.

Concorso per 2 personale laureato con esperienza (puglia) AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L'INNOVAZIONE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Incarico
Posti 2
Fonte: DIR N. 42 del 11-06-2014
Sintesi: AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L'INNOVAZIONE Concorso (Scad. 25 giugno 2014) Avviso pubblico per il conferimento di 2 incarichi di collaborazione/consulenza per la realizzazione di attività di audit tecnologico, ...
Ente: AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L'INNOVAZIONE
Regione: PUGLIA
Provincia: BARI
Comune: VALENZANO
Data di pubblicazione 11-06-2014
Data Scadenza bando 25-06-2014
Condividi

AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L'INNOVAZIONE

Concorso (Scad. 25 giugno 2014)

Avviso pubblico per il conferimento di 2 incarichi di collaborazione/consulenza per la realizzazione di attività di audit tecnologico, nell’ambito del progetto denominato “Innovazione per l’Occupabilità”, cofinanziato dall’UE attraverso il PO Puglia FSE 2007-2013, ASSE VII “Capacità Istituzionale”.


Il Presidente
dell’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione, con sede in Valenzano (BA), alla Strada Provinciale per Casamassima Km 3,
Vista la Legge Regionale n. 1 del 7 gennaio 2004 con la quale si provvede all’istituzione dell’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (ARTI);
Vista la Deliberazione della Giunta Regionale n. 614 adottata nella seduta del 15 aprile 2005 con la quale vengono definite le competenze dell’ARTI;
Visto il Programma Operativo (PO) FSE 2007/2013 che prevede, nel quadro delle iniziative previste dall’Asse VII “Capacità Istituzionale”, la realizzazione di obiettivi di miglioramento delle politiche, della programmazione, del monitoraggio e della valutazione a livello nazionale, regionale e locale, per aumentare la governance del territorio, nonché il rafforzamento della capacità istituzionale e dei sistemi nell’implementazione dei programmi;
Visto il Piano Straordinario per il Lavoro, presentato dalla Regione Puglia in data 11 gennaio 2011, con il quale è stato assunto l’impegno delle risorse finanziarie a copertura degli interventi programmati;
Vista la proposta progettuale predisposta dall’ARTI denominata “Innovazione per l’Occupabilità”, trasmessa all’Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l’Innovazione della Regione Puglia per dare attuazione all’intervento di cui alla scheda n.37 del Piano Straordinario per il Lavoro;
Vista la Convenzione Regione Puglia-ARTI sottoscritta in data 14 settembre 2011;
Considerato che, nell’ambito del progetto “Innovazione per l’Occupabilità”, l’ARTI è impegnata nella definizione di strumenti innovativi in materia di programmazione delle pratiche pubbliche nel campo delle politiche attive del lavoro, in sinergia con gli attori del sistema innovativo regionale e con approfondimenti specifici dedicati agli ambiti tecnologici che maggiormente impattano sui comparti produttivi regionali;
Considerata la necessità di ARTI, per la realizzazione di detta attività, di integrare le specifiche competenze professionali interne - anche in ragione del proprio organico limitato - con risorse professionali esterne all’uopo selezionate;
RENDE NOTO
Art. 1
È indetta una selezione pubblica per il conferimento di 2 (due) incarichi di collaborazione e/o consulenza per la realizzazione di attività di audit tecnologico nell’ambito del territorio della Regione Puglia.
A tal fine ARTI intende selezionare due risorse che abbiano maturato significative esperienze di lavoro sia nell’ambito della ricerca sia in ambito industriale e che abbiano effettuato attività di audit tecnologico.
Art. 2
La partecipazione alla selezione è libera, senza limitazioni in ordine alla cittadinanza.
Per partecipare alla selezione i candidati devono essere in possesso, alla data di scadenza del presente avviso, dei seguenti requisiti:
- possesso del diploma di laurea “vecchio ordinamento” (oppure laurea specialistica o magistrale) in ingegneria o altro indirizzo tecnico-scientifico;
- documentata esperienza lavorativa realizzata in organismi di ricerca;
- documentata esperienza lavorativa realizzata in ambito industriale.
