.

Concorso per 1 categoria d area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati (molise) UNIVERSITA' DEL MOLISE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana N. 78 del 13-10-2017
Sintesi: UNIVERSITA' DEL MOLISE Concorso (Scad. 13 novembre 2017) Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di personale da inquadrare nella categoria D, posizione economica D1, area tecnica, ...
Ente: UNIVERSITA' DEL MOLISE
Regione: MOLISE
Provincia: CAMPOBASSO
Comune: CAMPOBASSO
Data di pubblicazione 13-10-2017
Data Scadenza bando 13-11-2017
Condividi

UNIVERSITA' DEL MOLISE

Concorso (Scad. 13 novembre 2017)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di personale da inquadrare nella categoria D, posizione economica D1, area tecnica, tecnico scientifica ed elaborazione dati, con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato, della durata di trentasei mesi, in regime orario part-time al 50% (cod. 7/2017).

 
                             IL RETTORE 
 
    Visto il decreto del Presidente della  Repubblica  n.  3  del  10
gennaio 1957 relativo al «Testo unico delle disposizioni  concernenti
lo statuto degli impiegati civili dello Stato»; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica  n.  686  del  3
maggio 1957 recante  «Norme  di  esecuzione  del  testo  unico  delle
disposizioni sullo statuto degli impiegati civili dello Stato»; 
    Vista la legge n. 370 del 23 agosto 1988 relativa alla «Esenzione
dall'imposta di bollo per le domande  di  concorso  e  di  assunzione
presso le amministrazioni pubbliche»; 
    Vista la legge n. 168 del 9 maggio 1989 istitutiva del  Ministero
dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica; 
    Vista la legge n. 241 del 7 agosto 1990 recante «Nuove  norme  in
materia di procedimento amministrativo e di  diritto  di  accesso  ai
documenti amministrativi» e successive modificazioni ed integrazioni; 
    Vista la legge n. 125 del 10 aprile 1991  relativa  alle  «Azioni
positive per la realizzazione della parita' uomo-donna nel lavoro»; 
    Vista  la  legge  n.  104  del  5  febbraio  1992  e   successive
modificazioni ed integrazioni, in materia di assistenza, integrazione
sociale e diritti delle persone disabili; 
    Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 174
del  7  febbraio  1994  riguardante  il  «Regolamento  recante  norme
sull'accesso dei cittadini degli Stati membri dell'Unione europea  ai
posti di lavoro presso le amministrazioni pubbliche»; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica  n.  487  del  9
maggio 1994 recante «Norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche
amministrazioni e le  modalita'  di  svolgimento  dei  concorsi,  dei
concorsi unici  e  delle  altre  forme  di  assunzioni  nei  pubblici
impieghi» e successive modificazioni ed integrazioni; 
    Vista la legge n. 127 del 15 maggio 1997  relativa  alle  «Misure
urgenti  per  lo  snellimento  dell'attivita'  amministrativa  e  dei
procedimenti di decisione e di controllo» e successive  modificazioni
ed integrazioni; 
    Vista la legge n. 449 del 27 dicembre 1997 recante «Misure per la
stabilizzazione della finanza pubblica» ed in particolare l'art.  51,
commi 4 e 5; 
    Vista la legge n. 191 del 16 giugno 1998 relativa alle «Modifiche
ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n.
127, nonche' norme in materia di formazione del personale  dipendente
e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni.  Disposizioni
in materia di edilizia scolastica»; 
    Vista la legge n. 28 del  18  febbraio  1999  ed  in  particolare
l'art. 19 «Esenzione dall'imposta di  bollo  per  copie  conformi  di
atti»; 
    Visto il decreto del Presidente della Repubblica n.  445  del  28
dicembre 2000 relativo al «Testo unico delle disposizioni legislative
e  regolamentari  in  materia  di  documentazione  amministrativa»  e
successive modificazioni ed integrazioni; 
    Visto il decreto legislativo n. 165 del  30  marzo  2001  recante
«Norme generali sull'ordinamento del  lavoro  alle  dipendenze  delle
amministrazioni   pubbliche»   e    successive    modificazioni    ed
integrazioni; 
    Visto il decreto legislativo n. 215  dell'8  maggio  2001  ed  in
particolare l'art. 18 «Riserve di posti  per  i  volontari  in  ferma
prefissata e in ferma breve», commi 6 e 7 e successive modificazioni; 
    Visto il decreto legislativo n. 368 del 6 settembre 2001 relativo
alla «Attuazione  della  direttiva  1999/70/CE  relativa  all'accordo
quadro sul lavoro a tempo determinato concluso dall'UNICE, dal CEEP e
dal CES»; 
    Vista la legge n. 3 del 16  gennaio  2003  recante  «Disposizioni
ordinamentali in materia di pubblica amministrazione»; 
    Visto  il  decreto  legislativo  n.  196  del  30   giugno   2003
riguardante il «Codice in materia di protezione dei dati personali»; 
    Visto il decreto legislativo n. 236 del  31  luglio  2003  ed  in
particolare l'art. 11 «Modifiche all'art. 26 del decreto  legislativo
n. 215/2001»; 
    Vista la legge n. 43 del 31 marzo 2005 relativa alla «Conversione
in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7,
recante disposizioni urgenti per l'universita' e la  ricerca,  per  i
beni e le attivita' culturali, per il completamento di  grandi  opere
strategiche, per la mobilita' dei pubblici  dipendenti,  nonche'  per
semplificare gli adempimenti relativi a imposte di bollo e  tasse  di
concessione. Sanatoria  degli  effetti  dell'art.  4,  comma  1,  del
decreto-legge 29 novembre 2004, n. 280»; 
    Visto   il   «Regolamento   per   l'assunzione    di    personale
tecnico-amministrativo a tempo  determinato  per  lo  svolgimento  di
attivita' connesse a programmi di  ricerca  e  per  l'attivazione  di
infrastrutture tecniche complesse o per la realizzazione di specifici
progetti di miglioramento dei servizi offerti»  emanato  con  decreto
rettorale n. 850 del 26 maggio 2005» per quanto applicabile; 
    Vista la legge n. 266 del 23  dicembre  2005  ed  in  particolare
l'art. 1, comma 188, che stabilisce che sono fatte comunque salve  le
assunzioni  a  tempo  determinato  e  la  stipula  di  contratti   di
collaborazione coordinata e continuativa per l'attuazione di progetti
di  ricerca  e  di  innovazione  tecnologica   ovvero   di   progetti
finalizzati al miglioramento  di  servizi  anche  didattici  per  gli
studenti,  i  cui  oneri  non  risultino  a  carico  dei  bilanci  di
funzionamento degli enti o del Fondo di finanziamento  degli  enti  o
del Fondo di finanziamento ordinario delle universita'; 
    Visto il decreto ministeriale n. 362 del 3 luglio  2007  relativo
alla «Attuazione  art.  1-ter  (programmazione  e  valutazione  delle
Universita'), comma 2, del  decreto-legge  31  gennaio  2005,  n.  7,
convertito nella legge 31 marzo 2005, n. 43, definizione delle  linee
generali di indirizzo della programmazione delle Universita'  per  il
triennio 2007-2009»; 
    Visto il decreto ministeriale n. 506 del 18 ottobre 2007 relativo
alla «Attuazione  art.  1-ter  (programmazione  e  valutazione  delle
Universita'), comma 2, del  decreto-legge  31  gennaio  2005,  n.  7,
convertito nella legge 31 marzo  2005,  n.  43  -  individuazione  di
parametri e criteri (indicatori) per il monitoraggio e la valutazione
(ex  post)  dei  risultati  dell'attuazione   dei   programmi   delle
Universita'»; 
    Vista  la  legge  n.  133  del  6  agosto  2008   relativa   alla
«Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno
2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico,
la  semplificazione,  la  competitivita',  la  stabilizzazione  della
finanza pubblica e la perequazione tributaria»; 
    Visto il Contratto collettivo nazionale di  lavoro  del  comparto
universita' sottoscritto il 16  ottobre  2008  quadriennio  normativo
