MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Modifica al bando di reclutamento di 12.000 volontari di truppa in ferma prefissata di un anno nell'Esercito italiano per l'anno 2010 e successive modifiche.

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Avviso

Nota Bene: trattandosi di 'Avviso' la scadenza indicata non implica, in genere, la possibilità di presentare domanda ma solo la data fino alla quale questo testo sarà visibile nella banca dati.



Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poich� � scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Avviso
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 83 del 19-10-2010
Sintesi: MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE AVVISO Modifica al bando di reclutamento di 12.000 volontari di truppa in ferma prefissata di un anno nell'Esercito italiano per l'anno 2010 e successive modifiche. ...
Ente: MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 19-10-2010
Condividi

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

AVVISO
Modifica al bando di reclutamento di 12.000 volontari  di  truppa  in
  ferma prefissata di un anno nell'Esercito italiano per l'anno  2010
  e successive modifiche. 

 
 
                     IL VICE DIRETTORE GENERALE 
                      per il personale militare 
 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9  maggio  1994,
n. 487, e successive modificazioni ed integrazioni, recante le  norme
sull'accesso  agli  impieghi  nelle  pubbliche  amministrazioni,   le
modalita' di svolgimento dei concorsi, dei  concorsi  unici  e  delle
altre forme di assunzione nei pubblici impieghi; 
    Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e  successive
modificazioni, recante le norme generali sull'ordinamento del  lavoro
alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche  e,  in  particolare,
l'art.  16,  concernente  le  funzioni  dei   dirigenti   di   uffici
dirigenziali generali; 
    Visto il decreto legislativo 8 maggio 2001, n.  215,  concernente
le disposizioni per disciplinare la trasformazione progressiva  dello
strumento militare in professionale; 
    Vista la legge 23 agosto 2004, n. 226, che prevede la sospensione
anticipata del servizio obbligatorio di  leva  e  la  disciplina  dei
volontari in ferma prefissata, nonche' la delega al  Governo  per  il
conseguente coordinamento con la normativa di settore; 
    Visto il decreto del Ministro della  difesa  1°  settembre  2004,
concernente le modalita'  di  reclutamento  dei  volontari  in  ferma
prefissata  di  un  anno  (VFP  1)  dell'Esercito,  della  Marina   e
dell'Aeronautica, emanato ai sensi dell'art, 6 della citata legge  n.
226/2004; 
    Visto il decreto dirigenziale della  Direzione  generale  per  il
personale militare (DGPM) 31 agosto 2009,  n.  66,  pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale - 4ª serie speciale «Concorsi ed esami»  -  n.  69
dell'8 settembre 2009,  con  cui  veniva  emanato  un  bando  per  il
reclutamento  per  l'anno  2010  di  12.000  VFP  1  nell'Esercito  e
successive modifiche; 
    Visto l'art. 1, comma 5 del citato decreto dirigenziale n. 66 che
ha previsto la possibilita' di apportare modifiche allo stesso bando; 
    Visto il decreto dirigenziale della DGPM 9 marzo 2010, n. 10, che
ha ridotto i posti messi a concorso per il 4° blocco 2010  prevedendo
2.400 candidati  da  incorporare  a  fronte  dei  3.000  inizialmente
previsti; 
    Visto il decreto dirigenziale della DGPM 22 giugno 2010,  n.  35,
che ha aumentato limitatamente al 3° blocco 2010, a 12.000 il  numero
dei  candidati  da  convocare   alle   selezioni   psico-fisiche   ed
attitudinali a fronte dei 10.000 inizialmente previsti; 
    Vista la lettera dello Stato maggiore dell'Esercito n. 4856  Cod.
id. Restav 3 Ind. Cl. 05.02.11/06  del  21  settembre  2010,  con  la
quale, tenuto conto della modifica apportata con  il  citato  decreto
dirigenziale 9 marzo 2010, n. 10, e'  stato  chiesto  di  ridurre  da
10.000 a 7.500 il numero dei candidati da  convocare  alle  selezioni
psico-fisiche ed attitudinali per il 4° blocco 2010; 
    Tenuto conto che occorre, quindi modificare l'art.  9,  comma  1,
del bando; 
    Visto l'art. 1 del decreto  dirigenziale  della  DGPM  22  giugno
2010, con il quale al Vice Direttore generale, Generale di  divisione
aerea Zappa Roberto, e' attribuita la delega all'adozione  di  taluni
atti  di  gestione  amministrativa  in  materia,  tra   l'altro,   di
reclutamento  del  personale  delle  Forze  armate  e  dell'Arma  dei
carabinieri; 
 
                              Decreta: 
 
 
                           Articolo unico 
 
    L'art. 9, comma 1, del citato decreto dirigenziale n. 66  del  31
agosto 2009 e' cosi modificato: 
    «1. I Centri documentali sono delegati dalla DGPM a convocare,  a
mezzo raccomandata con avviso di  ricevimento,  presso  i  Centri  di
selezione i candidati per l'accertamento dei requisiti psicofisici  e
attitudinali, attingendo  dalla  graduatoria  di  merito  di  cui  al
precedente art. 8 entro i limiti  di  seguito  indicati:  per  il  1°
blocco: 10.000; per il 2° blocco: 10.000; per il 3°  blocco:  12.000;
per il 4° blocco: 7.500. I candidati che  non  si  presenteranno  nei
tempi stabiliti dalla lettera di convocazione,  ovvero  al  prosieguo
degli accertamenti anche nei  giorni  successivi  al  primo,  saranno
considerati rinunciatari.». 
      Roma, 8 ottobre 2010 
 
                        Il Generale di divisione aerea: Roberto Zappa