.

Concorso per 3 ingegneri (puglia) AUTORITA' IDRICA PUGLIESE

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti Formazione di una graduatoria.
Fonte: DIR N. 77 del 29-10-2013
Sintesi: AUTORITA' IDRICA PUGLIESE Concorso (Scad. 23 novembre 2013) Avviso pubblico formazione graduatoria per n. 3 Ingegneri Il contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, nei limiti della ...
Ente: AUTORITA' IDRICA PUGLIESE
Regione: PUGLIA
Provincia: BARI
Comune: BARI
Data di pubblicazione 30-10-2013
Data Scadenza bando 23-11-2013
Condividi

AUTORITA' IDRICA PUGLIESE

Concorso (Scad. 23 novembre 2013)

Avviso pubblico formazione graduatoria per n. 3 Ingegneri


Il contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, nei limiti della legislazione vigente, avrà durata di 12 mesi e potrà essere rinnovato. L’Autorità Idrica Pugliese garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro, ai sensi del D.Lgs. 11 aprile 2006, n. 198.
Art. 1
Requisiti di ammissione
Per l’ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti generali.
1. cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea. Sono equiparati ai cittadini italiani i cittadini della Repubblica di S. marino e della Città del Vaticano. I cittadini degli stati membri della U.E., ai sensi del D.P.C.M. del 07 febbraio 1994, n. 174, devono essere in possesso, ad eccezione della cittadinanza italiana, di tutti i requisiti previsti dal bando, ed in particolare:
a. del godimento dei diritti politici anche negli stati membri di appartenenza o provenienza;
b. di una adeguata conoscenza della lingua italiana;
2. avere compiuto il diciottesimo anno di età e non aver raggiunto il limite massimo di età previsto per il collocamento in riposo;
3. idoneità psico-fisica all’impiego;
4. godimento dei diritti civili e politici;
5. laurea di secondo livello (laurea specialistica - magistrale) di cui al D.M. 22 ottobre 2004 n. 270 ovvero Diploma di laurea conseguito ai sensi dell’ordinamento universitario previgente dal D.M. 3 novembre 1999 n. 509, in Ingegneria Idraulica e/o equipollente, Ingegneria con master di durata annuale in materia di servizio idrico e/o risorse idriche; nel caso di titolo di studio conseguito all’estero, il candidato deve essere in possesso del provvedimento di riconoscimento e di equiparazione previsto dalla vigente normativa;
6. essere immuni da condanne penali o procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia la costituzione del rapporto d’impiego con le pubbliche amministrazioni;
7. non essere stato licenziato per giusta causa o giustificato motivo ovvero destituito o dispensato dal servizio presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
8. non essere decaduto dall’impiego per aver conseguito la nomina mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o aver rilasciato false dichiarazioni sostitutive di atti o fatti;
9. conoscenza degli strumenti informatici di base e dei software comunemente utilizzati e riconducibili alle specifiche competenze richieste nel presente avviso;
10. conoscenza della lingua inglese.
Per i cittadini degli stati membri dell’Unione Europea il possesso dei requisiti specifici deve trovare riconoscimento dall’ordinamento della repubblica italiana.
I requisiti previsti dal presente avviso devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal predetto avviso per la presentazione delle domande e devono permanere al momento dell’eventuale assunzione.
Tutti i requisiti devono essere dichiarati e autocertificati nelle forme di legge dagli aspiranti nella domanda di ammissione alla selezione. La mancanza anche di uno solo dei requisiti prescritti, comporta la non ammissione alla procedura.
Art. 2
Domanda di ammissione e documentazione
La domanda di ammissione alla selezione, secondo lo schema di seguito riportato al presente avviso (All. 1) redatta in carta semplice e sottoscritta dal candidato, deve essere inviata a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno A/R, o per PEC (all’indirizzo segreteria@pec.aip.gov.it) entro il termine perentorio di trenta (30) giorni a calendario decorrenti dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso sul sito internet istituzionale dell’Autorità Idrica Pugliese e sul BURP della Regione Puglia, al seguente indirizzo:
Autorità Idrica Pugliese, via Borsellino e Falcone n. 2, c.a.p. 70125 Bari (all’indirizzo segreteria@pec.aip.gov.it)
In caso di coincidenza con un giorno festivo il termine di scadenza si intende prorogato al primo giorno successivo non festivo. Il termine è accertato dalla data del timbro dell’ufficio postale che emette la raccomandata o dalla data di inoltro della PEC. Non saranno in alcun modo accettate domande consegnate a mano, inviate via fax o con altri mezzi di trasmissione oltre a quello previsto dal presente avviso.
