Concorso per 1 personale laureato (lazio) REGIONE LAZIO

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 1
Fonte: DIR N. 10 del 11-02-2016
Sintesi: REGIONE LAZIO Concorso (Scad. 25 febbraio 2016) AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI, PROVA PRATICA E COLLOQUIO, PER L’AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA, DI ELEVATA COMPETENZA IN AMBITO ...
Ente: REGIONE LAZIO
Regione: LAZIO
Provincia: ROMA
Comune: ROMA
Data di pubblicazione 16-02-2016
Data Scadenza bando 25-02-2016
Condividi

REGIONE LAZIO

Concorso (Scad. 25 febbraio 2016)

AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI, PROVA PRATICA E COLLOQUIO, PER L’AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA, DI ELEVATA COMPETENZA IN AMBITO STATISTICO, PRESSO LA DIREZIONE REGIONALE “SALUTE E POLITICHE SOCIALI” PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’ DEI PROGETTI “INIZIATIVE PER LA SALUTE DELLA DONNA ED INIZIATIVE A FAVORE DELLE GESTANTI, DELLA PARTORIENTE E DEL NEONATO” E “MALATTIE RARE”.


IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AFFARI ISTITUZIONALI, PERSONALE E SISTEMI INFORMATIVI
in esecuzione della propria determinazione n. G01132 del 15.02.2016, pubblica il presente avviso per l’affidamento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa, di elevata competenza in ambito statistico, presso la Direzione Regionale “Salute e Politiche sociali per lo svolgimento delle attività dei progetti “Iniziative per la salute della donna ed iniziative a favore delle gestanti, della partoriente e del neonato” e “Malattie Rare”.
Oggetto dell’incarico
Oggetto dell’incarico è rappresentato dalle seguenti attività:
1) Analisi statistica dei dati del Sistema Informativo Malattie rare;
2) Preparazione dell’archivio Malattie Rare Lazio da inviare semestralmente al Registro Nazionale Malattie Rare;
3) Analisi statistica dei seguenti archivi sanitari: SDO–Parto; SDO–neonato; SDO–IVG; SDO– Ricoveri Pediatrici;
4) Produzione di report ed analisi ad hoc su parti, nascite, IVG, Ricoveri Pediatrici;
5) Collaborazione come Regione Lazio all’analisi statistica del Registro Nazionale Malattie Rare.
Le suddette attività saranno oggetto di relazioni periodiche finalizzate alla valutazione del raggiungimento degli obiettivi.
L’attività verrà svolta presso la Sede della Giunta Regionale del Lazio o altre sedi istituzionali da questa individuate.
Requisiti minimi di ammissione
Possono presentare la domanda, per l’affidamento dell’incarico in oggetto, i soggetti esterni all’amministrazione in possesso di:
- laurea magistrale afferente alla classe delle lauree in scienze statistiche (LM-82), o in scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83 ovvero laurea che sia stata equiparata con decreto ministeriale;
Per l’ammissione alla selezione è richiesto, altresì, il possesso dei seguenti requisiti:
1) cittadinanza italiana. Tale requisito non è richiesto per i soggetti appartenenti all’Unione Europea, purché in possesso dei requisiti di cui al D.P.C.M. 7 febbraio 1994, n. 174 e di una adeguata conoscenza della lingua italiana;
2) età non inferiore agli anni 18;
3) godimento dei diritti civili e politici;
4) non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti, salvo avvenuta riabilitazione;
5) non essere stato destituito o dispensato o comunque licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stato dichiarato decaduto o comunque non essere stato licenziato da altro impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
6) per i candidati di sesso maschile, essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.
Per i candidati cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, la verifica dell’equivalenza del titolo di studio posseduto, a carico del candidato, avrà luogo ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
I suddetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione all’avviso pubblico e mantenuti successivamente.
L’Amministrazione regionale si riserva di chiedere, in qualunque momento della procedura, la documentazione necessaria all’accertamento dei requisiti dichiarati ovvero di provvedere direttamente all’accertamento dei medesimi.
Il difetto dei requisiti prescritti per l’ammissione comporta l’esclusione dalla selezione.
L’esclusione dalla selezione è disposta, in ogni momento, con provvedimento motivato del Direttore della Direzione Regionale Salute e Politiche sociali e ha carattere definitivo.
Modalità di selezione dei partecipanti
I partecipanti in possesso dei requisiti minimi saranno valutati per titoli, prova pratica e colloquio da una commissione che verrà istituita con apposito atto del Direttore della Direzione regionale Salute e Politiche sociali.
La Commissione dispone complessivamente di 100 punti, di cui 50 punti per la valutazione dei titoli, 40 per la prova pratica e 10 per il colloquio.
