.

Concorso per 5 guardiamarina (lazio) MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 5
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 5 del 16-01-2018
Sintesi: MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Concorso (Scad. 15 febbraio 2018) Concorso straordinario, per titoli ed esami, per il reclutamento di cinque Guardiamarina in servizio permanente ...
Ente: MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 16-01-2018
Data Scadenza bando 15-02-2018
Condividi
Condividi tramite Google+

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

Concorso (Scad. 15 febbraio 2018)

Concorso straordinario, per titoli ed esami, per il reclutamento di cinque Guardiamarina in servizio permanente nel ruolo speciale dei Corpi Sanitario Militare Marittimo e delle Capitanerie di Porto. Anno 2018.

 
                        IL DIRETTORE GENERALE 
                      per il personale militare 
 
                           di concerto con 
 
                       IL COMANDANTE GENERALE 
                del Corpo delle Capitanerie di Porto 
 
    Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241,  recante  «Nuove  norme  in
materia di procedimento amministrativo e di  diritto  di  accesso  ai
documenti amministrativi» e successive modifiche e integrazioni; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9  maggio  1994,
n. 487, concernente il regolamento recante «Norme  sull'accesso  agli
impieghi  nelle  Pubbliche  Amministrazioni   e   le   modalita'   di
svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre  forme  di
assunzione nei pubblici impieghi» e successive modifiche; 
    Vista la legge 16 giugno 1998, n. 191 recante modifiche  alla  15
maggio 1997, n. 127, ed in particolare l'art. 2 - comma 9; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000
n.  445,  recante  «Testo  unico  sulle  disposizioni  legislative  e
regolamentari in materia di documentazione amministrativa»; 
    Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196,  concernente
il codice in materia di protezione dei dati personali; 
    Visto il decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e
della ricerca 22 ottobre 2004,  n.  270,  recante  norme  concernenti
l'autonomia  didattica  degli  Atenei  e  i  decreti   del   Ministro
dell'istruzione, dell'universita' e  della  ricerca  16  marzo  2007,
concernenti le determinazioni delle classi  di  laurea  magistrale  e
delle classi delle lauree universitarie; 
    Visti il decreto legislativo 7 marzo  2005,  n.  82,  recante  il
codice  dell'amministrazione  digitale  e  successive   modifiche   e
integrazioni e il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con
modificazioni legge 4 aprile 2012, n. 35, ed, in particolare,  l'art.
8 concernente semplificazioni per  la  partecipazione  a  concorsi  e
prove selettive; 
    Visto il decreto  legislativo  15  marzo  2010,  n.  66,  recante
«codice  dell'ordinamento  militare»   e   successive   modifiche   e
integrazioni,  e,  in  particolare,  il  titolo  II  del  libro   IV,
concernente norme per  il  reclutamento  del  personale  militare,  e
l'art. 2186 che fa salva l'efficacia  dei  decreti  ministeriali  non
regolamentari, delle direttive, delle  istruzioni,  delle  circolari,
delle determinazioni generali del Ministero della difesa, dello Stato
Maggiore della difesa, degli Stati Maggiori di  Forza  Armata  e  del
Comando Generale dell'Arma  dei  Carabinieri  emanati  in  attuazione
della precedente normativa abrogata dal predetto  codice,  fino  alla
loro sostituzione; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 15  marzo  2010,
n. 90, recante  «testo  unico  delle  disposizioni  regolamentari  in
materia  di  ordinamento  militare»,   e   successive   modifiche   e
integrazioni,  e,  in  particolare,  il  titolo  II  del  libro   IV,
concernente norme per il reclutamento del personale militare; 
    Vista la legge 12 luglio 2010, n. 109, recante  disposizioni  per
l'ammissione dei soggetti fabici nelle Forze Armate e di Polizia; 
    Visto il decreto Ministeriale 16 gennaio 2013 -  registrato  alla
Corte dei conti il 1° marzo  2013,  registro  n.  1,  foglio  n.  390
- recante, tra  l'altro,  struttura  ordinativa  e  competenze  della
direzione generale per il Personale militare; 
    Visto   il   decreto   ministeriale   4   giugno   2014   recante
l'approvazione della  direttiva  tecnica  riguardante  l'accertamento
delle imperfezioni e infermita' che sono causa di  non  idoneita'  al
servizio militare e della direttiva tecnica riguardante i criteri per
delineare il profilo  sanitario  dei  soggetti  giudicati  idonei  al
servizio militare; 
    Visto il decreto Interministeriale 30 giugno 2015,  recante,  fra
l'altro, requisiti di partecipazione, titoli di studio,  tipologia  e
modalita' di svolgimento dei concorsi e delle prove di esame  per  la
nomina a Ufficiale in servizio permanente dei  ruoli  speciali  della
Marina Militare; 
    Visto il decreto del  Presidente  della  Repubblica  17  dicembre
2015, n. 207, recante «Regolamento in materia di parametri fisici per
l'ammissione ai concorsi per  il  reclutamento  delle  Forze  Armate,
nelle Forze di Polizia a ordinamento militare e civile  e  nel  Corpo
Nazionale dei Vigili del Fuoco», a norma della legge 12 gennaio 2015,
n. 2; 
    Vista   la   Direttiva   Tecnica,   datata   9   febbraio   2016,
dell'Ispettorato Generale della Sanita' Militare, recante  «modalita'
tecniche per l'accertamento e  la  verifica  dei  parametri  fisici»,
emanata  ai  sensi  del  precitato  decreto  del   Presidente   della
Repubblica 17 dicembre 2015, n. 207; 
    Vista la legge 28 dicembre 2015, n. 209, concernente il  bilancio
di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2016 e  il  bilancio
pluriennale per il triennio 2016 - 2018; 
    Vista la lettera dello Stato Maggiore della Difesa  n.  M_D  SSMD
0117617 del 22 agosto 2016, concernente  i  reclutamenti  autorizzati
per l'anno 2017; 
    Vista la lettera dello Stato Maggiore della Marina n.  M_D  MSTAT
0073818  del  2   novembre   2016,   contenente   gli   elementi   di
programmazione del presente bando; 
    Visto il comma 4-bis dell'art. 643  del  decreto  legislativo  15
marzo  2010,  n.  66,  recante  «Codice  dell'Ordinamento  Militare»,
introdotto dal decreto legislativo 26 aprile 2016, n.  91,  il  quale
stabilisce che nei concorsi per il reclutamento del  personale  delle
Forze  Armate,  i  termini  di  validita'  delle  graduatorie  finali
approvate, ai fini dell'arruolamento di candidati risultati idonei ma
non vincitori, sono prorogabili solo nei casi e nei termini  previsti
dal Codice stesso; 
    Ravvisata la necessita'  di  indire  per  il  2018,  al  fine  di
soddisfare specifiche esigenze della  Marina  Militare,  un  concorso
straordinario,   per   titoli   ed   esami,   per   la   nomina    di
complessivi cinque Guardiamarina in  servizio  permanente  nel  ruolo
speciale del Corpo Sanitario Militare Marittimo  e  del  Corpo  delle
Capitanerie di Porto; 
    Visto il decreto del  Presidente  della  Repubblica  30  novembre
2015, concernente  la  nomina  dell'Ammiraglio  Ispettore  Capo  (CP)
Vincenzo Melone a Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie  di
Porto; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica 5 dicembre  2014
- registrato presso la Corte dei conti il 19 dicembre 2014, al foglio
n. 2512 - concernente la sua  nomina  a  direttore  generale  per  il
Personale militare e i decreto del  Presidente  della  Repubblica  in
data 4 ottobre 2016 - registrato alla Corte dei conti il  25  ottobre
2016, al foglio n. 2028 - e in data 31 luglio 2017 - registrato  alla
Corte dei conti il 21 agosto 2017, al foglio n. 1688 - relativi  alla
sua conferma nell'incarico, 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
                          Posti a concorso 
 
    1. E' indetto un concorso straordinario, per titoli ed esami, per
il reclutamento di cinque Guardiamarina in  servizio  permanente  nel
ruolo speciale del Corpo Sanitario Militare  Marittimo  e  del  Corpo
delle Capitanerie di Porto con la seguente ripartizione: 
      a) uno per laureati in biologia  o  in  biotecnologie  mediche,
veterinarie  e  farmaceutiche  per  il   Corpo   Sanitario   Militare
Marittimo; 
      b) uno per  laureati  in  medicina  veterinaria  per  il  Corpo
Sanitario Militare Marittimo; 
      c) due per  laureati  in  ingegneria  informatica,  con  laurea
triennale di primo livello appartenente alla  classe  di  laurea  L8,
«Ingegneria dell'informazione», per il  Corpo  delle  Capitanerie  di
Porto. Per la partecipazione a tale concorso saranno ritenuti  validi
solo i corsi di laurea specificati all'art. 2, comma 1, lettera d). 
      d) uno per  laureati  in  ingegneria  elettronica,  con  laurea
triennale di primo livello appartenente alla  classe  di  laurea  L8,
«Ingegneria dell'informazione», per il  Corpo  delle  Capitanerie  di
Porto. Per la partecipazione a tale concorso saranno ritenuti  validi
solo i corsi di laurea specificati all'art. 2, comma 1, lettera d). 
    In particolare, e' consentito concorrere, in alternativa,  per  i
posti di cui alla lettera c) ovvero per il posto di cui alla  lettera
d). Pertanto,  non  e'  consentito  concorrere,  neanche  presentando
distinte domande, per entrambe le predette categorie di posti. 
    2. Ai sensi all'art. 645 del decreto legislativo 15  marzo  2010,
n. 66, dei cinque  posti  di  cui  al  precedente  comma  1,  uno  e'
riservato al coniuge e ai figli superstiti ovvero ai parenti in linea
collaterale di secondo grado  (se  unici  superstiti)  del  personale
delle Forze armate e delle Forze di Polizia deceduto  in  servizio  e
per causa di servizio. 
    3.  Resta  impregiudicata  per  l'Amministrazione  la   facolta',
esercitabile in qualunque momento, di revocare il presente  bando  di
concorso,  variare  il  numero  dei  posti,  modificare,   annullare,
sospendere o rinviare lo svolgimento  delle  attivita'  previste  dal
concorso o  l'ammissione  al  corso  applicativo  dei  vincitori,  in
ragione di  esigenze  attualmente  non  valutabili  ne'  prevedibili,
ovvero in applicazione di leggi di bilancio dello Stato o finanziarie
o di disposizioni di contenimento della spesa pubblica. In tal  caso,
ove necessario, l'Amministrazione della  difesa  ne  dara'  immediata
comunicazione nel sito www.persomil.difesa.it  che  avra'  valore  di
notifica a tutti gli effetti  e  per  gli  interessati,  nonche'  nel
portale dei concorsi on-line del Ministero della difesa. In ogni caso
la  stessa  Amministrazione  provvedera'  a  formalizzare  la  citata
comunicazione mediante avviso pubblicato nella Gazzetta  Ufficiale  -
4ª Serie speciale. 
    4. Nel caso in cui  l'Amministrazione  eserciti  la  potesta'  di
auto-organizzazione prevista dal comma precedente, non  sara'  dovuto
alcun rimborso pecuniario ai candidati circa  eventuali  spese  dagli
stessi sostenute per la partecipazione alle selezioni concorsuali. 
    5.  La  predetta  direzione  generale  si  riserva  altresi'   la
facolta', nel caso di eventi avversi  di  carattere  eccezionale  che
impediscano oggettivamente a un  rilevante  numero  di  candidati  di
presentarsi nei tempi e nei giorni previsti per l'espletamento  delle
prove concorsuali, di prevedere  sessioni  di  recupero  delle  prove
stesse. In tal caso, sara' dato avviso  pubblicato  nel  portale  dei
concorsi on-line di cui al successivo art.  3  e  nei  siti  internet
www.persomil.difesa.it  ,  www.marina.difesa.it  ,   definendone   le
modalita'. Il citato avviso avra' valore  di  notifica  a  tutti  gli
effetti, per tutti gli interessati. 
                               Art. 2 
 