La busta e la domanda di ammissione devono riportare in modo chiaro e leggibile la dicitura “Avviso di selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la formazione di una graduatoria dalla quale attingere per l’assunzione di n.3 Ingegneri con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato di categoria D, posizione economica D1, da impiegare nel settore tecnico dell’Autorità Idrica Pugliese”.
Nella domanda il candidato deve dichiarare, con chiarezza e precisione, pena l’esclusione dalla selezione e sotto la propria responsabilità, quanto di seguito specificato:
a. cognome e nome, luogo e data di nascita;
b. residenza e codice fiscale;
c. di essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno dei paesi facenti parte dell’Unione Europea;
d. il domicilio o recapito (soltanto se diverso dalla residenza) presso il quale si desidera che vengano effettuate le eventuali comunicazioni con indicazione della via, del numero civico, della città e del codice di avviamento postale, nonché il recapito telefonico, impegnandosi a segnalare tempestivamente le variazioni che dovessero intervenire successivamente;
e. pieno godimento dei diritti civili e politici;
f. il comune nelle cui liste elettorali è iscritto, ovvero i motivi della eventuale non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
g. di aver compiuto il 18° anno di età e di non aver raggiunto il limite massimo di età previsto per il collocamento a riposo;
h. l’idoneità psico-fisica all’impiego;
i. il titolo di studio posseduto quale requisito minimo per la partecipazione alle procedure selettive di cui al presente avviso;
j. di non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con le pubbliche amministrazioni precisando, in caso contrario, quali condanne abbia riportato o gli eventuali procedimenti pendenti in Italia e all’estero;
k. di non essere stato licenziato per giusta causa o giustificato motivo ovvero destituito o dispensato dal servizio presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
l. non essere decaduto dall’impiego per aver conseguito la nomina mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o aver rilasciato false dichiarazioni sostitutive di atti o fatti;
m. di non essere stato interdetto dai pubblici uffici a seguito di sentenza passata in giudicato;
n. conoscenza della lingua inglese;
o. conoscenza degli strumenti informatici di base e dei software comunemente utilizzati e riconducibili alle specifiche competenze richieste nel presente avviso;
p. il possesso di eventuali titoli che danno luogo a precedenza o, a parità di punteggio, a preferenza ai sensi dell’art. 5 commi 4 e 5 DPR 487/1994. I titoli non espressamente dichiarati nella domanda di partecipazione non sono presi in considerazione in sede di formazione delle graduatorie dei vincitori e degli idonei della selezione;
q. di aver preso visione del presente avviso e di accettare integralmente e senza riserva alcuna le norme in esso contenute;
r. di essere consapevole dell’utilizzo da parte dell’amministrazione dei propri dati personali nell’ambito della procedura e per finalità di cui al presente avviso, ai sensi del D.Lgs. del 30 giugno 2003, n. 196;
s. di essere a conoscenza delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. del 28 dicembre 2000 n. 445 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.
Il candidato diversamente abile ha facoltà di indicare nella domanda di partecipazione, ai sensi della legge n. 104/1992, la propria condizione e specificare l’ausilio e i tempi aggiuntivi eventualmente necessari per lo svolgimento delle prove in relazione alla condizione dichiarata.
È fatto, comunque, salvo il requisito dell’idoneità psico-fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce.
I candidati di cittadinanza diversa da quella italiana devono dichiarare, nel curriculum formativo e professionale, di avere una buona conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta. Tale conoscenza è accertata dalla commissione in sede di colloquio.
Alla domanda il candidato deve allegare:
a. il curriculum formativo e professionale in formato europeo;
b. fotocopia dei documento di riconoscimento.