L’esperienza lavorativa di cui ai precedenti punti b) e c) non deve essere inferiore, cumulativamente, ad anni cinque.
Costituiscono titoli preferenziali:
- conoscenza delle metodologie di realizzazione di audit tecnologico e documentata esperienza lavorativa di applicazione delle stesse.
Art. 3
Presentazione delle domande
Coloro che intendono partecipare alla selezione sono tenuti a presentare domanda in carta semplice seguendo preferibilmente lo schema pubblicato sul sito istituzionale dell’Agenzia all’indirizzo
www.arti.puglia.it, inviandola entro venti giorni dalla data di pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia.
La domanda dovrà essere inviata a mezzo lettera raccomandata, con avviso di ricevimento, all’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione, Strada Provinciale per Casamassima Km 3, 70010 Valenzano (BA). Rispetto alla data di scadenza del presente bando farà fede la data di spedizione.
Sulla busta contenente la domanda dovrà essere apposta la dicitura: Contiene domanda di partecipazione alla selezione per il conferimento di 2 incarichi di collaborazione/consulenza per la realizzazione di attività di audit tecnologico.
E’ altresì ammessa la presentazione della domanda (corredata della documentazione nel proseguo indicata) tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo: arti@pec.rupar.puglia.it.
Nella domanda di ammissione i candidati dovranno dichiarare sotto la propria responsabilità, pena l’esclusione dalla selezione, quanto appresso specificato (le dichiarazioni formulate nella domanda dai candidati aventi titolo alla utilizzazione delle forme di semplificazione delle certificazioni amministrative sono da ritenersi rilasciate ai sensi e per gli effetti del DPR n. 445/2000 ed hanno la stessa validità temporale delle certificazioni che sostituiscono):
- il proprio nome e cognome, la data ed il luogo di nascita, codice fiscale;
- la residenza;
- la nazionalità di appartenenza;
- se cittadini italiani, il comune nelle cui liste elettorali risultano iscritti o i motivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
- di non aver riportato condanne penali ovvero le eventuali condanne riportate, indicando gli estremi delle relative sentenze, anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale;
- di non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione o dichiarati decaduti da un impiego statale; in caso contrario vanno specificati i motivi del provvedimento di destituzione, dispensa o decadenza;
- il possesso del titolo di studio;
I candidati di cittadinanza diversa da quella italiana dovranno dichiarare inoltre:
- di godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza o provenienza, ovvero i motivi del mancato godimento dei diritti stessi e di avere adeguata conoscenza della lingua italiana.
Nella domanda di ammissione i candidati dovranno indicare l’indirizzo presso il quale inoltrare tutte le comunicazioni relative alla selezione ed il recapito mail.
La domanda di partecipazione deve essere obbligatoriamente corredata da copia del documento di identità in corso di validità e da un “curriculum vitae et studiorum” sottoscritto dal candidato che dovrà recare, in calce, l’autorizzazione al trattamento dei dati, ai sensi della vigente normativa.
Il candidato dovrà predisporre il curriculum organizzando in due distinte sezioni la descrizione delle esperienze professionali e/o di lavoro effettuate:
nella prima sezione il candidato dovrà dettagliatamente e chiaramente indicare in ordine cronologico dalla più recente alla meno recente le esperienze lavorative in linea con la tipologia di incarico di cui al presente Bando. La Commissione esaminatrice, leggendo tale prima sezione, dovrà agevolmente individuare i requisiti di partecipazione di cui al precedente art. 2 nonché attribuire i punteggi ai titoli del candidato così come successivamente illustrato all’art. 7. Il candidato dovrà pertanto ben specificare le date di avvio (mese ed anno) e conclusione (mese ed anno) delle diverse esperienze lavorative effettuate, le tipologie di attività realizzate e la denominazione dell’Ente o della società per cui si ha operato.
Nella seconda sezione il candidato indicherà le altre esperienze professionali e/o di lavoro rispetto alle quali, ai sensi di quanto previsto dal successivo art. 7, non è da attribuirsi punteggio.