                     Requisiti di partecipazione 
 
    1. Al concorso di cui al precedente art.  1  possono  partecipare
concorrenti di entrambi i  sessi,  che  alla  data  di  scadenza  del
termine di presentazione delle domande indicato al successivo art. 4,
comma 1: 
      a) siano cittadini italiani; 
      b) non abbiano superato il giorno di compimento del 35° anno di
eta'. Eventuali aumenti dei limiti di  eta'  previsti  dalle  vigenti
disposizioni di legge  per  l'ammissione  ai  pubblici  impieghi  non
trovano applicazione; 
      c) godano dei diritti civili e politici; 
      d) siano in possesso dei seguenti titoli di studio: 
        - per il posto di cui al precedente art. 1, comma 1,  lettera
a): laurea  magistrale  in  biologia  (L.M.  6)  o  in  biotecnologie
mediche,  veterinarie  e   farmaceutiche   (L.M.   9),   diploma   di
abilitazione all'esercizio della  professione  di  biologo  ai  sensi
degli  articoli  30,  31  e  32  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  n.  328/2001  e  diploma  di  specializzazione  (DS)   in
patologia clinica o in microbiologia o in biochimica; 
        - per il posto di cui al precedente art. 1, comma 1,  lettera
b): laurea magistrale in medicina veterinaria (L.M. 42) e diploma  di
abilitazione all'esercizio della professione di veterinario di cui al
decreto Ministeriale del 9 settembre 1957; 
        - per il posto di cui al precedente art. 1, comma 1,  lettera
c): laurea di primo livello della classe  di  laurea  L8  «Ingegneria
dell'informazione» conseguita con il: 
          corso di laurea in ingegneria informatica; 
          corso   di   laurea    in    ingegneria    informatica    e
dell'automazione; 
          corso di laurea in ingegneria informatica ed elettronica; 
          corso di laurea in ingegneria informatica e automatica; 
          corso  di  laurea  in  ingegneria   informatica   e   delle
telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria  delle  reti  e  dei  sistemi
informatici; 
          corso di laurea in ingegneria  informatica,  elettronica  e
delle telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria delle telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria telematica; 
          corso di laurea in ingegneria elettronica e informatica; 
          corso di laurea in ingegneria dei sistemi informatici; 
          corso di laurea in ingegneria di internet; 
          corso di laurea in ingegneria delle comunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria delle tecnologie di internet; 
          corso di laurea in ingegneria dei sistemi aerospaziali; 
          corso di laurea in ingegneria e scienze informatiche; 
          corso di laurea in ingegneria cibernetica; 
          corso  di  laurea  in   ingegneria   dell'informatica   per
l'aerospazio; 
          corso di laurea in ingegneria dei sistemi  elettronici  per
lo sviluppo sostenibile; 
          corso di laurea  in  ingegneria  elettronica  e  tecnologie
dell'informazione; 
          corso di laurea in ingegneria dell'informazione; 
          corso di laurea in  ingegneria  dell'informazione  e  delle
comunicazioni; 
          corso di laurea in scienze e ingegneria dell'informazione; 
        - per il posto di cui al precedente art. 1, comma 1,  lettera
d): laurea di primo livello della classe  di  laurea  L8  «Ingegneria
dell'informazione» conseguita con il: 
          corso di laurea in ingegneria elettronica; 
          corso di laurea in ingegneria  elettronica  e  applicazioni
infotelematiche; 
          corso  di  laurea  in  ingegneria   elettronica   e   delle
telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria elettronica e informatica; 
          corso  di  laurea   in   ingegneria   elettronica   e   per
l'automazione e le telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria elettrica ed elettronica; 
          corso di laurea in ingegneria automatica e dei  sistemi  di
automazione; 
          corso di laurea in ingegneria meccatronica; 
          corso di laurea in ingegneria dell'automazione; 
          corso di laurea in ingegneria  informatica,  elettronica  e
delle telecomunicazioni; 
          corso di laurea in ingegneria informatica ed elettronica; 
          corso di laurea in ingegneria dei sistemi aerospaziali. 
    Saranno ritenuti validi anche i  diplomi  di  laurea  (DL)  o  le
lauree specialistiche (LS) e  le  lauree  (L)  conseguiti  secondo  i
precedenti   ordinamenti,   equiparati,   ai   sensi   dei    decreti
interministeriali  9   luglio   2009   e   successive   modifiche   e
integrazioni,  alle  predette  classi  di  lauree,  ai   fini   della
partecipazione ai concorsi pubblici. Saranno inoltre ritenuti  validi
i titoli accademici italiani che, per la partecipazione  ai  concorsi
per l'accesso al pubblico impiego,  sono  dichiarati  equipollenti  a
quelli  richiesti.  Allo  scopo,  gli  interessati  avranno  cura  di
allegare alla domanda di partecipazione la relativa  attestazione  di
equipollenza. La partecipazione al concorso dei concorrenti che hanno
conseguito all'estero il titolo di studio prescritto  e'  subordinata
al  riconoscimento,   da   parte   del   Ministero   dell'istruzione,
dell'universita'  e  della  ricerca,  dell'equiparazione  dei  titoli
precedentemente elencati. All'uopo gli interessati  avranno  cura  di
allegare alla domanda di partecipazione al concorso, con le modalita'
sopraindicate, l'attestazione di equiparazione al  titolo  di  studio
previsto in Italia; 
      e) non siano stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti
dall'impiego presso  una  Pubblica  Amministrazione,  licenziati  dal
lavoro alle dipendenze di  pubbliche  amministrazioni  a  seguito  di
procedimento   disciplinare,   ovvero   prosciolti,   d'autorita'   o
d'ufficio, da precedente arruolamento volontario nelle Forze Armate o
di Polizia, per motivi  disciplinari  o  di  inattitudine  alla  vita
militare,  a   esclusione   dei   proscioglimenti   per   inidoneita'
psico-fisica; 
      f) non siano stati dichiarati  obiettori  di  coscienza  ovvero
ammessi a prestare servizio sostitutivo  civile  ai  sensi  dell'art.
636, comma 1 del decreto legislativo 15 marzo 2010,  n.  66,  a  meno
che, decorsi  almeno  cinque  anni  dalla  data  in  cui  sono  stati
collocati in congedo secondo le norme previste  per  il  servizio  di
leva,  abbiano  presentato  apposita  dichiarazione  irrevocabile  di
rinuncia allo status  di  obiettore  di  coscienza  presso  l'Ufficio
Nazionale per il  Servizio  Civile  (solo  se  concorrenti  di  sesso
maschile); 
      g) non siano stati condannati per delitti  non  colposi,  anche
con  sentenza  di  applicazione  di  pena  su   richiesta,   a   pena
condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non
essere in atto  imputati  in  procedimenti  penali  per  delitti  non
colposi. Ogni variazione della posizione giudiziaria  che  intervenga
fino al  conseguimento  della  nomina  a  Guardiamarina  in  servizio
permanente deve essere segnalata con immediatezza  con  le  modalita'
indicate nel successivo art. 5, comma 3; 
      h) non siano stati sottoposti a misure di prevenzione; 
      i) abbiano tenuto condotta incensurabile; 
      j)  non  abbiano  tenuto  comportamenti  nei  confronti   delle
istituzioni  democratiche  che  non  diano  sicuro   affidamento   di
scrupolosa fedelta' alla Costituzione repubblicana e alle ragioni  di
sicurezza dello Stato. 
    2. Il conferimento della nomina ai vincitori del concorso indetto
con il presente decreto e l'ammissione  dei  medesimi  al  prescritto
corso  applicativo  sono  subordinati  al  possesso  della  idoneita'
psico-fisica e attitudinale al servizio militare incondizionato quale
Ufficiale in servizio permanente  dei  ruoli  speciali  della  Marina
Militare, da accertarsi con le modalita'  prescritte  dai  successivi
articoli 10,  11  e  12.  Il  riconoscimento  del  possesso  di  tale
idoneita' dovra' comunque avvenire  entro  la  data  di  approvazione
della graduatoria di merito di cui al successivo art. 14. 
    3. Salvo quelli previsti dal precedente comma 1 lettera b)  tutti
i requisiti di partecipazione al concorso, dovranno essere  mantenuti
sino  al  conferimento  della  nomina  a  Guardiamarina  in  servizio
permanente e per tutta la durata del corso applicativo. 
                               Art. 3 
 
       Portale dei concorsi on-line del Ministero della Difesa 
 
    1. La procedura relativa al concorso  di  cui  all'art.  1  viene
gestita tramite il portale dei concorsi on-line del  Ministero  della
difesa (da ora in poi  portale),  raggiungibile  attraverso  il  sito
internet www.difesa.it , area siti di  interesse  e  approfondimenti,
link   concorsi   e    scuole    militari,    concorsi    online    (
https://concorsi.difesa.it/default.aspx ). 
    2. Previa registrazione da effettuarsi con le modalita'  indicate
al successivo comma 3 - che consentira' la partecipazione a  tutti  i
concorsi per il reclutamento del personale militare, anche di  futura
pubblicazione - e' possibile presentare la domanda di  partecipazione
e  ricevere  le  successive  comunicazioni  inviate  dalla  direzione
generale per il Personale Militare o da Ente  dalla  stessa  delegato
alla gestione del concorso. 
    3. Per usufruire dei servizi offerti dal portale dei concorsi,  i
concorrenti potranno utilizzare  le  proprie  credenziali  rilasciate
nell'ambito del Sistema Pubblico di Identita' Digitale (SPID)  da  un
gestore riconosciuto e con  le  modalita'  fissate  dall'Agenzia  per
l'Italia Digitale (AgID), oppure svolgere  la  procedura  guidata  di
registrazione, descritta alla voce «istruzioni» del portale, con  una
delle seguenti modalita': 
      a)  senza  smart  card:  fornendo   un   indirizzo   di   posta
elettronica,  una  utenza  di  telefonia  mobile   intestata   ovvero
utilizzata  dal  concorrente  e  gli  estremi  di  un  documento   di
riconoscimento in corso di validita'; 
      b) con smart card: mediante carta d'identita' elettronica (CIE)
ovvero  carta  nazionale  dei  servizi  (CNS)   ovvero   tessera   di
riconoscimento elettronica  rilasciata  da  un'Amministrazione  dello
Stato (decreto del Presidente della Repubblica  28  luglio  1967,  n.
851) ai sensi dell'art. 66, comma 8 del decreto legislativo  7  marzo
2005, n. 82 ovvero firma digitale. 
    4. Conclusa la fase di accreditamento,  l'interessato  acquisisce
le credenziali (userid e password)  per  poter  accedere  al  proprio
profilo  cosi'  creato  nel  portale.  In  caso  di  smarrimento,  e'
attivabile  la  procedura  di  recupero  delle  stesse  dalla  pagina
iniziale del portale. 
                               Art. 4 
 
                      Domande di partecipazione 
 
    1. Previo accesso al proprio profilo  sul  portale,  i  candidati
compilano e inoltrano  la  domanda  di  partecipazione  al  concorso,
secondo le modalita' descritte ai commi successivi, entro il  termine
perentorio di trenta giorni  decorrenti  da  quello  successivo  alla
pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale. 
    2. Durante la compilazione della domanda i  concorrenti,  se  non
sono in possesso di tutte le informazioni richieste  dal  modello  di
domanda, possono salvare on-line nel proprio profilo una bozza  della
stessa che dovra' essere completata ed inviata in un secondo momento,
comunque entro il termine di presentazione di cui al precedente comma
1. 
    I   concorrenti,   prima   dell'inoltro    della    domanda    di
partecipazione, dovranno predisporre la  copia  per  immagini  in  un
unico file (in formato PDF o JPEG con dimensione massima di 5 Mb) dei
documenti/ autocertificazioni che intendono allegare/da allegare alla
domanda di partecipazione al fine della valutazione dei titoli di cui
al successivo art. 9. 
    3.  Terminata  la  compilazione  della  domanda,  i   concorrenti
potranno inviarla al sistema  informatico  centrale  di  acquisizione
on-line senza uscire  dal  proprio  profilo,  per  poi  ricevere  una
comunicazione a  video  e,  successivamente,  una  comunicazione  con
messaggio di posta elettronica della sua corretta acquisizione.  Tale
messaggio, valido  come  ricevuta  di  presentazione  della  domanda,
dovra' essere conservato dai concorrenti che dovranno essere in grado
di esibirlo, all'occorrenza, all'atto della presentazione alla  prima
prova concorsuale. Qualora il candidato non riceva  il  messaggio  di
posta   elettronica   dell'avvenuta   acquisizione,   puo'   comunque
constatare l'avvenuta presentazione della domanda  di  partecipazione
accedendo alla propria area privata  del  portale  dei  concorsi  ove
trovera'  la  ricevuta  della  stessa  e,  nella  sezione   «le   mie
notifiche», copia del messaggio di acquisizione. Dopo  l'invio  della
domanda, i concorrenti  potranno  anche  scaricare  una  copia  della
stessa. 
    I candidati possono  integrare  o  modificare  quanto  dichiarato
nella domanda di partecipazione entro  il  termine  previsto  per  la
presentazione della stessa accedendo al proprio profilo  on-line  del
portale, annullando la domanda presentata, che verra' ripristinata in
stato di bozza, e  modificando  le  dichiarazioni  di  interesse.  La
domanda  modificata  dovra',  quindi,  essere  rinviata  al   sistema
informatico centrale di acquisizione on-line delle domande. 
    Con l'invio della domanda  tramite  il  portale  si  conclude  la
procedura  di  presentazione  della  stessa  e  i  dati   sui   quali
l'Amministrazione effettuera' la verifica del possesso dei  requisiti
di partecipazione al concorso, nonche' quelli relativi al possesso di
titoli  di  merito  e/o  preferenziali,  si  intenderanno  acquisiti.
Integrazioni o modifiche di quanto dichiarato nelle  stesse  potranno
essere  inviate  dai  concorrenti  con  le  modalita'  indicate   nel
successivo art. 5. 
    4. Domande di partecipazione inoltrate anche  in  via  telematica
con qualsiasi altro mezzo rispetto a quelli sopraindicati e senza che
il candidato  abbia  effettuato  la  procedura  di  registrazione  al
portale non saranno prese in considerazione e il candidato non verra'
ammesso alla procedura concorsuale. 
    5. In caso di avaria temporanea del sistema informatico centrale,
che si verificasse durante il periodo previsto per  la  presentazione
delle domande, la direzione generale per  il  Personale  Militare  si
riserva di prorogare il relativo termine di scadenza per un numero di
giorni  pari  a  quelli  di   mancata   operativita'   del   sistema.
Dell'avvenuto  ripristino  e  della  proroga  del  termine   per   la
presentazione delle domande sara' data notizia con avviso  pubblicato
nel sito www.persomil.difesa.it e nel portale  dei  concorsi  on-line
del Ministero della difesa, secondo quanto  previsto  dal  successivo
art. 5. 
    In tal caso, resta comunque invariata,  all'iniziale  termine  di
scadenza per la presentazione delle  domande  di  cui  al  precedente
comma 1, la data relativa al possesso dei requisiti di partecipazione
indicata al precedente art. 2 del presente bando. 
    6. Qualora l'avaria  del  sistema  informatico  centrale  per  la
presentazione delle domande on-line del portale dei concorsi sia tale
da non consentire un ripristino della procedura in tempi  rapidi,  la
direzione generale per il Personale Militare provvedera' a  informare
i candidati con avviso  pubblicato  sul  sito  www.persomil.difesa.it
circa le determinazioni adottate al riguardo. 
    7. Nella domanda di partecipazione oltre ai dati  anagrafici,  il
numero di telefono e l'indirizzo mail presso  il  quale  ricevere  le
comunicazioni relative al concorso, elementi questi gia'  forniti  in
fase di registrazione al portale, il  concorrente  dovra'  fornire  i
dati  relativi  alla  residenza,  nonche'   tutte   le   informazioni
attestanti il possesso dei requisiti di  partecipazione  al  concorso
stesso. Nella stessa, ai sensi del combinato  disposto  di  cui  all'
art. 4 della legge 8 marzo 1989, n. 101 e all'art. n. 6  del  decreto
del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, i  concorrenti
che ne facciano  espressa  richiesta  potranno  sostenere  nel  primo
giorno feriale successivo le prove previste nei giorni di  festivita'
religiose ebraiche rese note annualmente  con  decreto  del  Ministro
dell'Interno. In caso di  impossibilita'  materiale  o  giuridica  di
svolgimento differito delle prove per i concorrenti che  ne  facciano
richiesta, queste saranno fissate  per  tutti  i  concorrenti  in  un
giorno che non coincida con quello di riposo  sabbatico  o  di  altre
festivita' religiose riconosciute dalla legge. 
    8. Con l'invio telematico della domanda con le modalita' indicate
nel  precedente  comma  4,  il   candidato,   oltre   a   manifestare
esplicitamente il consenso alla raccolta e al  trattamento  dei  dati
personali che lo riguardano e  che  sono  necessari  all'espletamento
dell'iter concorsuale (in quanto il  conferimento  di  tali  dati  e'
obbligatorio   ai   fini   della   valutazione   dei   requisiti   di
partecipazione), si assume la responsabilita' penale circa  eventuali
dichiarazioni  mendaci,  ai  sensi  dell'art.  76  del  decreto   del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Si precisa,  al
riguardo, che l'accertamento  della  resa  di  dichiarazioni  mendaci
finalizzate a trarre un indebito beneficio comportera': 
      - la segnalazione alla competente Procura della Repubblica  per
le valutazioni di pertinenza; 
      -  l'esclusione  dal  concorso  o  la   decadenza   a   seguito
dell'avvenuta incorporazione dell'interessato. 
                               Art. 5 
 
                   Comunicazioni con i concorrenti 
 
    1. Tramite il proprio profilo nel  portale  il  candidato  accede
alla  sezione  relativa  alle  comunicazioni,  suddivisa  in  un'area
pubblica relativa alle comunicazioni di carattere collettivo  (avvisi
di modifica del bando, variazione del  diario  di  svolgimento  delle
prove   scritte,   calendari   di   svolgimento    delle    selezioni
fisio-psico-attitudinali, delle prove  di  efficienza  fisica,  delle
prove orali, ecc.), e in  un'area  privata  relativa  alle  eventuali
comunicazioni di carattere personale. I  candidati  ricevono  notizia
della presenza di tali  comunicazioni  mediante  messaggio  di  posta
elettronica, inviato all'indirizzo fornito in fase di  registrazione,
ovvero mediante sms. 
    2. Le comunicazioni di carattere collettivo, pubblicate anche nei
siti www.persomil.difesa.it e www.marina.difesa.it , hanno valore  di
notifica a tutti gli effetti e nei confronti di  tutti  i  candidati.
Nel portale concorsi vengono pubblicati  esclusivamente  gli  elenchi
dei candidati  ammessi  al  prosieguo  delle  attivita'  concorsuali,
pertanto i candidati non presenti in elenco si intendono non  ammessi
a proseguire il concorso. Le  eventuali  comunicazioni  di  carattere
personale potranno essere inviate ai concorrenti anche con  messaggio
di posta elettronica, posta elettronica  certificata  (se  dichiarata
dai  concorrenti  nella  domanda  di  partecipazione),  con   lettera
raccomandata o telegramma. 
    3.  I  candidati  possono  inviare  dichiarazioni  integrative  o
modificative di quanto rappresentato nella domanda di partecipazione,
nonche' eventuali ulteriori comunicazioni, riguardanti esclusivamente
variazioni  anagrafiche  e  recapiti,  mediante  messaggi  di   posta
elettronica (PE) - utilizzando esclusivamente  un  account  di  PE  -
all'indirizzo   persomil@persomil.difesa.it   o   posta   elettronica
certificata (PEC) - utilizzando  esclusivamente  un  account  di  PEC
- all'indirizzo persomil@postacert.difesa.it, indicando  il  concorso
al quale partecipano e allegando copia per immagine (file formato PDF
o JPEG con dimensione massima di 3 Mb) di un documento  di  identita'
rilasciato da un'Amministrazione dello Stato. 
    4.  Resta  a  carico  del  candidato  la  responsabilita'   circa
eventuali  disguidi  derivanti   da   errate,   mancate   o   tardive
comunicazioni da parte del medesimo di variazioni  dell'indirizzo  di
posta elettronica ovvero del numero di utenza di  telefonia  fisso  e
mobile. 
    5.  Per  semplificare  le  operazioni  di  gestione  del   flusso
automatizzato della posta in ingresso alla direzione generale per  il
Personale Militare, l'oggetto di tutte le comunicazioni  inviate  dai
candidati dovra' essere preceduto dal codice «RS_MM_STR_2018_2S». 
                               Art. 6 
 