2006-2009 e biennio economico 2008-2009 attualmente  vigente,  ed  in
particolare l'art. 22 «Assunzioni a tempo determinato»; 
    Visto il «Regolamento di Ateneo concernente  i  provvedimenti  di
selezione     pubblica     per     l'assunzione     di      personale
tecnico-amministrativo a tempo  indeterminato»  emanato  con  decreto
rettorale n. 89 del 30 gennaio 2009 per quanto applicabile; 
    Visto il decreto legislativo  n.  150  del  27  ottobre  2009  in
materia di «Ottimizzazione della produttivita' del lavoro pubblico  e
di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni»; 
    Visto il decreto legislativo n. 66 del 15 marzo 2010  in  materia
di «Codice dell'ordinamento militare» ed in particolare gli  articoli
678 comma 9 e 1014 commi 3 e 4 che prevedono una riserva obbligatoria
del 30% dei posti messi a concorso a favore dei  militari  di  truppa
delle Forze armate, congedati senza demerito  dalle  ferme  contratte
anche  al  termine  o  durante  le  rafferme  e  degli  ufficiali  di
complemento in ferma biennale e degli ufficiali in  ferma  prefissata
che hanno completato senza demerito la ferma contratta; 
    Considerato che nelle precedenti procedure  concorsuali  a  tempo
determinato, categoria D, attivate dall'Ateneo sono maturate frazioni
di posto tali da generare la riserva  a  favore  delle  categorie  di
volontari delle Forze armate in ferma breve o in ferma prefissata  di
cui al decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66 corrispondente a 0,80; 
    Considerato  che  la  presente  procedura  concorsuale  a   tempo
determinato, categoria D, genera altresi' una frazione di 0,30 per la
riserva dei posti alle categorie di volontari delle Forze  armate  di
cui al decreto legislativo 15 marzo 2010 n.  66  e  che  pertanto  la
riserva totale e' pari a 1,10; 
    Ritenuto di riservare, per la presente  procedura  concorsuale  a
tempo determinato,  categoria  D,  un  posto  alle  categorie  appena
richiamate; 
    Precisato che la frazione di  0,10  che  residua  dalla  suddetta
procedura concorsuale a tempo determinato, categoria D, potra' essere
cumulata con frazioni residuali di successive procedure concorsuali a
tempo determinato, categoria D, da  riservare  alle  categorie  sopra
richiamate; 
    Visto il decreto legislativo n. 20 del 24 febbraio 2012  relativo
alle «Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 15 marzo 2010,
n. 66»; 
    Visto il decreto-legge  n.  76  del  28  giugno  2013  nel  testo
integrato dalla legge di conversione n. 99 del 9 agosto 2013  recante
«Primi interventi urgenti  per  la  promozione  dell'occupazione,  in
particolare giovanile, della coesione sociale, nonche' in materia  di
Imposta  sul  valore  aggiunto  (IVA)  e  altre  misure   finanziarie
urgenti»; 
    Vista la legge n. 97 del 6 agosto 2013 recante «Disposizioni  per
l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza  dell'Italia
all'Unione europea - legge europea 2013» e in  particolare  l'art.  7
che modifica la disciplina in materia di accesso ai posti  di  lavoro
presso le pubbliche amministrazioni; 
    Visto il decreto-legge n. 101 del 31 agosto 2013 convertito nella
legge n. 125 del 30 ottobre 2013 recante «Disposizioni urgenti per il
perseguimento  di  obiettivi  di  razionalizzazione  nelle  pubbliche
amministrazioni»; 
    Visto  il  decreto-legge  n.  104  del  12  settembre  2013  come
modificato dalla legge di conversione n.  128  dell'8  novembre  2013
recante «Misure urgenti  in  materia  di  istruzione,  universita'  e
ricerca»; 
    Visto lo Statuto dell'Universita' degli studi del Molise, emanato
con decreto rettorale n. 790, prot. n. 18642, del 20 settembre 2016; 
    Visto il decreto legislativo n. 75 del  25  maggio  2017  recante
«Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30  marzo  2001  n.
165, ai sensi degli articoli 16, commi 1, lettera a),  e  2,  lettere
b), c), d) ed e) e 17, comma 1, lettere a), c), e), f), g),  h),  l),
m), n), o), q), r), s) e z) della legge 7 agosto  2015,  n.  124,  in
materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche»; 
    Letta la delibera del consiglio di amministrazione del 27  giugno
2017 con la quale, tra  l'altro,  e'  stata  approvata  l'attivazione
della procedura per il reclutamento di due  unita'  di  personale  di
categoria    D,    posizione    economica    D1,    area     tecnica,
tecnico-scientifica ed elaborazione  dati,  con  rapporto  di  lavoro
subordinato a tempo determinato, in regime orario part-time  al  50%,
della durata di 36 mesi per il supporto alle  attivita'  connesse  al
progetto  comunitario  ERASMUS  +  e  alle   attivita'   del   Centro
linguistico di Ateneo; 
    Vista la necessita' di avviare entrambe le procedure  concorsuali
per il reclutamento di due unita' di personale, come  deliberato  dal
consiglio di amministrazione nella seduta del 27 giugno 2017,  e  che
per l'acquisizione delle sopra citate unita' di  personale  il  costo
totale stimato, comprensivo delle varie voci di retribuzione fissa  e
degli  oneri  a   carico   dell'amministrazione,   al   netto   della
retribuzione accessoria e' pari a € 36.147,42; 
    Visto il comma 28 dell'art. 9 del decreto legislativo n.  78/2010
convertito  nella  legge  n.  122/2010  che  pone  un   limite   alla
possibilita' di avvalersi di personale a tempo determinato, imponendo
che a decorrere dal 2011 la spesa non superi il 50% di  quanto  speso
dall'Ente nel corso del 2009; 
    Considerato che l'Ateneo nel corso dell'anno  2009  ha  speso  un
importo pari ad € 101.843,14 e che  il  limite  di  spesa  massimo  a
gravare sul Bilancio di Ateneo  -  pur  nel  rispetto  del  succitato
limite di legge - e' pari ad € 50.921,57; 
    Verificato che l'amministrazione, nel corso dell'anno  2017,  non
ha effettuato altre assunzioni di personale a  tempo  determinato  il
cui costo grava sul Bilancio di Ateneo non  superando,  pertanto,  il
limite di spesa previsto per legge di € 50.921,57; 
    Tenuto conto che con la suddetta procedura concorsuale si procede
all'acquisizione di un'unita' di personale di categoria D,  posizione
economica D1, area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati,
con rapporto di lavoro subordinato  a  tempo  determinato  in  regime
orario part-time al 50%, per la durata di 12 mesi  il  cui  costo  e'
stimato in € 18.073,71, comprensivo delle varie voci di  retribuzione
fissa e degli oneri a carico  dell'amministrazione,  al  netto  della
retribuzione accessoria; 
    Verificata la non sussistenza di graduatorie  valide  all'interno
dell'amministrazione di concorsi a tempo indeterminato gia' espletati
per profili professionali, funzioni, competenze  richieste  e  ambiti
analoghi a quello ricercato; 
    Considerato  che  la  copertura  finanziaria  necessaria  per  il
reclutamento della suddetta unita' lavorativa gravera' interamente ed
esclusivamente sulle somme residuali a carico del bilancio di  Ateneo
sui  seguenti  progetti  del  Centro  Unimol  Management:  «Heritage,
management e impresa», «Acquisto materiale  vario  per  esigenze  dei
Dipartimenti»,  «Miglioramento  aule  e  laboratori»,  «Attivita'  di
orientamento a.a. 2014/15», «Percorsi sostegno a.a.  2013/14»,  «Test
preliminari di verifica DNL  -  CLIL»,  «Test  preliminare  TFA  a.a.
2014/15»,  nonche'  sulle  somme  residuali  dei  progetti  PLISM   -
Politiche del lavoro per l'integrazione degli immigrati nel Molise; 
    Ritenuto di dover prevedere per la partecipazione alla  procedura
concorsuale un versamento di € 10,00  quale  contributo  forfettario,
non  rimborsabile,  per  le  spese  relative  all'organizzazione   ed
all'espletamento della selezione; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
                          Numero dei posti 
 