Si evidenzia che l’organizzazione del curriculum con le modalità sopra indicate costituirà titolo per l’attribuzione di punti 10.
Art. 4
Esclusione d’ufficio - Modalità di convocazione
Costituiscono motivi d’esclusione d’ufficio:
- l’inoltro della domanda oltre i termini di cui all’art. 3;
- la mancata sottoscrizione della domanda (la firma, da apporre necessariamente in forma autografa, non richiede l’autenticazione);
- l’assenza dei requisiti di partecipazione indicati nell’art. 2.
I candidati per i quali non sussistono motivi di esclusione d’ufficio sono ammessi con riserva alla procedura selettiva.
Il Presidente può disporre in ogni momento, con provvedimento motivato reso noto agli interessati, l’esclusione dalla selezione e/o l’integrale annullamento della selezione stessa.
Art. 5
Responsabile del procedimento
Il Responsabile del procedimento è il dott. Francesco Addante, Direttore Amministrativo dell’Agenzia.
Art. 6
Commissione esaminatrice
La Commissione esaminatrice è nominata dal Presidente dell’ARTI ed è composta da tre esperti.
La composizione della Commissione sarà pubblicata sul sito Internet www.arti.puglia.it.
La Commissione esaminatrice, nella selezione, garantirà parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ai sensi dell’art. 7 D.Lgs. n. 165/2001 (norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche).
Art. 7
Valutazione e attribuzione punteggio
Per quanto concerne la valutazione degli esperti, la Commissione esaminatrice assegnerà un punteggio complessivo sino ad un massimo di 80 punti, di cui 60 riservati ai titoli e 20 al colloquio.
Il punteggio relativo ai titoli è così ripartito:
a) sino ad un massimo di 25 punti da attribuirsi in ragione di 5 punti per ogni ulteriore anno, rispetto al quinquennio necessario come requisito di partecipazione, di documentata esperienza di cui alle lettere b) e c) del precedente articolo 2. Per frazioni di anno, purché non inferiori ai 6 mesi, verranno attribuiti 3 punti, fino comunque al raggiungimento del massimo dei 25 punti previsti;
b) sino ad un massimo di 25 punti da attribuirsi in ragione di 5 punti per ogni esperienza di applicazione di metodologie di audit tecnologico;
c) 10 punti da attribuirsi in caso di organizzazione del curriculum vitae et studiorum con le modalità previste al precedente art. 3.
Art. 8
Colloquio
Saranno ammessi al colloquio un massimo di 10 candidati, con graduatoria ottenuta sommando i voti conseguiti nella valutazione dei titoli. In caso di parità di punteggio fra più candidati riferito all’ultima posizione utile della graduatoria si procederà all’ammissione di detti candidati pari merito.
L’elenco dei candidati ammessi al colloquio sarà pubblicato sul sito www.arti.puglia.it. con indicazione della data e dell’ora previsti per il colloquio, che sarà tenuto presso la sede dell’Agenzia.
Non è prevista alcuna altra forma di comunicazione ai candidati.
Ai candidati ammessi al colloquio è data comunicazione del punteggio ottenuto nella valutazione dei titoli.
I candidati dovranno presentarsi muniti di un valido documento di riconoscimento.
Il colloquio verificherà il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione all’incarico da attribuire. Per l’attribuzione del punteggio, la Commissione procederà a moltiplicare il punteggio massimo previsto per il colloquio (20 punti) per i moltiplicatori corrispondenti ai seguenti giudizi:
_________________________
Giudizio Moltiplicatore
_________________________
Eccellente 1
_________________________
Ottimo 0,9
_________________________
Buono 0,8
_________________________
Discreto 0,7
_________________________
Sufficiente 0,6
_________________________
Insufficiente 0,4
_________________________
Art. 9
Regolarità degli atti - Nomina vincitore
Al termine dei lavori la Commissione forma la graduatoria di merito determinata dalla somma dei voti conseguiti nella valutazione dei titoli e dell’esame colloquio.
