, di cui all'art. 3-bis del decreto legislativo n.  502/1992
e successive modificazioni,  entro  quindici  giorni  dalla  data  di
accettazione dell'incarico. Prima della sottoscrizione del contratto,
il  nominato  deve  dare  atto  della  avvenuta  cessazione  di  ogni
eventuale causa di incompatibilita'. 
    2. La carica  di  direttore  generale  e'  incompatibile  con  la
sussistenza di altro rapporto di lavoro dipendente o autonomo. 

        
      
                               Art. 5 
 
 
    1. Il rapporto di lavoro del direttore generale e'  esclusivo  ed
e' regolato da contratto di diritto privato, di durata non  inferiore
a tre e non superiore a cinque anni, rinnovabile. 
    2. La durata del contratto e  la  sede  di  assegnazione  saranno
indicate nell'atto di individuazione  del  designato.  L'accettazione
della  nomina  importera'  automaticamente  accettazione  della  sede
stessa. 
    3. Nell'atto di designazione verranno assegnati, con possibilita'
di aggiorna mento successivo, gli specifici obiettivi da  raggiungere
nel corso dell'incarico affidato. 
    4. Decorsi diciotto mesi dalla  nomina,  la  Regione  verifica  i
risultati aziendali conseguiti ed il raggiungimento  degli  obiettivi
di cui sopra sulla base dei criteri  di  valutazione  preventivamente
individuati. 

        
      
                               Art. 6 
 
 
    1. Chiunque nella dichiarazione esponga  fatti  non  conformi  al
vero e' punibile, ai sensi dell'art. 1, comma 1, del decreto-legge n.
512/1994, convertito in legge n. 17 ottobre  1994,  n.  590,  con  la
reclusione da sei mesi a tre anni. 

        
      
                               Art. 7 
 
 
    1. La Regione, ove lo ritenga necessario, si riserva di acquisire
eventuali ulteriori elementi di informazione anche mediante  colloqui
con gli interessati. 

        
      
                               Art. 8 
 
 
    1. Tutti i dati  personali  di  cui  l'amministrazione  venga  in
possesso, in occasione di  questa  procedura,  saranno  trattati  nel
rispetto del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. 
    2. Il  trattamento  dei  dati  personali  sara'  svolto  a  scopo
istituzionale, nel rispetto della normativa di cui sopra,  attraverso
strumenti manuali ed informatici, per finalita' strettamente connesse
al procedimento  di  nomina  dei  Direttori  generali  delle  Aziende
Sanitarie in modo da garantire la sicurezza  e  la  riservatezza  dei
dati stessi. 
    3. Titolare del trattamento e' la Regione Emilia-Romagna. 
    4. Responsabile del trattamento  e'  il  Dirigente  del  Servizio
Sviluppo delle Risorse Umane in Ambito Sanitario  e  Sociale.  Affari
Generali e Giuridici della Direzione  generale  Sanita'  e  Politiche
Sociali.