    Presso  l'Universita'  degli  studi  del  Molise  e'  indetto  un
concorso  pubblico  (cod.  7/2017),  per  titoli  ed  esami,  per  la
copertura di un posto di personale da inquadrare  nell'area  tecnica,
tecnico-scientifica ed  elaborazione  dati,  categoria  D,  posizione
economica D1, con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato,
in regime orario part-time al 50%, della durata di  36  mesi  per  il
supporto alle attivita' del Centro linguistico di Ateneo. 
    Il posto messo a  concorso  e'  prioritariamente  riservato  alle
categorie di volontari delle Forze armate in ferma breve o  in  ferma
prefissata di cui agli articoli 1014 e 678 del decreto legislativo 15
marzo 2010 n. 66. Nel caso  in  cui  il  posto  riservato  non  venga
coperto da avente titolo,  si  procedera'  all'assunzione,  ai  sensi
della  normativa  vigente,  secondo  l'ordine  della  graduatoria  di
merito. 
    I candidati che intendano avvalersi  dei  benefici  previsti  dal
decreto legislativo n.  66/2010  debbono  farne  esplicita  richiesta
nella domanda di partecipazione. 
    Nello specifico, all'unita' di personale richiesta sono  affidati
i seguenti compiti: 
      supporto alle attivita' linguistiche di Ateneo, sia curriculari
che extracurriculari; 
      supporto   alla   progettazione   delle   attivita'   formative
linguistiche; 
      supporto alle attivita' del Centro linguistico di Ateneo. 
    L'amministrazione si riserva di  sospendere  o  di  risolvere  il
contratto qualora, anche dopo la stipula  dello  stesso,  venga  meno
l'utilizzabilita' dei fondi disponibili. 
    L'amministrazione si riserva, altresi', la facolta'  di  proporre
al lavoratore un impegno orario superiore al 50% in caso di ulteriori
disponibilita'  finanziarie  in  relazione  alle  effettive  esigenze
organizzative. 
                               Art. 2 
 