I candidati dovranno dichiarare nella domanda, sotto la propria responsabilità, il possesso dei requisiti richiesti per l’ammissione e dei titoli di studi posseduti. Nel curriculum formativo e professionale in formato europeo da allegare alla domanda i candidati dovranno indicare i titoli, la formazione scolastica, le precedenti esperienze formative e professionali utili ai fini della selezione, nonché ogni altra rilevante esperienza formativa o professionale ai fini della selezione stessa.
La domanda di partecipazione e il curriculum formativo e professionale devono essere sottoscritte con firma per esteso e autocertificate ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, con espressa dichiarazione di essere consapevole delle conseguenze derivanti da dichiarazioni mendaci ai sensi dell’art. 76 del predetto D.P.R. n. 445/2000.
L’Autorità Idrica Pugliese assicura la massima riservatezza su tutte le notizie e i dati comunicati dall’aspirante nella domanda, nelle forme previste dalla legge e il trattamento dei dati personali degli aspiranti, secondo le disposizioni del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196.
L’Autorità Idrica Pugliese non assume alcuna responsabilità per le dispersioni di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del candidato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento del recapito indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a causa di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per mancata restituzione dell’avviso di ricevimento.
Ai sensi del su citato D.Lgs. n. 196/2003, i dati forniti dai candidati sono raccolti dall’Amministrazione per le finalità di gestione dell’avviso e saranno trattati anche successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro per le finalità inerenti la gestione del rapporto medesimo. Il conferimento di tali dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione dalla procedura medesima.
Art. 3
Esclusioni
Sono esclusi coloro che non sono in possesso dei requisiti previsti dall’art. 1 del presente avviso.
Sono altresì esclusi coloro che inoltrano la domanda di partecipazione successivamente al termine indicato nel precedente art. 2 oppure prive di sottoscrizione e autocertificazione ovvero di curriculum formativo e professionale, nei contenuti e modalità come precedentemente specificate.
Art. 4
Commissione Esaminatrice
La Commissione esaminatrice sarà nominata con atto del Direttore Generale dell’Autorità Idrica Pugliese e sarà composta da un Presidente, nonché da esperti nelle materie oggetto di esame oltre che da un segretario verbalizzante.
Nella prima riunione della Commissione, e prima dell’apertura dei plichi contenenti le domande di partecipazione degli aspiranti concorrenti alla presente selezione, è fatto obbligo di definire i criteri per l’assegnazione dei punteggi indicati nel successivo art. 5 del presente avviso.
Art. 5
Valutazione
La Commissione di cui al precedente articolo dispone di quaranta punti (40) per la valutazione dei candidati e la formazione della graduatoria finale della selezione e di quella degli idonei alla selezione, dei quali dieci (10) riservati alla valutazione dei titoli e trenta (30) alla valutazione del colloquio.
Il punteggio minimo richiesto per l’utile collocamento nella graduatoria non dovrà essere inferiore a ventuno (21/30) per il colloquio.
Titoli valutabili
TITOLI DI STUDIO
110 e lode punti 3,5
da 106 a 110 punti 3,0
da 100 a 105 punti 2,5
da 95 a 99 punti 2,0
da 90 a 94 punti 1,5
da 0 a 90 punti 0,5
TITOLI DI SERVIZIO
Nell’ambito del punteggio complessivo riservato ai titoli, i titoli di servizio sono valutati nella misura massima di 4,5 punti.
Il punteggio massimo è così ripartito:
a) servizio prestato nella stessa area del posto messo a concorso per un massimo di anni 10 (per ogni trimestre o frazione superiore a 46 giorni)
a.1 stessa qualifica o superiore punti 0,1125
a.2 qualifica immediatamente inferiore punti 0,1000
a.3 qualifica inferiore punti 0,0750
b) Servizio prestato in area diversa da quella del posto messo a concorso per un massimo di anni 10 (per ogni trimestre o frazione superiore a 46 giorni).
b.1 stessa qualifica o superiore punti 0,07
b.2 qualifica immediatamente inferiore punti 0,05
c) Servizio militare o servizio civile prestato ai sensi della legge 64/2001 sono valutati come segue:
- servizio effettivo prestato per un anno (Rif. a.1)
I servizi resi a tempo parziale saranno valutati, in proporzione, con gli stessi criteri di cui al comma precedente.