                      Svolgimento del concorso 
 
    1. Lo svolgimento del concorso prevede: 
      a) due prove scritte (una di cultura generale e una di  cultura
tecnico-scientifica); 
      b) valutazione dei titoli di merito; 
      c) accertamenti psico-fisici; 
      d) accertamenti attitudinali; 
      e) prove di efficienza fisica; 
      f) prova orale; 
      g) prova orale facoltativa di lingua straniera. 
    Ai suddetti accertamenti e prove i concorrenti  dovranno  esibire
la carta d'identita' o altro documento di  riconoscimento,  provvisto
di  fotografia  e  in  corso  di   validita',   rilasciato   da   una
Amministrazione dello Stato. 
    2. L'Amministrazione  della  difesa  non  risponde  di  eventuale
danneggiamento o perdita  di  oggetti  personali  che  i  concorrenti
lascino incustoditi nel corso delle prove e degli accertamenti di cui
al comma 1 del presente articolo. 
                               Art. 7 
 
                             Commissioni 
 
    1. Con successivi decreti dirigenziali saranno nominate: 
      a) le commissione esaminatrici - una per ciascun Corpo - per le
prove scritte, la valutazione dei titoli, le prove  orali  e  per  la
formazione delle graduatorie di merito; 
      b) la commissione per gli accertamenti psico-fisici, unica  per
tutti i Corpi; 
      c) la commissione per l'accertamento  attitudinale,  unica  per
tutti i Corpi; 
      d) la commissione per la prova di efficienza fisica, unica  per
tutti i Corpi. 
      e) la commissione  per  gli  ulteriori  accertamenti  sanitari,
unica per tutti i Corpi; 
    2. Le commissioni esaminatrici, di cui  al  precedente  comma  1,
lettera a) saranno composte da: 
      a) un Ufficiale  di  grado  non  inferiore  a  Contrammiraglio,
presidente; 
      b) due Ufficiali in servizio di grado non inferiore a  Capitano
di Corvetta, di cui almeno uno appartenente allo stesso Corpo per  il
quale viene indetto il concorso, membri; 
      c) uno o piu' esperti civili o militari, per le singole materie
oggetto di esame, in qualita' di membri aggiunti, che avranno diritto
di voto solo per le materie di pertinenza; 
      d) un docente o esperto, che potra' essere diverso in  funzione
della lingua prescelta dai concorrenti, membro aggiunto per la  prova
orale facoltativa di lingua straniera; 
      e) un Sottufficiale con il grado  di  Primo  Maresciallo  della
Marina Militare  ovvero  un  dipendente  civile  dell'Amministrazione
della difesa appartenente alla terza area funzionale, con profilo non
inferiore  a  «Funzionario  di  Amministrazione»,  segretario   senza
diritto di voto. 
    3. La commissione per gli accertamenti psico-fisici,  di  cui  al
precedente comma 1, lettera b) sara' composta da: 
      a) un Ufficiale medico del Corpo Sanitario  Militare  Marittimo
di grado non inferiore a Capitano di Vascello, presidente; 
      b) due Ufficiali medici di grado non inferiore  a  Capitano  di
Corvetta del Corpo Sanitario Militare Marittimo, membri; 
      c) un Sottufficiale della Marina Militare appartenente al ruolo
dei Marescialli, segretario senza diritto di voto. 
    Detta commissione si avvarra' del supporto  di  Ufficiali  medici
specialisti della Marina Militare o di medici specialisti esterni. 
    4. La commissione per  l'accertamento  attitudinale,  di  cui  al
precedente comma 1, lettera c) sara' composta da: 
      a) un Ufficiale in servizio di grado non inferiore  a  Capitano
di Vascello, presidente; 
      b) due Ufficiali della Marina Militare specialisti in selezione
attitudinale militare, membri; 
      c) un Sottufficiale della Marina Militare appartenente al ruolo
dei Marescialli, segretario senza diritto di voto. 
    Detta  commissione  si  avvarra'  del   supporto   di   Ufficiali
specialisti in selezione attitudinale della Marina Militare. 
    5. La commissione per la prova di efficienza fisica,  di  cui  al
precedente comma 1, lettera d) sara' composta da: 
      a) un Ufficiale superiore della Marina  Militare  in  servizio,
presidente; 
      b) un Ufficiale di grado non inferiore a Tenente  di  Vascello,
membro; 
      c)  un  Sottufficiale  della  Marina  Militare  del  ruolo  dei
Marescialli della categoria ISMEF, membro e segretario. 
    Detta commissione si potra' avvalere del  supporto  di  Ufficiali
e/o Sottufficiali esperti di settore della Marina Militare, ovvero di
esperti di settore esterni alla Forza Armata. 
    6. La commissione per gli ulteriori accertamenti sanitari, di cui
al precedente comma 1, lettera e), sara' composta da: 
      a) un ufficiale medico del Corpo sanitario  militare  marittimo
di grado non inferiore a capitano di vascello, presidente; 
      b) due ufficiali medici del Corpo sanitario militare marittimo,
membri; 
      c)  un  sottufficiale   della   Marina   militare   del   ruolo
marescialli, segretario senza diritto di voto. 
    Detta commissione si avvarra' del supporto  di  ufficiali  medici
specialisti della Marina militare o di medici specialisti esterni. 
    Gli ufficiali del  Corpo  sanitario  militare  marittimo  facenti
parte di detta commissione dovranno  essere  diversi  da  quelli  che
hanno fatto parte della commissione per gli accertamenti psico-fisici
di cui al precedente comma 3. 
                               Art. 8 
 
                            Prove scritte 
 
    1. I partecipanti  al  concorso  di  cui  al  precedente  art.  1
dovranno sostenere: 
      a) una prova scritta di cultura generale; 
      b) una prova scritta di cultura  tecnico-scientifica,  entrambe
della durata massima di sei ore. 
    I relativi programmi d'esame sono riportati  nell'allegato  A  al
presente bando. 
    Dette prove scritte avranno luogo presso  l'Accademia  Navale  di
Livorno - viale Italia n. 72, nei giorni 6 e  7  marzo  2018  per  il
Corpo Sanitario Militare Marittimo e nei giorni 8 e 9 marzo 2018  per
il Corpo delle Capitanerie di Porto. 
    Eventuali modificazioni della sede o delle  date  di  svolgimento
delle prove scritte saranno rese note a partire dal 15 febbraio 2018,
mediante   avviso   inserito   nell'area   pubblica   della   sezione
comunicazioni  del  portale  e  nei   siti   www.marina.difesa.it   e
www.persomil.difesa.it . 
    I concorrenti ai quali non sia stata comunicata l'esclusione  dal
concorso sono tenuti a presentarsi presso la suddetta sede, entro  le
07.30 dei giorni suindicati, muniti di un documento di riconoscimento
in corso di validita' rilasciato da un'Amministrazione dello Stato  e
potendo   esibire,   all'occorrenza,   il   messaggio   di   avvenuta
acquisizione della domanda ovvero copia della stessa con gli  estremi
di acquisizione, rilasciati al concorrente medesimo con le  modalita'
di cui all'art. 4, comma 3 del presente decreto. 
    Essi dovranno portare una penna a sfera a  inchiostro  indelebile
blu o nero. L'occorrente per l'espletamento della  prova  sara'  loro
fornito sul posto. 
    I concorrenti assenti al momento dell'inizio  di  ciascuna  prova
saranno considerati rinunciatari e quindi esclusi dal concorso, quali
che siano le ragioni dell'assenza, comprese quelle dovute a causa  di
forza maggiore. 
    Per quanto concerne  le  modalita'  di  svolgimento  delle  prove
scritte saranno osservate le disposizioni degli articoli 11, 12,  13,
14 e 15, comma 1, del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  9
maggio 1994, n. 487. 
    2. Fermi restando i limiti numerici di cui al successivo comma 3,
ciascuna prova scritta si intendera'  superata  dai  concorrenti  che
abbiano riportato una votazione non inferiore  a  18/30.  Sulla  base
della media dei  punteggi  conseguiti  dai  concorrenti  nelle  prove
scritte, le commissioni di cui al precedente art. 7, comma 1, lettera
a) provvederanno a formare tre distinte graduatorie provvisorie  (una
per ciascun profilo professionale richiesto all'art. 1) al solo  fine
di  individuare  i  concorrenti  da   ammettere   agli   accertamenti
successivi. 
    3. Saranno ammessi  agli  accertamenti  psico-fisici  di  cui  al
successivo art. 10, secondo l'ordine delle rispettive graduatorie  di
cui al precedente comma 2: 
      i primi 15 concorrenti per i posti di cui all'art. 1, comma  1,
lettera a); 
      i primi 15 concorrenti per i posti di cui all'art. 1, comma  1,
lettera b); 
      i primi 20 concorrenti per i posti di cui all'art. 1, comma  1,
lettera c); 
      i primi 15 concorrenti per i posti di cui all'art. 1, comma  1,
lettera d). 
    Saranno inoltre ammessi i  concorrenti  che  hanno  riportato  lo
stesso punteggio dell'ultimo candidato ammesso. 
    4. L'esito delle prove scritte, il calendario  con  i  giorni  di
convocazione e le modalita' di presentazione degli ammessi alle prove
di cui al successivo art. 10, del presente decreto saranno resi  noti
a partire dal 16 aprile 2018, con avviso inserito nell'area  pubblica
della sezione comunicazioni del portale. Tale avviso sara',  inoltre,
consultabile nei siti www.marina.difesa.it e www.persomil.difesa.it ,
e avra' valore di notifica a tutti gli effetti  e  nei  confronti  di
tutti i concorrenti. Sara' anche possibile chiedere  informazioni  al
riguardo allo Stato Maggiore della Marina, ufficio relazioni  con  il
pubblico, Piazzale Marina n.  4,  00196  Roma,  tel.  0636804442/3084
(mail:  mariugp.urp@marina.difesa.it)  o  Ministero  della  difesa  -
direzione generale per il Personale Militare - Sezione relazioni  con
il pubblico numero 06517051012 (mail:urp@persomil.difesa.it). 
                               Art. 9 
 
                  Valutazione dei titoli di merito 
 
    1. Allo scopo di contrarre i tempi  delle  procedure  concorsuali
nel   rispetto   della   economicita'   e    celerita'    dell'azione
amministrativa, le commissioni esaminatrici di cui al precedente art.
7, comma  1,  lettera  a)  valuteranno,  previa  identificazione  dei
relativi criteri,  i  titoli  di  merito  dei  soli  concorrenti  che
risulteranno idonei alle prove scritte. A tal  fine  la  commissione,
dopo aver corretto in  forma  anonima  gli  elaborati,  procedera'  a
identificare  esclusivamente   gli   autori   di   quelli   giudicati
insufficienti, in modo da definire,  per  sottrazione,  l'elenco  dei
concorrenti  idonei.  Il  riconoscimento  di  questi  ultimi   dovra'
comunque avvenire dopo la valutazione dei titoli di merito. 
    La commissione esaminatrice valutera'  i  titoli  posseduti  alla
data di scadenza del termine  di  presentazione  delle  domande,  che
siano stati dichiarati con le modalita' indicate nel precedente  art.
4. 
    Qualora sul modello  di  domanda  on-line  l'area  relativa  alla
descrizione  dei  titoli   di   merito   posseduti   fosse   ritenuta
insufficiente per  elencare  gli  stessi  in  maniera  dettagliata  e
completa,  i  concorrenti  potranno  allegare  alla   domanda   delle
dichiarazioni  sostitutive  rilasciate  ai  sensi  del  decreto   del
Presidente  della  Repubblica  28  dicembre  2000,  n.  445,  con  le
modalita' indicate nel comma 2 dell'art. 4 del presente decreto. 
    2.  La  commissione  esaminatrice  provvedera'  ad  attribuire  a
ciascun concorrente fino a un massimo di  10/30,  secondo  quanto  di
seguito riportato: 
      a) per attivita' professionale documentata svolta  presso  Enti
Pubblici o privati per ogni periodo di 6 mesi: 0,5/30  punti  per  un
massimo di punti 2/30; 
      b) per attivita' svolta senza demerito nell'ambito delle  Forze
Armate, Forze di Polizia o Corpi Armati dello Stato  per  un  periodo
minimo di 1 anno: punti 2/30; 
      c) per il possesso dei seguenti titoli accademici posseduti  in
aggiunta al titolo di  studio  richiesto  per  la  partecipazione  al
concorso: un massimo di punti 6 cosi' ripartiti: 
        1) per i soli posti di cui all'art. 1, comma 1, lettere c)  e
d): laurea specialistica/magistrale in Ingegneria informatica (LM-32)
o in Ingegneria elettronica (LM-29): punti 3/30; 
        2) per il posto di  cui  all'art  1,  comma  1,  lettera  b),
diploma di specializzazione (DS): punti 2/30; 
        3) per i posti di cui all'art 1, comma 1, lettere a), b),  c)
e d) altra laurea specialistica/magistrale posseduta: punti 2/30; 
        4) dottorato di ricerca (DR): punti 2/30; 
        5) master di 1° (MU1) o 2° livello (MU2): punti 1/30. 
                               Art. 10 
 