                  Requisiti generali di ammissione 
 
    Per  l'ammissione  alla  procedura  selettiva  e'  richiesto   il
possesso dei seguenti requisiti: 
      a) diploma di  laurea  in  lingue  e  letterature  straniere  o
equipollente, lettere o equipollente, conseguito secondo le modalita'
anteriori all'entrata in vigore del decreto ministeriale n. 509/1999; 
ovvero 
      laurea (L) conseguita ai  sensi  del  decreto  ministeriale  n.
270/2004  appartenente  ad  una  delle  seguenti  classi  di   laurea
equiparate dal MIUR ai diplomi di laurea sopra richiesti; 
ovvero 
      laurea  specialistica  (LS)  conseguita  secondo  le  modalita'
successive  all'entrata  in  vigore  del  decreto   ministeriale   n.
509/1999, appartenente ad una delle classi di laurea  equiparate  dal
MIUR ai diplomi di laurea sopra richiesti; 
ovvero 
      laurea  magistrale  (LM)  conseguita  ai  sensi   del   decreto
ministeriale n. 270/2004 appartenente ad una delle classi  di  laurea
ed equiparate dal MIUR ai diplomi di laurea sopra richiesti. 
    Per il titolo di studio conseguito  all'estero  e'  richiesta  la
dichiarazione di equipollenza ai sensi della vigente normativa. 
      b) cittadinanza italiana ovvero la cittadinanza  di  uno  Stato
membro dell'Unione europea; 
      c) eta' non inferiore ai diciotto anni; 
      d) godimento dei diritti civili e politici; 
      e) non aver riportato condanne penali e non avere  procedimenti
penali in corso; 
      f) idoneita' fisica al servizio continuativo ed  incondizionato
all'impiego; 
      g) essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di
leva per i candidati di sesso maschile  nati  entro  il  31  dicembre
1985; 
      h) non essere  stato  destituito  o  dispensato  da  precedente
impiego  presso  una   pubblica   amministrazione   per   persistente
insufficiente rendimento o dichiarato decaduto  per  aver  conseguito
l'impiego  mediante  produzione  di  documenti  falsi  o  viziati  da
invalidita' non sanabile. 
    Ai sensi dell'art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei
ministri n. 174 del 7 febbraio 1994, i cittadini degli  Stati  membri
dell'Unione europea devono: 
      a) possedere tutti i requisiti  richiesti  ai  cittadini  della
Repubblica italiana, ad eccezione della cittadinanza italiana; 
      b)  godere  dei  diritti  civili  e  politici  nello  stato  di
appartenenza o di provenienza; 
      c) avere un'adeguata conoscenza della lingua italiana. 
    Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data  di  scadenza
del  termine  utile   per   la   presentazione   della   domanda   di
partecipazione al  concorso.  La  mancanza  anche  di  uno  solo  dei
requisiti  richiesti  comportera'  l'esclusione  dalla  selezione  o,
comunque, dall'accesso all'impiego. 
    I  candidati  sono  ammessi  alla  selezione   con   riserva   di
accertamento   dei   requisiti   dichiarati    nella    domanda    di
partecipazione. Ai sensi  dell'art.  3,  comma  3,  del  decreto  del
Presidente della Repubblica n. 487  del  9  maggio  1994,  modificato
dall'art. 3, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica  n.
693 del 30 ottobre 1996, l'esclusione dalla selezione per difetto dei
requisiti di ammissione puo' essere  disposta  in  ogni  momento  con
provvedimento motivato del Rettore. 
    L'Universita' degli studi del Molise garantisce  parita'  e  pari
opportunita' tra uomini e donne per l'accesso  al  lavoro  e  per  il
trattamento sul lavoro ai sensi della legge n. 125/1991. 
                               Art. 3 
 
                     Presentazione delle domande 
 
    La domanda  di  partecipazione  al  concorso,  redatta  in  carta
semplice secondo le indicazioni riportate  nello  schema  di  domanda
allegato  al   presente   bando,   reperibile   nel   sito   internet
all'indirizzo http://www.unimol.it_-  Bandi  di  Gara  e  Concorsi  /
Concorsi / Personale Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi  pubblici  a
tempo determinato,  deve  essere  indirizzata  al  magnifico  rettore
dell'Universita' degli studi del Molise - settore gestione  personale
tecnico-amministrativo e formazione - via de Sanctis s.n.c.  -  86100
Campobasso, e fatta pervenire entro il termine perentorio  di  trenta
giorni,  che  decorre  dal   giorno   successivo   a   quello   della
pubblicazione del bando nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana - 4ª  Serie  speciale  «Concorsi  ed  esami».  Qualora  tale
termine coincida con un giorno  festivo,  la  scadenza  slittera'  al
primo giorno feriale utile. 
    La domanda di partecipazione al concorso dovra' pervenire,  entro
i termini sopra indicati, secondo una delle seguenti modalita': 
      consegna a mano  da  effettuarsi  presso  l'ufficio  protocollo
informatico  e  archivi  di  questa   universita'   -   II   edificio
polifunzionale, via de Sanctis s.n.c. - Campobasso,  dalle  ore  9,00
alle ore 12,00 di ogni giorno lavorativo, escluso il sabato. In  caso
di consegna a  mano  fa  fede  la  ricevuta  rilasciata  dall'ufficio
protocollo informatico e archivi; 
      raccomandata con avviso di ricevimento. In tal caso fa fede  il
timbro a data dell'ufficio postale accettante; 
      posta    elettronica    certificata     (PEC)     all'indirizzo
amministrazione@cert.unimol.it da un indirizzo di  posta  elettronica
certificata rilasciata da un gestore di  PEC.  Il  messaggio  di  PEC
dovra' riportare come oggetto: «Domanda di partecipazione al concorso
cod. 7/2017: nome e cognome del candidato». 
    Alle  domande   inviate   per   via   telematica   alla   casella
istituzionale di PEC dell'Universita' degli studi del  Molise  dovra'
essere  obbligatoriamente  allegata,  in  formato   PDF,   tutta   la
documentazione richiesta dal presente bando. 
    Saranno escluse le candidature  inviate  da  indirizzi  di  posta
elettronica non certificata. 
    L'amministrazione non assume responsabilita' in caso di eventuali
disguidi postali o telegrafici  o  comunque  imputabili  a  fatto  di
terzi, a caso fortuito o a forza maggiore. 
    La  domanda,  debitamente  sottoscritta,  deve  essere  compilata
riportando tutte le indicazioni richieste al successivo  art.  4  del
presente bando. 
    Ai  sensi  di  quanto  disposto  dall'art.  39  del  decreto  del
Presidente della Repubblica  n.  445/2000,  la  sottoscrizione  della
domanda non e' soggetta ad autenticazione. 
    Alla domanda di partecipazione deve essere allegata  la  seguente
documentazione: 
      ricevuta del versamento di € 10,00 nella quale sia precisato il
nome e cognome del candidato (indipendentemente da  chi  effettua  il
versamento), da effettuarsi sul conto corrente  postale  n.  11424660
oppure tramite bonifico sul conto corrente postale IBAN  IT25F  07601
03800 000011424660 intestato all'Universita' degli studi del  Molise,
quale contributo forfettario non rimborsabile, per le spese  relative
all'organizzazione  e  all'espletamento  della  selezione  riportando
nella causale del  versamento/bonifico  la  dicitura  «Concorso  cod.
7/2017: nome e cognome del candidato»; 
      fotocopia  di  un  documento  di  riconoscimento  in  corso  di
validita'; 
      i titoli posseduti alla data di scadenza del  bando  presentati
secondo le modalita' previste dall'art. 8. 
    Saranno escluse  le  domande  di  partecipazione  che,  entro  la
scadenza del bando, risultano: 
      non sottoscritte (eccetto quelle inviate via pec); 
      prodotte in difformita' alle modalita'  innanzi  specificate  e
prive di una delle dichiarazioni previste dal successivo art. 4; 
      prive del versamento di € 10,00; 
      prive del documento di riconoscimento in corso di validita'. 
                               Art. 4 
 