Il Responsabile del procedimento di cui all’art. 5, accerta la regolarità formale ed il rispetto dei termini relativi ad ogni fase della selezione de quo, e invia la graduatoria di merito, per l’approvazione, al Presidente dell’Agenzia, il quale, con l’osservanza della vigente normativa, con proprio provvedimento, nomina i vincitori della selezione. ARTI si riserva la facoltà di non dare corso alla nomina dei vincitori della selezione qualora non abbiano ottenuto almeno il giudizio “buono” per la valutazione del colloquio.
La graduatoria resterà valida per un periodo di dodici mesi a decorrere dalla data della sua formazione ai fini di eventuali ulteriori incarichi per il relativo profilo professionale.
Il Presidente dell’Agenzia provvede anche a rendere pubblico il risultato della selezione, mediante l’affissione del provvedimento di nomina dei vincitori sul sito Internet www.arti.puglia.it.
Nel caso in cui riscontri vizi di forma, il Responsabile del procedimento, entro il termine di 10 giorni rinvia con provvedimento motivato gli atti alla Commissione per la regolarizzazione, stabilendone i termini.
Art. 11
Stipula contratto
Qualora l’Amministrazione ritenga di procedere con l’affidamento degli incarichi, ai vincitori verrà richiesto di procedere alla stipula del contratto entro quindici giorni dalla data di ricezione della comunicazione del risultato della selezione.
Tale contratto avrà una durata iniziale di quattro mesi e potrà essere eventualmente successivamente prorogato. Il corrispettivo sarà determinato in fase di successiva negoziazione tenendo conto del livello di impegno da formalizzare (tempo pieno o tempo parziale) e del livello di qualificazione ed esperienza professionale dei vincitori. In ogni caso non potrà eccedere, per il quadrimestre, l’importo di euro 12.000,00 al lordo delle ritenute di legge. Saranno inoltre riconosciute le spese sostenute per le missioni ai sensi di quanto previsto dal “Regolamento interno delle missioni” dell’ARTI, approvato con Decreto del Presidente n. 88 del 07 settembre 2007.
Gli incaricati svolgeranno il lavoro assegnato in piena autonomia e senza l’obbligo dell’osservanza di un orario giornaliero prestabilito. L’accesso agli uffici dell’Agenzia sarà consentito nell’ambito del normale orario di apertura. Essi saranno tenuti al rispetto delle direttive eventualmente impartite dagli Organi Direttivi dell’ARTI. Con cadenza mensile gli incaricati dovranno redigere rapporto sulle attività svolte e sugli obiettivi conseguiti.
Art. 12
Controlli sulle dichiarazioni sostitutive
La verifica sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dal candidato sarà effettuata:
- dal Responsabile del procedimento per le eventuali dichiarazioni rese dal candidato ai fini della partecipazione alla selezione;
- dal Direttore Amministrativo dell’Agenzia per le dichiarazioni rese dal vincitore ai fini dell’assunzione.
Qualora in esito a detti controlli sia accertata la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante decade dagli eventuali benefici conseguenti i provvedimenti adottati sulla base delle dichiarazioni non veritiere, ferme restando le sanzioni penali previste dall’art. 76 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000.
Art. 13
Trattamento dei dati personali
Ai sensi della legge 31 dicembre 1996, n. 675, i dati personali forniti dai candidati sono raccolti presso l’Agenzia per le finalità di gestione della selezione e sono trattati presso una banca dati automatizzata per la gestione del rapporto conseguente alla stessa.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione dalla selezione.
L’interessato gode dei diritti di cui all’art. 13 della citata legge.
I responsabili del trattamento dei dati sono i responsabili dei procedimenti ognuno per quanto di propria competenza.
Art. 14
Pubblicità
Il presente bando di selezione è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia.
Per informazioni sul presente avviso si può scrivere a f.addante@arti.puglia.it
Il bando di selezione può essere consultato anche sul sito Internet www.arti.puglia.it.
Il Direttore Amministrativo
Avv. Francesco Addante