                      Accertamenti psico-fisici 
 
    1. I concorrenti di cui al precedente art. 8,  comma  3,  saranno
sottoposti ad accertamenti psico-fisici presso il Centro di Selezione
della  Marina  Militare  di  Ancona,  via  delle  Palombare   n.   3,
indicativamente nel periodo aprile/maggio 2018 (durata  presunta  3-4
giorni). La convocazione nei confronti dei concorrenti  idonei  sara'
effettuata con le modalita' previste dal precedente art. 5, comma 1. 
    Essi dovranno presentarsi alle 07.00 del  giorno  indicato  nella
predetta convocazione, muniti di valido documento  di  riconoscimento
provvisto di fotografia,  rilasciato  da  una  Amministrazione  dello
Stato. 
    Coloro che non si presenteranno saranno considerati  rinunciatari
e, pertanto, esclusi dal concorso. 
    2. I concorrenti convocati  per  gli  accertamenti  previsti  dal
presente articolo, all'atto della presentazione, dovranno presentare,
pena l'esclusione dal concorso: 
      a) originale o copia conforme del certificato medico, in  corso
di validita' annuale, attestante l'idoneita'  all'attivita'  sportiva
agonistica per l'atletica leggera e  per  il  nuoto,  ovvero  per  le
discipline  sportive  riportate  nella  Tabella  B  del  decreto  del
Ministero della sanita' del 18 febbraio  1982  ovvero  per  le  prove
indette  dal  Ministero  della  difesa  per  la  partecipazione  alle
selezioni per  l'arruolamento,  in  data  non  anteriore  a  un  anno
rispetto a quella di  presentazione  alle  prove,  rilasciato  da  un
medico appartenente alla Federazione medico-sportiva italiana  ovvero
a struttura sanitaria pubblica o privata accreditata con il SSN e che
esercita in tali  ambiti  in  qualita'  di  medico  specializzato  in
medicina dello sport. La mancata o  difforme  presentazione  di  tale
certificato comportera' l'esclusione dal concorso; 
      b) se ne siano gia' in possesso, esame radiografico del  torace
in due  proiezioni  con  relativo  referto  effettuato  in  data  non
anteriore ai sei mesi precedenti la data fissata per gli accertamenti
psico-fisici (solo  se  esiste  dubbio  diagnostico  da  parte  della
commissione medica l'esame radiografico verra' effettuato  presso  il
Centro di selezione); 
      c) referto rilasciato da struttura sanitaria pubblica o privata
accreditata con il Servizio Sanitario Nazionale,  attestante  l'esito
del test per l'accertamento della positivita' per anticorpi per  HIV,
in data non anteriore a tre mesi dalla data di presentazione per  gli
accertamenti; 
      d) certificato, conforme al modello riportato nell'allegato  B,
che costituisce parte integrante del presente decreto, rilasciato dal
proprio medico di fiducia  e  controfirmato  dagli  interessati,  che
attesti  lo  stato  di   buona   salute,   l'assenza   di   pregresse
manifestazioni  emolitiche,  gravi  manifestazioni  immunoallergiche,
gravi intolleranze e idiosincrasie a farmaci o alimenti. 
      Tale  certificato  dovra'  avere  una  data  di  rilascio   non
anteriore a sei mesi da quella di presentazione; 
      e) referto  originale  degli  esami  sottoelencati,  effettuati
presso strutture  sanitarie  pubbliche,  anche  militari,  o  private
accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale in data non anteriore
ai tre mesi precedenti la data  di  presentazione  agli  accertamenti
psico-fisici ad eccezione di quello riguardante il gruppo sanguigno: 
        - analisi completa delle urine con esame del sedimento; 
        - emocromo completo con formula leucocitaria; 
        - VES; 
        - glicemia; 
        - azotemia; 
        - creatininemia; 
        - uricemia; 
        - trigliceridemia; 
        - colesterolemia totale e frazionata; 
        - bilirubinemia diretta e indiretta; 
        - gamma GT; 
        - transaminasemia (GOT e GPT); 
        - markers virali: anti HAV, HbsAg, anti HBs, anti HBc e  anti
HCV; 
        - attestazione del gruppo sanguigno; 
        - ai soli fini dell'eventuale successivo impiego, referto, di
analisi di  laboratorio  concernente  il  dosaggio  quantitativo  del
glucosio  6-fosfatodeidrogenasi  (G6PD),  eseguito  sulle  emazie  ed
espresso in termini di percentuale di attivita' enzimatica rilasciato
da una  struttura  sanitaria  pubblica,  anche  militare,  o  privata
accreditata con il SSN. 
    Sara' altresi' ritenuta valida, in alternativa, copia del referto
relativo agli esami effettuati, nei medesimi limiti temporali di  cui
sopra, in occasione di un precedente concorso  presso  una  struttura
sanitaria militare. 
    Tutta la documentazione sanitaria di cui al presente comma dovra'
essere presentata in originale o in copia resa  conforme  secondo  le
modalita' stabilite dalla legge. La mancata  presentazione  anche  di
uno  solo  dei  documenti  chiesti  determinera'   l'esclusione   del
concorrente dagli accertamenti sanitari, con  l'eccezione  dell'esame
radiografico e dei referti di analisi di laboratorio  concernenti  il
gruppo sanguigno, l'analisi completa dell'urina  e  il  dosaggio  del
G6PD. Quest'ultimo dovra' comunque essere  prodotto  dai  concorrenti
all'atto dell'incorporamento, qualora vincitori. 
    3. In aggiunta ai sopracitati certificati, i concorrenti di sesso
femminile dovranno presentare: 
      a)  ecografia  pelvica  con  relativo  referto  in   originale,
eseguita, in data non anteriore ai tre  mesi  precedenti  la  visita,
presso strutture  sanitarie  pubbliche,  anche  militari,  o  private
accreditate con  il  Servizio  Sanitario  Nazionale.  Sara'  altresi'
ritenuta valida, in alternativa, copia del referto relativo all'esame
effettuato, nei medesimi limiti temporali di cui sopra, in  occasione
di un precedente concorso presso una struttura sanitaria militare. 
      La mancata presentazione del suddetto  certificato  comportera'
l'esclusione dei concorrenti di  sesso  femminile  agli  accertamenti
psico-fisici; 
      b) referto di test di gravidanza -mediante analisi su sangue  o
urine- eseguito, in data non anteriore a cinque giorni precedenti  la
visita, presso  strutture  sanitarie  pubbliche,  anche  militari,  o
private accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale. 
      I concorrenti  di  sesso  femminile  che  non  esibiranno  tale
referto saranno sottoposti, al solo fine della effettuazione in piena
sicurezza delle prove di efficienza fisica e degli esami previsti  al
successivo comma 4, al test di gravidanza che escluda la  sussistenza
di detto  stato.  L'accertato  stato  di  gravidanza  impedira'  alla
concorrente di essere sottoposta alle prove e determinera'  l'effetto
indicato al successivo comma 4, lettera b). 
    4. La suddetta commissione, di cui al precedente art. 7, comma 1,
lettera b): 
      a) acquisira' i documenti indicati nei precedenti commi 2  e  3
del presente articolo, necessari all'effettuazione degli accertamenti
psico-fisici, verificandone la validita'; 
      b) in caso di accertato  stato  di  gravidanza  non  potra'  in
nessun caso  procedere  agli  accertamenti  di  cui  alla  successiva
lettera c) e dovra' astenersi dalla pronuncia del giudizio,  a  mente
dell'art. 580 del decreto del Presidente della  Repubblica  15  marzo
2010, n. 90, secondo il quale  lo  stato  di  gravidanza  costituisce
temporaneo impedimento all'accertamento  dell'idoneita'  al  servizio
militare. Pertanto, nei confronti  dei  candidati  il  cui  stato  di
gravidanza e' stato accertato anche con  le  modalita'  previste  dal
presente articolo, la direzione generale per  il  Personale  Militare
procedera'  alla  convocazione  al  predetto  accertamento  in   data
compatibile con la definizione della graduatoria di cui al successivo
art. 14. Se in occasione della  seconda  convocazione  il  temporaneo
impedimento perdura, la preposta commissione  di  cui  al  precedente
art. 7, comma 1, lettera b) ne dara' notizia  alla  citata  Direzione
Generale che escludera' il candidato dal concorso, per impossibilita'
di procedere all'accertamento del possesso dei requisiti previsti dal
presente bando; 
      c) sottoporra'  il  candidato  a  una  visita  medica  generale
preliminare,  propedeutica  ai  successivi  accertamenti,   volta   a
valutare eventuali elementi motivo di inidoneita' ai sensi di  quanto
previsto dal successivo comma 6;  gli  interessati  inoltre  dovranno
rilasciare   un'apposita   dichiarazione   di   consenso    informato
all'effettuazione del protocollo  diagnostico,  nonche'  un'ulteriore
dichiarazione di consenso  informato  all'esecuzione  del  protocollo
vaccinale, in conformita' a quanto  riportato  nell'allegato  F,  che
costituisce parte integrante al presente decreto; 
      d) disporra' quindi per tutti i concorrenti, tranne quelli  per
cui ricorra  il  caso  di  cui  alle  precedenti  lettere  b)  e  d),
l'esecuzione dei sottoelencati accertamenti clinico-diagnostici e  di
laboratorio: 
        1) visita cardiologica con ECG; 
        2) visita oculistica; 
        3) visita odontoiatrica; 
        4) visita otorinolaringoiatrica con esame audiometrico; 
        5) visita psichiatrica; 
        6) valutazione dell'apparato locomotore; 
        7) analisi delle urine per la ricerca di eventuali cataboliti
di   sostanze   stupefacenti   e/o   psicotrope   quali   anfetamine,
metanfetamine, MDMA, cannabinoidi, metadone, barbiturici, oppiacei  e
cocaina,  benzodiazepine.   In   caso   di   positivita',   disporra'
l'effettuazione  sul  medesimo  campione   del   test   di   conferma
(gascromatografia con spettrometria di massa); 
        8) controllo dell'abuso sistematico di alcool; 
        9)   ogni   ulteriore   indagine    clinico    specialistica,
laboratoristica  e/o  strumentale  (compreso  l'esame  radiografico),
ritenuta  utile  per  consentire  l'adeguata  valutazione  clinica  e
medico-legale del concorrente. 
    Nel caso in cui si rendera' necessario sottoporre il  concorrente
a indagini  radiologiche,  indispensabili  per  l'accertamento  e  la
valutazione  di  eventuali  patologie,  in  atto  o  pregresse,   non
altrimenti osservabili ne' valutabili con diverse metodiche o  visite
specialistiche, lo stesso dovra'  sottoscrivere,  dopo  essere  stato
edotto  dei  benefici  e  dei   rischi   connessi   all'effettuazione
dell'esame, apposita dichiarazione di consenso informato conforme  al
modello riportato nell'allegato C. 
    5. Sulla scorta del vigente «Elenco delle  imperfezioni  e  delle
infermita' che sono causa di inidoneita' al servizio militare» di cui
all'art. 582 del decreto del Presidente  della  Repubblica  15  marzo
2010, n. 90,  e  della  vigente  direttiva  applicativa  emanata  con
decreto Ministeriale 4 giugno 2014, la suddetta commissione di cui al
precedente art. 7, comma 1, lettera b) dovra' accertare  il  possesso
dei seguenti specifici requisiti: 
      a) apparato visivo: visus corretto non  inferiore  a  10/10  in
ciascun occhio, dopo aver corretto con lenti ben tollerate  il  vizio
di rifrazione che non dovra' superare le 3 diottrie per la  miopia  e
l'astigmatismo miopico composto, le 3 diottrie per  l'ipermetropia  e
l'astigmatismo   ipermetropico   composto,   le   2   diottrie    per
l'astigmatismo miopico e ipermetropico semplice e per  la  componente
cilindrica  negli  astigmatismi   composti,   le   3   diottrie   per
l'astigmatismo misto o  per  l'anisometropia  sferica  e  astigmatica
purche' siano presenti la fusione e la visione binoculare. 
      Senso cromatico normale alle matassine colorate. L'accertamento
dello  stato  refrattivo,  ove  occorra,  puo'  essere  eseguito  con
l'autorefrattometro,   o   in   cicloplegia,   o   con   il    metodo
dell'annebbiamento; 
      b) apparato uditivo: la funzionalita'  uditiva  sara'  saggiata
con esame audiometrico tonale  liminare  in  camera  silente.  Potra'
essere tollerata una perdita uditiva bilaterale con  P.P.T.  compresa
entro il 20%. I deficit neurosensoriali isolati  sulle  frequenze  da
6000 a  8000  Hz  saranno  valutati  secondo  quanto  previsto  dalla
predetta direttiva tecnica emanata con decreto Ministeriale 4  giugno
2014; 
      c) parametri fisici correlati alla composizione corporea,  alla
forza muscolare e alla massa metabolicamente  attiva  rientranti  nei
valori limite di cui all'art. 587 del decreto  del  Presidente  della
Repubblica 15 marzo 2010, n. 90, come sostituito dall'art.  4,  comma
1, lettera c) del decreto del Presidente della Repubblica 17 dicembre
2015, n. 207, che verranno accertati con le modalita' previste  dalla
direttiva tecnica dello Stato Maggiore  della  Difesa  -  Ispettorato
generale  della  Sanita'  Militare  -  edizione  2016,  citata  nelle
premesse. I predetti parametri  fisici  correlati  alla  composizione
corporea, alla forza muscolare e alla  massa  metabolicamente  attiva
non sono accertati nei confronti del personale militare  in  servizio
in possesso dell'idoneita' incondizionata al servizio militare,  come
previsto dall'art. 635, comma 2 del Codice dell'Ordinamento Militare,
cosi' come modificato dall'art. 1 del decreto legislativo  29  maggio
2017, n. 94. 
    6. La commissione, al termine  degli  accertamenti  psico-fisici,
provvedera' a definire per ciascun  concorrente,  secondo  i  criteri
stabiliti dalla normativa  e  dalle  direttive  vigenti,  il  profilo
sanitario che terra' conto  delle  caratteristiche  somato-funzionali
nonche' degli specifici requisiti fisici suindicati. 
    In caso di  mancata  presentazione  del  referto  di  analisi  di
laboratorio concernente il dosaggio del  G6PD,  che  comunque  dovra'
essere prodotto dai concorrenti all'atto dell'incorporamento  qualora
vincitori,   ai   fini   della   definizione   della   caratteristica
somato-funzionale AV-EI,  limitatamente  alla  carenza  del  predetto
enzima,  al  coefficiente  attribuito  sara'  aggiunta  la   dicitura
«deficit di G6PD non definito». 
    Saranno giudicati: 
      a) idonei, i concorrenti in possesso dei requisiti sopraccitati
cui sia stato attribuito il seguente profilo sanitario minimo: psiche
PS 2; costituzione CO 2; apparato cardiocircolatorio AC  2;  apparato
respiratorio  AR  2;  apparati  vari  AV  2  (indipendentemente   dal
coefficiente assegnato, la  carenza  accertata,  totale  o  parziale,
dell'enzima G6PDH non puo' essere  motivo  di  esclusione,  ai  sensi
dell'art. 1 della legge 109/2010 richiamata in premessa), altresi', i
concorrenti  riconosciuti  affetti  dal  predetto  deficit  di   G6PD
dovranno rilasciare la dichiarazione di ricevuta  informazione  e  di
responsabilizzazione  (Allegato  E);  apparato  osteo-artro-muscolare
superiore LS 2; apparato osteo-artro-muscolare inferiore  LI  2;  per
l'apparato  visivo  VS  e  per  l'apparato  uditivo  AU  valgono  gli
specifici requisiti precedentemente indicati; 
      b) inidonei, i concorrenti che denotino: 
        1) imperfezioni e infermita' previste dalla vigente normativa
in materia di inabilita' al servizio militare; 
        2)  imperfezioni  e  infermita'  per  le  quali  e'  prevista
l'attribuzione  del  coefficiente  uguale  o  superiore  a  3,  nelle
caratteristiche somato-funzionali del profilo sanitario (a  eccezione
della caratteristica somato-funzionale AV qualora l'attribuzione  del
coefficiente 3 o 4 sia determinata da  carenza,  totale  o  parziale,
dell'enzima G6PD) dalle vigenti direttive per  delineare  il  profilo
sanitario dei soggetti giudicati idonei al servizio militare ai sensi
dell'art. 582 del decreto del Presidente della  Repubblica  15  marzo
2010,  n.  90  e  della  direttiva  tecnica   emanata   con   decreto
Ministeriale 4 giugno 2014, fermi restando  gli  specifici  requisiti
prescritti dal presente decreto; 
        3) abuso sistematico di alcool; 
        4)  uso  anche  saltuario   od   occasionale,   di   sostanze
stupefacenti, nonche' utilizzo di sostanze  psicotrope  a  scopo  non
terapeutico; 
        5) malattie o lesioni acute per le quali sono previsti  tempi
lunghi di recupero dello stato di salute e  dei  requisiti  necessari
per la frequenza del corso; 
        6)  tutte   le   malattie   dell'occhio   e   degli   annessi
manifestamente croniche o di lunga durata o di incerta  prognosi;  la
presenza di alterazioni dei mezzi diottrici o del fondo  oculare  che
possono pregiudicare, anche nel tempo, la funzione visiva primaria  o
quelle collaterali; gli strabismi  manifesti  anche  alternanti;  gli
esiti di cheratotomia radiale; gli esiti di  laserterapia  correttiva
in presenza di alterazioni della corioretina o  di  evidenti  lesioni
corneali; 
        7) disturbi dell'eloquio tali da renderlo non  chiaramente  e
prontamente intellegibile; 
        8) tatuaggi che per la loro sede o natura, siano deturpanti o
contrari  al  decoro  dell'uniforme  o  siano  possibile  indice   di
personalita'  abnorme  (in  tal  caso   da   accertare   con   visita
psichiatrica e con appropriati test psicodiagnostici); 
        9) tutte quelle malformazioni e  infermita'  non  contemplate
dai precedenti alinea, comunque incompatibili con  la  frequenza  del
corso e  con  il  successivo  impiego  quale  Ufficiale  in  servizio
permanente del ruolo speciale della Marina Militare. 
      c) La commissione, seduta stante, comunichera' per iscritto  al
concorrente l'esito della visita medica  sottoponendogli,  per  presa
visione, il verbale contenente uno dei seguenti giudizi: 
        1) «idoneo quale Ufficiale in servizio permanente  del  ruolo
speciale  della  Marina  Militare»,  con  indicazione   del   profilo
sanitario; 
        2) «inidoneo quale Ufficiale in servizio permanente del ruolo
speciale della Marina  Militare»,  con  indicazione  della  causa  di
inidoneita'. 
    I concorrenti  che  all'atto  degli  accertamenti  sanitari  sono
riconosciuti  affetti  da  malattie  o  lesioni  acute   di   recente
insorgenza e di  presumibile  breve  durata,  per  le  quali  risulta
scientificamente  probabile  un'evoluzione  migliorativa,   tale   da
lasciar prevedere il possibile recupero dei  requisiti  richiesti  in
tempi compatibili con lo svolgimento del concorso e comunque entro  i
successivi trenta giorni, saranno sottoposti a ulteriore  valutazione
sanitaria a cura  della  stessa  commissione  medica  per  verificare
l'eventuale recupero dell'idoneita' fisica. Detti concorrenti saranno
ammessi  con  riserva  a  sostenere  l'accertamento  attitudinale.  I
concorrenti che  non  avranno  recuperato,  al  momento  della  nuova
visita, la prevista idoneita' psico-fisica saranno giudicati inidonei
e esclusi dal concorso. Tale giudizio sara' comunicato seduta  stante
agli interessati. 
    7.  Il  giudizio  riportato  negli   accertamenti   sanitari   e'
definitivo.  Pertanto,  i  concorrenti  giudicati  inidonei   saranno
esclusi dal concorso senza  ulteriori  comunicazioni.  Essi  potranno
tuttavia presentare, seduta stante a pena di inammissibilita', presso
lo stesso centro  di  selezione  della  Marina  Militare  di  Ancona,
specifica istanza di riesame di tale  giudizio  di  inidoneita',  che
dovra' poi essere supportata da specifica documentazione rilasciata a
riguardo da struttura sanitaria pubblica,  relativamente  alle  cause
che hanno determinato il giudizio di inidoneita'. Tale documentazione
dovra' improrogabilmente  giungere,  con  le  modalita'  indicate  al
precedente art. 5, comma 3, al  Ministero  della  difesa -  direzione
generale per il Personale Militare, entro il decimo giorno successivo
a quello di effettuazione degli accertamenti psico-fisici. 
    Per ragioni di carattere organizzativo, al fine  di  contrarre  i
tempi delle  procedure  concorsuali,  i  concorrenti  che  presentano
istanza di ulteriori accertamenti sanitari sono ammessi con riserva a
sostenere gli accertamenti attitudinali di cui al successivo art. 11. 
    8. Il mancato inoltro della documentazione sanitaria di  supporto
dell'istanza di ulteriori accertamenti sanitari, con le  modalita'  e
nella tempistica sopraindicata, nonche' le istanze di revisione per i
motivi di inidoneita' di cui  al  precedente  comma  6,  lettera  b),
numeri 3) e 4) determineranno il  mancato  accoglimento  dell'istanza
medesima e il giudizio di  inidoneita'  riportato  al  termine  degli
accertamenti psico-fisici si intendera' confermato. In tal  caso  gli
interessati  riceveranno  apposita  comunicazione  da   parte   della
direzione generale per il Personale Militare. Sara' considerato nullo
l'eventuale  giudizio  di  idoneita'  conseguito  negli  accertamenti
attitudinali sostenuti con riserva. 
    Qualora invece la documentazione sanitaria  giunga  correttamente
alla sopracitata direzione generale, la stessa sara'  valutata  dalla
commissione di cui al precedente art.  7,  comma  1,  lettera  e)  la
quale,  solo  se  lo  riterra'  necessario,  potra'  sottoporre   gli
interessati a ulteriori accertamenti sanitari prima  di  emettere  il
giudizio definitivo. 
    9.  I  concorrenti  giudicati  inidonei  anche  a  seguito  della
valutazione sanitaria di cui al precedente comma 7 o degli  ulteriori
accertamenti sanitari disposti, nonche' quelli  che  rinunceranno  ai
medesimi, saranno esclusi dal concorso. 
                               Art. 11 
 