              Dichiarazioni da formulare nella domanda 
 
    Nella domanda di  partecipazione  alla  procedura  selettiva,  il
candidato deve indicare: 
      a) cognome, nome e codice fiscale; 
      b) luogo e data di  nascita,  la  residenza  con  l'indicazione
completa dell'indirizzo,  recapito  telefonico,  indirizzo  e-mail  ,
eventuale pec; 
      c) (se diverso dall'indirizzo di residenza) il preciso recapito
cui   indirizzare   le   comunicazioni   relative   alla   selezione,
impegnandosi a segnalare tempestivamente le variazioni che  dovessero
intervenire successivamente. 
    Ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n.  445/2000
e  successive  modificazioni  ed  integrazioni,  nella   domanda   di
partecipazione il candidato deve dichiarare: 
      a)  il  possesso  della   cittadinanza   italiana   ovvero   la
cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione europea; 
      b) (se  e'  cittadino  italiano)  il  comune  nelle  cui  liste
elettorali e' iscritto, ovvero i motivi della  mancata  iscrizione  o
della cancellazione dalle liste medesime; 
      c) il possesso del titolo di studio come previsto  dall'art.  2
del presente bando; 
      d) (se  il  titolo  di  studio  di  cui  all'art.  2  e'  stato
conseguito  all'estero)  l'equipollenza  ai  sensi  della   normativa
vigente; 
      e) di non  aver  riportato  condanne  penali  e  di  non  avere
procedimenti penali in corso; in caso contrario indicare le  condanne
riportate, la data della sentenza e l'Autorita' giudiziaria che  l'ha
emessa, anche se e'  stata  concessa  amnistia,  perdono  giudiziale,
condono,  indulto,  non  menzione  e  anche  se  nulla  risulti   dal
casellario giudiziale; 
      f)  i  servizi  prestati  come   impiegato   presso   pubbliche
amministrazioni e le cause di risoluzione di precedente  rapporto  di
impiego; 
      g)  (solo  per  chi  ha  prestato  servizio  presso   pubbliche
amministrazioni)  di  non  essere  stato  destituito   o   dispensato
dall'impiego presso una pubblica  amministrazione  e  di  non  essere
stato  dichiarato  decaduto  da  altro  impiego  statale  per  averlo
conseguito mediante  produzione  di  documenti  falsi  o  viziati  da
invalidita' non sanabile; 
      h) (solo per i candidati di sesso maschile  nati  entro  il  31
dicembre 1985) di essere in posizione regolare  nei  confronti  degli
obblighi di leva; 
      i) l'eventuale appartenenza ad una  o  piu'  categorie  che,  a
parita' di merito, danno luogo a preferenza, di cui  all'art.  5  del
decreto del Presidente della Repubblica n. 487/1994; 
      j) di avere l'idoneita' fisica all'impiego; 
      k) (solo per i  cittadini  di  uno  degli  altri  Stati  membri
dell'Unione europea): 
        di godere dei diritti civili e politici anche nello Stato  di
appartenenza o provenienza ovvero i motivi del mancato godimento; 
        di avere adeguata conoscenza della lingua italiana; 
      l) (solo per i candidati con  disabilita')  di  essere  in  una
condizione di invalidita' certificata dagli organi competenti e avere
diritto, ai sensi della legge n.  104/1992,  a  quanto  previsto  per
legge per l'espletamento delle prove; 
      m) (solo per i  candidati  volontari  delle  Forze  armate)  di
concorrere in qualita' di avente  diritto  alla  riserva  di  cui  al
decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66. 
    I cittadini degli Stati membri dell'Unione europea devono inoltre
dichiarare il possesso dei requisiti previsti dall'art. 3 del decreto
del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  n.   174/1994,   come
specificati nel precedente art. 2. 
    I  candidati  con  cittadinanza  non  italiana  sono   tenuti   a
presentare la domanda in lingua italiana, con le  predette  modalita'
ed entro il termine stabilito nel precedente art. 3. 
    I candidati con disabilita' che, ai sensi dell'art. 3 della legge
n. 104/1992,  richiedono  i  benefici  previsti  dall'art.  20  della
medesima  legge  devono   specificare   nell'allegato   B   l'ausilio
necessario in relazione alla propria disabilita' nonche'  l'eventuale
necessita' di tempi aggiuntivi  per  l'espletamento  delle  prove  da
documentarsi entrambi a mezzo  di  idonea  documentazione  rilasciata
dalla struttura sanitaria  pubblica  competente  per  territorio,  ai
sensi degli articoli 4 e 20 della legge n. 104/1992. 
    Nella  domanda  di  partecipazione,  il  candidato  deve  inoltre
dichiarare l'eventuale appartenenza ad una o piu' categorie che danno
luogo, a parita' di merito,  a  preferenza  e/o  precedenza,  di  cui
all'art. 5 del decreto del Presidente della Repubblica n. 487/1994. 
    La mancata dichiarazione del  possesso  di  eventuali  titoli  di
preferenza e/o di precedenza, posseduti alla  data  di  scadenza  del
termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al
concorso, non costituisce  motivo  di  esclusione  dal  concorso,  ma
preclude la possibilita' di produrre i predetti  titoli  in  caso  di
superamento della prova orale, secondo quanto  previsto  dall'art.  9
del presente bando. 
    Il candidato dovra' inoltre autorizzare l'Universita' degli studi
del Molise al trattamento dei propri dati  personali  ai  fini  della
gestione dell'attivita' concorsuale, ai sensi delle disposizioni  del
decreto legislativo n. 196/2003, ed ai fini del  diritto  di  accesso
agli atti del  procedimento  concorsuale  ai  sensi  della  normativa
vigente. 
    L'amministrazione si  riserva  di  effettuare  idonei  controlli,
anche a campione, oltre che in tutti i casi in  cui  sorgono  fondati
dubbi, sulla veridicita' delle dichiarazioni sostitutive. 
    Qualora dal controllo sopra indicato emerga  la  non  veridicita'
del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dai benefici
eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla  base  della
dichiarazione non veritiera, fermo restando quanto previsto dall'art.
76 del decreto del Presidente della  Repubblica  n.  445/2000,  sulle
responsabilita' penali. 
    L'amministrazione non assume alcuna responsabilita'  in  caso  di
irreperibilita'  del  destinatario  o  dispersione  di  comunicazioni
dipendente  da   inesatta   indicazione   del   recapito   da   parte
dell'aspirante  o  da  mancata  oppure  tardiva   comunicazione   del
cambiamento del recapito indicato nella domanda,  ne'  per  eventuali
disguidi non imputabili all'amministrazione stessa. 
    Alla  domanda  di  partecipazione  al  concorso  devono   essere,
inoltre, allegati i titoli ritenuti utili ai fini della  valutazione,
con le modalita' previste al successivo art. 8 del presente bando. 
                               Art. 5 
 