Ai fini dell’attribuzione del punteggio, i servizi prestati in più periodi vengono sommati.
CURRICULUM
Nell’ambito del punteggio complessivo riservato alla valutazione dei titoli, il curriculum professionale è valutato nella misura massima di 2 punti.
Nel curriculum professionale sono valutate quelle attività professionali e di studio, non riferibili a titoli già valutati nelle precedenti categorie, idonee a evidenziare il livello di qualificazione professionale acquisito nell’arco dell’intera carriera e specifico rispetto alla posizione da conferire.
Nel caso in cui la Commissione ritenga che il curriculum non sia significativo per il posto a concorso, non gli attribuisce alcun punteggio.
Art. 6
Colloquio
Il colloquio verterà sulle aree tematiche inerenti gli argomenti seguenti in premessa e accerterà le specifiche competenze richieste in relazione al profilo professionale oggetto di selezione.
- Conoscenza di lingua straniera ed informatica
- Legge istitutiva dell’Autorità Idrica Pugliese (L.R. n. 09/2001), convenzione per la gestione e regolamento del S.I.I-
- Normativa comunitaria, nazionale e regionale in tema di tutela delle acque dell’inquinamento, di gestione delle risorse idriche
- Procedure per la VAS, per la valutazione dell’impatto ambientale e per l’autorizzazione integrata ambientale
- Piano d’ambito vigente nell’Ambito territoriale ottimale della Puglia
- Strumenti di pianificazione regionale pugliese (Piano di Tutela delle acque, Piano di Assetto Idrogeologico)
- Opere necessarie al monitoraggio e al controllo della qualità del servizio reso all’utenza
- Pianificazione e gestione delle attività di manutenzione ed esercizio degli impianti di distribuzione idrica, di fognatura e di depurazione
- Impianti di depurazione: criteri e verifiche
- Procedure di elaborazione e calcolo automatico riferite ai sistemi GIS
- Conoscenza CAD
- Diritto amministrativo (con riferimento ai principi, strumenti e regole dell’attività amministrativa e del procedimento amministrativo)
- Normativa europea (Direttiva 2000/60, Direttiva 91/271
- Normativa nazionale (D. lgs. 163/2006, codice dei contratti e D.P.R: 207/2010, decreto 185/2003, decreto 31/2001)
- Normativa regionale (L.R. 11/2001)
- Legislazione in materia ambientale (D. Lgs. 152/2006), con riferimento alla gestione delle risorse idriche
- Controllo della qualità del servizio offerto all’utenza: sistemi di qualità (norme serie ISO 9000) e sistemi di gestione ambientale (norme ISO 14000 e regolamento EMAS)
Art. 7
Svolgimento della selezione e graduatoria finale
La Commissione esaminatrice valuta i titoli posseduti dai singoli candidati, secondo le modalità previste dagli artt. 4 e 5 del presente avviso, e forma una graduatoria dei candidati ammessi a sostenere il colloquio.
Le graduatorie sono esposte nella bacheca e pubblicate sul sito internet istituzionale dell’Autorità Idrica Pugliese, www.aip.gov.it.
La data e la sede di svolgimento del colloquio sarà notificata ai candidati ammessi esclusivamente mediante avviso pubblicato sul sito internet istituzionale dell’Autorità Idrica Pugliese,
www.aip.gov.it.
L’indicazione della data del colloquio sul sito internet avrà valore di notifica a tutti gli effetti.
Per essere ammessi a sostenere il colloquio i candidati devono essere muniti di un idoneo documento di riconoscimento provvisto di fotografia. I candidati che non si presentano a sostenere la prova orale nel giorno e nell’orario per ciascuno stabilito sono considerati rinunciatari alla procedura selettiva.
Al completamento dei colloqui la Commissione esaminatrice forma una graduatoria della prova orale.
Al termine dei suoi lavori la Commissione forma una graduatoria finale con il punteggio complessivo assegnato a ciascun candidato risultante dalla somma dei punteggi conseguiti nella valutazione dei titoli e nel colloquio.