                      Accertamenti attitudinali 
 
    1.  Al  termine  degli  accertamenti  psico-fisici,  di  cui   al
precedente  art.  10,  i   concorrenti   giudicati   idonei   saranno
sottoposti, a cura della commissione di cui  al  precedente  art.  7,
comma 1, lettera  c),  agli  accertamenti  attitudinali,  consistenti
nello svolgimento di una serie di prove (test, questionari, prove  di
performance, intervista attitudinale individuale)  volte  a  valutare
oggettivamente il possesso dei requisiti necessari  per  un  positivo
inserimento  nella  Forza  Armata  e  nello  specifico  ruolo.   Tale
valutazione -  svolta  con  le  modalita'  che  sono  indicate  nelle
apposite «Norme per gli accertamenti attitudinali» e, con riferimento
alla direttiva tecnica  «Profili  attitudinali  del  personale  della
Marina 
    Militare», emanate rispettivamente dal  Comando  Scuole  e  dallo
Stato   Maggiore   della   Marina    Militare,    vigenti    all'atto
dell'effettuazione degli accertamenti  -  si  articola  in  specifici
indicatori attitudinali per le seguenti aree di indagine: 
      a) area «stile di pensiero»; 
      b) area «emozioni e relazioni»; 
      c) area «produttivita' e competenze gestionali»; 
      d) area «motivazionale». 
    2. A ciascuno degli indicatori attitudinali verra' attribuito  un
punteggio di livello, la cui assegnazione terra' conto della seguente
scala di valori: 
      a) punteggio 1: livello molto scarso dell'indice in esame; 
      b) punteggio 2: livello scarso dell'indice in esame; 
      c) punteggio 3: livello medio dell'indice in esame; 
      d) punteggio 4: livello discreto dell'indice in esame; 
      e) punteggio 5: livello buono/ottimo dell'indice in esame. 
    La commissione assegnera' il punteggio di  livello  finale  sulla
scorta dei punteggi attribuiti nella sintesi psicologica dei  test  e
dei punteggi assegnati in sede di intervista attitudinale individuale
e sara' diretta espressione degli  elementi  preponderanti  emergenti
dai diversi momenti valutativi. 
    3. Al termine  degli  accertamenti  attitudinali  la  commissione
esprimera',  nei  riguardi  di  ciascun  candidato,  un  giudizio  di
idoneita' o inidoneita'. Il giudizio di «inidoneita'» verra' espresso
nel caso in cui  il  concorrente  riporti  un  punteggio  di  livello
attitudinale globale inferiore o  uguale  a  quello  minimo  previsto
dalla vigente normativa tecnica. 
    4.  La  commissione,  seduta  stante,  comunichera'   a   ciascun
concorrente l'esito degli accertamenti attitudinali,  sottoponendogli
il verbale contenente uno dei seguenti giudizi: 
      a) «idoneo quale Ufficiale in  servizio  permanente  del  ruolo
speciale del Corpo Sanitario Militare Marittimo della Marina Militare
ovvero del Corpo delle Capitanerie di Porto della Marina Militare»; 
      b) «inidoneo quale Ufficiale in servizio permanente  del  ruolo
speciale Corpo Sanitario Militare  Marittimo  della  Marina  Militare
ovvero del Corpo delle Capitanerie di Porto  della  Marina  Militare»
con indicazione del motivo. 
    Il  giudizio  riportato  negli   accertamenti   attitudinali   e'
definitivo e non  comporta  attribuzione  di  punteggio  incrementale
utile ai fini della formazione delle graduatorie di merito. Pertanto,
i concorrenti giudicati inidonei saranno esclusi dal concorso. 
                               Art. 12 
 
                     Prove di efficienza fisica 
 
    1.  Al  termine  degli  accertamenti  attitudinali,  di  cui   al
precedente  art.  11,  i   concorrenti   giudicati   idonei   saranno
sottoposti, a cura della commissione di  cui  all'art.  7,  comma  1,
lettera d), alle prove  di  efficienza  fisica,  che  si  svolgeranno
presso il Centro di Selezione della Marina  Militare  di  Ancona  e/o
presso idonee strutture sportive nella sede di Ancona. 
    Detta commissione si  potra'  avvalere,  per  l'esecuzione  delle
singole prove, del supporto di Ufficiali e/o Sottufficiali esperti di
settore della Forza Armata ovvero di esperti di settore esterni  alla
Forza Armata. 
    2.  Alle  prove  di  efficienza  fisica  i  concorrenti  dovranno
presentarsi muniti di tuta da ginnastica, scarpette ginniche, costume
da bagno, accappatoio, ciabatte e cuffia da piscina (in gomma o altro
materiale idoneo), occhialini da piscina (facoltativi). 
    3. Le prove consisteranno in: 
      a) esercizi obbligatori: 
        - nuoto 25 metri (qualunque stile); 
        - piegamenti sulle braccia; 
        - addominali; 
      b) esercizi facoltativi: 
        - corsa piana 2.000 metri; 
        - apnea dinamica. 
    4. Il prospetto delle prove di  efficienza  fisica  e'  riportato
nell'allegato D, che costituisce parte integrante del presente bando.
In tale allegato sono contenute le  modalita'  di  svolgimento  degli
esercizi  nonche'  quelle  di   valutazione   dell'idoneita'   e   di
assegnazione dei punteggi incrementali e le disposizioni in  caso  di
precedente infortunio o di infortunio durante  l'effettuazione  degli
esercizi. 
    Per conseguire l'idoneita' alle prove  di  efficienza  fisica  il
concorrente  dovra'  essere  risultato  idoneo  in  tutte  le   prove
obbligatorie. In caso contrario sara' emesso giudizio di  inidoneita'
alle prove di efficienza fisica,  prescindendo  dal  risultato  delle
prove facoltative. Tale giudizio, che sara' comunicato  per  iscritto
ai concorrenti a cura della commissione di cui all'art. 7,  comma  1,
lettera d), e' definitivo e inappellabile.  Pertanto,  i  concorrenti
giudicati inidonei  saranno  esclusi  dal  concorso  senza  ulteriori
comunicazioni.  Il  mancato  superamento  di  uno  o  piu'   esercizi
facoltativi non determina il giudizio  di  inidoneita'  ma  ad  essi,
qualora eseguiti  dai  concorrenti,  saranno  attribuiti  i  punteggi
incrementali stabiliti dalla tabella  riportata  nell'allegato  D  al
punto 2. 
    La somma di detti punteggi concorrera' sino a un massimo di punti
2,5 alla formazione della graduatoria di merito di cui all' art. 14. 
    5. Al termine delle  prove  di  efficienza  fisica  previste  per
ciascuna giornata, la commissione di cui all'art. 7, comma 1, lettera
d) redigera' il relativo verbale. 
    6. I verbali degli accertamenti psico-fisici, degli  accertamenti
attitudinali e delle  prove  di  efficienza  fisica  dovranno  essere
inviati, dalle rispettive  commissioni,  a  mezzo  corriere,  per  il
tramite del Centro di Selezione della Marina Militare,  al  Ministero
della  difesa,  direzione  generale  per  il  Personale  Militare,  I
Reparto, 1ª Divisione  Reclutamento  Ufficiali  e  Sottufficiali,  2ª
Sezione, viale dell'Esercito n. 180/186 - 00143 Roma, entro il  terzo
giorno dalla conclusione degli accertamenti di tutti i concorrenti. 
                               Art. 13 
 
                             Prova orale 
 
    1. I concorrenti risultati idonei alle prove di efficienza fisica
saranno ammessi a sostenere la prova orale sugli  argomenti  previsti
dal programma riportato nell'allegato A  al  presente  decreto.  Tale
prova avra' luogo presso l'Accademia Navale di Livorno - Viale Italia
n. 72, indicativamente nel mese di giugno/luglio  2018.  I  candidati
ammessi alla prova orale, riceveranno, prima dello svolgimento  della
stessa, comunicazione ai sensi dell'art.  5,  comma  1  del  presente
bando contenente il punteggio conseguito nelle prove scritte e  nella
valutazione dei titoli. 
    2. I concorrenti che  non  si  presentano  nel  giorno  stabilito
saranno considerati rinunciatari e quindi esclusi dal concorso. 
    3. La prova orale si intendera' superata se il concorrente  avra'
ottenuto una votazione non inferiore a 18/30, utile per la formazione
della graduatoria di merito di cui al successivo art. 14. 
    4. I concorrenti idonei alla prova orale, sempreche'  lo  abbiano
chiesto nella domanda di partecipazione al concorso, sosterranno  una
prova orale facoltativa di lingua straniera (non piu' di  due  lingue
scelte fra la francese, l'inglese, la spagnola e la  tedesca),  della
durata massima di quindici minuti per ognuna delle lingue scelte, che
sara' svolta con le seguenti modalita': 
      a) breve colloquio di carattere generale; 
      b) lettura di un brano di senso compiuto, sintesi e valutazione
personale; 
      c) conversazione guidata che abbia come spunto il brano. 
    5. Ai concorrenti che sosterranno detta prova sara' assegnato  un
punteggio aggiuntivo in relazione  al  voto  conseguito  in  ciascuna
delle lingue prescelte, cosi' determinato: 
      a) fino a 20/30 = 0 punti; 
      b) 21/30 = 0,05 punti; 
      c) 22/30 = 0,10 punti; 
      d) 23/30 = 0,15 punti; 
      e) 24/30 = 0,20 punti; 
      f) 25/30 = 0,25 punti; 
      g) 26/30 = 0,30 punti; 
      h) 27/30 = 0,35 punti; 
      i) 28/30 = 0,40 punti; 
      l) 29/30 = 0,45 punti; 
      m) 30/30 = 0,50 punti. 
                               Art. 14 
 