                      Commissione esaminatrice 
 
    La commissione  esaminatrice  del  concorso  sara'  nominata  con
decreto del rettore e composta da un presidente con la  qualifica  di
dirigente o da un  docente  e  da  due  componenti  inquadrati  nella
categoria EP ovvero docenti e ricercatori ovvero personale equiparato
appartenente ad altre amministrazioni. 
                               Art. 6 
 
                            Preselezione 
 
    In relazione al numero delle domande pervenute per  il  concorso,
l'amministrazione si riserva la facolta' di sottoporre i candidati ad
una prova preselettiva mediante test o quesiti a risposta multipla  o
sintetica, vertenti sulle materie oggetto delle prove d'esame,  cosi'
come specificate nel successivo art. 7. 
    L'avviso circa l'eventuale svolgimento della prova preselettiva e
l'indicazione della relativa data di svolgimento della  stessa  sara'
pubblicato   entro   mercoledi'   15   novembre   2017    nel    sito
http://www.unimol.it_-  Bandi  di  Gara  e  Concorsi  /  Concorsi   /
Personale  Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi   pubblici   a   tempo
determinato. Tale avviso  ha  valore  di  notifica  ufficiale  e  non
seguira' ulteriore comunicazione da parte dell'amministrazione. 
    Saranno ammessi alle prove d'esame i primi cinquanta candidati in
graduatoria selezionati sulla base  del  superamento  della  suddetta
prova preselettiva. 
    Il  punteggio  della  prova  preselettiva  non  concorrera'  alla
formazione del punteggio complessivo. 
    Tale graduatoria, approvata con  provvedimento  rettorale,  sara'
resa nota sul sito http://www.unimol.it Bandi di Gara e Concorsi  /
Concorsi / Personale Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi  pubblici  a
tempo determinato. 
                               Art. 7 
 
                            Prove d'esame 
 
    Le prove d'esame consistono in due  prove  scritte  e  una  prova
orale. 
    La prima prova scritta  consiste  nella  traduzione  dall'inglese
all'italiano di un articolo scientifico o di un atto amministrativo. 
    La seconda prova scritta consiste nella traduzione  dall'italiano
all'inglese di un articolo scientifico o di un atto amministrativo. 
    La prova orale consiste in un  colloquio  avente  ad  oggetto  le
seguenti materie: legislazione universitaria; statuto  e  regolamenti
dell'Universita' degli studi del Molise; disciplina del  rapporto  di
lavoro nel pubblico impiego, con particolare riferimento al Contratto
collettivo  nazionale  di  lavoro  del  comparto  universita',  oltre
all'accertamento  della  conoscenza  e  dell'uso  delle  applicazioni
informatiche piu' diffuse. La prova orale  puo'  prevedere  anche  la
conversazione   in   lingua    inglese    su    argomenti    inerenti
l'organizzazione del sistema universitario. 
    Durante le prove non e' concesso l'uso  di  vocabolari,  libri  o
strumenti o di qualunque apparecchio elettronico,  compresi  telefoni
cellulari, tablet, smartwatch, calcolatrici,  pena  l'esclusione  dal
concorso. 
    La prima prova scritta si svolgera'  presso  l'Universita'  degli
studi del Molise, II ed. polifunzionale,  via  de  Sanctis  s.n.c.  -
Campobasso martedi' 5 dicembre 2017 ore 15,00. I  candidati  dovranno
presentarsi alle ore 14,30 per le operazioni di identificazione. 
    La seconda prova scritta si svolgera' presso l'Universita'  degli
studi del Molise, II ed. polifunzionale,  via  de  Sanctis  s.n.c.  -
Campobasso mercoledi' 6 dicembre 2017 ore 12,00. I candidati dovranno
presentarsi alle ore 11,30 per le operazioni di identificazione. 
    Eventuali modifiche in ordine al giorno, ora e luogo delle  prove
scritte verranno rese note nel sito internet  (http://www.unimol.it_-
Bandi   di   Gara    e    Concorsi    /    Concorsi    /    Personale
Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi  pubblici  a  tempo  determinato)
almeno cinque giorni prima dell'inizio della prova stessa. 
    Saranno ammessi a  sostenere  la  prova  orale  i  candidati  che
abbiano riportato in ciascuna prova scritta una votazione  di  almeno
21/30. 
    L'elenco dei candidati ammessi alla prova orale, sara' reso  noto
nel sito internet (http://www.unimol.it -_Bandi di Gara e Concorsi  /
Concorsi / Personale Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi  pubblici  a
tempo determinato) entro venerdi' 15 dicembre  2017  e  nello  stesso
giorno saranno rese note eventuali modifiche al giorno, ora  o  luogo
della prova orale. 
    La prova orale si svolgera' presso l'Universita' degli studi  del
Molise, II Ed. Polifunzionale,  via  de  Sanctis  s.n.c.,  Campobasso
giovedi' 11 gennaio 2018 ore 10,00. 
    La prova orale si intende superata con  il  punteggio  di  almeno
21/30. 
    Al termine della prova orale la commissione formera' l'elenco dei
candidati esaminati con l'indicazione del voto riportato da  ciascuno
di essi e curera' l'affissione di tale elenco all'albo della sede  di
esame. 
    Il calendario delle prove d'esame, come  sopra  riportato,  e  le
eventuali variazioni dello stesso, comunicati mediante  pubblicazione
nel sito internet di Ateneo, hanno valore di  notifica  a  tutti  gli
effetti di legge e non  seguira'  ulteriore  comunicazione  da  parte
dell'amministrazione. 
    Pertanto,  i  candidati  ai  quali  non  sia   stata   comunicata
l'esclusione dalla procedura concorsuale sono  tenuti  a  presentarsi
nel giorno e presso la sede di esame indicata muniti, esclusivamente,
di  uno  dei  seguenti  documenti  di  riconoscimento  in  corso   di
validita': 
      a) carta d'identita', passaporto,  patente  di  guida,  patente
nautica, porto d'armi o tessera di  riconoscimento  personale  se  il
candidato e' un dipendente statale; 
      b) fotografia recente applicata su carta legale, con  la  firma
dell'aspirante autenticata dal Sindaco o da un notaio. 
    La  mancata  presentazione   alle   prove   d'esame   comportera'
l'esclusione dalla procedura concorsuale. 
    L'assenza del candidato  sara'  considerata  come  rinuncia  alla
selezione, qualunque ne sia la causa. 
                               Art. 8 
 