Valutazione dei titoli
Rappresentano elementi di valutazione i seguenti titoli:
- dottorato di ricerca in statistica;
- master in statistica / sanità pubblica / epidemiologia;
- specializzazione in statistica sanitaria;
- pubblicazioni scientifiche con impact factor;
- partecipazione a progetti di ricerca;
- conoscenza certificata della lingua inglese;
- conoscenza e utilizzo corrente di software di analisi di dati (STATA; SAS; R);
- esperienza di lavoro presso pubbliche amministrazioni.
La valutazione dei titoli dichiarati nella domanda di partecipazione sarà effettuata dalla Commissione esaminatrice secondo le modalità indicate nell’allegato C.
I titoli di servizio, per poter essere valutati, dovranno essere indicati nella domanda precisando le date di inizio e fine del servizio/i prestato/i (giorno/mese/anno).
I titoli dichiarati in modo incompleto e comunque insufficiente per consentire l’esatta valutazione o non documentati con le modalità previste, nonché gli eventuali altri titoli dichiarati diversi da quelli previsti o dichiarati con modalità differenti da quelle degli schemi allegati, non saranno presi in considerazione.
Prova pratica
Saranno ammessi a sostenere la prova pratica tutti i candidati che risulteranno in possesso dei requisiti minimi di ammissione. La convocazione alla prova pratica avverrà con comunicazione inviata per posta elettronica all’indirizzo indicato nella domanda, almeno 7 giorni prima della data della prova stessa.
La prova pratica sarà finalizzata alla verifica della conoscenza del software di analisi di dati attraverso lo svolgimento di tre esercitazioni pratiche. La prova pratica si intende superata se il candidato avrà svolto correttamente almeno una delle tre esercitazioni proposte.
L’attribuzione dei punteggi alle singole esercitazioni avverrà secondo le modalità indicate nell’Allegato C.
Colloquio
I candidati che avranno superato la prova pratica verranno convocati entro quindici giorni dallo svolgimento della prova pratica, per sostenere un colloquio con la Commissione Esaminatrice. Il colloquio verterà sui risultati della prova pratica, sulle esperienze professionali, sulle pubblicazioni e sugli altri titoli dichiarati.
La graduatoria verrà approvata con determinazione del Direttore della Direzione Regionale “Salute e Politiche sociali”. Il soggetto, al quale sarà affidato l’incarico, sottoscriverà un contratto di collaborazione coordinata e continuativa della durata di 24 mesi.
Trattamento economico
Il trattamento economico lordo per la durata dell’incarico è pari ad Euro 100.000,00, comprensivo di oneri riflessi a carico dell’Ente.
Modalità e termine di presentazione della domanda
La domanda di partecipazione all’avviso pubblico, redatta in carta semplice secondo lo schema di domanda allegato al presente avviso sotto la lettera B, deve essere debitamente compilata in tutte le sue parti con caratteri chiari e leggibili e sottoscritta in originale dall’istante, a pena di esclusione dalla selezione. Ai sensi dell’art. 38 del D.P.R. n. 445/2000 la firma non è soggetta ad autenticazione
La domanda deve pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre il decimo giorno lavorativo dalla pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, esclusivamente in una delle seguenti modalità alternative:
- con raccomandata con ricevuta di ritorno indirizzata a Regione Lazio – Direzione Regionale Salute e Politiche sociali – Via Rosa Raimondi Garibaldi, n. 7 – 00145 Roma, indicando tassativamente sulla busta “Partecipazione all’avviso pubblico per affidamento incarico di collaborazione coordinata e continuativa, per esperto statistico, per lo svolgimento delle attività dei progetti “Iniziative per la salute della donna ed iniziative a favore delle gestanti, della partoriente e del neonato” e “Malattie Rare””;
- tramite Posta Elettronica Certificata mediante l’account di posta certificata dell’istante all’indirizzo: salute@regione.lazio.legalmail.it, indicando all’oggetto: “Partecipazione all’avviso pubblico per affidamento incarico di collaborazione coordinata e continuativa , per esperto statistico, per lo svolgimento delle attività dei progetti “Iniziative per la salute della donna ed iniziative a favore delle gestanti, della partoriente e del neonato” e “Malattie Rare””;
- consegnata a mano al Servizio “Accettazione corrispondenza” ubicato nell’edificio “B” della sede suddetta, indicando obbligatoriamente sulla busta “Partecipazione all’avviso pubblico per affidamento incarico di collaborazione coordinata e continuativa , per esperto statistico, per lo svolgimento delle attività dei progetti “Iniziative per la salute della donna ed iniziative a favore delle gestanti, della partoriente e del neonato” e “Malattie Rare””.
Non saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre la data di scadenza del termine fissato dal bando.
