.

Concorso per 1 ingegnere (lombardia) AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA

I testi riportati sono gratuiti e non hanno carattere di ufficialità: ai sensi di legge l'unico testo definitivo, che prevale in caso di discordanza, è quello pubblicato a mezzo stampa.

Concorso

Attenzione, il bando selezionato non è attivo, poichè è scaduto il termine per la presentazione della domanda


Tipologia Concorso
Tipologia Contratto Assunzione
Posti 1
Fonte: DIR N. 65 del 18-09-2013
Sintesi: AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA Concorso (Scad. 3 ottobre 2013) Avviso pubblico per la copertura di n. 1 posto di ingegnere con incarico a tempo determinato ex art. 15 septies d.lgs. 502/1992 e s.m.i. della durata ...
Ente: AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA
Regione: LOMBARDIA
Provincia: MILANO
Comune: MILANO
Data di pubblicazione 19-09-2013
Data Scadenza bando 03-10-2013
Condividi

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA

Concorso (Scad. 3 ottobre 2013)

Avviso pubblico per la copertura di n. 1 posto di ingegnere con incarico a tempo determinato ex art. 15 septies d.lgs. 502/1992 e s.m.i. della durata di due anni per la s.s. logistica


In esecuzione della deliberazione n. 164 del 6 settembre 2013 del Direttore Generale è indetto avviso pubblico per la copertura di:
• N. 1 POSTO DI DIRIGENTE INGEGNERE con incarico a tempo determinato ex art. 15 septies d.lgs. 502/1992 e s.m.i. della durata di due anni, per la s.s. «logistica» Alla suddetta posizione funzionale è attribuito il trattamento giuridico ed economico previsto dalle disposizioni legislative, dal CCNL vigente per il personale dirigente dell’area SPTA oltre ad eventuali altre spettanze se ed in quanto dovute.
La procedura del presente avviso, finalizzato al conferimento di un incarico per l’espletamento di funzioni a cui l’Azienda attribuisce particolare rilevanza e interesse strategico, è articolata in modo che l’Azienda possa giungere a identificare il candidato idoneo mediante criteri comparativi, ricorrendo alle norme del d.p.r. 484/1997 ove compatibili.
REQUISITI GENERALI E SPECIFICI PER L’AMMISSIONE
Per l’ammissione al presente avviso gli interessati dovranno possedere i seguenti requisiti generali e specifici:
REQUISITI GENERALI:
• Cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea.
• Idoneità Fisica all’impiego.
REQUISITI SPECIFICI:
L’incarico può essere conferito esclusivamente ai soggetti con diploma di laurea in Ingegneria Gestionale o laurea equipollente alla suddetta, con esperienza professionale e attività documentate in ambito di Aziende del Servizio Sanitario Nazionale pubbliche o private accreditate e con provata competenza in materia di gestione logistica delle attrezzature, delle tecnologie e dei mezzi utilizzati per le attività di emergenza – urgenza.
I requisiti prescritti dovranno essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente avviso per la presentazione della domanda di ammissione.
Non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo, nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
La domanda di partecipazione, redatta in base allo schema allegato al presente avviso, dovrà essere presentata entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 3 ottobre 2013 pena esclusione dalla selezione.
La consegna potrà avvenire mediante posta elettronica all’indirizzo: direzione.generale@areu.lombardia.it . ovvero a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o consegnata a mezzo raccomandata a mano, presso gli uffici dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza - via Campanini 6, 20124 – Milano.
Le domande nonché i documenti allegati – presentati direttamente ovvero inoltrati a mezzo del servizio postale – devono pervenire all’Azienda entro il suddetto termine perentorio.
Per l’ammissione all’avviso gli interessati, sotto la propria responsabilità, devono espressamente indicare nella domanda:
• la data, il luogo di nascita e la residenza;
• il possesso della cittadinanza italiana, o equivalente;
• il Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, ovvero i motivi della loro non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
• di non aver riportato condanne penali (in caso affermativo dichiarare espressamente le condanne);
• i titoli di studio posseduti, con l’indicazione della data, sede e denominazione completa dell’Istituto o degli Istituti in cui i titoli sono stati conseguiti;
• la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
• i servizi prestati come dipendenti presso pubbliche Amministrazioni e le eventuali cause di cessazione di precedenti rapporti di pubblico impiego; in caso negativo dichiarare espressamente di non avere prestato servizio presso pubbliche Amministrazioni.
• il domicilio presso il quale deve essere fatta ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto, la residenza indicata nella domanda di ammissione all’avviso.
L’Azienda declina ogni responsabilità per eventuali smarrimenti o ritardi nella consegna delle domande anche quando le stesse risultino spedite prima della scadenza dei termini, nonché per la dispersione di comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da parte dell’aspirante o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambio di indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi postali o telegrafici, non imputabili a colpa dell’Azienda stessa.
DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA
Alla domanda di partecipazione all’incarico gli aspiranti devono allegare documentazione comprovante il possesso dei requisiti specifici di ammissione, nonché il possesso dei titoli che ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione dell’elenco degli idonei, ivi compreso un curriculum professionale redatto su carta semplice, datato, firmato e debitamente documentato. I titoli potranno essere autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente. Al riguardo si fa presente che il d.p.r. 28 dicembre 2000 n. 445, ha regolamentato le ipotesi nelle quali è possibile ricorrere all’autocertificazione – mediante dichiarazioni sostitutive di certificazioni ovvero alle dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà. In merito si precisa:
1) Le dichiarazioni sostitutive di certificazioni possono essere rese per fatti, stati e qualità personali di cui all’art. 46 del d.p.r. n. 445/2000.
2) Tutti gli stati, fatti e qualità personali non ricompresi nel punto 1) possono essere comprovati dal candidato mediante dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, di cui all’art. 47 del d.p.r. 445/2000; tale dichiarazione sostitutiva può riguardare anche la conoscenza che la copia di un atto o di un documento conservato o rilasciato da una P.A., la copia di una pubblicazione ovvero la copia di titoli di studio e di servizio sono conformi all’originale, ai sensi dell’art. 19 del d.p.r. n. 445/2000. La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà non resa davanti al funzionario incaricato dovrà essere accompagnata dalla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità. La predetta dichiarazione sostitutiva può essere resa anche nell’ambito della domanda di ammissione all’avviso: in tal caso dovrà essere sottoscritta dall’interessato in presenza del dipendente addetto al ricevimento della documentazione o, in alternativa, essere accompagnata da un documento di riconoscimento in corso di validità. A tale adempimento (invio domanda corredata di copia fotostatica di un documento d’identità) ci si dovrà comunque attenere ove la domanda sia trasmessa mediante il servizio postale.
Nei documenti prodotti devono essere indicate le posizioni funzionali o le qualifiche attribuite, le discipline nelle quali i servizi sono stati prestati, nonché le date iniziali e finali dei relativi periodi di attività.
Le pubblicazioni devono essere edite a stampa (non manoscritte né dattilografate, né poligrafate).
Alla domanda di partecipazione deve essere unito, in duplice copia, in carta semplice, un elenco dei documenti e dei titoli presentati, numerati progressivamente in relazione al corrispondente titolo e con l’indicazione del relativo stato (se originale o fotocopia autenticata o autocertificato) datato e firmato.
MODALITÀ DI ACCERTAMENTO DELL’IDONEITÀ
La commissione, nominata ai sensi dell’art. 15 del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, come sostituito dal d.lgs. 229/99, accerta preliminarmente il possesso dei requisiti e seleziona una rosa di candidati idonei sulla base del colloquio e della valutazione del curriculum professionale, predisponendone l’elenco in ordine alfabetico. Il colloquio sarà diretto alla valutazione delle capacità professionali del candidato nella specifica disciplina con riferimento anche alle esperienze professionali documentate, nonché all’accertamento delle capacità gestionali, organizzative, di direzione, dell’aspirante stesso, con riferimento all’incarico da svolgere.
Il curriculum professionale verrà valutato con riferimento ai criteri stabiliti dall’art. 8 del d.p.r. n. 484/97 i cui contenuti concernono le attività professionali, di studio ed organizzative.
COLLOQUIO
Il colloquio, previsto per la definizione della rosa degli idonei in relazione al presente avviso, si terrà nel giorno e nel luogo che verrà comunicato via mail (la cui comunicazione è obbligatoria ai fini della partecipazione) agli ammessi.
I candidati si presenteranno muniti di un documento di identità.
CONFERIMENTO DELL’INCARICO
L’attribuzione dell’incarico sarà effettuata dal Direttore Generale sulla base della rosa di candidati idonei selezionati dall’apposita Commissione.
DISPOSIZIONI VARIE
Con la partecipazione all’avviso è implicita da parte degli aspiranti l’accettazione, senza riserve, di tutte le prescrizioni e precisazioni del presente bando, nonché di quelle che disciplinano o disciplineranno lo stato giuridico ed economico del personale del Servizio Sanitario Nazionale.
Nel caso di richiesta del bando o di restituzione dei documenti prodotti ed uniti alla domanda, il candidato dovrà provvedere alla corresponsione delle spese postali.
L’amministrazione è tenuta ad effettuare, ex art. 71 d.p.r. 445/2000, idonei controlli, anche a campione, e in tutti i casi in cui sorgano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.
Non saranno valutati i titoli, le dichiarazioni sostitutive e le dichiarazioni sostitutive di atto notorio presentate oltre il termine di scadenza del presente bando.
Nel termine di 30 giorni, il vincitore dell’avviso dovrà dichiarare di non avere altri rapporti di impiego pubblico o privato e di non trovarsi in nessuna delle situazioni di incompatibilità richiamate dall’art. 53 del d.lgs. n. 165/2001.
In caso contrario, unitamente ai documenti, dovrà essere presentata una dichiarazione di opzione per questa Azienda.
Ai sensi della vigente normativa si informa che il trattamento dei dati personali che verranno comunicati all’Azienda è unicamente finalizzato all’espletamento della presente procedura.
L’Azienda provvederà all’accertamento dell’idoneità alla mansione.
Decade dall’impiego chi abbia presentato documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.
E’, in ogni modo, condizione risolutiva del contratto, senza obbligo di preavviso, l’intervenuto annullamento o revoca della procedura di assunzione che ne costituisce il presupposto.
L’Azienda garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e per il trattamento sul lavoro, ai sensi dell’art. 7 del d.lgs. n. 165/2001.
L’Amministrazione di questa Azienda si riserva la facoltà di prorogare, sospendere, modificare o revocare il presente avviso, ove ricorrano motivi di pubblico interesse, senza che i concorrenti possano avanzare pretese o diritti di sorta.
Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi ai seguenti numeri: 0267129051 - 52, oppure tramite e-mail r.nebuloni@areu.lombardia.it – n.sabbadini@areu.lombardia.it
Il direttore generale
Alberto Zoli