                               Titoli 
 
    I titoli devono  essere  posseduti  alla  data  di  scadenza  del
termine di presentazione della domanda di partecipazione al  concorso
ed allegati alla domanda stessa con una delle seguenti modalita': 
      in originale; 
      in copia autenticata; 
      in copia  conforme  all'originale  con  apposita  dichiarazione
dell'atto di notorieta' e dichiarazione sostitutiva di certificazione
(allegato A) in cui si attestino la conformita'  all'originale  e  il
possesso di tutti i titoli dichiarati. 
    Come stabilito dall'art. 40  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 445/2000, per comprovare il possesso  dei  titoli,  non
possono  essere  prodotti  certificati  rilasciati   dalla   pubblica
amministrazione  e,  pertanto,  le  certificazioni  rilasciate  dalla
pubblica amministrazione in ordine  a  stati,  qualita'  personali  e
fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra i privati. Nei
rapporti con gli organi della pubblica amministrazione e i gestori di
pubblici servizi, i certificati e gli atti di notorieta' sono  sempre
sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli articoli 46  e  47  ovvero
dalle   dichiarazioni   sostitutive   di   certificazioni   e   dalle
dichiarazioni sostitutive di atto di notorieta' (allegato A). 
    Agli atti e documenti redatti in  lingua  straniera  deve  essere
allegata una traduzione in lingua italiana  certificata  conforme  al
testo originale dalle competenti autorita' diplomatiche  o  consolari
oppure da un traduttore ufficiale. 
    Ai titoli non puo' essere  attribuito  un  punteggio  complessivo
superiore a 10. 
    Le categorie di titoli valutabili ed il relativo punteggio sono i
seguenti: 
      a) titoli connessi ad attivita' lavorativa prestata:  punteggio
massimo attribuibile 5; 
      b) titoli di studio: punteggio massimo attribuibile 3; 
      c) titoli vari: punteggio massimo attribuibile 2. 
    Sono valutabili esclusivamente i titoli presentati dal  candidato
con le modalita' previste dal presente articolo. 
    La valutazione dei titoli e' effettuata dopo  le  prove  scritte,
limitatamente ai candidati presenti a ciascuna prova scritta e  prima
di procedere alla valutazione dei relativi elaborati,  tenendo  conto
dei criteri di attribuzione dei punteggi  all'interno  delle  singole
categorie di titoli valutabili. 
    Al termine della procedura  selettiva,  decorsi  sessanta  giorni
dalla pubblicazione della graduatoria di merito all'albo  di  Ateneo,
questa amministrazione provvede a  restituire  ai  candidati  che  ne
abbiano fatto espressa richiesta, i documenti allegati alla  domanda.
I documenti dovranno  essere  ritirati  presso  il  settore  gestione
personale tecnico-amministrativo e formazione dall'interessato  o  da
un suo delegato entro  trenta  giorni  dalla  scadenza  del  predetto
termine decorso il quale i titoli non saranno piu' restituiti. 
                               Art. 9 
 