Il termine della presentazione della domanda, ove cada in un giorno festivo, sarà prorogato di diritto al giorno seguente non festivo.
L’Amministrazione regionale non assume alcuna responsabilità nel caso di inesatte indicazioni del recapito da parte dell’istante oppure di mancata o tardiva comunicazione del cambio di residenza indicato nella domanda né per eventuali disguidi imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore nel ricevimento oltre la data indicata come termine perentorio per la ricezione delle domande.
Nella domanda di partecipazione alla selezione, l’istante dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445:
a) nome e cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza, indirizzo e recapito a cui inviare tutte le comunicazioni relative alla selezione solo se diverso dall’indirizzo di residenza, numero telefonico, codice fiscale;
b) il possesso della cittadinanza italiana ovvero di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
c) il comune nelle cui liste elettorali è iscritto o i motivi della non iscrizione o cancellazione dalle liste medesime;
d) di non essere stato destituito o dispensato o comunque licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stato dichiarato decaduto o comunque non essere stato licenziato da altro impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
e) non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti, salvo avvenuta riabilitazione, che comunque non abbiano comportato l’interdizione dai pubblici uffici. La dichiarazione va comunque resa anche se negativa;
f) per i concorrenti di genere maschile, la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
g) il possesso del titolo di studio richiesto;
h) il possesso degli altri requisiti richiesti;
i) il consenso al trattamento dei dati personali, di cui alle disposizioni del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e successive modificazioni.
Ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni, le dichiarazioni rese e sottoscritte hanno valore di autocertificazione. Nel caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci si applica quanto previsto dagli artt. 75 e 76 del citato decreto presidenziale, in materia di decadenza dai benefici e di sanzioni penali.
I titoli possono essere autocertificati ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000, fermo restando la responsabilità penale a cui si va incontro in caso di dichiarazioni false o comunque non veritiere ovvero prodotti in originale o in copia legale autenticata ai sensi di legge.
L’eventuale riserva di invio successivo di documenti o titoli è priva di effetti. Le eventuali regolarizzazioni o integrazioni documentali non possono essere prodotte oltre i termini stabiliti per la presentazione della domanda e i documenti inviati oltre il termine di scadenza non saranno presi in considerazione.
Alla domanda, a pena di esclusione, devono essere allegati:
1) copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità debitamente firmata dall’istante;
2) curriculum vitae datato e firmato, da cui si evinca il possesso dei requisiti richiesti;
3) elenco, in carta semplice datato e firmato, di eventuali documenti e titoli presentati.
Per il candidato vincitore dell’avviso in oggetto che abbia prodotto i titoli tramite autocertificazione, è fatta salva la facoltà per l’amministrazione regionale di verificare la veridicità di quanto dichiarato chiedendo l’esibizione dei documenti autocertificati.
Trattamento dei dati personali
Ai sensi di quanto disposto dal D.Lgs. n. 196/2003, i dati personali forniti dai candidati saranno utilizzati dalla Regione Lazio per il procedimento relativo alla procedura comparativa per l’affidamento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa, di elevata competenza in ambito statistico, per lo svolgimento dell’attività dei progetti “Iniziative per la salute della donna ed iniziative a favore delle gestanti, della partoriente e del neonato” e “Malattie Rare” di cui al presente avviso pubblico ed eventualmente trattati con strumenti informatici, anche per l’eventuale gestione del rapporto di lavoro qualora lo stesso si dovesse instaurare.
L’amministrazione si riserva la facoltà di prorogare o riaprire i termini della presentazione delle domande, revocare, sospendere o modificare il presente avviso, dandone notizia agli interessati, anche mediante pubblicazione di apposito avviso sul B.U.R, senza che gli stessi possano per questo vantare diritti nei confronti della Regione Lazio.
Il presente Avviso è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio e sul sito web della Regione Lazio – sezione Bandi di concorso.
Per ulteriori informazioni gli interessati potranno rivolgersi all’Area “Programmazione Rete Ospedaliera e Ricerca”.
IL DIRETTORE
(dott. Alessandro BACCI)