                        Graduatoria di merito 
 
    1. Le graduatorie di merito  degli  idonei,  tenuto  conto  della
ripartizione dei posti a concorso di  cui  all'art.  1  del  presente
decreto,  sara'  formata  dalla  commissione  esaminatrice,   secondo
l'ordine del punteggio conseguito  da  ciascun  concorrente  ottenuto
sommando: 
    a) la media dei punti riportati nelle prove scritte; 
    b) il punteggio riportato nella prova orale; 
    c) l'eventuale punteggio attribuito per i titoli di merito; 
    d) l'eventuale  punteggio  assegnato  per  ciascuna  prova  orale
facoltativa di lingua straniera; 
    e) l'eventuale punteggio attribuito  negli  esercizi  facoltativi
delle prove di efficienza fisica. 
    2. Nel decreto di approvazione della graduatoria si terra' conto,
a parita' di merito, dei titoli di preferenza  previsti  dall'art.  5
del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio  1994,  n.  487,
posseduti alla data di scadenza del termine  di  presentazione  delle
domande  e  dichiarati  nella  domanda   di   partecipazione   o   in
dichiarazione sostitutiva allegata alla  medesima.  A  parita'  o  in
assenza di titoli di preferenza sara' preferito il  concorrente  piu'
giovane d'eta', in applicazione del 2° periodo dell'art. 3, comma  76
della legge n. 127/1997, come aggiunto dall'art. 2,  comma  9,  della
legge n. 191/1998. 
    3. I  posti  eventualmente  non  ricoperti  in  uno  dei  profili
professionali per insufficienza di candidati idonei  potranno  essere
devoluti ai concorrenti idonei negli altri  profili  professionali  a
concorso, secondo l'ordine della graduatoria  di  merito,  ovvero  ai
concorsi per ufficiali dei ruoli speciali dei vari Corpi della Marina
militare, di cui all'art. 655 del decreto legislativo n. 66/2010. 
    Saranno dichiarati vincitori -sempreche' non  siano  sopravvenuti
gli elementi impeditivi di cui al  precedente  art.  1,  comma  2-  i
concorrenti  che,  per  quanto  indicato  nei  commi  precedenti,  si
collocheranno utilmente nella graduatoria di merito. 
    4.  La  graduatoria  approvata  con  decreto  dirigenziale  sara'
pubblicata nel Giornale Ufficiale del Ministero della difesa. Di tale
pubblicazione  sara'  dato  avviso  nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica   italiana.   Inoltre,   sara'   pubblicata    nel    sito
www.persomil.difesa.it e nel portale dei concorsi on-line. 
                               Art. 15 
 
                               Nomina 
 
    1. I  vincitori  del  concorso,  acquisito  l'atto  autorizzativo
eventualmente prescritto, saranno nominati Guardiamarina in  servizio
permanente del ruolo speciale del Corpo Sanitario Militare  Marittimo
o 
    Guardiamarina in servizio permanente del ruolo speciale del Corpo
delle  Capitanerie  di  Porto  con  anzianita'  assoluta  nel   grado
stabilita nel decreto di nomina che sara' immediatamente esecutivo. 
    2. Il conferimento della nomina e' subordinato  all'accertamento,
anche  successivo  alla  nomina,  del  possesso  dei   requisiti   di
partecipazione di cui all'art. 2 del presente bando. 
    3. I vincitori - sempreche' non siano sopravvenuti  gli  elementi
impeditivi di cui al precedente art. 1, comma 2 - saranno invitati ad
assumere servizio in via provvisoria, sotto riserva dell'accertamento
del possesso dei requisiti prescritti per la nomina e del superamento
del corso applicativo di cui al successivo comma. 
    4. Dopo la nomina essi frequenteranno un corso applicativo  della
durata e con le modalita' stabilite dal Comando Scuole  della  Marina
Militare.  All'atto  della  presentazione  al  corso  gli   Ufficiali
dovranno contrarre una ferma di cinque anni decorrente dalla data  di
inizio del corso che avra' pieno effetto, tuttavia, solo all'atto del
superamento del corso applicativo. Il rifiuto di sottoscrivere  detta
ferma comportera' la revoca della  nomina.  Detti  Ufficiali  saranno
sottoposti  a  visita  di  incorporamento  volta  ad   accertare   il
mantenimento dell'idoneita' psicofisica prevista per il  reclutamento
e,  in  tale  sede,  dovranno  presentare  nelle  modalita'  previste
dall'art. 10,  se  non  gia'  prodotto  all'atto  degli  accertamenti
psico-fisici di cui al gia' citato art. 10,  referto  di  analisi  di
laboratorio  concernente  il  dosaggio  del  G6PD.  Inoltre,  saranno
sottoposti alle vaccinazioni obbligatorie  previste  dalla  normativa
sanitaria in ambito militare per il servizio in Patria e  all'estero.
A tale fine dovranno presentare all'atto dell'incorporamento: 
      - il certificato vaccinale infantile  e  quello  relativo  alle
vaccinazioni  effettuate  per  turismo  e  per  attivita'  lavorative
pregresse; 
      - in caso di assenza della relativa vaccinazione,  il  dosaggio
degli anticorpi per morbillo, rosolia e parotite. 
    Informazione  in  ordine  agli  eventuali  rischi  derivanti  dal
protocollo  vaccinale  sara'  resa  ai  vincitori   incorporati   dal
personale sanitario di cui alla Sezione 7, Paragrafo 5),  lettera  a)
della direttiva tecnica 14 febbraio  2008  della  direzione  generale
della Sanita' Militare, recante  «Procedure  applicative  e  data  di
introduzione  delle  schedule  vaccinali  e  delle  altre  misure  di
profilassi». 
    La mancata presentazione  al  corso  applicativo  comportera'  la
decadenza dalla  nomina,  ai  sensi  dell'art.  17  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487. Nel  caso  in  cui
alcuni dei posti a concorso  risulteranno  scoperti  per  rinuncia  o
decadenza di  vincitori,  la  direzione  generale  per  il  Personale
Militare potra' procedere all'ammissione al corso, entro  1/12  della
durata del corso stesso, di  altrettanti  candidati  idonei,  secondo
l'ordine della graduatoria di cui al precedente art. 14. 
    5. Il concorrente di sesso femminile  nominato  Guardiamarina  in
servizio permanente del Corpo Sanitario Militare Marittimo ovvero del
Corpo delle Capitanerie di Porto  che,  trovandosi  nelle  condizioni
previste dall'art. 1494 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66,
non possa frequentare il corso applicativo, sara' rinviato  d'ufficio
al corso successivo. 
    Per  gli  Ufficiali  che   supereranno   il   corso   applicativo
l'anzianita' relativa verra' rideterminata in  base  alla  media  del
punteggio  ottenuto  nella  graduatoria  del  concorso  e  di  quello
conseguito nella graduatoria di fine  corso.  Allo  stesso  modo,  al
superamento del corso applicativo  frequentato,  sara'  rideterminata
l'anzianita' relativa degli Ufficiali di cui al precedente  comma  5,
ferma restando l'anzianita' assoluta di nomina. 
    6. I  frequentatori  che  non  supereranno  o  non  porteranno  a
compimento il corso applicativo: 
      a) se provenienti dal personale in servizio, rientreranno nella
categoria di provenienza.  Il  periodo  di  durata  del  corso  sara'
computato per intero ai fini dell'anzianita' di servizio; 
      b) se provenienti  dalla  vita  civile,  saranno  collocati  in
congedo. 
    7. Agli Ufficiali, una volta ammessi  alla  frequenza  del  corso
applicativo, e ai concorrenti  idonei  non  vincitori  potra'  essere
chiesto di prestare il consenso a essere presi in  considerazione  ai
fini di un eventuale  successivo  impiego  presso  gli  Organismi  di
informazione e sicurezza di cui alla legge 3  agosto  2007,  n.  124,
previa verifica del possesso dei requisiti. 
    8. Gli ufficiali del Corpo delle  Capitanerie  di  Porto  saranno
impiegati nei settori connessi ai servizi d'istituto e in particolare
alla sicurezza della navigazione. 
                               Art. 16 
 
                     Accertamento dei requisiti 
 
    1. Ai fini dell'accertamento dei requisiti di cui  al  precedente
art. 2 del presente decreto, la direzione generale per  il  Personale
Militare provvedera' a richiedere alle Amministrazioni  Pubbliche  ed
Enti competenti la conferma di quanto  dichiarato  nelle  domande  di
partecipazione  al  concorso  e   nelle   dichiarazioni   sostitutive
eventualmente  prodotte.  Inoltre  verra'  acquisito   d'ufficio   il
certificato del casellario giudiziale. 
    2. Fermo restando quanto previsto in materia  di  responsabilita'
penale dall'art. 76 del decreto del Presidente  della  Repubblica  28
dicembre 2000, n. 445, qualora dal controllo  di  cui  al  precedente
comma  1  emerga  la  mancata   veridicita'   del   contenuto   della
dichiarazione, il dichiarante  decadra'  dai  benefici  eventualmente
conseguiti al provvedimento emanato sulla  base  della  dichiarazione
non veritiera. 
                               Art. 17 
 
                             Esclusioni 
 
    La direzione generale per il Personale Militare puo' escludere in
ogni momento dal concorso i concorrenti  che  non  sono  ritenuti  in
possesso dei prescritti  requisiti,  nonche'  dichiarare  i  medesimi
decaduti dalla nomina a Guardiamarina in servizio permanente,  se  il
difetto dei requisiti verra' accertato dopo la nomina. 
                               Art. 18 
 
                     Spese di viaggio - Licenza 
 
    1. Le spese sostenute per i viaggi da e per le sedi delle prove e
degli accertamenti previsti al precedente art. 6 del presente decreto
(comprese quelle eventualmente necessarie  per  completare  la  varie
fasi concorsuali) nonche' quelle sostenute per la  permanenza  presso
le relative sedi di svolgimento sono a carico dei concorrenti,  anche
se militari in servizio. 
    2. I concorrenti, se militari in servizio, potranno fruire  della
licenza straordinaria per esami, compatibilmente con le  esigenze  di
servizio, sino a un massimo di  trenta  giorni,  nei  quali  dovranno
essere computati i giorni di svolgimento  delle  prove  previste  dal
precedente art. 6 del presente decreto, nonche' quelli necessari  per
il raggiungimento della sede ove si svolgeranno dette prove e per  il
rientro in sede. In particolare, detta  licenza,  cumulabile  con  la
licenza ordinaria, potra' essere concessa nell'intera misura prevista
oppure frazionata in piu' periodi, di cui uno non superiore  a  dieci
giorni, per le prove scritte. Qualora il concorrente non sostenga  le
prove d'esame per motivi dipendenti dalla  sua  volonta'  la  licenza
straordinaria sara'  commutata  in  licenza  ordinaria  dell'anno  in
corso. 
                               Art. 19 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
    1. Ai sensi degli articoli 11 e 13  del  decreto  legislativo  30
giugno 2003, n. 196, i dati personali forniti dai concorrenti saranno
raccolti presso il Ministero della difesa, direzione generale per  il
Personale Militare, I Reparto, 1ª Divisione Reclutamento Ufficiali  e
Sottufficiali per le finalita' di gestione  del  concorso  e  saranno
trattati presso una banca dati  automatizzata  anche  successivamente
all'eventuale instaurazione del rapporto di impiego per le  finalita'
inerenti alla gestione del rapporto medesimo. 
    La comunicazione di tali  dati  e'  obbligatoria  ai  fini  della
valutazione dei requisiti di partecipazione. Le medesime informazioni
potranno essere comunicate unicamente alle Amministrazioni  Pubbliche
direttamente  interessate  allo  svolgimento  del  concorso  o   alla
posizione giuridico-economica  del  concorrente,  nonche'  agli  enti
previdenziali. 
    2. Il candidato gode dei diritti di cui  all'art.  7  del  citato
decreto legislativo, tra i quali il diritto di accesso ai dati che lo
riguardano, il  diritto  di  rettificare,  aggiornare,  completare  o
cancellare i dati erronei,  incompleti  o  raccolti  in  termini  non
conformi alla  Legge,  nonche'  il  diritto  di  opporsi  per  motivi
legittimi al loro trattamento. 
    Tali diritti potranno  essere  fatti  valere  nei  confronti  del
direttore  generale  della  direzione  generale  per   il   personale
Militare, titolare  del  trattamento,  che  nomina  responsabile  del
trattamento dei dati, ognuno per la parte di propria competenza: 
      a) i presidenti delle commissioni di concorso; 
      b) il Direttore della 1ª  Divisione  Reclutamento  Ufficiali  e
Sottufficiali della direzione generale medesima. 
    Il presente decreto,  sottoposto  al  controllo  ai  sensi  della
normativa vigente, sara' pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica italiana. 
      Roma, 15 dicembre 2017 
 
                                        il Generale di Corpo d'Armata 
                                                  Gerometta           
 
l'Ammiraglio Ispettore Capo 
          Melone 
                                                           Allegato A 
 
Programma delle prove d'esame del concorso per il reclutamento di due
Guardiamarina in servizio permanente nel  ruolo  speciale  del  Corpo
sanitario  Militare  Marittimo  e tre   Guardiamarina   in   Servizio
 permanente nel ruolo speciale del Corpo delle Capitanerie di Porto. 
 