       Formazione della graduatoria ed approvazione degli atti 
 
    Al termine delle prove  di  esame,  la  commissione  esaminatrice
forma la graduatoria di merito, con l'osservanza della riserva di cui
all'art. 1 del  presente  bando,  secondo  l'ordine  decrescente  del
punteggio complessivo sulla base della somma  della  media  dei  voti
riportati in ciascuna prova scritta e del  voto  ottenuto  in  quella
orale da ciascun candidato. A tale somma  si  aggiunge  il  punteggio
attribuito ai titoli. 
    Nel caso in cui  non  ci  siano  idonei  che  abbiano  titolo  ad
usufruire della  riserva  di  cui  all'art.  1  del  presente  bando,
l'amministrazione procedera' all'assunzione, ai sensi della normativa
vigente, secondo l'ordine della graduatoria di merito. 
    Per la formazione della graduatoria di merito saranno  osservate,
a parita'  di  punteggio,  le  disposizioni  vigenti  in  materia  di
preferenza e precedenza. 
    A tal  fine,  i  candidati  che  avranno  superato  il  colloquio
dovranno far pervenire, di propria iniziativa, al  magnifico  rettore
dell'Universita' degli studi del Molise, settore  gestione  personale
tecnico-amministrativo e formazione, entro il termine  perentorio  di
quindici giorni dall'espletamento della prova orale, i documenti,  in
originale o in copia autentica, attestanti il possesso dei titoli  di
preferenza e/o di precedenza, di  cui  all'art.  5  del  decreto  del
Presidente della Repubblica n.  487/1994,  valutabili  a  parita'  di
merito e  a  parita'  di  titoli,  gia'  indicati  nella  domanda  di
partecipazione alla selezione. 
    La  copia  autentica   puo'   essere   sostituita   da   apposita
dichiarazione sostitutiva dell'atto  di  notorieta',  resa  ai  sensi
dell'art. 19 del decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000,
come integrato dall'art. 15 della legge n.  3/2003,  che  attesti  la
conformita' all'originale  della  copia  dell'atto  in  possesso  del
candidato o del documento rilasciato o  conservato  da  una  pubblica
amministrazione. 
    Tale documentazione  dovra'  pervenire,  entro  i  termini  sopra
indicati, secondo  una  delle  modalita'  indicate  nell'art.  3  del
presente bando di concorso. 
    A parita' di merito e di titoli, la preferenza e' determinata: 
      1) dal numero dei figli a carico, indipendentemente  dal  fatto
che il candidato sia coniugato o meno; 
      2) dall'aver prestato lodevole servizio  nelle  amministrazioni
pubbliche; 
      3) ai sensi dell'art. 3, comma 7, della legge n. 127/1997, come
modificato dall'art. 2  della  legge  n.  191/1998,  se  due  o  piu'
candidati ottengono, a conclusione delle  operazioni  di  valutazione
dei titoli e delle prove di esame, lo stesso punteggio, e'  preferito
il candidato piu' giovane d'eta'. 
    La  graduatoria  di  merito,  previa  approvazione   degli   atti
concorsuali, sara'  affissa  all'albo  ufficiale  di  Ateneo  on-line
all'indirizzo  http://www.albo.unimol.it  e   pubblicata   nel   sito
internet  all'indirizzo  http://www.unimol.it_-  Bandi  di   Gara   e
Concorsi / Concorsi /  Personale  Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi
pubblici a tempo determinato. Della avvenuta  affissione  sara'  data
notizia mediante avviso nella  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica
italiana.  Dal  giorno  successivo  a  quello  del  suddetto   avviso
decorrono i termini per eventuali impugnative. 
                               Art. 10 
 
                       Assunzione in servizio 
 
    Il candidato dichiarato vincitore sara' invitato a  stipulare  il
contratto di lavoro individuale a tempo determinato, per  un  periodo
di 36 mesi, in regime orario  part-time  al  50%,  in  conformita'  a
quanto previsto dal Contratto  collettivo  nazionale  di  lavoro  del
comparto universita'. 
    Il rapporto di lavoro si risolve automaticamente,  senza  diritto
di preavviso,  alla  scadenza  del  termine  indicato  nel  contratto
individuale. 
    In nessun caso il rapporto di lavoro  a  tempo  determinato  puo'
trasformarsi  in  rapporto  di  lavoro  a  tempo  indeterminato.   Il
candidato dichiarato vincitore sara'  invitato  entro  trenta  giorni
dall'assunzione a produrre la documentazione attestante  i  requisiti
dichiarati  nella  domanda  e  richiesti  dalla  normativa   vigente.
Trascorsi inutilmente i trenta giorni, e fatta salva la  possibilita'
di una proroga a richiesta dell'interessato nel  caso  di  comprovato
impedimento, non si da' luogo alla stipula del contratto,  ovvero  si
provvede, per i rapporti gia' instaurati,  all'immediata  risoluzione
dei  medesimi.  La  mancata  assunzione  in  servizio   nel   termine
stabilito, salvo comprovati e  giustificati  motivi  di  impedimento,
comporta, inoltre, l'immediata risoluzione del rapporto di lavoro. 
                               Art. 11 
 
                    Responsabile del procedimento 
 
    Ai  sensi  della  legge  n.   241/1990,   il   Responsabile   del
procedimento concorsuale  di  cui  al  presente  bando  e'  il  dott.
Francesco Sanginario - responsabile del  settore  gestione  personale
tecnico-amministrativo e formazione. 
                               Art. 12 
 
                   Trattamento dei dati personali 
 
    I dati personali  trasmessi  dai  candidati  con  la  domanda  di
partecipazione alla selezione, ai sensi degli articoli 11  e  13  del
decreto legislativo n. 196/2003, saranno trattati per le finalita' di
gestione della procedura selettiva e dell'eventuale  procedimento  di
assunzione in servizio. 
    In  qualsiasi  momento  gli  interessati  potranno  esercitare  i
diritti di cui all'art. 7 del decreto  legislativo  n.  196/2003  nei
confronti del titolare o del responsabile, anche per il tramite di un
incaricato, del trattamento dei dati personali. 
    Titolare del trattamento dei dati e'  l'Universita'  degli  studi
del Molise nella persona del rettore, domiciliato per  la  carica  in
Campobasso, via de Sanctis s.n.c. 
                               Art. 13 
 
                         Diritto di accesso 
 
    Ai  candidati  e'  garantito   il   diritto   di   accesso   alla
documentazione inerente il procedimento di selezione, ai sensi  della
normativa vigente in materia. 
                               Art. 14 
 
                            Norme finali 
 
    Per quanto non espressamente disciplinato dal  presente  bando  e
dai regolamenti di Ateneo in materia, valgono le  norme  generali  in
materia di accesso ai pubblici impieghi, nonche'  le  norme  generali
che disciplinano lo svolgimento dei concorsi e delle altre  forme  di
assunzione nei pubblici impieghi ed in particolare le norme contenute
nel vigente Contratto collettivo nazionale  di  lavoro  del  comparto
universita'. 
    L'Universita'  degli  studi  del  Molise  si   riserva,   a   suo
insindacabile giudizio,  di  revocare,  modificare  o  sospendere  il
presente bando per ragioni di carattere finanziario e/o per motivi di
opportunita'  e/o  per  sopraggiunte  disposizioni  normative  o   di
contrattazione collettiva di comparto. 
    L'Universita' degli studi  del  Molise  si  riserva  altresi'  la
facolta' di non procedere all'assunzione in  servizio  del  candidato
vincitore in  relazione  alla  effettiva  disponibilita'  finanziaria
dell'amministrazione senza che da  parte  di  questi  insorga  alcuna
pretesa o diritto. 
    Il presente bando sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica   italiana,   all'albo   ufficiale   di   Ateneo   on-line
all'indirizzo  http://www.albo.unimol.it  e   pubblicato   nel   sito
internet  all'indirizzo  http://www.unimol.it_-  Bandi  di   Gara   e
Concorsi / Concorsi /  Personale  Tecnico-Amministrativo  /  Concorsi
pubblici a tempo determinato. 
      Campobasso, 18 settembre 2017 
 
                                                 Il rettore: Palmieri