A parità di punteggio, la Commissione applicherà i criteri di preferenza richiamati dal regolamento degli Uffici e dei Servizi, ovvero i seguenti:
- minore età;
- dalla maggiore anzianità di servizio globale afferente l’attività del posto da ricoprire, riconosciuta in fase di valutazione titoli di servizio
- numero di figli a carico
Art. 8
Validità graduatorie
Le graduatorie approvate sono pubblicate on-line sul sito internet istituzionale dell’Autorità Idrica Pugliese, www.aip.gov.it e sono valide per tre anni dalla data di pubblicazione.
Art. 9
Assunzione in servizio
L’Autorità Idrica Pugliese si riserva la facoltà di procedere alla chiamata dei concorrenti idonei, secondo l’ordine del punteggio della graduatoria finale, e procederà alla costituzione con gli stessi del rapporto di lavoro.
Il candidato selezionato che dichiara di rinunciare alla chiamata per la costituzione del rapporto di lavoro, ovvero non prende servizio nel giorno stabilito o cessa dall’incarico prima della sua naturale scadenza, decade dalla posizione in graduatoria e non potrà essere richiamato.
L’Autorità Idrica Pugliese richiederà ai candidati ritenuti idonei a ricoprire l’incarico, prima dell’assunzione, di presentare i documenti o la dichiarazione sostitutiva di certificazione, secondo la normativa vigente, relativa a quanto dichiarato nella domanda di partecipazione, inoltre gli stessi si intenderanno assunti con contratto di lavoro a tempo determinato. Il rapporto di lavoro a tempo determinato si costituirà con la sottoscrizione del contratto individuale stipulato nel rispetto del C.C.N.L. vigente per il personale delle Regioni e delle Autonomie Locali.
Ai nuovi assunti è attribuito il trattamento economico iniziale lordo per la Cat. D, posizione economica D1, rinveniente dal vigente CCNL, pari a:
- stipendio base € 1.763,89 = per 13 mensilità;
- indennità di comparto € 51,90 = per 12 mensilità;
- indennità di vacanza contrattuale € 13,23 = per 13 mensilità
Il rapporto di lavoro si risolve automaticamente, senza diritto al preavviso, alla scadenza del termine indicato nel contratto individuale. È, altresì, condizione risolutiva del contratto individuale, senza obbligo di preavviso, l’eventuale annullamento della procedura di reclutamento che ne costituisce il presupposto, nonché dei riferimenti normativi e legislativi ad essa connessa.
I lavoratori assunti sono sottoposti ad un periodo di prova pari a quattro settimane; il mancato superamento del periodo di prova costituisce causa di risoluzione del rapporto di lavoro.
Art. 10
Trattamento dei dati personali
I dati personali dei candidati non saranno comunicati a terzi e saranno trattati unicamente per
l’espletamento della presente Selezione dal personale autorizzato e con l’impiego di misure di sicurezza finalizzate a garantire la riservatezza dei dati stessi, nel rispetto delle disposizioni del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e s.m. i. Il titolare del trattamento è il Dr. Cosimo Francesco Ingrosso
Art. 11
Norme di Salvaguardia.
L’Autorità si riserva la facoltà di:
- prorogare il termine di scadenza della selezione pubblica;
- riaprire tale termine allorché lo stesso sia già scaduto;
- revocare la presente selezione senza che i candidati possano avanzare pretese;
Art. 12
Informazioni
Per qualsivoglia informazione o chiarimento contattare il Dr. Costantino Di Giesi, tel. 0809641410, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 12.30.
Art. 13
Pubblicità
Il presente avviso è pubblicato integralmente sul sito internet istituzionale dell’Autorità Idrica Pugliese, www.aip.gov.it, per la durata di trenta (30) giorni a partire dalla data di pubblicazione.
Art. 14
Norma di rinvio
Per tutto quanto non previsto nel presente avviso si rimanda alle disposizioni legislative e contrattuali applicabili al personale del comparto Regioni e Autonomie Locali.
Il Direttore Amministrativo
Dott. Cosimo Francesco Ingrosso