1. Prove scritte (art. 8 del bando) 
    I concorrenti dovranno sostenere le seguenti prove scritte: 
      a) una prova scritta di cultura generale, della durata  massima
di sei ore, consistente in un elaborato  su  argomenti  di  carattere
generale  e/o  attinente  alle   discipline   storiche,   sociali   e
politico-geografiche; 
      b) una prova scritta  di  cultura  tecnico-professionale  della
durata massima di  6  (sei)  ore,  consistente  in  un  elaborato  su
argomenti previsti dal programma  d'esame  per  la  prova  orale  del
concorso riportato nella parte II del seguente paragrafo 2. 
2. Prova orale (art. 13 del bando) 
    Le commissioni esaminatrici di cui all'art. 7, comma  1,  lettera
a) del bando interrogheranno i concorrenti sulle materie  d'esame  di
seguito riportate. 
    Inoltre solo per i concorrenti in possesso di laurea in  medicina
veterinaria, la prova potra'  essere  integrata  da  un'ispezione  di
alimenti di origine animale su materiale presentato dalla commissione
(il candidato dovra' effettuare una visita  ispettiva  sul  materiale
presentato  dalla  commissione  e  rispondere   alle   interrogazioni
rivoltegli). 
    Parte I - Materie comuni per tutti i concorsi 
      a) Storia (Testo di  riferimento:  «Storia  e  politica  navale
dell'eta' contemporanea»- edito  dall'Ufficio  Storico  della  Marina
Militare) 
        1) la 1ª guerra mondiale: 
    - la gara navale anglo-tedesca all'inizio del novecento  e  nuovi
tipi di unita'; 
    - cause,  lineamenti  generali  del  conflitto,  con  particolare
riferimento alla guerra navale, alle azioni ed  agli  avvenimenti  in
cui e' stata coinvolta la Regia Marina; 
    - il primato informativo inglese e la «Stanza 40»; 
    - l'inizio del conflitto e le azioni di superficie sugli Oceani; 
    - le operazioni nel Mare  del  Nord  fino  alla  battaglia  dello
Jutland; 
    -  la  guerra  nel  Mediterraneo  prima   e   dopo   l'intervento
dell'Italia - azioni nell'Adriatico (con particolare riferimento alle
operazioni dei MAS e dei mezzi insidiosi); 
    - la grande battaglia navale dello Jutland; 
    - la neutralita' e l'intervento degli Stati Uniti; 
    - la guerra sottomarina; 
    - ultime azioni nel Mare del Nord e la vittoria alleata; 
    - le conferenze per il disarmo navale tra le due guerre; 
        2) la 2ª guerra mondiale: 
    - cause,  lineamenti  generali  del  conflitto,  con  particolare
riferimento alla guerra navale, alle azioni ed  agli  avvenimenti  in
cui e' stata coinvolta la Regia Marina; 
    - la politica navale italiana dal 1922 al  1940  e  lo  stato  di
preparazione al conflitto; 
    - l'Italia in guerra. Le battaglie di Punta Stilo e Capo Spada ed
azioni minori; 
    - l'attacco a Taranto e la  fine  della  «guerra  parallela».  Lo
scontro di Capo Teulada e il bombardamento navale di Genova; 
    - la battaglia di Gaudo e Matapan; 
    - le audaci imprese dei mezzi d'assalto italiani e la guerra  dei
convogli; 
    - le operazioni navali mediterranee nel 1942; 
    - l'invasione della Sicilia, l'armistizio e la cobelligeranza; 
      b)  nozioni  sul  personale  e  sui  regolamenti  della  Marina
Militare (decreto legislativo 15  marzo  2010,  n.  66  e  successive
modifiche e integrazioni): 
        1) nozioni sul personale della Marina Militare: 
          i  corpi  della  Marina  Militare  e   le   loro   funzioni
(articoli118÷123,132), la Sanita' militare (articoli181÷195ter, 202 ÷
207),  disposizioni  generali  dei  militari  (articoli  621÷   625),
gerarchia militare (articoli 626÷632),  i  ruoli  (articoli  790÷797,
811, 812), i compiti del personale militare  (articoli  837÷843),  lo
stato giuridico (articoli 851÷858, 861÷935), la ferma e  la  rafferma
(articoli  936÷947,  953÷960),   la   documentazione   caratteristica
(articoli 1025÷1029), l'avanzamento (1030÷1034, 1050÷1060); 
        2) nozioni di regolamenti: 
          la disciplina militare (Titolo VIII del  Libro  quarto  del
D.Lgs n. 66/2010 e Capo I e II  del  Titolo  VIII  del  Libro  quarto
decreto del Presidente della Repubblica n. 90/2010). 
    Parte II - Materie dei  singoli  concorsi  (dalle  quali  saranno
tratti   gli   argomenti   per   la   prova   scritta   di    cultura
tecnico-professionale): 
      a) Per i concorrenti in possesso di laurea  in  biologia  o  in
biotecnologie mediche, veterinarie  e  farmaceutiche  (materie  della
seconda prova scritta e della prova orale): 
        1) biologia generale: 
          - proprieta' dei viventi; 
          - costituzione chimica e fisica della materia vivente; 
          - la classificazione dei viventi; 
    - la cellula: origine, struttura, sviluppo; 
    - le attivita' cellulari; 
    - il nucleo cellulare: forma, dimensioni, numero, funzioni; 
    - la duplicazione del materiale nucleare; 
    -  le  molecole  biologiche:   carboidrati,   lipidi,   proteine,
porfirine, acidi nucleici; 
    -  tessuti  animali:  classificazione  ed  origine  dei  tessuti,
tessuto epiteliale,  tessuto  connettivo,  sangue  e  linfa,  tessuto
muscolare, tessuto nervoso; 
    - lo sviluppo degli organismi; 
    - la riproduzione dei viventi; 
    - lo sviluppo embrionale dei vertebrati; 
    - l'ereditarieta'; 
    - le basi fisiche dell'ereditarieta', le mappe  cromosomiche,  la
genetica molecolare,  la  sintesi  delle  proteine,  la  genetica  di
popolazione, i processi evolutivi, la speciazione; 
    - gli organismi e l'ambiente; 
    -  rapporti   tra   gli   organismi   e   l'ambiente:   simbiosi,
coinquilismo, parassitismo, cicli evolutivi dei parassiti; 
        2) microbiologia: 
    - posizione sistematica; 
    - suddivisione: protozoi, funghi, batteri, rickettsie, virus; 
    - citologia dei batteri; 
    - genetica microbica; 
    - metabolismo microbico; 
    - coltivazione dei microrganismi; 
    - crescita e morte dei microrganismi; 
    - rapporti tra ospite e parassita; 
    - principi di immunologia; 
    - cenni di tecnica batteriologica; 
    - sterilizzazione e disinfezione; 
    - chemioterapici ed antibiotici; 
    - corinebatteri; 
    - pneumococchi; 
    - streptococchi; 
    - stafilococchi; 
    - neisserie; 
    - enterobatteri; 
    - gruppo emophilus-bordetella; 
    - versinie, francisella, pasteurella; 
    - brucelle; 
    - batteri sporigeni aerobi; 
    - batteri sporigeni anaerobi; 
    - microbatteri-actinomiceti; 
    - spirochete; 
    - virus, rickettsie, miceti patogeni, protozoi (cenni). 
    b)  Per  i  concorrenti  in  possesso  di  laurea   in   medicina
veterinaria (materie  della  seconda  prova  scritta  e  della  prova
orale): 
    - legislazione veterinaria; 
    - patologia medica degli animali da reddito; 
    - sanita' pubblica veterinaria; 
    - malattie infettive degli animali da reddito; 
    - ispezione degli alimenti di origine animale; 
    - igiene e tecnologie alimentari; 
    - igiene degli allevamenti e delle produzioni; 
    - normativa  nazionale  ed  europea  relativa  agli  alimenti  di
origine animale e alla sanita' pubblica; 
    - il laboratorio nell'analisi degli alimenti; 
    -   malattie   trasmissibili   di   importanza    internazionale:
«transboundary diseases». 
    c)  Per  i  concorrenti  in  possesso  di  laurea  in  ingegneria
informatica: 
      1) Fondamenti di ingegneria del software (materia della seconda
prova scritta e della prova orale) 
        - Generalita' 
        Verificare  le  conoscenze  di   base   per   l'analisi,   la
progettazione e la realizzazione di sistemi software di qualita'.  La
prova  mira  a  verificare  il  possesso  delle  conoscenze  per   la
modellazione del software e delle tecniche di gestione  dei  progetti
software. La finalita' e' quella di consentire all'Amministrazione di
intervenire fattivamente nelle fasi  del  processo  di  sviluppo  del
software, nell'ambito del dialogo con i fornitori  e  con  i  partner
esterni, oltreche' essere in grado di sviluppare in proprio i sistemi
software. 
        - Indice degli argomenti 
      Introduzione  all'ingegneria  del   software:   definizione   e
principali problematiche. 
      Il processo di sviluppo del software: 
        - Generalita' 
        -  Gli  approcci  prescrittivi:  waterfall,  incrementale,  a
spirale, RAD, per prototipi. 
        - Gli approcci agili: eXtreme Programming, SCRUM 
        - RUP ed MDA 
      Modellazione del software: 
        - Unified Modeling Language 
      Le fasi del processo di sviluppo: 
        - Raccolta ed Analisi dei requisiti 
    - Progettazione 
    - Realizzazione 
    - Validazione 
      Gestione del progetto software: 
    - Differenze tra progetto, processo e prodotto. 
    - Metriche, Organizzazione del team, scheduling di un progetto 
    - Gestione della qualita' e del cambiamento 
      2) Sicurezza  dei  sistemi  informatici  (materia  della  prova
orale) 
        - Generalita' 
        Verificare le conoscenze  che  consentono  di  comprendere  i
diversi aspetti in cui si declina il tema della sicurezza dei sistemi
informatici. Particolare attenzione e'  rivolta  alla  sicurezza  dei
sistemi e a quella delle reti. Si richiede anche una  conoscenza  dal
punto di  vista  normativo,  con  riferimento  a  quanto  attiene  il
panorama giuridico penale e amministrativo in materia. 
        - Indice degli argomenti 
      Introduzione   alla   sicurezza   dei   sistemi    informatici:
definizione e principali problematiche. 
      La crittografia: 
        - concetti di base della crittografia 
        - cifratura simmetrica: gli algoritmi DES e AES 
        - la crittografia a chiave pubblica:  funzioni  hash  sicure,
algoritmo RSA 
        - firma digitale e gestione delle chiavi 
      La sicurezza dei sistemi: 
        - Programmi sicuri ed errori in programmi non malevoli 
        - Codice maligno: virus, worm e cavalli di Troia 
        - Intrusione 
        - La sicurezza del database: controllo degli accessi e tutela
della privacy 
      La sicurezza delle reti: 
        - La sicurezza IP 
        - La sicurezza Web 
        - Il firewall 
      Attacchi informatici e IDS 
        - I principali tipi di attacco (botnet, exploits, man in  the
middle, ddos, ransomware) 
        - Generalita' sugli IDS 
        - IDS basati su host e IDS basati su rete 
        - IDS: vantaggi e svantaggi 
        - IDS e IPS 
      Aspetti gestionali e normativi: 
        - La sicurezza nella normativa italiana 
        - La pianificazione della sicurezza 
        - La posta elettronica certificata 
        - I reati informatici 
      3) Cenni sulle basi di dati (materia della prova orale) 
        - Generalita' 
        Verificare  le  conoscenze  per  la  gestione  dei   DB   che
costituiscono il  patrimonio  informativo  dell'Amministrazione.  Per
quanto riguarda la gestione dei progetti, si  intende  verificare  le
capacita' di elaborazione impiegando  le  principali  tecniche  della
progettazione relazionale. 
        - Indice degli argomenti 
      Il modello relazionale 
      Progettazione coi modelli 
        - E-R 
        - Relazionale 
        - Fisico 
      Forme normali 
      Interrogazione con linguaggio SQL 
      d) Per i  concorrenti  in  possesso  di  laurea  in  ingegneria
elettronica: 
        1) Elettronica (materia della seconda prova scritta  e  della
prova orale) 
        -  Circuiti  lineari:   bipoli   lineari   e   non   lineari.
Amplificatori, loro modelli  e  risposta  in  frequenza.  Teoremi  di
Thevenin  e  di  Miller.  Risposta   in   sequenza   e   nel   tempo.
Rappresentazione grafica della  risposta  infrequenza;  diagrammi  di
Bode; 
        - Diodi: il diodo ed il suo utilizzo circuitale. Il  diodo  a
semiconduttore: struttura e principio fisico, teoria della  giunzione
p-n,  caratteristica  corrente-tensione  e   comportamento   con   la
temperatura. Accumulo di carica e analisi in transitorio. Modello del
diodo nelle varie regioni di funzionamento. Diodi a valanga e  Zener.
Circuiti statici con diodi. Modello del  diodo  per  ampi  e  piccoli
segnali; 
        -  Il  transistore  a  giunzione  (BJT  -  bipolar   junction
transistor):  strutture  e   principio   fisico   di   funzionamento.
Caratteristiche esterne corrente-tensione. Polarizzazione di circuiti
con  transistori,  concetto  di  amplificatore.   Amplificatori   con
transistori   e   circuito   equivalente   per    piccoli    segnali.
Polarizzazione e analisi grafica per circuiti discreti; vari tipi  di
connessione con emettitore, con base  o  con  collettore  comune.  Il
comportamento per ampi segnali. Problemi connessi  alla  dissipazione
di potenza nei transistor, calcolo  del  dissipatore  necessario,  la
connessione Darlington; 
        -  Transistore  JFET  (junction   field-effect   transistor):
caratteristiche di uscita del FET, vari tipi di  connessione  (source
comune, gate comune, drain comune),  polarizzazione  dei  transistor,
circuito equivalente per piccoli segnali, amplificatore  per  piccoli
segnali,  comportamento  degli  amplificatori  nei   vari   tipi   di
connessione. Analisi in frequenza; 
        - FET metallo-ossido-semiconduttore  (MOSFET):  il  MOSFET  a
svuotamento; strutture, principio fisico, caratteristiche. Il  MOSFET
ad accumulo;  polarizzazione  del  MOSFET  ad  accumulo  in  circuiti
discreti. Amplificatori per piccoli segnali con MOSFET. Amplificatori
a  stadio  singolo  con  sorgente,  con  gate  e  con  drain  comune.
Amplificatori MOS integrati come carichi  attivi.  Amplificatori  con
CMOS  (complementary  metal-oxide   semiconductor).   Le   porte   di
trasmissione lineari con MOS; 
        - Circuiti digitali MOS: caratteristica, capacita',  tensione
della  struttura  MOS.  Condizioni  di  accumulazione,  inversione  e
svuotamento. La caratteristica dell'invertitore. L'invertitore  CMOS.
Circuiti logici con CMOS. Il circuito bistabile. Generatori di  forme
d'onda. Memorie ad accesso casuale (RAM) e  memorie  a  sola  lettura
(ROM); 
        - Amplificatore differenziale a transistor: guadagno di  modo
differenziale e di modo comune, CMMR (common mode  rejection  ratio),
caratteristiche   degli   amplificatori    operazionali    integrati,
configurazione invertente e non invertente; 
        -  Amplificatori  operazionali:  amplificatori   operazionali
ideali e relative funzioni circuitali. La retroazione. Configurazioni
invertenti e non invertenti.  Effetti  del  guadagno  e  della  banda
fmiti.  Proprieta'  degli  amplificatori  reazionati,  effetti  della
retroazione  sul  guadagno,  la  distorsione,  la   banda   passante,
amplificatori ad un polo, due poli, piu' di due poli, cenni su metodi
analitici di stabilizzazione del guadagno (criteri di Nyquist  e  del
luogo delle radici), compensazione  a  polo  dominante.  Integratori,
derivatori, comparatori, stabilita' e compensazione; 
        - Oscillatori:  principio  di  funzionamento,  oscillatori  a
ponte di Wien, a rete di  sfasamento,  di  Hartley,  di  Colpitts,  a
quarzo, generatori di onda quadra e di impulsi,  convertitori  A/D  e
D/A, cenni sul teorema del campionamento; 
        - Circuiti logici: circuiti logici di base (porte:  AND,  OR,
NOT, NAND, XOR,  XNOR)  famiglie  logiche  (TTL,  ECL,  CMOS,  NMOS),
flip-flop (RS, JK,  D,  T,  master  -  slave);  reti  combinatorie  e
sequenziali,  circuiti  logici  e  aritmetici,  memorie  statiche   e
dinamiche, EPROM, E2PROM. Dispositivi PAL, ASIC e FPGA  e  cenni  sul
VHDL. 
      2) Radiocomunicazioni (materia della prova orale) 
        -  Spettro  radio,  campo  a  grande  distanza,  funzione  di
radiazione,  direttivita',  guadagno  e  area  utile  di  un'antenna,
formula di radiotrasmissione in spazio libero, aleatorieta' del mezzo
trasmissivo; 
        - I disturbi  nei  radio  sistemi,  rumore  gaussiano  bianco
additivo, rapporto segnale  rumore,  bilancio  di  radiocollegamento,
qualita' e disponibilita'; 
        -  Caratteristiche  della  propagazione  reale,  propagazione
troposferica,  propagazione  normale  in  atmosfera  reale,   effetto
condotto; 
        - Evanescenze (fading) da  cammini  multipli,  fading  piatto
profondo,  scintillazioni  e  cenno  sulle   evanescenze   selettive,
collegamenti in diversita'  di  spazio  e  di  frequenza,  fading  da
idrometeore; 
        - Assorbimento atmosferico, riflessione su terra piana  e  su
terra sferica, diffrazione e ellissoide di Fresnel, disturbi  captati
dall'antenna,  rumore  cosmico,  rumore  atmosferico  e  rumore   del
terreno; 
        - Impianti  ricetrasmittenti  per  radiocomunicazioni  mobili
nelle bande MF, HF, VHF e UHF, modulazioni  AM,  SSB  e  FM,  sistemi
riceventi e  trasmittenti,  principali  caratteristiche  dei  sistemi
riceventi   e   trasmettenti   AM,   SSB   e   FM,   problema   della
intermodulazione e della desensibilizzazione del ricevitore; 
        - Stadi per  grandi  segnali,  traslatori  di  frequenza  per
mescolamento, mixer, moltiplicatori di frequenza, l'amplificatore  IF
e il principio di funzionamento del PLL, risposta a un errore di fase
e di frequenza, rumore additivo, risposta ad  un  tono  interferente,
stabilita' del PLL, specifiche di progetto di un PLL,  il  rivelatore
di fase (moltiplicatore  analogico  a  quattro  quadranti,  cella  di
Gilbert,  porta  EXOR,  cella  SR),  il  rivelatore   fase-frequenza,
l'oscillatore controllato in tensione (VCO), lo sfasatore di 90'; 
        - Controllo di guadagno, demodulatori di segnali  in  formato
AM, SSB e FM; antenne per radiocomunicazioni: tipologie e  principali
caratteristiche, sistemi per accoppiamento  di  antenne  riceventi  e
trasmittenti;  compatibilita'  elettromagnetica  nelle  comunicazioni
radio, interferenze interne a un  apparato,  interferenze  e  rumore,
suscettivita'  ed  emissione,  rumore   elettromagnetico,   emissione
elettromagnetica; 
        - Tipi di sorgenti  di  rumore,  EMC  nei  cablaggi  (effetti
capacitivi  ed  effetti   induttivi),   schermi   per   accoppiamenti
induttivi, effetto dello schermo induttivo, schermi per  sorgenti  di
campo; 
        - Circuiti di massa e di terra, massa di sicurezza, massa  di
segnale, analisi delle masse di segnale, masse  multiple  funzionali,
massa dell'hardware, schermi  per  amplificatori,  anelli  di  massa,
soppressore di modo comune, schermo di guardia, circuiti  bilanciati,
filtraggio dell'alimentazione; 
        - Sistemi in ponte radio:  Il  mezzo  radio,  caratteristiche
trasmissive. Parametri caratteristici delle  antenne.  I  modelli  di
canale. Aspetti  della  propagazione  nella  gamma  delle  microonde.
Modulazione di una portante per la trasmissione dell'informazione  in
sistemi analogici e numerici. Descrizione  dei  trasmettitori  e  dei
ricevitori. 
        - Sistemi di comunicazione via satellite: caratteristiche del
sistema di comunicazione via satellite.  I  satelliti  geostazionari.
Caratteristiche  delle  apparecchiature  di   terra   e   di   bordo.
Applicazioni delle comunicazioni  satellitari  in  ambito  marittimo.
Funzionamento  del  trasponder.  Tecniche  di  accesso   al   canale.
Equazioni del collegamento di  uplink  e  downlink.  I  satelliti  in
orbita bassa. 
      3) Reti di telecomunicazione (materia della prova orale) 
        - Basi teoriche della  trasmissione:  mezzi  trasmissivi,  il
sistema  telefonico,  Framing,  gestione  degli  errori,  codici  per
rilevamento e correzione degli errori. 
        - Gestione della  sequenza  di  trasmissione  e  del  flusso:
protocolli unidirezionali e  bidirezionali,  protocolli  HDLC,  SLIP,
PPP, protocolli di accesso al mezzo trasmissivo: ALOHA, CSMA/CD,  gli
standard IEEE 802; 
        - Reti locali e metropolitane: schemi di accesso, protocolli,
topologie ed apparati. IEEE 802. Token  bus,  Token  ring,  Ethernet,
FDDI, DQDB. 
        - Reti locali senza fili: Bluetooth, 802.11, HiperLAN.  Cenni
alle reti di sensori; 
        - ATM: struttura cella, Protocol Reference  Model.  Strutture
di commutazione veloce. Controllo del traffico in reti ATM; 
        - Il modello  TCP/IP  e  Internet:  reti  a  commutazione  di
circuito  e  di  pacchetto.  Le   operazioni   di   instradamento   e
commutazione. Architetture di comunicazione a strati e  i  protocolli
di comunicazione.  Struttura  di  rete.  Il  modello  di  riferimento
ISO/OSI,  internet  protocol  suite.  Concetto  di   «best   effort».
Indirizzamento, routing. I protocolli UDP, RTP, RTCP per garantire le
prestazioni. Evoluzione verso IPv6. 
        - Il problema della sicurezza nelle reti IP: Ipsec.  Apparati
di rete; 
        - Internetworking: internet protocol, Header IP,  tabelle  di
routing IP, subnet addressing,  network  address  translation  (NAT).
Configurazione apparati di rete (Switch, Router, Firewall). Il  multi
casting su reti a pacchetto. Le problematiche di instradamento e  gli
strumenti forniti dalla teoria dei grafi. I protocolli per il routing
multi cast impiegati nelle reti IP; 
        - Protocolli per la sicurezza: protocolli  di  autenticazione
(Kerberos,  CHAP,  EAP,  AAA,  RADIUS,   Diameter).   Protocolli   di
comunicazione sicura a livello Ip (IPsec), a livello di  trasporto  e
applicativo (SSL/TLS/HTTPS, SSH). Reti private  virtuali  (VPN/IPsec,
L2TP). Vulnerabilita' dei protocolli TCP/IP, tipologie di attacchi  e
possibili contromisure (sniffing, network e port scanning,  spoofing,
flooding, buffer overflow, etc). Intrusion  Detection  System  (IDS).
Firewalls (packet filtering, application level gateways, proxy,  NAT,
bastion host, DMZ) ed esempi di  configurazioni  rete.  Sicurezza  in
ambiente mobile IEEE 802.11 (WEP,  IEEE802.1x,  IEEE802.11i,  Captive
Portals); 
        - Sistemi radiomobili: descrizione delle strutture  di  rete,
delle interfacce radio e delle tecniche  di  trasmissione  utilizzate
nei principali sistemi di comunicazione radiomobili (GSM-GPRS,  UMTS,
WiMax). 
 
                                                           Allegato D 
 
                     Prove di efficienza fisica 
 
1. Esercizi obbligatori art. 12 comma 3 lettera a): 
 
=====================================================================
|                 |  Concorrenti di  | Concorrenti di  |            |
|     Esecizi     |  sesso maschile  | sesso femminile |   Esito    |
+=================+==================+=================+============+
|Addominali (tempo|                  |                 |            |
|massimo di 2')   |       ≥ 22       |      ≥ 19       |   Idoneo   |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
|                 |       < 22       |      < 19       |  Inidoneo  |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
|Nuoto 25 metri   |                  |                 |            |
|(qualsiasi stile)|      ≤ 30''      |     ≤ 32''      |   Idoneo   |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
|                 |      > 30''      |     > 32''      |  Inidoneo  |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
|Piegamenti sulle |                  |                 |            |
|braccia (tempo   |                  |                 |            |
|massimo di 2')   |       ≥ 13       |      ≥ 10       |   Idoneo   |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
|                 |       < 13       |      < 10       |  Inidoneo  |
+-----------------+------------------+-----------------+------------+
 
2. Esercizi facoltativi art. 12 comma 3 lettera b): 
 
=====================================================================
|           | Parametri di  |                          |            |
|           |  riferimento  |       Parametri di       |            |
| Esercizi  |    Maschi     |   riferimentoFemmine     | Punteggio  |
+===========+===============+==========================+============+
|Corsa piana|               |                          |            |
|2000 metri*|   ≤ 09'30''   |≤ 10'30''                 | 1,25 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|           |  > 09'30'' ≤  |                          |            |
|           |    10'00''    |> 10'30'' ≤ 11'00''       |  1 punto   |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|           |  > 10'00'' ≤  |                          |            |
|           |    10'30''    |> 11'00'' ≤ 11'30''       | 0,70 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|           |  > 10'30'' ≤  |                          |            |
|           |    11'00''    |> 11'30'' ≤ 12'00''       | 0,35 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|   Apnea   |               |                          |            |
| Dinamica  |               |                          |            |
|    (da    |               |                          |            |
| eseguire  |               |                          |            |
| nel tempo |               |                          |            |
|massimo di |               |                          |            |
|    2')    |    ≥ 19 m     |≥ 18 m                    | 1,25 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|           |< 19 m e ≥ 14 m|< 18 m e ≥ 13 m           | 0,80 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
|           |< 14 m e ≥ 9 m |< 13 m e ≥ 8 m            | 0,35 punti |
+-----------+---------------+--------------------------+------------+
 
(*) Su pista di atletica o in terra battuta  o  comunque  su  terreno
vario sostanzialmente pianeggiante. 
3. Modalita' di svolgimento delle prove di efficienza fisica 
    Le modalita' di esecuzione  delle  prove  saranno  illustrate  ai
concorrenti prima della loro effettuazione, dalla commissione. 
      a. Prova di nuoto. 
        Il concorrente, che avra' avuto cura di mangiare in tempi e/o
quantita' tali da non ingenerare il rischio  di  congestione,  dovra'
indossare il costume da bagno, cuffia e occhialini da piscina (questi
ultimi facoltativi).  Per  essere  giudicato  idoneo  alla  prova  il
concorrente, al segnale di partenza (che coincidera' con lo start del
cronometro), dovra' iniziare la prova, con partenza e stile a scelta,
senza ricorrere ad alcun appoggio sui galleggianti divisori di corsia
eventualmente presenti (pena il giudizio di inidoneita' alla  prova),
e  percorrere  la  distanza  di  25  metri  entro  il  tempo  massimo
sopraindicato. 
      b. Piegamenti sulle braccia. 
        Il  concorrente  dovra'  indossare  tuta  da  ginnastica  e/o
maglietta e idonee scarpe da ginnastica. Dovra' iniziare la prova  in
posizione prona,  completamente  disteso  con  il  palmo  delle  mani
poggiato sul pavimento direttamente  sotto  il  punto  esterno  delle
spalle, le gambe unite e con la punta dei piedi in appoggio a  terra.
Per essere giudicato idoneo alla prova il concorrente, al segnale  di
partenza (che  coincidera'  con  lo  start  del  cronometro),  dovra'
eseguire, entro il limite massimo di 2 minuti e  senza  soluzione  di
continuita', un numero  maggiore  o  uguale  a  10  piegamenti  sulle
braccia con le seguenti modalita': 
          - sollevare da  terra  il  corpo  (capo  -  tronco  -  arti
inferiori)  in  posizione  allineata,  estendendo  completamente   le
braccia; 
          - una volta raggiunta la posizione  di  massima  estensione
delle braccia, abbassare il corpo (capo - tronco - arti inferiori) in
posizione allineata, piegando le braccia fino a sfiorare il pavimento
con il petto e con il viso; 
          - ripetere i piegamenti senza interruzioni. 
        Un  membro  della  commissione,  osservatore  dell'esercizio,
provvedera' al conteggio a voce alta dei soli esercizi  correttamente
eseguiti dal concorrente, non conteggera' invece quelli  eseguiti  in
maniera scorretta e comunichera' lo scadere del tempo disponibile per
la prova. 
      c. Addominali. 
        Esecuzione  di  un  numero  maggiore  o   uguale   a   quello
sopraindicato di flessioni del tronco entro il limite  massimo  di  2
minuti, con le seguenti modalita' di esecuzione: 
          - partenza dalla posizione supina,  mani  dietro  la  nuca,
gambe flesse e piedi bloccati da altro concorrente; 
          - sollevare il tronco fino a portarlo oltre la verticale; 
          - da tale posizione, senza riposare, riabbassare il  tronco
fino a sfiorare con la nuca il pavimento e rialzarlo, senza riposare. 
        Un  membro  della  commissione,  osservatore  dell'esercizio,
conteggera' a voce  alta  gli  esercizi  eseguiti  correttamente  dal
concorrente,  non  conteggera'  invece  quelli  eseguiti  in  maniera
scorretta e comunichera' lo scadere  del  tempo  disponibile  per  la
prova. 
      d. Corsa piana di metri 2.000. 
        Per essere giudicato idoneo alla prova, il  candidato  dovra'
eseguire la corsa piana nel tempo massimo  indicato  in  tabella.  Un
membro o collaboratore della commissione, osservatore dell'esercizio,
cronometrera' il tempo impiegato dai candidati. A  ciascun  candidato
che completera' l'esercizio la commissione  assegnera'  un  punteggio
secondo i criteri stabiliti nella tabella precedente. 
      e. Apnea dinamica. 
        Per essere giudicato idoneo alla prova, il  candidato  dovra'
nuotare in apnea con il corpo totalmente immerso nel tempo massimo di
2 minuti, partendo da fermo senza l'ausilio  della  spinta  da  bordo
piscina e senza mai uscire dall'acqua. Un membro  della  commissione,
osservatore dell'esercizio, provvedera' alla misurazione del percorso
effettuato e comunichera' lo scadere del  tempo  disponibile  per  la
prova. La commissione  assegnera'  il  punteggio  secondo  i  criteri
stabiliti nella tabella precedente. 
4. Modalita' di valutazione dell'idoneita' alle prove  di  efficienza
fisica 
    Per essere giudicato idoneo alle prove di  efficienza  fisica  il
concorrente dovra' essere risultato idoneo in ciascuna delle prove di
efficienza fisica obbligatorie. 
    Qualora il concorrente non consegue l'idoneita' anche in una sola
prova obbligatoria, sara' giudicato inidoneo alle prove di efficienza
fisica prescindendo dal risultato delle eventuali prove  facoltative.
Tale giudizio, definitivo e inappellabile,  comportera'  l'esclusione
dal concorso. 
    Il mancato superamento di uno o  piu'  esercizi  facoltativi  non
determina il giudizio di inidoneita' ma ad essi, qualora eseguiti dai
concorrenti, saranno attribuiti  i  punteggi  incrementali  stabiliti
dalla tabella precedente. 
    La somma di detti punteggi concorrera'  sino  ad  un  massimo  di
punti 2,5, alla formazione della graduatoria di merito  di  cui  all'
art. 14. 
5. Disposizioni in caso di impedimento per infortunio 
    I concorrenti affetti da  postumi  di  infortuni  precedentemente
subiti potranno portare al  seguito  ed  esibire,  prima  dell'inizio
delle prove, idonea certificazione medica che  sara'  valutata  dalla
commissione per  le  prove  di  efficienza  fisica.  Questa,  sentito
l'Ufficiale  medico,   adottera'   le   conseguenti   determinazioni,
eventualmente   autorizzando   il   differimento   ad   altra    data
dell'effettuazione delle prove. 
    I  concorrenti  che  prima  dell'inizio  delle  prove   dovessero
accusare una indisposizione  o  che  dovessero  infortunarsi  durante
l'esecuzione di uno degli esercizi dovranno informare  immediatamente
la  commissione  la  quale,  sentito  l'Ufficiale  medico  designato,
adottera' le conseguenti determinazioni. 
    Non saranno prese in considerazione richieste di  differimento  o
di ripetizione delle prove formulate o da parte  di  concorrenti  che
abbiano portato comunque a compimento, anche se con  esito  negativo,
le prove di efficienza fisica. 
    I concorrenti che, nei casi sopraindicati, hanno  ottenuto  dalla
commissione l'autorizzazione al  differimento  dell'effettuazione  di
tutte o di parte delle prove di efficienza fisica, saranno  convocati
-mediante  avviso   inserito   nell'area   pubblica   della   sezione
comunicazioni del portale dei concorsi- per sostenere tali  prove  in
un'altra data. Tale data non potra', in alcun caso, essere successiva
al ventesimo giorno a decorrere dalla data  originariamente  prevista
per l'esecuzione delle prove fisiche (estremi inclusi). 
    Ai    concorrenti    che    risulteranno    impossibilitati     a
effettuare/completare le prove anche nel giorno indicato nella  nuova
convocazione ricevuta o che non si presenteranno a sostenere le prove
in tale data, la commissione attribuira' il giudizio  di  inidoneita'
alle prove di efficienza fisica. 
    Tale giudizio, che e' definitivo,  comportera'  l'esclusione  dal
concorso senza ulteriori comunicazioni.